Toro, Giampaolo elogia Buongiorno: “Sapevo che a Roma avrebbe fatto bene”

Focus / Il difensore granata ha offerto una buona prova contro un avversario difficile come la Roma e adesso vuole mettere Giampaolo in difficoltà

di Redazione Toro News

Giovedì sera nella triste serata romana, almeno si è visto qualcosa che lascia ben sperare il Torino in ottica futura: si tratta di Alessandro Buongiorno che contro la Roma ha debuttato per la prima volta da titolare in Serie A. Considerando che si trattava del debutto da titolare e che aveva davanti a sé tre giocatori molto forti ed esperti come Dzeko, Mkhitaryan e Pellegrini, non si può negare che non abbia fornito una buona prestazione giocando nella posizione di centrale di sinistra nella difesa a tre schierata dal tecnico Marco Giampaolo.

ROME, ITALY – DECEMBER 17: Edin Dzeko of Roma shoots past Lyanco and Alessandro Buongiorno of Torino during the Serie A match between AS Roma and Torino FC at Stadio Olimpico on December 17, 2020 in Rome, Italy. The match will be played without fans, behind closed doors as a Covid-19 precaution. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

DEBUTTO ROMANO – Dopo la bella prestazione in Coppa Italia contro la Virtus Entella nella quale ha giocato 90 minuti, contro la Roma Giampaolo  ha lanciato Buongiorno dal primo minuto. Il difensore scuola Toro ha giocato per 77 minuti prima di essere sostituito da Bonazzoli e il tecnico, nella conferenza pre-Bologna, ha elogiato pubblicamente il ragazzo: “Non l’ho mandato allo sbaraglio. Sapevo che avrebbe fatto una buona partita perchè i segnali che manda in settimana sono buoni da parecchio tempo”. Giampaolo ha scelto di schierarlo centrale sinistro nella difesa a 3, per cercare di sfruttare il suo piede mancino anche in fase di costruzione. Dopo due stagioni, molto positive, in prestito in Serie B prima al Carpi e poi a Trapani ora Buongiorno sembra pronto per il definitivo salto di qualità nel calcio dei grandi ed è intenzionato a mettere in difficoltà Giampaolo al momento di scegliere i difensori da mandare in campo nell’undici iniziale.

TURIN, ITALY – NOVEMBER 26: Alessandro Buongiorno (R) of Torino FC is challenged by Michele Pellizzer of Virtus Entella during the Coppa Italia match between Torino FC and Virtus Entella at Stadio Olimpico di Torino on November 26, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

LEGGI ANCHE: “Torino, quella col Bologna è una sfida da dentro o fuori: ora non ci sono più alibi”

LA PROSSIMA PARTITA – Ora lo attende la sfida contro il Bologna dove ha delle possibilità di scendere nuovamente in campo dal primo minuto dal momento che saranno indisponibili Ansaldi per infortunio e Singo per squalifica, dunque probabilmente Rodriguez verrà schierato da quinto di centrocampo, lasciando libera una maglia da titolare nella difesa a tre. Però c’è anche la possibilità che il tecnico granata scelga di schierare Edera e Vojvoda come esterni e che quindi Rodriguez mantenga la sua posizione di centrale sinistro, in questo caso Buongiorno partirebbe dalla panchina. In un momento difficile come questo, per il Toro può diventare importante trovare dei giovani da valorizzare che aiutino la squadra a trovare punti preziosi e se Singo sembra già a tutti gli effetti un uomo chiave nelle rotazioni dell’allenatore granata, Alessandro Buongiorno può seguire le sue tracce per essere un difensore valido sia per il presente che per il futuro del Toro.

LEGGI ANCHE: “Toro, Vagnati ha ragione: già diversi errori arbitrali contro i granata. E Abisso è recidivo…”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 4 settimane fa

    Per me:
    Edera e Vojvoda esterni,.e Buongiorno centrale di sinistra.
    Rodriguez può tranquillamente accomodarsi in panchina!
    Sì anche a Bremer, Segre e Bonazzoli. Sį a Singo, scontata la squalifica!
    Se Giampaolo non si decide a puntare su questi giovani, spero tanto più vogliosi ed entusiasti di far bene che non i cosiddetti titolari, i risultati saranno sempre gli stessi raccolti fino ad ora, con Nkoulou e Meité, con Linetty e Zaza e Rodriguez in campo…
    E speriamo che al rientro Baselli possa finalmente dare ordine e dettare i ritmi, “sistemare e far quadrare” questo benedetto centrocampo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy