Torino, dal 2005 al 2020: 15 anni di presidenza Cairo in numeri

Torino, dal 2005 al 2020: 15 anni di presidenza Cairo in numeri

Toro News / Il 2 settembre 2005 nasceva il nuovo Torino di Urbano Cairo: tutti i numeri dei primi 15 anni di presidenza del patron granata

di Nicolò Muggianu
cairo

Quindici anni di presidenza Cairo. Era il 2 settembre 2005 quando il Torino, fallito ed in seguito “ripescato” in Serie B grazie al Lodo Petrucci, diventava ufficialmente di proprietà di Urbano Cairo. Una trattativa lampo quella che portò l’imprenditore alessandrino, all’epoca quarantanovenne, ad acquisire il club granata: dai contatti con Sergio Chiamparino fino all’annuncio a furor di popolo che diede definitivamente inizio alla sua presidenza. Quindici anni dopo, tra alti e bassi, molto è cambiato: ecco un breve riassunto dei numeri fatti registrare dal Torino negli ultimi quindici anni di storia.

LEGGI ANCHE: Cairo: “Non rimarrò a vita, ma cederò il Toro solo a uno migliore di me”

1 – I derby della Mole vinti dal Torino nell’era Cairo. Su 21 tentativi totali dal 2007 ad oggi, i granata hanno raccolto contro la Juventus 17 k.o, 3 i pareggi e una sola vittoria, quella del 26 aprile 2015 sotto la gestione di Giampiero Ventura.

2 – I piazzamenti europei ottenuti dal Torino nell’ultimo quindicennio, valsi in entrambi i casi i preliminari di Europa League. Nel 2013-2014 i granata furono premiati dalla mancata licenza Uefa al Parma, mentre nel 2018/2019 la squadra di Mazzarri si qualificò ai preliminari grazie alla penalità inflitta dalla Uefa al Milan per questioni riguardanti il fair play finanziario.

4 – I trofei ufficiali conquistati dal Torino nell’era Cairo, tutti a livello giovanile: lo Scudetto Primavera (2014/2015), Supercoppa Primavera (2015 e 2018) e la Coppa Italia Primavera (2017/2018).

4 – Le stagioni trascorse in Serie B dal Torino di Urbano Cairo: 2005-2006 (promozione ai play-off), 2009-2010 (sconfitta in finale play-off), 2010-2011 (8° posto), 2011-2012 (2° posto, promozione). Sono invece 11 quelle trascorse dai granata in Serie A negli ultimi 15 anni, 8 delle quali consecutivamente dal 2012/2013 ad oggi.

4° di finale – Il miglior piazzamento in Coppa Italia del Torino di Cairo: in tre occasioni negli ultimi 15 anni (nel 2008/2009, nel 2017/2018 e nel 2019/2020) la compagine granata si è spinta fino ai quarti di finale della competizione.

– Il massimo piazzamento in classifica raggiunto in Serie A dal Torino di Cairo: nel 2013-2014 (57 punti, con Ventura in panchina) e nel 2018/2019 sotto la gestione Mazzarri.

8 – I Direttori Sportivi succedutisi sotto la presidenza Cairo. In ordine cronologico: Salvatori, Tosi, Lupo, Pederzoli, Foschi, Petrachi, Bava e Vagnati.

8° di finale – Il miglior piazzamento europeo della gestione Cairo. Soltanto una volta negli ultimi 15 anni (2015/2016) il Torino si è qualificato ai gironi di Europa League, riuscendo ad arrivare fino agli ottavi di finale: il miglior piazzamento europeo dei granata dal 2005 ad oggi. La squadra di Ventura fu poi eliminata dallo Zenit San Pietroburgo.

12 – Il piazzamento medio del Torino in Serie A nell’era Cairo. Un risultato che è frutto di due 7° posti, due 9° posti ma anche cinque piazzamenti uguali o peggiori del 15° posto (16° nel 2006/2007, 15° nel 2007/2008, 18° nel 2008/2009, 16° nel 2012/2013 e 16° nel 2019/2020).

13 – I tecnici ingaggiati dal Torino nel corso della presidenza Cairo. In ordine cronologico: De Biasi, Zaccheroni, Novellino, Camolese, Colantuono, Beretta, Lerda, Papadopulo, Ventura, Mihajlovic, Mazzarri, Longo e Giampaolo.

LEGGI ANCHE: Serie A, il calciomercato inizia ufficialmente: il Torino è già il quinto club per spese

20 – Le partite ufficiali disputate dal Torino di Cairo in competizioni europee. Tutte in Europa League e la metà delle quali nel corso della fase preliminare della competizione. Il bilancio: 14 nel 2015/2016 (di cui 4 nei preliminari e 10 tra fase a gironi e fase ad eliminazione diretta) e 6 nel 2019/2020 (tutte nella fase preliminare).

22 – I milioni spesi da Cairo per l’acquisto più caro della sua gestione. Si tratta di Simone Verdi, arrivato dal Napoli nell’estate del 2019.

26 – I milioni incassati dal Torino in seguito al passaggio di Nikola Maksimovic al Napoli nel 2016. Il difensore serbo rimane ad oggi la cessione più redditizia dell’era Cairo, nonché la plusvalenza più alta: ben 23 milioni e mezzo di euro.

92 – I gol segnati dal giocatore più prolifico dell’era Cairo. Si tratta di Andrea Belotti, che in granata ha segnato 92 reti (di cui 79 in Serie A). Il Gallo si trova adesso al quinto posto nella classifica dei marcatori del Torino nella massima serie – poco distante da Gabetto (80) e Valentino Mazzola (81) – e al nono posto della classifica dei marcatori all-time del Torino.

128 – Le vittorie del Torino in Serie A nel corso della gestione targata Urbano Cairo. I pareggi ammontano invece a 136, mentre le sconfitte sono 154.

197 – Le presenze in maglia granata del giocatore con più “gettoni” dell’era Cairo. Si tratta di Emiliano Moretti, che dal 2013 al 2019 ha raccolto 197 presenze con il Torino in tutte le competizioni ufficiali. Al secondo posto Andrea Belotti a quota 192: il sorpasso è a portata di mano.

418 – Le presenze del Torino in Serie A negli ultimi 15 anni. Sono invece 168 quelle in Serie B, per un totale di 586 escluse le coppe (il bilancio complessivo: 207 vittorie, 184 pareggi e 195 sconfitte).

LEGGI ANCHE: Cairo: “Ho sbagliato a pensare di poter apprendere dal Grande Torino”

52 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. come un pugno chiuso - 3 settimane fa

    solo due parole, la prima è CHE la seconda è PENA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ardi - 3 settimane fa

    Sembra che Torreira sia vicino alla viola. A meno di altre scelte di livello che dubito, almeno non si prenda il solo vera o il solo biglia, ma entrambi. Solo così avrebbe un minimo di senso. Per quanto riguarda izzo, visti i 20 milioni chiesti da cairo rischiamo di tenercelo, il che vorrebbe dire, oltre a non monetizzare, avere un giocatore svogliato e pure fuori ruolo in una difesa a 4

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. leo67 - 3 settimane fa

    15 anni di fallimenti e figure di merda per il Toro e per te portafoglio più grande e notevole ritorno in immagine. Hai anche il coraggio di fare proclami lurido pagliaccio. L’unica cosa decente che hai detto in 15 merdosi anni che lascerai il Toro ad uno migliore di te. Muoviti a cercarlo e vattene per sempre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ardi - 3 settimane fa

    16-11

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Ardi - 3 settimane fa

    Direi bene anche per quanto riguarda il calciomercato, dopo aver speso 5 milioni (17-11) è tutto fermo. Il rischio di rimanere con le cariatidi, visti i prezzi di cairo è alto. Sono da vendere almeno sei sette giocatori per poter poi reinvestire per alzare la qualità. Per ora zero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Ardi - 3 settimane fa

    Direi bene. Più che un sette, come si è dato un dieci e lode con applauso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. filippo67 - 3 settimane fa

    E’un bel presidente!!è una santo!!(cit.)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Bischero - 3 settimane fa

    Dopo questi fantastici numeri anche io gli do un bel 7.anzi facciamo 8.speriamo che rimanga altri 15 anni,facciamo 25 e che passi tutto ai figli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Paul67 - 3 settimane fa

    Grazie di tutto ma ora, VATTENE.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. IlGrandePolicano - 3 settimane fa

    …mamma mia…come siamo messi…
    I numeri?…ma quali numeri?…
    1 derby vinto in 15 anni?
    …0-7 in casa dall’Atalanta?
    …le retrocessioni?
    …i campionati in B?
    …i soldi guadagnati con le cessioni?
    …il numero di articoli che ci tocca sorbire in cui si autoincensa o lo incensano?…
    Che pena.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. maxx72 - 3 settimane fa

    Consiglierei a tutti di saltare a piè pari questi articoli…a me è già venuto il mal di fegato….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. TOROPERDUTO - 3 settimane fa

    Che cazzo è oggi il Cairo Day?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Stufodellamediocrita' - 3 settimane fa

      No, il tuo e di quelli che la pensano come te (sempre meno)…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TOROPERDUTO - 3 settimane fa

        Forse se imparassi a leggere invece di sparare cazzate a caso capiresti qualcosa di quello che scrivo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Stufodellamediocrita' - 3 settimane fa

          Eri ironico nel post più sotto? Non l’avevo compreso…bastava spiegarti meglio senza offendere…nessun problema anche perché la pensiamo allo stesso modo!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Prawda - 3 settimane fa

    I numeri sono impietosi ed attestano una gestione semplicemente penosa, non certo una valutazione da “sette” a meno di non essere sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o di averlo voluto esprimere in trentesimi.
    Aggiungo due dati non inseriti perche’ forse renderebbero ancora piu’ palese il fallimento di questi 15 anni:
    – il Torino e’ al 15 posto nella classifica per punti conquistati durante la presidenza Cairo, dietro a squadroni come Chievo, Palermo, Udinese, Cagliari, Genoa e Sampdoria oltre alle sette sorelle ed all’Atalanta.
    – Non ci sono risultati sportivi peggiori in tutta la storia del Torino rispetto alla presidenza prendendo un periodo di 15 anni.
    Non c’e’ davvero limite alla faccia tosta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Rimbaud - 3 settimane fa

    Sono onesto. L’anno dell’EL meritavamo di andare a varsavia. Siamo stati eliminati da uno zenit quanto mai favorito da decisioni arbitrali molto dubbie (e già la gazprom finanzia le coppe europee…). Non ci siamo riqualificati per un punto, gol annullato regolarissimo di Maxi col Palermo(certo avesse preso un portiere al posto di padella con l’empoli avrebbe aiutato). Fu il colpo di grazia al ciclo di Ventura. Che ringrazierò sempre. Perchè quell’anno, nonostante Cairo e nonostante tutto ho rivisto il Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rimbaud - 3 settimane fa

      Ho dimenticato il primo anno di B e quella squadra non fu allestita nemmeno interamente da lui. 2 anni su 15 sono comunque statistica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. fabrizio - 3 settimane fa

    ora non resta che cantare tutti insieme (a toro slurp) “meno male che Cairo c’eeeeeee, meno male che cairo c’eeeee”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. abatta68 - 3 settimane fa

    Al di la di prenderle dalla juve, mi pare che in 15 anni le abbiamo prese da chiunque, anche in serie B, perdendo 200 volte su 400!!! Se hai l ottavo fatturato della serie A e arrivi mediamente 12esimo non puoi smenarcela che “a parte 3 anni negativi per il resto siamo sempre stati al livello che competono al toro”… qui la barca continua a fare acqua!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FVCG80 - 3 settimane fa

      E per questa roba si è pure dato un bel 7

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. fabrizio - 3 settimane fa

    i primi 15 anni suona come una minaccia di altri anni oppure come una maledizione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. TOROPERDUTO - 3 settimane fa

    Fiero del pres.
    Senza grossi capitali disponibili siamo stabilmente in A da dieci anni, andiamo avanti con le nostre forze d’altronde non abbiamo un magnate che possa mettere i soldi, la società è sana, forse vi siete dimenticati i presidenti passati.
    Se siete tutti così bravi e preparati prendetelo voi il Toro.

    L ho scritto io così magari non mi toccherà più leggere queste cagate

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 3 settimane fa

      ..questi 8 anni consecutivi in A mi incoraggia ad essere piu fiducioso..diciamo che aspetto con ansia 2 anni consecutivi in europa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. granatasky - 3 settimane fa

      Bravo, diglielo a tutti: il mandrogno è il “salvatore”, il filantropo, è generoso, sempre presente, attento agli acquisti e alle cessioni, non racconta mai balle, non si autoesalta mai, i suoi progetti sul Filadelfia, sul Robaldo e sullo stadio di proprietà saranno presto realizzati e diventeranno realtà. Le sue responsabilità, poi, se le assume sempre e comunque, spesso prendendosi interamente la colpa e difendendo allenatore e giocatori.

      Eh si, siamo talmente una tifoderia ingrata che meriteremmo presidenti come Goveani, Vidulich, Regis Milano, Calleri, Cimminelli, Romero, Giovannone, Pipicella, ecc.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. audinomari_13720426 - 3 settimane fa

      Sono tutti fenomeni, caro mio, a sbattacchiare su una tastiera…..peraltro in modo sgrammaticato. Se li giri sottosopra non esce un penny e qui straparlano di milioni…..ahahahahah……

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. abatta68 - 3 settimane fa

    In conferenza stampa a parole può dire tutto ciò che vuole alla sua platea, ma se la sua azienda avesse questi numeri fornirebbe preoccupato o non fornirebbe proprio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 3 settimane fa

      Dormirebbe

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. user-13659140 - 3 settimane fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Cuore granata 69 - 3 settimane fa

    I numeri non mentono mai…in compenso lui da sconosciuto è entrato nei salotti bene ha una tv rcs e si è fatto pubblicità e conoscere..il suo scopo lo ha ottenuto..il Toro per lui è da mantenere in vita intorno al decimo posto..mi smentisse ne sarei felicemente sorpreso e sarei il primo a congratularmi..ma dubito.i numeri sono li e sono impietosi..avesse finito almeno il Fila ma anche li tante parole ma poi…di fatti che profumano di granata poco o nulla…ps: De laurentis ha preso il Napoli in c2..e ha vinto coppe italie supercoppe ed è regolarmente in champions..ok avrà più introiti ..ma ci ha messo anche del suo..15 anni possibile non azzeccare mai una qualificazione uefa se non per demeriti altrui?? Lazio Atalanta in champions noi quando?? Senza smuovere le cosidette big..aspetto notizie..Fvcg

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. granatasky - 3 settimane fa

    Madoi….!!!

    Roba da sciur…..!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. OldBull - 3 settimane fa

    E’ innegabile che la juve abbia sempre avuto un parco giocatori di livello superiore, sicuramente almeno negli ultimi trent’anni, se poi aggiungiamo i soliti “aiutini” che non mancano mai, ecco che il derby diventa mission impossible… Ma il Toro, quello vero non la cairese FC, scendeva in campo sempre senza paura per giocarsela, sempre! Certo non è che andasse bene tutte le volte, ma almeno non faceva la figura dell’armata Brancaleone…
    Sta qui la differenza, nella mentalità.
    Non è questione di giocatori, la mentalità si costruisce con l’organizzazione societaria, col progetto, con gli uomini giusti nei posti giusti.
    Vincere o perdere è la dura legge dello sport, però perdere sempre è un’altra cosa, non è più nella normalità delle cose, non è più sport ma è solo sofferenza, certo lo sport contempla anche la sofferenza, addirittura ne è una delle componenti essenziali difatti, sport vuol dire raggiungere la vittoria tramite la sofferenza, se invece c’è SOLO sofferenza senza risultati, questo esula dal concetto di sport per diventare un’altra cosa che probabilmente non ha neppure un nome, o forse si, si chiama Urbano Cairo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 3 settimane fa

      Sono assolutamente d accordo con te

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. CUORE GRANATA 44 - 3 settimane fa

    Inutile coltivare illusioni in merito ad una possibile “svolta”sul piano sportivo e tanto meno coltivare “sogni europei”.Se guardiamo alla “mitica”EL dobbiamo constatare che già nella fase a gironi partecipano ottime squadre organizzate a 360°…Questa è la realtà del calcio business.L’unica illusione che ancora coltivo riguarda la definizione delle infrastrutture.E’ questo l’unico terreno per stanare Cairo dal Suo colpevole immobilismo.Solo se il tifo organizzato e non costituirà una sorta di “catapulta”per fare breccia nel muro della totale indifferenza di Cairo ma non solo.Comprendo che arrivi\partenze,tattiche e quant’altro rappresentino “il pane quotidiano”in merito al quale discutere ma così facendo si distoglie l’attenzione dal “cuore”del problema portando acqua al Suo mulino.In tal modo continueremo ad essere attirati solo dalle suadenti melodie “Del Grande Imbonitore”verso oblio e scomparsa.FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Tarzan - 3 settimane fa

    Eh però lui ha investito nelle strutture!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granatasky - 3 settimane fa

      Eh si: il container Sisport, i cabaret per le bignole di Comi, i tavoli per i “rinfreschi” a tramezzini e acqua naturale, il fertilizzante per il Robaldo, ecc.

      E’ un bel presiniente…….!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Blasphemous !Sentenza.3! - 3 settimane fa

    Che numeri Cairetto! Parla pà!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Sergio Sergio - 3 settimane fa

    Mediocrità totale

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Rimbaud - 3 settimane fa

    Ho letto l’intervista a commisso stamattina di una chiarezza disarmante su stadi, rosa, risultati, introiti.
    Senza tante troppe acrobazie verbali.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft - 3 settimane fa

      C’è online?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Il_Principe_della_Zolla - 3 settimane fa

    Vergognoso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 3 settimane fa

      Ma no, dai, merita un bel 7…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. marco.mosso.196_13983596 - 3 settimane fa

    Buongiorno Redazione, chiedo se cortesemente potete eliminare questa pubblicità che secondo me è controproducente per i clienti stessi perché ODIOSA.
    Mettetela di fianco agli articoli ma non è concepibile farsi due km di scorrimento sul web per bypassare foto e messaggi pubblicitari INUTILI.
    Semmai sarebbe buona cosa rinfrescare questo sito e fare ricorso ai nuovi orpelli software che fanno lo stesso pubblicità, ma si fanno odiare un pelo di meno.
    Grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ribaldo - 3 settimane fa

      Non bisogna chiederlo cortesemente. bisogna smettere di frequentare questo sito.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. ribaldo - 3 settimane fa

    avete bisogno di qualche centinaio di accessi alle pagine di pubblicità? Che tra l’altro sono più interessanti di certi articoli-

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. Kieft - 3 settimane fa

    Che schifo …..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. FVCG80 - 3 settimane fa

    I numeri non mentono,a differenza del presidente. Dodicesimo posto, altro che ottavo. Desolazione totale. Però mi raccomando, adesso tutti ad abboccare al nuovo progetto per le allodole che ci porterà dove meritiamo. Che pena infinita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 settimane fa

    Numeri impietosi.
    Media posizione in classifica: 12esimo posto ..la dice lunga.
    Con questo presidente non svolteremo mai. Magari fosse il settimo/ nono posto come racconta lui…
    Sui derby poi caliamo un velo pietoso. Aggiungo solo che negli ultimi 15 anni i gobbi hanno raccolto con noi più punti rispetto a tutte le altre squadre che hanno incontrato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. Mimmo75 - 3 settimane fa

    Zero (come i tituli)…le volte in cui Cairo ha fatto qualcosa da Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rimbaud - 3 settimane fa

      Bravo Mimmo, questa è la cosa più grave. In tanti non hanno vinto niente, solo uno ignora la storia drlla propria squadra

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gigioscal - 3 settimane fa

        beh onestamente non ricordo gesti da toro nemmeno da parte di Cimminelli – Calleri – Vidulich ecc

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Rimbaud - 3 settimane fa

          Zaccarelli Camolese Ferrante Asta, la buca di Maspero, nonostante i risultati mediocri ricordo più Toro allora.
          Ho rivisto il Toro con Cairo sia dentro il campo sia sugli spalti solo nella breve parentesi europea.

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy