Bilancio Torino 2018, crescita Giovanili: aumenta il numero di allenatori e staff tecnico

Bilancio Torino 2018, crescita Giovanili: aumenta il numero di allenatori e staff tecnico

Inchiesta TN – Parte 7 / Numero del personale tecnico dedicato ai settori giovanili in crescita: confermate le spese programmate nell’esercizio 2017

di Nicolò Muggianu

L’INCHIESTA

Inter-Torino FC U19 - Supercoppa Primavera - Coppitelli e staff

Da ormai 5 anni, qui su Toro News, analizziamo voce per voce il bilancio economico-finanziario e lo stato patrimoniale del Torino FC, con l’obiettivo di di dare ai nostri lettori una visione che sia il più precisa possibile di quella che è la situazione economica in casa granata. E in questo finale di stagione, conclusosi con il Torino al settimo posto in classifica della Serie A, non saremo da meno: si parte con l’analisi del bilancio dell’anno solare 2018, da poco pubblicato dalla società presieduta da Urbano Cairo.

LEGGI ANCHE: Bilancio Torino 2018, inversione di tendenza: fatturato in calo e perdita di oltre 12 milioni

LEGGI ANCHE: Bilancio Torino 2018, stop alle plusvalenze da record: 55,9 milioni in meno rispetto al 2017

LEGGI ANCHE: Bilancio Torino 2018, i ricavi da sponsor e diritti tv crescono ancora. E nel 2019…

Dopo aver analizzato a – grandi linee – il valore del fatturato, la frenata relativa alle plusvalenze e i dati riguardanti i diritti tv e gli incassi del botteghino, è il momento di mettere sotto la lente di ingrandimento il Settore Giovanile, da tempo uno dei fiori all’occhiello della gestione Cairo.

LEGGI ANCHE: Bilancio Torino 2018, il botteghino torna a crescere dopo tre anni di flessione

LEGGI ANCHEBilancioTorino 2018, ecco quanto è stato pagato Zaza

LEGGI ANCHE: Bilancio Torino 2018, il monte ingaggi cresce ancora. E il valore della rosa raddoppia…

CONTINUA A LEGGERE

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. PrivilegioGranata - 2 mesi fa

    Facciamolo crescere come si deve questo settore giovanile!
    Come un tempo, dal vivaio trarremo i nuovi campioni della prima squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giancarlo - 2 mesi fa

      Ok, ma mi pare che il calcio italiano tutto preferisca investire all’estero, piuttosto che in Italia (i giovani della nostra serie C e B sono tutti brocchi?). Piuttosto consideriamo che tirando fuori gente da Ogbonna a Barreca, il settore giovanile si ripaga abbondantemente gli investimenti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy