Toro News
I migliori video scelti dal nostro canale

toro

Salvezza a peso Toro: quasi sei milioni spesi per ogni punto in classifica

Focus on / Granata tra le squadre peggiori per milioni spesi in rapporto ai punti conquistati

Silvio Luciani

"La società non ha speso sul mercato? Gli acquisti erano sbagliati? O semplicemente il Torino non ha reso come avrebbe dovuto? Al termine di una stagione così negativa è normale che tutte le componenti di un club finiscano alla sbarra. Giustamente, i tifosi hanno tutto il diritto di contestare e di esprimere la propria insoddisfazione per una stagione che aveva tutt'altre premesse rispetto ai 40 punti conquistati dal Torino. Ma se vi dicessimo che il Toro, questi punti, li ha pagati molto cari?

"Il problema non è stato tanto il mercato - o meglio, le cifre investite per allestire la rosa - quanto la traduzione effettiva di quegli investimenti economici sul campo. A testimoniarlo c'è un numero molto semplice: i milioni di euro spesi per ogni punto. Questo dato si ricava dividendo la spesa effettuata dalla società per allestire l'organico della stagione 2019/2020 con il numero di punti conquistati e indovinate un po'? Il Torino è tra le peggiori per quanto riguarda la resa dei suoi investimenti sul parco giocatori.

"5.773.000 milioni di euro spesi per ogni punto (230.930.000 € la quotazione della rosa granata): peggio hanno fatto solamente Roma, Inter, Milan, Napoli e Juventus che però hanno chiuso tutte tra il primo e il settimo posto. La colpa del presidente Urbano Cairo dunque non è stata quella di aver costruito una squadra al risparmio. A maggior ragione se consideriamo che il dato dello scorso anno, a parità di quotazione (22 milioni in meno per Verdi, 23 punti e 9 posizioni in classifica in più), era molto più alto. La verità sta nel mezzo: l'organico del Torino ha over-performato nello scorso campionato ma è andato incredibilmente al di sotto delle sue potenzialità in questa stagione. E le responsabilità sono da dividere tra tutte le componenti del club.

Potresti esserti perso