Covid-19, gli aggiornamenti del 17 aprile / In calo i malati, record di guariti

Diretta TN / Gli aggiornamenti di giornata, dallo sport e non solo, sulla grave emergenza sanitaria che sta affrontando il nostro Paese

di Redazione Toro News

Di seguito i principali aggiornamenti di venerdì 17 aprile sulla situazione del Covid-19 in Italia e all’estero, relativi al mondo dello sport e non solo.

21.45 – “Cari amici, oggi ho ricevuto la notizia del secondo tampone negativo. Finalmente sono guarito (e lo sono anche mia moglie e mia mamma). Alla persona della Asl 4 che mi ha comunicato la fine di questo incubo ho detto grazie con la stessa riconoscenza che avrei voluto dimostrare a chi mi ha assistito e curato con abnegazione, passione e grande umanità in questi lunghi giorni di malattia e di sconforto psicologico”. Sono queste le parole con cui il vice presidente dell’Entella Salvatore Fiumanò comunica la sua guarigione

21.04 – Annullamento di tutte le competizioni fino al 31 maggio prossimo e nomina di una commissione – composta da specialisti in materia sanitaria e da referenti federali  – per “redigere un compendio a supporto alle autorità e che rappresenti un modello per riprendere l’attività motoria e le competizioni in piena sicurezza per praticanti e tesserati”. Sono i due principali provvedimento adottati dal consiglio federale di Federnuoto.

21.02 – E’ salito a 679.374 il numero dei casi di Coronavirus accertati negli Usa, 8.223 dei quali registrati oggi. Secondo il bilancio della Johns Hopkins University si registrano oggi altre 912 vittime, per un totale di 34.180.

21.00 – Davanti alla pandemia, anche lo stadio più famoso del Brasile viene “riadattato”: una parte del suo complesso è diventata un ospedale di emergenza. E tanti altri impianti in Sudamerica sono pronti a seguire l’esempio.

20.17 – Il Milan richiama i propri giocatori che sono all’estero: entro la metà della prossima settimana tutti i tesserati dovranno essere in Italia in previsione della possibile ripresa degli allenamenti di inizio maggio. Al rientro in Italia, dovranno stare due settimane a casa prima di tornare a Milanello, dove è tutto allestito e pronto per accogliere i componenti della squadra in assoluta sicurezza.

19.54 – Sono 761 i decessi nelle ultime 24 ore segnalati in Francia per Covid-19, fra quelli registrati negli ospedali e nelle case di riposo. Il totale dall’inizio dell’epidemia è di 18.681. Continua per il nono giorno consecutivo la diminuzione dei pazienti nei reparti di rianimazione, che ora sono 6.027. Per il secondo giorno consecutivo, diminuiscono i ricoverati per Covid-19, che sono ora 31.190, 115 in meno di ieri.

19.53 – “Nell’ultima settimana i casi confermati di Coronavirus in Africa sono aumentati del 51% e il numero delle morti accertate del 60%”. Lo ha detto il direttore generale dell’Oms,Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Con il sostegno dell’Oms, molti Paesi in Africa ora possono fare test per il Covid-19, ma c’è ancora un significativo gap per accedere ai kit” che dobbiamo “colmare”. Dalla prossima settimana, ha annunciato, saranno distribuiti in Africa 1 milione di kit.

18.48 – “Essere riusciti a impedire la diffusione del contagio nelle regioni del centro sud è un dato ormai solidamente corroborato dall’evidenza dei numeri: anche oggi ben 13 tra Regioni e Province autonome hanno un numero di decessi inferiore a due cifre, addirittura due regioni senza casi fatali”. Lo ha detto Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità, che poi ha aggiunto: “Il 3 aprile avevamo in terapia intensiva 4.063 pazienti, oggi poco più di 2.800: dà l’idea di quanto è stata alleggerita la pressione”. 

18.39 – Stop all’appuntamento quotidiano con la conferenza stampa della Protezione Civile. “I dati sanitari ci indicano che si è alleggerita decisamente la pressione sulle strutture ospedaliere e tutto ciò ci rende consapevoli del grande lavoro svolto negli ospedali e della collaborazione dei cittadini – ha detto Borrelli – Per questo abbiamo deciso di rimodulare le conferenze stampa: continueremo a garantire massima trasparenza su dati ogni giorno veicolandoli sul sito, mentre due volte a settimana terremo un punto stampa”. 

18.37 – Quanto alle vittime, se ne registrano 11.851 in Lombardia (+243), 2.903 in Emilia-Romagna (+60), 2.171 in Piemonte (+77), 1.026 in Veneto (+45), 602 in Toscana (+17), 866 in Liguria (+38), 785 nelle Marche (+21), 332 nel Lazio (+16), 293 in Campania (+7), 342 nella provincia di Trento (+20), 307 in Puglia (+8), 220 in Friuli Venezia Giulia (+3), 190 in Sicilia (+3), 246 in Abruzzo (+3), 234 nella provincia di Bolzano (+9), 57 in Umbria (+2), 86 in Sardegna (+1), 73 in Calabria (+1), 123 in Valle d’Aosta (+1), 22 in Basilicata (+0), 16 in Molise (+0).

18.35 – Dai dati della Protezione civile emerge che sono 33.434 i malati in Lombardia (344 in più rispetto a ieri), 13.585 in Emilia-Romagna (-78), 13.998 in Piemonte (+215), 10.618 in Veneto (-182), 6.583 in Toscana (-30), 3.459 in Liguria (+22), 3.157 nelle Marche (+33), 4.214 nel Lazio (+70), 3.027 in Campania (-91), 1.990 a Trento (-97), 2.656 in Puglia (+31), 1.428 in Friuli Venezia Giulia (+98), 2.139 in Sicilia (+31), 1.942 in Abruzzo (+92), 1.582 nella provincia di Bolzano (-11), 494 in Umbria (-42), 872 in Sardegna (+7), 819 in Calabria (-28), 491 in Valle d’Aosta (-27), 266 in Basilicata (-7), 208 in Molise (+5).

18.25 – I numeri dell’Italia nel dettaglio: sono complessivamente 106.962 i malati di Coronavirus in Italia, con un incremento di 355 rispetto a ieri, quando l’aumento era stato di 1.189. Si tratta dell’incremento più basso dal 2 marzo. Sono 22.745 le vittime dopo aver contratto il Coronavirus in Italia, con un aumento rispetto a ieri di 575. Ieri l’aumento era stato di 525.

18.25 – La Russia ha registrato 4.070 nuovi casi di contagio da Covid-19, che portano il totale a 32.008. I dati ufficiali parlano di altri 41 morti, con i quali il totale sale a 273.

18.18 – I dati della Protezione Civile: attualmente positivi 106.962. I deceduti odierni sono stati 575. I guariti ben 2.563. 124 pazienti in meno nelle ultime 24 ore in terapia intensiva.

18.10 – Club di Premier League concordi a riprendere, un po’ meno William, che ha affermato: “Se ricominciassimo a giocare senza tifosi, ma ci fosse un contatto in campo forse potremmo trasmetterci il virus – ha detto alla Associated Press -. Se prendo il virus, poi torno a casa dopo la partita per stare con la mia famiglia lo potrei passare a mia moglie o alle mie figlie. Dobbiamo stare attenti a questo”. 

17.53 – In Emilia-Romagna ci sono 348 casi di positività al Coronavirus in più rispetto a ieri, per un totale di 21.834, e 60 nuovi decessi. In Friuli Venezia Giulia sono 2.675 i casi, con un incremento di 58 unità rispetto a ieri. Sono 3 i decessi in più rispetto alla comunicazione di ieri, che portano a 220 il numero complessivo di morti da Covid-19.

17.50 – Il totale dei positivi al Coronavirus in Campania è di 3.951 su 43.697 tamponi eseguiti. Le vittime sono 293. In Sicilia, invece, i casi positivi sono 2.139 (+31), 296 persone sono guarite (+12) e 190 decedute (+3).

17.32 – In Toscana sono 8.110 i casi di positività al Coronavirus, 167 in più rispetto a ieri. Si sono registrati 17 nuovi decessi.

17.30 – Il numero totale di casi Covid-19 nel Lazio è arrivato oggi a 5.524. Lo ha reso noto la Regione su Facebook. Il numero di deceduti fin qui è pari a 332.

17.15 – Dalle ore 20 locali scatterà l’obbligo nello Stato di New York di indossare una mascherina o una copertura della faccia in pubblico, quando non è possibile mantenere la distanza sociale.

17.05 – Si registrano altri due decessi tra i medici a causa dell’epidemia di Covid-19. Il totale, si apprende dalla Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo), sale così a 129.

16.40 – La Premier League ha intenzione di portare a termine la stagione in corso, ma non ci saranno date limite. I 20 club, riuniti in video conferenza, hanno deciso all’unanimità di proseguire senza il vincolo di concludere il 30 giugno il campionato. Intanto, nel Regno Unito sono stati registrati soltanto in strutture ospedaliere 14mila decessi: si tratta del dato peggiore nel continente europeo. Nelle ultime 24 ore i morti sono stati 847. Il sindaco di Londra Sadiq Khan chiede l’obbligo di utilizzo delle mascherine per tutti i cittadini.

16.37 – La quarta edizione della Laver Cup, in programma a Boston dal 25 al 27 settembre è stata posticipata di un anno a causa dell’emergenza Coronavirus. Sarà disputata dal 24 al 26 settembre 2021.

16.04 – Gabriele Gravina ha preso la parola su Radio 1 questo pomeriggio, andando un po’ controcorrente rispetto a quanto affermato da Walter Ricciardi, membro della Commissione Medica della stessa Figc. (LEGGI QUI)

15.16 – Anche Demetrio Albertini, presidente del settore tecnico della Figc, ha parlato della ripresa del campionato. “Il calcio sta collaborando con il Governo” ha detto. (LEGGI QUI).

14.48 – Walter Ricciardi, membro della Commissione Medica della Figc e dell’esecutivo Oms: “Stiamo proponendo di giocare al Centro-Sud, non ha senso vietare attività dove ci sono 0 casi come la Basilicata. A inizio maggio potremo dare dei suggerimenti guardando la situazione. Questo virus continuerà a circolare fino a quando non si troverà un vaccino e così come colpisce i cittadini, anche i calciatori e lo staff: bisogna tutelare tutti”. (LEGGI QUI)

14.46 – Oltre 146.000 morti nel mondo Johns Hopkins University, il numero delle persone guarite è aumentato a 554.232

14.18 – Fioccano ancora gli annullamenti di eventi sportivi. Non si terranno il BMW International Open e l’Open di Francia, oltre al rinvio a data da destinarsi dell’Aberdeen Scottish Open.

14.15 – Luna Rossa comunica di aver aderito a un piano di riduzione degli stipendi per andare incontro alla situazione economica che sta colpendo in questo momento il Paese e il mondo intero. I membri del team hanno deciso inoltre di destinare parte di tale somma al sostegno delle strutture ospedaliere della Regione Sardegna nella lotta al Coronavirus. Il totale della donazione consentirà l’acquisto di cinque ventilatori polmonari per gli ospedali.

12.10 – Onder: “Le criticità nelle RSA sono state mancanza di DPI, scarsità di tamponi, assenza di personale”.

12.05 – Ancora Rezza: “Le misure hanno limitato la propagazione, è diminuita la trasmissione. Ora bisogna rafforzare il controllo sul territorio perché il trend è decrescente ma il virus non è scomparso e non è stato raggiunto nessun picco”.

12.00 – In diretta dall’Istituto Superiore di Sanità, la consueta conferenza stampa di Silvio Brusaferro, Giovanni Rezza e Graziano Onder: “La curva della Lombardia è in decremento e c’è stata forte reattività in tutto il Paese, ci sono meno persone con sintomi”.

11.40 – Secondo quanto appreso dal Sole 24 Ore, sarebbe in corso la riunione della task force di esperti guidata da Vittorio Colao. I lavori si concentreranno sulle proposte per far ripartire il Paese nella cosiddetta fase 2.

10.45 – Lasciata alle spalle la positività da Coronavirus, in un’intervista sui canali ufficiali del Betis Siviglia, il capitano della Fiorentina German Pezzella ha parlato del futuro del calcio: “Giocare a porte chiuse è surreale, perchè il calcio è soprattutto passione. Senza tifosi è tutto diverso, ma capisco che sia importante provare a finire la stagione per non compromettere il sistema calcio”.

10.30 – Luka Jovic, attaccante del Real Madrid, è stato convocato al Tribunale di Belgrado per rispondere alle accuse di aver violato la quarantena.

10.20 – “Non è facile pensare alla ripartenza, anche perché con tutti questi morti parlare di calcio è complicato”. Queste le dichiarazioni di Beppe Iachini ad Rtv38. Il tecnico della Fiorentina ha parlato del momento attuale e di ciò che accadrebbe in caso di ripresa. “Il gruppo di lavoro dovrà essere sottoposto ad esami dettagliati per verificare la negatività. Poi si potrà lavorare a gruppi di 3-4 persone alla volta”

10.05 – Sono arrivate in mattinata le dichiarazioni del governatore dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini che sulla possibile riapertura, o fase 2 ha dichiarato: “È il governo che ha l’ultima parola sulla ripartenza delle fabbriche. Le regioni possono solo fare proposte sulle filiere strategiche nel loro territorio”. Fontana, governatore della Regione Lombardia si è aggiunto al coro intervenendo a Mattino Cinque: “La condizione ineludibile per parlare di riapertura è che ci sia il via libera della scienza. Se la scienza ci dirà bisogna stare chiusi staremo chiusi, però allo stesso tempo non possiamo farci trovare impreparati”

9.40 – Altri tre operai positivi al coronavirus: nei cantieri degli stadi in costruzione per il Mondiale 2022 in Qatar, ora, i casi totali salgono a otto. Al momento, non è chiaro se tutto ciò condizionerà in qualche modo la costruzione degli stadi.

9.30 – La federazione del tennis USA non vuole disputare gli US Open a porte chiuse: “È altamente improbabile che succeda” ha dichiarato Mike Dowse. “Una decisione definitiva non ci sarà prima di giugno”. Il torneo dovrebbe disputarsi a partire dal 24 agosto a Flashing Meadows.

Bentrovati amici di Toro News: in questo articolo troverete tutti gli aggiornamenti, minuto per minuto, sulla situazione Covid-19 e sulle sue ripercussioni per il mondo sportivo e non solo. Lo sport è stato fermato in tutta Europa, con svariati campionati di diverse discipline che negli scorsi giorni sono stati interrotti fino a data da destinarsi. Già rinviati anche Euro 2020 e le Olimpiadi di Tokyo 2020.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy