Serie A, niente sconti alle tv: per il Torino c’è in ballo una fetta importante di fatturato

Approfondimento / La Lega non fa sconti, ma Sky e DAZN chiedono di ridurre l’ultima rata di 162 milioni di euro da versare entro l’1 maggio

di Nicolò Muggianu

Dialoghi in corso tra la Lega Serie A e i detentori dei diritti tv del calcio tricolore. È di poche ore fa la notizia, riportata dall’Ansa, della delibera unanime con cui i club di Serie A – nell’assemblea di ieri – hanno dato mandato alla Lega di rispondere negativamente alla richiesta formulata dalle pay tv emittenti, che chiedevano uno sconto di natura economica sull’ultima delle sei rate annuali per il pagamento dei diritti televisivi della Serie A.

I NUMERI – Sky e Dazn, come anticipato poc’anzi, hanno versato ad oggi cinque delle sei rate bimestrali sottoscritte al momento dell’accordo sui diritti tv. Un ammontare complessivo di 811 milioni di euro, al quale va sommata l’ultima rata – che dovrebbe essere versata entro il prossimo 1 maggio – da 162 milioni di euro. Un totale di 973 milioni di euro annuali (780 Sky, 193 Dazn), a cui vanno aggiunti i 230 milioni di euro sottoscritti da Img per i diritti tv internazionali.

DIALOGO – In attesa di comprendere se la stagione 2019/2020 verrà o meno portata a termine, i vertici dei detentori dei diritti tv (Sky e Dazn) si sono già attivati nei confronti della Lega, chiedendo tramite una lettera ufficiale la rateizzazione o uno sconto dell’ultima rata da 162 milioni di euro. Una proposta alla quale le squadre di Serie A hanno risposto negativamente in maniera unanime. Troppo importanti per le squadre italiane gli introiti derivanti dai diritti tv e, in una stagione in cui sono previsti centinaia milioni di euro di perdite causate dall’emergenza in atto, si è deciso di non fare sconti. Anche se la sensazione è che se ne continuerà a parlare almeno fino alla deadline del 1 maggio.

IL TORINO – Per la stragrande maggioranza delle squadre di Serie A, incluso il Torino, i diritti televisivi rappresentano la principale voce di entrate iscritte a bilancio. Basti pensare che la società granata nel 2018 registrava un totale di introiti derivanti dai diritti tv pari a 54.1 milioni di euro; quasi il 50% del fatturato totale di quell’anno. Una cifra che per l’esercizio in corso sarebbe stata persino superiore (si parla di quasi sessanta milioni di euro) e che in caso di mancato pagamento dell’ultima rata comporterebbe alla società di via dell’Arcivescovado mancati introiti approssimati a circa dieci milioni di euro. Non pochi, specie se si considera che la totalità delle squadre di Serie A dovranno già preventivare un danno economico derivante dai mancati introiti dei botteghini per le partite mancanti per diversi milioni di euro.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. NEss - 6 mesi fa

    TUtte queste tragedie per solo un sesto dei diritti tv ?!?

    Una societa’ milionaria che non sa gestire un mancato introito del 15% non merita di continuare ad esistere. Fosse anche 25% se la cifra dei botteghini fosse significativa, ma ne dubito.

    10 milioni per una squadra media come il Toro. Sostanzialmente un acquisto di mercato andato male. Niente di trascendentale, davvero.

    Capisco ancora meno il grido disperato di chi vuole tornare a giocare questo finale di stagione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Garnet Bull - 6 mesi fa

    Fanno pagare abbonamenti esosi… Niente sconti

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy