Nicola sfida Ballardini: due grandi motivatori a confronto sotto la Mole

Il confronto / Nicola non è mai riuscito a battere né Ballardini né il Genoa. Per il rossoblù già tre vittorie in carriera contro il Torino

di Andrea Calderoni

Davide Nicola sfida Davide Ballardini e proverà a batterlo per la prima volta in carriera. I due precedenti, entrambi risalenti al novembre 2017, uno in Coppa Italia e l’altro in campionato, sorridono all’attuale tecnico del Genoa, che anche all’ora era sulla panchina del Grifone e sconfisse sempre 1 a 0 il Crotone di Nicola. L’allenatore granata vivrà una gara da ex, avendo condotto alla salvezza il Genoa nella scorsa stagione e avendo giocato molte stagioni con il club di Marassi. Quando l’ha incrociato da avversario, però, le cose non sono andate benissimo. Non ha, infatti, mai vinto contro il Grifone: tre sconfitte, le due già ricordate più quella del 28 agosto 2016 allo “Scida” per 1 a 3, e due pareggi, uno ai tempi del Livorno e l’altro sempre ai tempi del Crotone. Per Ballardini, invece, il bilancio contro il Torino è positivo: tre vittorie, due pareggi e due sconfitte. Tuttavia, nell’ultima gara giocata contro i granata ha perso 1 a 2 (era l’ultima giornata della stagione 2017/2018).

BERGAMO, ITALY – FEBRUARY 06: Davide Nicola, Head Coach of Torino FC gives his team instructions during the Serie A match between Atalanta BC and Torino FC at Gewiss Stadium on February 06, 2021 in Bergamo, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

CAMMINO – Ballardini sarà domani alla sua nona gara in campionato in questa sua quarta esperienza al Genoa, mentre Nicola sarà alla sua quarta. Il rossoblù da quando è arrivato ha letteralmente fatto volare la sua squadra, che rispetto alla precedente gestione targata Rolando Maran ha svoltato. Il Genoa di oggi è solido difensivamente ed è cinico sotto porta. I risultati, d’altronde, danno ragione alla “cura” Ballardini: 5 vittorie, 2 pareggi e una sola sconfitta. Tramutando questo bottino in punti significa 17 punti in 8 giornate con ben quattro clean sheet e appena 5 reti incassate. La media punti di Ballardini in questi primi otto match è pazzesca: 2.13 punti. Nicola, successore di Marco Giampaolo, non è ancora riuscito a far cambiare ritmo in maniera così decisa al suo Torino. Ha, comunque, dato nuova linfa ai granata. Le tre rimonte effettuate, soprattutto la prima e l’ultima rispettivamente a Benevento e a Bergamo, lo testimoniano, anche perché con Giampaolo i limiti caratteriali del Torino erano sotto gli occhi di tutti, basti ricordare i 23 punti persi da posizione di vantaggio.

LEGGI ANCHE: Genoa, Ballardini presenta il Torino: “I granata hanno spessore tecnico e umano”

ANALOGIE – Ora, però, Nicola dovrà incidere ancor di più dal punto di vista dei punti messi in cascina. La classifica piange e i tanti pareggi fin qui ottenuti non bastano più, soprattutto in scontri diretti come quello di domani contro il Genoa. Una cosa va detta: Ballardini dopo tre gare aveva all’attivo 4 punti contro i 3 di Nicola. La differenza, dunque, non è così significativa ma dalla quarta partita in poi Ballardini non ha più sbagliato un colpo, ottenendo ben cinque risultati utili di fila in campionato, di cui quattro vittorie e un pareggio 0 a 0 a Bergamo. In generale, tra i due tecnici ci sono punti in comune. Sia Nicola che Ballardini hanno un legame forte con le rispettive piazze. Nicola è torinese e granata, mentre per Ballardini Genova è la seconda casa, nonostante il rapporto non idilliaco con il patron Enrico Preziosi. Entrambi hanno sviluppato un rapporto molto diretto con il loro gruppo, stimolandolo emotivamente. A partire da ciò stanno fondando le loro fortune. Ballardini è già passato al livello successivo, Nicola con le prime tre rimonte ha posto le basi e adesso vuole raccogliere qualche bottino pieno per allontanarsi dalle sabbie mobili.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. eurotoro - 2 settimane fa

    Entrambi meritano fiducia e possibilità di lavorare a lungo termine! 2 allenatori tutta sostanza!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy