Sirigu sfida Musso: il Toro ha bisogno della miglior versione del suo portiere

Il Confronto / 24 reti subite e soltanto una gara senza reti incassate per il portiere sardo. L’argentino, invece, è imprescindibile per i friulani

di Andrea Calderoni

Juan Musso è uno degli uomini copertina del 2020 dell’Udinese, Salvatore Sirigu lo è stato al Torino fino a fine luglio. Con le sue prestazioni ha permesso ai granata di rimanere in Serie A. Un’estate da grande protagonista quella dell’estremo difensore, un’estate che pensava di vivere ad Euro 2020 e invece l’ha vissuta in campionato con il Torino complice i noti fatti del Covid. La copertina dell’ex estremo difensore del Psg, tuttavia, da settembre ad oggi si è dapprima stropicciata, poi si è scolorita e adesso punta a ritornare integra, perché il Torino ha necessariamente bisogno della miglior versione di Sirigu (una versione per l’appunto da copertina) per uscire dalle sabbie mobili.

MILAN, ITALY – NOVEMBER 22: Lautaro Martinez of Inter Milan scores their sides fourth goal past Salvatore Sirigu of Torino during the Serie A match between FC Internazionale and Torino FC at Stadio Giuseppe Meazza on November 22, 2020 in Milan, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

QUESTIONE MENTALEPochi tiri subiti, tanti gol presi: per un portiere non esiste equazione peggiore. Sirigu sta attraversando un momento complesso mentalmente. Il suo atteggiamento appare diverso rispetto al recente passato come se qualcosa si sia rotto. Le doti di Sirigu e il valore dell’uomo, però, non sono in dubbio e Salvatore avrà l’opportunità oggi pomeriggio in una gara fondamentale per il Torino di ribadire di che pasta è fatto. Il portiere sardo è stato fortemente criticato per reti incassate evitabili e poi per alcune letture in uscita sbagliate (troppo spesso è rimasto inchiodato sulla linea di porta). Servirà la sua reazione d’orgoglio da qui al triplice fischio del 2020, anche perché il 2021 sarà l’anno di quell’Europeo che Sirigu avrebbe voluto vivere già la scorsa estate.

LEGGI ANCHE: Giampaolo pre Torino-Udinese: “L’insoddisfazione dei tifosi è anche la nostra. Segre? Imparerà”

CRESCITA ESPONENZIALE – I numeri ci dicono che nella stagione in corso Sirigu ha già raccolto 24 palloni da dentro la rete e soltanto contro il Crotone in casa ha tenuto la porta inviolata. Il sardo si troverà di fronte un collega giovane e talentuoso. L’Udinese è una meravigliosa scuola di portieri e lo sta confermando con questo “friulano” importato di nome Musso. Nato in Argentina nel 1994, sta raggiungendo la maturità fisica ed agonistica. Si sta mettendo in mostra a suon di parate e di grandi prestazioni. Ad Udine è considerato imprescindibile da molti mesi a questa parte. Il patron Pozzo, tra l’altro, si sta già fregando le mani perché potrebbe far registrare una straordinaria plusvalenza con la sua vendita. Intanto, però, Musso è pienamente dentro al progetto Udinese. Un dato ci indica più di ogni altro quanto sia cresciuto ultimamente: nel 2020 ha già chiuso ben 11 gare senza gol subiti. Dunque, Sirigu a distanza duellerà con Musso per cercare di confermare il titolo che a suon di grandi interventi si era guadagnato nelle ultime due stagioni a Torino, ovvero quello di uno tra i migliori portiere delle 20 squadre di Serie A.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. miele - 1 mese fa

    Lasciando da parte ogni altra considerazione, tutte interessanti, ma poco indicative, proviamo a fare due conti: il Toro ha 6 miseri punti dopo 10 partite. Per poter continuare a coltivare qualche speranza di salvezza dovrebbe chiudere il girone d’andata con almeno 19/20 punti, ergo, dovrebbe farne 13/14 in 9 partite. Purtroppo 3 di queste, Roma, Napoli e Milan, sono già perse in partenza. Allora, di accessibili ne rimangono 6 contro Udinese, Bologna, Spezia, Benevento, Verona e Parma. Viste giocare Spezia, Benevento, Bologna e Verona, le speranze di vittoria nei loro confronti è ai minimi termini. Rimarrebbero Udinese e Parma che potrebbero regalarci 6 punti, arrivando così a 12. Farne 7/8 contro le altre 4 mi pare assai difficile. Tutta ‘sta chiacchierata per dire che se a gennaio non subentrano sostanziali migliorie dell’organico e, magari, anche per l’allenatore, e tutte queste mi paiono chimere, Cairo imperante, significa che siamo già fritti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14287754 - 1 mese fa

    forza Salvatore tu sei il più forte!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy