Toro, che paradosso: se le partite durassero 45′ i granata sarebbero primi in A

Il dato / Venti punti virtualmente conquistati dai granata nei primi tempi, a fronte dei sei realmente totalizzati. Il problema è la gestione dei secondi 45′

di Nicolò Muggianu

Venti punti nei primi 45′, soltanto due nei secondi tempi. Potrebbe riassumersi con questo dato il paradosso che sta vivendo il Torino di Giampaolo, reduce dall’ennesima rimonta subita in Serie A (la settima in questo campionato) dopo un primo tempo convincente nel derby della Mole contro la Juventus. Un film già visto e rivisto allo sfinimento in casa granata, con Belotti e compagni che ancora una volta hanno dovuto fare i conti con una seconda frazione di gioco non all’altezza dei primi 45′.

LEGGI ANCHE: Le pagelle di Juventus-Torino 2-1: la mediana granata crolla alla distanza

TURIN, ITALY – DECEMBER 05: Leonardo Bonucci of Juventus scores his team’s second goal during the Serie A match between Juventus and Torino FC at Allianz Stadium on December 05, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Daniele Badolato – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

IL DATO – In ipotesi, se le partite durassero soltanto 45′, oggi il Torino avrebbe 20 punti e comanderebbe la classifica di Serie A alla pari del Milan. Al contrario però, se si fossero giocati soltanto i secondi tempi, la squadra di Giampaolo sarebbe oggi il fanalino di coda del campionato con solo 2 punti raccolti in dieci giornate; peggio anche di Fiorentina (7) e Crotone (4). Un dato che fa riflettere sulla tenuta atletica e soprattutto mentale della squadra e che assume contorni ancor più incredibili se si va più a fondo, analizzando in quali fasi di partita arrivano i gol fatti e subiti.

DIFFERENZE – Il Torino, infatti, ha fatto registrare sin qui soltanto 6 gol al passivo nei primi 45′, a fronte delle 18 reti subite nei secondi tempi. Di queste, ben dieci (!) sono arrivate nell’ultimo quarto d’ora, dal 75′ al 90′. Stesso trend (anche se meno marcato) per quanto riguarda i gol realizzati: Belotti e compagni hanno segnato per 11 volte nei primi tempi, a fronte delle sole 6 marcature realizzate nei secondi 45′. Numeri che sottolineano da un lato il buon livello delle prestazioni offerte dalla squadra di Giampaolo nei primi tempi e dall’altro i troppi blackout che il Torino è solito avere nella seconda metà di gara senza riuscire a porvi rimedio. Peggiora, di conseguenza, anche il numero di punti persi da Belotti e compagni da situazione di vantaggio: 19, record europeo sempre più consolidato e frutto di una serie crisi di identità, la quale affonda le sue radici in problematiche che la squadra si porta dietro da più di un anno (qui l’elenco delle rimonte subite nel 2020 a cui vanno aggiunte quelle in Torino-Sampdoria e derby). Questo Toro di certo sta mettendo a dura prova i nervi dei suoi tifosi.

76 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Emilianozapata - 2 mesi fa

    Questi giocano mezza partita, in sostanza. E dimezzare gli stipendi? No meglio di no. Poi giicano solo 22,30 minuti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. MarchigianoGranata - 2 mesi fa

    Tolto il fatto che praticamente il Toro non ha una società e di conseguenza un presidente alle spalle, mi domando perché, ad un quarto di campionato giocato e a differenza di tutte le altre squadre,si debba ancora sentire parlare di scarsa tenuta atletica e qui il mister e il suo staff hanno tutta la responsabilità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Askorbato - 2 mesi fa

    Siamo inguaiati!!!! Altro che…… SVEGLIA!! Bisogna pensare a prendere soluzioni che diano una svolta non raccontare vere puttanate . Lo scorso anno avevamo una classifica buonina e abbiamo contestato un ottimo professionista….. siamo proprio RIDICOLI

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 2 mesi fa

      L unico che si dovrebbe contestare è Cairo. Ma lui è intoccabile e non sbaglia mai nulla . Continuiamo a guardare la pagliuzza e mai la trave. Vi siete mai chiesti come mai son anni che cambiamo allenatori e facciamo costantemente cagare? Bene che è andata un settimo posto? Poi anni in b , anni a fare dodicesimi posti e ora da 2 al fondo della classifica? Il problema sono gli allenatori? O la mancanza di saper gestire i giocatori da parte della società? Dove è Cairo? Dov è comi ? Dove è Vagnati? Tutti dietro le quinte a non dire un tubo e a non fare un cazzo??? Ma basta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Luigi65 - 2 mesi fa

        sono d’accordo con te

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. D66 - 2 mesi fa

    Si e magari siamo anche quelli che hanno preso più pali e traverse…la verità è che siamo scarsi tecnicamente , e il mercato ha portato calciatori ancora più scarsi di quelli che già avevamo, grazie Vagnati (il più scarso).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Innav (CAIROVATTENEINBELIZE) - 2 mesi fa

      Vagnati sarà scarso ma è senza soldi, meno di quelli che aveva Petracchio. Il suo palmares però è da cairese.
      Ci va una struttura societaria, osservatori. Leo quando il nano gli ha chiesto di fare osservatore x Brasile, si è messo a ridere. Magari gli ha offerto 1000 eu x giocatore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. GRANATORO - 2 mesi fa

    Non sono d’accordo, non giochiamo il peggior calcio di serie a, non quest’anno, al contrario giochiamo, a tratti anche bene ma lo facciamo per poco più di un tempo, poi emergono scarsa resistenza e paure. Per quanto riguarda i singoli, lyanco è un buon giocatore ma la miglior difesa a tre è nkolou-izzo-bremer, i movimenti sbagliati di ieri sono da scuola calcio, ansaldi dura 1 tempo, zaza è quasi sempre irritante, a ogni contrasto o manata si ferma e si lamenta anziché continuare a correre come fa il gallo, rincon e meite’ ogni tanto staccano la spina perdendo palloni pericolosissimi, verdi è inutile infierire, sirigu ha bisogno di riflettere, non so se in panca cmq 2 palloni a 2 metri dalla porta devono essere suoi. GP non può sintetizzare tutto questo parlando di virgole, non fa onore all’onestà che gli riconosco, dovrebbe cominciare a prendere seriamente posizione su certi atteggiamenti da parte dei calciatori in campo considerando che aldilà del nostro fegato lacerato un’idea di gioco c’è, si vede, è tangibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 2 mesi fa

      E quindi ? Contano i punti il bel gioco può venire prima, ed è auspicabile, ma serve fare punti
      Se non si fanno …..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Messere Granata - 2 mesi fa

    Nessun paradosso. Siamo dove meritiamo di essere. Passino una o due partite, ma questo scempio è figlio di una Squadra scarsa e di scelte sbagliate. Non sarà certo fornendo degli alibi inesistenti che ci salveremo. Società assente e guida tecnica confusa. I classici ingredienti per un fallimento ormai inevitabile. Lo dico sopratutto guardando tutte le partite delle altre Squadre. Noi siamo i peggiori e se il Crotone avesse Belotti sarebbe sopra di noi. Agonia senza fine. Non ci sono segnali che alimentino la speranza, ma solo disperazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Innav (CAIROVATTENEINBELIZE) - 2 mesi fa

    Articolo interessante. Il problema è che nelle altre squadre, essendoci meno pippe, quando si mettono a correre per recuperare la partita, lo fanno. I nostri sono ai 100 dal 1 minuto e quello rimangono.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. altoro - 2 mesi fa

    Purtroppo ieri sera il derby torinese ha registrato la settima rimonta subita dal TORO, durante questo primo quarto di campionato, e questo dato documenta in modo assolutamente oggettivo la cronica fragilità psicologica dell’intera squadra granata, totalmente incapace di amministrare e gestire il vantaggio, conseguito nella prima frazione di gioco, come la competente Redazione di ToroNews evidenzia sotto l’aspetto statistico.
    Ricordo che in occasione della conferenza stampa accaduta lo scorso 1° Novembre dopo la clamorosa e incredibile rimonta subita dalla Lazio (in vantaggio per 2-1 a tre minuti dal termine, il TORO subì la rimonta e quindi la conseguente sconfitta per 3-4 durante i dieci minuti complessivi del recupero), il tecnico abruzzese rispose ad una domanda specifica di un cronista che “era necessario un percorso di autostima psicologica oppure, in alternativa, l’intervento di un esorcista”, cito testualmente, per debellare in modo definitivo i timori e i fantasmi, sotto l’aspetto della tenuta mentale, che sono radicati nella testa di troppi calciatori, strascichi della sofferta e tormentata salvezza conseguita la scorsa stagione.
    Nel frattempo sono trascorsi circa quaranta giorni e nulla è assolutamente cambiato, il nostro amato TORO ha continuato a subire puntuali e spietate rimonte durante il secondo tempo delle partite , in cui si manifesta, ahimè !, ineluttabile e costante, il noto quarto di totale black-out collettivo, sotto l’aspetto sia della tenuta atletica sia di quella mentale, dell’intera squadra granata. A quel punto improvvisamente la stessa “stacca la spina” totalmente e perde materialmente sedici punti in classifica, se non erro il dato, da precedenti situazioni di vantaggio parziale. Purtroppo nel tempo il dato è divenuto assolutamente cronico in quanto, ad ulteriore oggettiva prova dello stesso, nel 2020 il TORO ha fatto registrare il negativo record europeo del maggior numero di rimonte subite e, di conseguenza, di punti dilapidati in classifica, prendendo in considerazione i 5 più importanti campionati in Europa, ossia la Premier League inglese, la Bundensliga tedesca.la Liga spagnola, appunto la Serie A nazionale e la Liga One francese. A questo punto ritengo auspicabile l’accesso nello spogliatoio granata del “mental coach”, una figura professionale già sperimentata e operativa in altre discipline sportive, anche all’estero, la quale analizza ed assiste gli atleti sportivi professionisti provando ad arrecare un concreto beneficio agli stessi allo scopo di implementare la propria consapevolezza di autostima psicologica e quindi, conseguentemente, di migliorare al massimo delle potenzialità individuali il personale rendimento durante lo svolgimento della competizione sportiva. Chissà se nei prossimi giorni il tecnico abruzzese Giampaolo proporrà tale figura professionale, da inserire nel suo Staff Tecnico, al patron Cairo allo scopo di evitare l’incombente rischio di un prossimo esonero personale, nella malaugurata ipotesi il nostro amato TORO continuasse il trend di risultati negativi, che con l’attuale media dei punti in classifica, porta la squadra granata, terzultima in classifica, dritta direttamente in Serie B la prossima stagione.
    Naturalmente personalmente faccio i debiti scongiuri, come peraltro tutti voi, fratelli granata del forum, di fronte all’attuale concreto spettro della retrocessione.
    Nell’eventualità la figura professionale del mental coach è funzionale allo scopo di evitare la disfatta all’orizzonte, mi domando lo specifico motivo per il quale non ricorrere alla stessa, dal momento che la figura dell’esorcista, citata dal tecnico Giampaolo in conferenza stampa lo scorso 1° Novembre, risale storicamente al remoto Medio Evo e forse risulta ancora presente ai giorni nostri esclusivamente nelle criminali e alienate sette religiose, sparse nel mondo.
    La sessione invernale di mercato aprirà i battenti soltanto dopo l’Epifania e personalmente sono rassegnato in quanto non mi attendo assolutamente nulla di concreto dalla gestione societaria, già ampiamente collaudata durante l’arco temporale di oltre quindici anni condotti con il bilancino del farmacista, del parsimonioso editore alessandrino Urbano Cairo la cui oggettiva e totale incompetenza della materia calcistica lo ha portato a sbagliare clamorosamente anche i pochi investimenti finanziari effettuati, in quanto è un dato oggettivo che gli onerosi ingaggi di Zaza e Verdi si sono ad oggi rivelati sul rettangolo di gioco altrettanti clamorosi flop.
    A questo punto faccio una considerazione personale per cui lo stipendio del citato “mental coach” non è certamente paragonabile a quello, assolutamente assurdo e vergognoso, delle sopracitate “chiaviche”, sotto l’aspetto tecnico, Zaza e Verdi.
    Quindi l’invito personale è il seguente : pensaci “Cairetto” … all’auspicato prossimo ingaggio del “mental coach”, operativo all’ interno dello spogliatoio della squadra granata. Infatti, personalmente ribadisco, che sono convinto che lo stesso si rivelerà certamente maggiormente concreto ed efficace e assolutamente meno dispendioso a libro paga, in confronto alle scialbe prestazioni di Zaza e Verdi. Amen. Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paulinStantun - 2 mesi fa

      Questo è il genere di critiche (tutt’altro che tenere nei confronti di Cairo) che mi piace leggere: argomentate, sensate e durissimie, ma dove il Toro è il Toro e non la Cairese e a Cairo dai del somaro ma lo chiami col suo nome e non mandrogno.
      Sono totalmente d’accordo con te!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Faustoro - 2 mesi fa

    Se se..se avessimo un presidente granata vero e con gli stessi soldi del signor Cairo,saremmo tra i primi 8…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cup - 2 mesi fa

      Probabilmente è vero, ma non mi pare che Commisso a Firenze stia facendo molto meglio. Il Toro negli anni di Cairo ha però perso la sua vera natura che era fatta di grinta, rabbia e sudore, tali da surrogare anche la mancanza di classe rispetto alle prime della classe, e quando avevamo anche la classe (il Toro del primo Radice, quello di Mondonico, ma anche quello del secondo Radice con Junior e Dossena) allora si arrivava anche in alto. Oggi quello spirito è quasi sparito del tutto, incarnato solo nel meraviglioso Belotti, l’unico davvero degno di indossare la nostra maglia. Bremer e Singo potrebbero forse meritarlo, ma è ancora presto. Chi ha avuto il compito di costruire ogni anno il Toro (Presidente, D.G., allenatore) ha pian piano dimenticato questo aspetto. Non sono più stati acquistati giocatori come Darmian, Glik, Moretti ad esempio, tutti risalenti al periodo Ventura, che era poco granata ma di giocatori ne capiva. L’ultimo mercato ci ha portato degli ex-Samp perchè adeguati al gioco del mister, ma con tutto il rispetto per loro, gente come Linetty (che peraltro gioca sempre)cosa ci fa al Toro? Se a gennaio si riesce a comprare qualcuno, che abbia le caratteristiche di cui questa squadra necessita, gente che sputa sangue, non eleganti signorine. E si prenda un allenatore vero, che prenda i giocatori per il collo e gli scagli addosso gli armadietti negli spogliatoi se serve.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 2 mesi fa

        Commisso è arrivato 2 anni fa e sono 2 anni che ci sta davanti, Noi sono 15 anni che ci piglia per il culo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. paulinStantun - 2 mesi fa

          Si però la differenza di soldi tra Commisso e Cairo è più o meno quella che c’è tra Cairo e me (e fidati che, purtroppo per me, la differenza è veramente di diversi ordini di grandezza)

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ddavide69 - 2 mesi fa

            Cairo con la Cairo comunication ha un fatturato di oltre 1,2 miliardi di euro. Commisso fattura 1,8 miliardi di dollari. Non mi pare ci sia tutta sta differenza. E comunque prendiamo l esempio di delaurentiis che di sicuro fattura meno di Cairo, guarda dove è il napoli da anni e guarda dove siamo noi..

            Mi piace Non mi piace
          2. ddavide69 - 2 mesi fa

            Chiedo scusa , ti ho messo un meno per sbaglio.

            Mi piace Non mi piace
  10. Cup - 2 mesi fa

    Giampaolo è il figliasto di Galeone e Zeman e questi ultimi, che rispetto al nostro erano di una spanna superiori, al massimo hanno vinto il campionato di serie B (anche se Zeman arrivò secondo con la Lazio e terzo con la Roma), l’unica cosa a cui di questo passo, anche Giampaolo può ambire…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Emilianozapata - 2 mesi fa

    Se alle Olimpiadi i 100 metri fossero 50 anche mio nonno li correrebbe in 10 secondi. Ma che articoli sono?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. tric - 2 mesi fa

    E’ vero, abbiamo perso tantissimi derby, ma negli ultimi nove anni contro “La disonesta” hanno perso tutti! nove campionati di seguito in Italia non li aveva mai vinti nessuno. Senza rubare, probabilmente, l’avrebbero fatto solo gli Invincibili. Sono le partite con le altre squadre che contano e non bisogna regalare punti. Correre, correre, correre e per farlo: allenarsi, allenarsi, allenarsi! Guardate un po’ quanto corrono nel campionato inglese! Altro che scoppiare a metà ripresa!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 2 mesi fa

      ma basta sempre trovare scuse altrove.
      Questa’anno corazzate come BENEVENTO, CROTONE, VERONA sono risuscite a protare via punti agli innominabili. Sempre colpa dell’arbitro?? svegliatevi per favore!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 2 mesi fa

        È dura. È la sindrome dello sfigato Calimero. Ce l hanno tutti con noi perché siamo piccoli e neri, booouuuuuhhh ! Sempre a piangere, invece di rimboccarsi le maniche e cambiare registro.. sto presidente ha rotto abbondantemente il cazzo eppure c e ancora gente che da la colpa agli altri.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. fabrizio - 2 mesi fa

    ordine di scuderia… dare colpa ad altri, dare la colpa ad altri. Se mia nonna avesse avuto le palle avrei avuto due nonni.

    Se avessimo un altro presidente non avremmo perso 18 derby so 20

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Cuore granata 69 - 2 mesi fa

    Se se se se…con i se ci siamo rotti le palle..!!!solo un se, se potessimo mettere in campo noi tifosi la rabbia e le umiliazioni sportivamente parlando di quest’anno capireste cosa significa questa maglia..ma la società non parla va tutto bene?? Il rispetto per i tifosi dove sta?? Quando caxxo vedremo un dirigente parlare di sto periodo??Giampaolo può perdere in eterno??il mister chiede tempp, virgole e punti, i giocatori vedono miglioramemti, parlano di fede e bla bla bla..aspetto sui social le solite minkiate la prossima vinciamo la prossima la ruota deve girare…l’unica cosa che gira sono i nostri cosidetti attributi.che loro non hanno!! E se potessi gridare allo stadio vi direi CI AVETE ROTTO IL CAXXO!! E parlo a livello di sport..poi in sto periodo ci sono 1000 problemi a cui pensare piu’ seri..non meritereste manco un commento..ma 26 sconfitte dallo scorso campionato a oggi e parlano di se..state zitti e vincetene qualcuna SE volete che qualcuno ancora vi creda!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Stufodellamediocrita' - 2 mesi fa

    Una società inesistente, l’assoluta mancanza di progetti sportivi e di qualsiasi obiettivo se non quello di vivacchiare alla ben e meglio portano esattamente a questo. È un refrain continuo:
    tralasciando il Toro venturiano, e anche lì ci sarebbe da dire, nell’ordine:
    1) con Mihajlovic tridente d’attacco formidabile, difesa ballerina, centrocampo assente (esonerato dopo 1 stagione e mezzo);
    2) con Mazzarri, difesa formidabile, attacco discreto, centrocampo inesistente: arrivi in Europa per rinuncia del Milan, WM chiede quattro rinforzi e gli si compra il solo Verdi, totalmente inutile per il gioco da lui praticato, all’ultimo giorno di mercato (esonerato dopo poco più di 1 stagione e due gironi);
    3) con Longo la squadra, tra mille difficoltà, si salva solo grazie al gruzzolo di 27 punti raccattati alla ben e meglio da WM, ML capisce quello che manca e probabilmente parla chiaro alla società (esonerato ma tanto era solo un traghettatore si dirà);
    4) con Giampaolo, mister dal 4-3-1-2, imbastisci una squadra assolutamente carente nei ruoli cardine del suo gioco (regista, rifinitore e seconda punta), tanto è vero che il “talebano” torna al 3-5-2, l’unico modulo sostenibile con la rosa attuale (esonerato al max entro fine anno).
    Gli allenatori solo capri espiatori, mai messi davvero in condizione di poter praticare ciascuno il gioco a loro più congeniale.
    A onor del vero la rosa non sarebbe da retrocessione, sulla carta ma se Sirigu non para più, Izzo non gioca più, N’Koulou è discontinuo, Lyanco e Bremer forti ma,.come tutti i brasiliani, ogni tanto sbagliano grossolanamente, il centrocampo è al solito modesto e davanti si persevera con l’equivoco tandem Belotti Zaza che non sono compatibili, anche una squadra potenzialmenge da Centro classifica può andare in crisi irreversibile.
    Risultato: quest’anno, al di là delle colpe di Giampaolo, la cui modesta carriera parla da sé, fautore di un bel gioco ma non in grado di leggere le partite, la serie B è molto più che uno spettro.
    Sperare che bastino 1 o 2 partite vinte per far invertire il trend è solo una vana illusione.
    In più non si avverte in alcun modo la presenza societaria: Cairo parla solo quando non c’è niente da dire se non le sue solite litanie (Belotti non lo cedo, ho.speso tanto e fesserie varie); Vagnati non vede l’ora di ricomporre il duo meraviglia con Semplici, il resto non esiste.
    Questo il risultato finale di 15 anni e più di approssimazione, non volontà di crescere, assenza di obiettivi sportivi e programmi concreti.
    Dulcis in fundo noi tifosi: alcuni realisti della prima.ora, che dicono da anni le cose come stanno, venendo da sempre tacciati di essere gobbi, disfattisti, maicuntent;
    altri pro-Cairo da sempre che, solo ora, di fronte allo spettro concreto della serie B, finalmente hanno capito dov’è il.male che attanaglia il Torino F.C. (da me ribattezzato M.U.G.mai una gioia, da altri con evidente disprezzo Cairese);
    gli ultimi irriducibili fans dell’imprenditore alessandrino di nascita e milanese di adozione, manco mai stato tifoso del Toro, che ancora lo sostengono attaccando tutto e tutti, dall’allenatore di turno, al portiere, agli altri tifosi, nell’unica convinzione che l’alternativa a Cairo sia il fallimento. Questi sono le vittime della sindrome di Stoccolma…
    La realtà è questa, inutile negarlo o arrampicarsi sugli specchi: il Torino sta lentamente sparendo, che si retroceda o si vivacchi alla.meno peggio a centro classifica, stanno morendo tutti i valori che questa squadra storica ha incarnato per decenni. Ci resterà solo la storia, quella incancellabile!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 2 mesi fa

      Ma nooo se ascolti disturbati mentali come sigfrisbi la società (il padrone) non ha colpe. Le colpe sono di tutti meno che di chi decide. 🙂 prepariamoci ad un mercato invernale scintillante…. Già mi sento le sue prossime interviste. Cairo vattene.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. bordeauxgranata - 2 mesi fa

      Quanto mi piacerebbe vedere replicata pure qui l iniziativa dei tifosi del man utd che hanno ricreato il LORO united, in segno di protesta contro i loro padroni americani, e ad oggi stanno scalando la piramide calcistica inglese, con la costruzione di un loro impianto…la dignità non ha categorie e prezzo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Simone - 2 mesi fa

      Chapeau!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Bollinger - 2 mesi fa

      Fotografia perfetta della nostra situazione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. jimmy - 2 mesi fa

      Perfetto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. paulinStantun - 2 mesi fa

      Ma tu veramente pensi che ci sia qualcuno che è “fans dell’imprenditore alessandrino di nascita e milanese di adozione”???? A meno che ci sia un qualche suo parente o amico (cosa altamente improbabile) gli altri che leggono e scrivono qua dovrebbero scireverci perchè si parla di Toro, non per chi è il presidente.
      Non credo che nessuno sia entusiasta della gestione societaria, c’è solo qualcuno che prende nota che con Cairo non si dovrebbe fallire ed è contento di questo perchè vuole continuare a vedere giocare il Toro (più o meno benel, sperabilmente anche in A), e non può che prenderne nota dato che il Toro non se lo può comprare, mentre altri sono molto più critici e duri (ed è una posizione legittima e più che comprensibile) che sperano in cessione della società qualcuno che possa fare meglio.
      Poi vabbè ci sono anche gli insensati (che di solito non parlano più del toro ma della Cairese, quelli che il presidente è Mandrogno etc) che invece non li capisco proprio: odiano tutto l’ambiente e invece di passare il tempo a divertirsi, bere vino e trombare continuano a perdere tempo a seguire un blog dove si parla del Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Stufodellamediocrita' - 2 mesi fa

        Hai focalizzato la tua attenzione su una minima parte del mio intervento, tu sei uno di quelli a cui basta vivacchiare pur di esistere…quindi uno di quelli a cui Cairo starà sempre bene a prescindere.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

    Paradossi
    Se mettiamo un gatto in una scatola chiusa questo gatto può essere sia vivo che morto, finché non apriamo la scatola e lo osserviamo. L’osservazione determina se sia vivo o morto.
    Pertanto, propongo di guardare le partite del Toro solo fino al termine dei primi tempi. Dopodiché spegniamo la tv e non leggiamo il risultato finale.
    E voitla !
    Siamo primi in classifica
    Ma di che ci lamentiamo ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 2 mesi fa

      Mi sembra un’ottima idea 🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

      Più che altro mi sembra “l’unica “ idea efficace per non guastarsi il fegato e il cuore …

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 2 mesi fa

        Esatto 😉

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. tric - 2 mesi fa

      Abbiamo perso l’anima, ma anche il cervello.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. fabrizio - 2 mesi fa

      disturba vedere che anche ad un commento ironico come questo ci siano dei ritardati mentali che mettono i meno. Vi meritate la serie C con la Cairese.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. paulinStantun - 2 mesi fa

        Ti ho messo un “Non mi piace” perchè se sei uno che ha più di 15 anni e va a contare i “Non mi piace” è giusto che ti aiuti a soffrire..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Diablo - 2 mesi fa

      Bell’esempio quello del paradosso.
      Io nella scatola di Shroendinger ci metterei Cairo con la fiala di veleno , e di certo non l’aprirei mai più .
      Grazie CAIRO x questo spettacolo indegno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

      Fabrizio@
      I “‘meno” dati gratuitamente non li vedo più, come i secondi tempi dal Toro..

      Tric@ Se il cervello ce lo metti tu siamo a posto.

      Diablo@ #mettiamocaironellascstola

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Rimbaud - 2 mesi fa

    Su questa statistica sicuramente incide la qualità della panchina non si può negare. Ieri convocati vojvoda lukic gojak che non si allenano da un mese per il covid (infatti lukic non si è proprio visto),rimaenvano izzo e bremer buongiorno (ma i difensori non stavano facendo male aveva senso cambiarli?), Segre che è comunque un ex primavera che poteva sentire la partita (personalmente visto il piglio con cui è entrato in campo l’avrei buttato nella mischia prima), Bonazzoli che però quando lo abbiamo visto è stato spesso inconcludente.
    Personalmente credo che Giampaolo potesse fare dei cambi migliori, però da una parte questi cambi non li aveva , dall’altra magari non avrei tolto Zaza che comunque seppur goffo aggancia molte palle lunghe, segre e lukic potevano rinforzare il centrocampo. Rodriguez poteva passare a sinistra per un stanco ansaldi , mettendo bremer in campo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 2 mesi fa

      Il centrocampo era cotto, io non ci credo che in panchina nessuno avesse 20′(!!!) da spendere.
      I mancati cambi sono stato un errore, a mio avviso, gravissimo da parte di GP

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Bischero - 2 mesi fa

      Oooo finalmente. Aspetto mentale? Testa altrove? Ragazzi qua siamo senza panchina utile. I cambi del toro per chi vuole vedere con un briciolo di obiettività le cose sono 3 o 4 e quasi tutti in difesa. Con difesa a 3 izzo per lyanco. bremer per Rodriguez. Vojvoda per sìngo. A centrocampo 0 se non per 10 minuti ma senza le capacità per incidere veramente(segre bravo cristo ma penso che sia troppo grande la serie A) attacco Zaza per Belotti. Stop… Fine. Danno tutto quello che possono per 50/60 minuti e poi si spengono. Ma non perché non ne hanno voglia. Sono fisicamente così. Da 3 allenatori e 3 preparazioni diverse.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. paulinStantun - 2 mesi fa

      Devo cambiare la parabola di sky perchè evidentemente mi son perso dei pezzi, in particolare tutti quelli dove Zaza aggancia palloni…
      Tutte le volte che salta per prenderla di testa non la prende MAI!!!
      Non difende un pallone che sia uno, e quando caso rarissimo gli riesce poi scarica la palla sempre tra i piedi degli avversari.
      Tralascio il gol mangiato perchè forse l’avrebbe mangiato anche Meggiorini o Stellone però loro palle ne avrebbero prese e difese molte di più…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Rimbaud - 2 mesi fa

        Non ha fatto un partitone, ma Lukic l’hai visto scendere in campo tu?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Simone - 2 mesi fa

    Lo si è saputo per tempo che quest’anno si sarebbe continuato con i 5 cambi e chi avrebbe dovuto provvedere a fornire all’allenatore una rosa più ampia aveva tempo x farlo.
    Se l’allenatore fino all’89° ha effettuato UN SOLO cambio può voler dire solo 2 cose: o lui non ci capisce un cazzo o la rosa è talmente scarsa che non vale la pena di schierarli neanche al posto dei titolari bolliti.
    In entrambi i casi GRAZIE CAIRO!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. cuoretoro - 2 mesi fa

    Ci vorrebbe anche un portiere che aiuti la difesa sapendo uscire, sirigu gli anni passati non usciva ma in porta faceva miracoli adesso continua a non uscire e in porta non ne prende una, è ora di cambiare portiere tanto peggio di lui non può fare nessuno ogni tiro in porta è un gol. SIRUGU IN PANCA!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Emilianozapata - 2 mesi fa

      Detto tra noi: non mi risulta al PSG siano dei fessi che lasciano andare i calciatori di alta categoria a parametro zero. Ciò detto, riconosco al povero Sirigu di averci tenuti in A due anni in più di ciò che avremmo meritato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Gigiotto - 2 mesi fa

    Ma siamo sicuri che non siano gli avversari che ci fanno giocare i primi 45 minuti, poi ben sapendo x come siamo messi, nel secondo tempo accelerano un pochino e anche se sotto di più gol sono certi di reecuperare?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

      Si, siamo sicuri … :/

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Simone - 2 mesi fa

      Si si, vanno volontariamente sotto al primo tempo xké tanto sanno che recupereranno nel secondo.

      Geniale!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. paulinStantun - 2 mesi fa

      Ma è sicuramente così, solo che GP non è riuscito a capirlo perchè soli i veri genii arrivano a queste conclusioni…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. LeoJunior - 2 mesi fa

    Fare gli allenatori al 95’ è sempre facile e solitamente cerco di evitare suggerimenti ex post. Ma in questo caso lo abbiamo visto tutti e credo tutti l’abbiamo detto durante gli ultimi 20 min. Ansaldi era cotto e Cuadrado era l’unico pericolo in campo. Bastava mettere Bremer e spostare Rodriguez a sx.
    I giocatori hanno un blocco mentale ma anche lo staff tecnico è alla frutta.
    Fisicamente: non si possono confrontare squadre che giocano con 16 giocatori e i ns che scendono in campo in 12. È uno squilibrio evidente ed è colpa ns

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. MORO70 - 2 mesi fa

      Sono d’accordo con te ed è chiaro che non abbiamo panchina, ma la nostra mediana era in affanno già all’inizio della ripresa, abbiamo iniziato a perdere palloni e sbagliare passaggi facili, e questo succede puntualmente in ogni partita a parte forse Sassuolo e Genoa. Non è possibile in serie A avere un’autonomia di soli 45 minuti, altrimenti altro che 5 cambi. Anche Zaza sembrava distrutto dopo una discesa (quella del mancato 2 a 0) e 5-6 salti.
      Se ti chiudi a difesa del risultato devi avere qualcuno capace di fare male in contropiede altrimenti ti schiacciano e prima o poi la perdi.
      È evidente che noi corriamo di meno e ci stanchiamo prima, o un problema psicologico profondo (la tensione ti stanca, non c’è dubbio) oppure una preparazione atletica ridicola. O entrambe le cose.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. blubba - 2 mesi fa

    Credo ke GP sia giunto al capolinea. Dieci partite e squadra con gli stessi difetti. Ieri persa una partita contro i cadaveri ke giocavano a due all’ ora. Inaccettabile. Soprattutto il secondo tempo dv nn hai varcato la metà campo per 45minuti nonostante una della juve più scarse degli ultimi dieci anni. Credo di poter dare a GP la scusante dei cambi ke.in effetti nn ha se vuoi agire in mezzo al campo quando linettu e rincon o meite sono morti ti giri e vedi il nulla utile. Ovvio ke il malato presidenziale sia sparito dai radar con la scusa del covid e nel frattempo la barca affonda e noi insieme . Agire alla svelta ,basta stronzate sulle virgole ,bisogna vincere e basta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. granataLondinese - 2 mesi fa

    Non è un problema di preparazione atletica, sono anni che ci lamentiamo che dei preparatori atletici, il gioco di Giampaolo è dispendioso per i giocatori che ha.

    Quello che è grave è che non cambia.
    Ieri poteva cambiare gli spenti Ansaldi e Singo al 45o e non l’ha fatto.
    Dice che sono tutti titolari ma non è vero.
    È ossessionato con Lyanco perché ha il piede buono ma un goal a partita Lyanco te lo fa prendere.
    Si è dimenticato di Izzo in panchina. Ha recuperato Nkolou, miracolo!
    In un campionato con cinque cambi non usa il trucco.

    Non si fida della panchina? Ma che c’è da perdere, siamo ultimi, continuando così saremo ultimi anche in classifica.

    Fa giocare chi hai in panca, poteva mettere Segre prima, far salire Rodriguez mettendo dentro Izzo e Bremer in difesa, poteva mettere Vojvoda al posto di Singo.

    Ha cambiato un attaccante con un centrocampista, facendo scendere ancora di più il baricentro.

    Il silenzio societario di tomba poi mi da solo pensare che questo sia un piano diabolico per svendere i giocatori uno per uno.

    Dai che in B con Bonazzoli Segre Lyanco si fa un signor campionato!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TORONAPOLETANO76 - 2 mesi fa

      Lyanco ha fatto un ottima partita il male del Toro ha 3 nomi Sirigu un manichino inutile e dannoso, basterebbe Savic per fare punti, Giampaolo che non sa leggere le partite e fa cambi sbagliati e rarduvi6, ne aveva 5 ne ha fatto 1 lukic già tardi. Cairo per aver allestito nuovamente una squadra di gente immotivata affidandola ad un mediocre allenatore. Sarà serie B ma alla fine la cosa peggiore che non mi fa effetto oiuy nulla, il derby lo guardo rassegnato e ogni sconfitta dopo nostri vantaggio è talmente scontata che passa con naturalezza. Hanno fatto record su record negativi e continuano nella caduta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Rimbaud - 2 mesi fa

      Sono d’accordo, ho sempre difeso Giampaolo, ma la partita di ieri è stata un passo indietro. Ha ragione quando dice non è stata una rimonta come le altre, perchè questa volta la prestazione non c’è stata, siamo stati schiacciati tutti i i 90 minuti.

      Io ho avuto l’impressione che non si fidasse troppo dei cambi, vojvoda lukic e gojak non si allenano da un mese per il covid, rimanevano quasi solo difensori bremer izzo buongiorno segre bonazzoli edera.

      Non moltissimo bisogna essere onesti, ma un segre prima o un bonazzoli per zaza, mettendo lukic a centrocampo potevano starci.

      Su Ljanco la penso come te, ma ieri è stato provvidenziale in diverse occasioni, probabilmente una delle sue migliori partite.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. granataLondinese - 2 mesi fa

        Ci sta che non si fidasse dei cambi ed è facile da fuori, dopo mezz’ora scrivere che poteva infoltire la difesa e cambiare i laterali esterni..

        Però io non sono pagato i milioni che prende lui, a me sembrava ovvio che Ansaldi e singo faticassero, è la seconda o terza partita che crollano nel secondo tempo.
        Ansaldi è anziano e bollito, singo è giovane e non si risparmia.

        Sta allenatore leggere questi segnali dalla panchina.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. paulinStantun - 2 mesi fa

          Si è visto il cambio di Lukic: non è in forma perchè non si allenava da un po’ e si è visto (io sono un grande estimatore di Luikic). E’ entrato, non è riuscito neanche a mettere la fisicità che mette di solito ed ha rischiato l’esplulsione (perchè se lo buttavano fuori non ci si poteva lamentare più di tanto) per un intervento in ritardo che probabilmente un mese fa quando era in forma non avarebbe mai fatto.
          Evidentemente anche Gojak e Voyvoda non sono in forma e ha preferito non rischiarli.
          Un po’ di umiltà: se noi siamo qui a ciaccolare su un forum mentre GP riesce a farsi dare una carriola di soldi per fare l’allenatore, probabilmente ne capisce un po più di noi, non pensi???

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Nero77 - 2 mesi fa

    I numeri parlano chiaro,il bel gioco del maestro ha portato 6 punti in 10 partite,peggior difesa del campionato e figure di merda su ogni campo.Nonostante tutto,ancora ci sono tifosi che pretendono tempo per il maestro!Quali traguardi così importanti ha raggiunto il tecnico svizzero-abruzzese da poter vantare un così Grande credito con i Tifosi del Toro?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. GlennGould - 2 mesi fa

    In qualsiasi azienda, e sottolineo QUALSIASI..
    Se il capo è assente, non da’ l’esempio, e i suoi più stretti collaboratori sono pochi scarsi e svogliati, cosa succede? Succede che i dipendenti fanno il loro lavoro, affinché lo stipendio loro retribuito sia credibile, ma niente più. I più bravi vogliano andarsene, ed in generale la qualità del lavoro dell’azienda ne risente.

    È ESATTAMENTE ciò che sta succedendo al toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 2 mesi fa

      Perfetto. Dovrebbe essere scritto sui muri del Filatelia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Rimbaud - 2 mesi fa

      Sempre sostenuto e sempre lo sosterrò, ma qui non solo è assente, lo è dopo che in due anni ha fatto delle scelte e investimenti scellerati

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. policano67 - 2 mesi fa

    Cara redazione io aggiungo che se mia nonna aveva gli attributi io lo chiamavo nonno.con i se e con ma nn si arriva a nulla.cercate il vero colpevole di questo sfascio.vedete l improvvisazione societaria e la sua negligenza.vedete l assenza di un progetto da anni.una societa formata da un presidente e un allenatore nemmeno piu nelle serie minori si vedono piu.chiedetevi se gli acquisti vengono fatti con logica oppure si prende gente tanto per.essere giornalisti vuol dire cercare la verita.su cairo nn ce nulla da dire??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. fabio.tesei6_13657766 - 2 mesi fa

    6 sconfitte in 10 partite! Mi dispiace dirlo ma l’avevo detto che Gianpaolo non era da prendere, caro presidente non ho mai ingiuriato contro di lei per come fa il presidente, ma dall’esonero di sinisa ( che non doveva essere cacciatto) in poi ha fatto scelte completamente sbagliate. Si poteva prendere Dezerbi o Di Francesco ma non l’ha fatto, adesso deve prendere Sarri. Non commetta l’errore che per non esonerare Mazzarri si è fatto sfuggire Gattuso. Ora o mai più. Questo”MAESTRO” non può proseguire oltre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bollinger - 2 mesi fa

      Mi piacerebbe venisse Sarri ma temo che anche lui con questi giocatori dopo 4 partite passerebbe al 352.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. tric - 2 mesi fa

    E’ tutt’altro che un articolo inutile: indica perfettamente la diagnosi per uscire da questa crisi orrenda ed almeno salvarsi. Cambio del preparatore atletico. Poi manderemo via anche il presidente, anche quello della Federazione, anche quello del Consiglio dei ministri (sarebbe ora perchè col COVID ne ha combinate più di Cairo), eccetera!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paulinStantun - 2 mesi fa

      Sono convinto anche io che la preparazione atletica sia un problema, però temo che recuperarla a stagione in corso sia praticamente impossibile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Sempre e cmq Toro - 2 mesi fa

    Il gioco di Giampaolo è dispendioso e nei secondi tempi il centrocampo va in crisi di energie e arretra troppo. 3 dei 5 cambi dovrebbero essere effettuati li (Linetty, Meite e Rincon non escono praticamente mai). Speriamo che col recupero di Baselli, Goyac, Lukic ecc.. la situazione migliori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. bordeauxgranata - 2 mesi fa

    Ecco il nuovo record d Urbanino, dopo lo scudetto del bilancio, lo scudetto dei primi tempi..ho la nausea

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. Luigi65 - 2 mesi fa

    le partite non durano 45′ quindi articolo inutile
    i 5 cambi favoriscono le squadre più attrezzate
    la squadra gioca bene ma le amnesie difensive ci stanno facendo mancare risultati strameritati
    io resto con Giampaolo, bisogna dargli tempo, non può dare miracoli con i giocatri che si ritrova, giochiamo pure troppo bene secondo me

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. Garnet Bull - 2 mesi fa

    Io non ho mai assistito ad uno scempio del genere, assolutamente ridicolo… Grazie presidente ds 7 in pagella

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy