Toro, da De Biasi a Giampaolo: per Cairo 13 allenatori in 15 anni di presidenza

Toro, da De Biasi a Giampaolo: per Cairo 13 allenatori in 15 anni di presidenza

I tecnici / Ventura segna un punto di svolta, con Mazzarri la miglior media punti in Serie A. Il peggiore è Papadopulo: tre sconfitte in appena tre partite

di Alberto Giulini, @albigiulini
il film della partita

Da Gianni De Biasi a Marco Giampaolo: sale a tredici il numero di allenatori cui Urbano Cairo ha affidato la panchina del Toro. Un numero sicuramente elevato, che fa del granata uno dei presidenti con più cambi nel campionato italiano. Prendendo in considerazione le squadre che hanno partecipato all’ultima Serie A, solamente Cellino, Preziosi e Giulini hanno infatti una media di cambi in panchina più elevata.

L’ERA VENTURA – Nel caso del Toro, occorre però distinguere due periodi differenti prima e dopo l’esperienza granata di Gian Piero Ventura. Il tecnico genovese è stato il primo ad imporsi con continuità e dall’alto delle sue cinque stagioni è l’allenatore più longevo dell’era Cairo. Eccezion fatta per la stagione 2015-2016, chiusa al dodicesimo posto, Ventura ha sempre raccolto ottimi risultati conquistando la piena fiducia di Cairo. Il tecnico ha infatti prelevato una squadra reduce da un ottavo posto in Serie B e l’ha portata fino agli ottavi di Europa League.

LEGGI ANCHE: Toro, l’accordo con Giampaolo: 2 anni più opzione per il terzo a 1,5 milioni

PRIMA DI VENTURA – La maggior parte dei cambi in panchina sono infatti arrivati prima dell’approdo in granata di Ventura. Dal 2005 al 2011 si sono infatti alternati otto allenatori per un totale di dodici avvicendamenti in appena sei stagioni: dopo Gianni De Biasi è toccato a Zaccheroni, Novellino e Camolese che si sono alternati in Serie A. In Serie B la squadra è stata quindi affidata prima a Stefano Colantuono (il migliore in assoluto per media punti) e poi a Franco Lerda, con le piccole parentesi rispettivamente di Mario Beretta (quattro partite) e Giuseppe Papadopulo (tre partite, tutte perse).

LEGGI ANCHE: Toro, finita la riunione con Giampaolo. Cairo: “Tecnico di qualità, insegna calcio

DOPO VENTURA – Dopo l’esperienza di Ventura, Cairo ha quindi fatto ricorso ai cambi in panchina solo quando strettamente necessario. E così, dal 2016 al gennaio 2018 è toccato a Mihajlovic: per il serbo una media di 1.48 punti a partita. Al suo posto Mazzarri, che da un punto di vista della media punti (1.53 a partita) si è rivelato il migliore dell’era Cairo in Serie A. In ultimo, prima dell’approdo di Giampaolo che deve soltanto essere ufficializzato, la panchina è stata affidata a Moreno Longo: il tecnico ha collezionato 0.81 punti a partita, in un contesto comunque di gran lunga più complicato rispetto ai suoi predecessori.

SEI SODDISFATTO DI GIAMPAOLO COME NUOVO ALLENATORE? VOTA IL SONDAGGIO

GLI ALLENATORI DEL TORO STAGIONE PER STAGIONE

2005/2006 De Biasi (3° posto Serie B, vittoria playoff)
2006/2007 Zaccheroni, De Biasi (16° posto)
2007/2008 Novellino, De Biasi (15° posto)
2007/2009 De Biasi, Novellino, Camolese (18° posto, retrocessione)
2009/2010 Colantuono, Beretta, Colantuono (5° posto Serie B, persa finale playoff)
2010/2011 Lerda, Papadopulo, Lerda (8° posto Serie B)
2011/2012 Ventura (2° posto Serie B, promozione)
2012/2013 Ventura (16° posto)
2013/2014 Ventura (7° posto, qualificazione EL)
2014/2015 Ventura (9° posto)
2015/2016 Ventura (12° posto)
2016/2017 Mihajlovic (9° posto)
2017/2018 Mihajlovic, Mazzarri (9° posto)
2018/2019 Mazzarri (7° posto, qualificazione EL)
2019/2020 Mazzarri, Longo (16° posto)
2020/2021 Giampaolo

DI SEGUITO LA CLASSIFICA PER MEDIA PUNTI

  1. Stefano Colantuono 1.67 (43 partite)
  2. Walter Mazzarri 1.53 (88)
  3. Gianni De Biasi 1.52 (84)
  4. Sinisa Mihajlovic 1.48 (65)
  5. Gian Piero Ventura 1.47 (217)
  6. Franco Lerda 1.45 (42)
  7. Giancarlo Camolese 1.11 (9)
  8. Walter Novellino 1.06 (52)
  9. Alberto Zaccheroni 0.92 (24)
  10. Moreno Longo 0.81 (16)
  11. Mario Beretta 0.25 (4)
  12. Giuseppe Papadopulo 0 (3)
15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fabrizio - 2 mesi fa

    solo il numero di allenatori cambiati dovrebbe far pensare subito alla incompetenza di chi li ha presi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 2 mesi fa

      il numero di allenatori cambiati per stagione poi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BarberaPa - 2 mesi fa

    vorrei GPV come DG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

    Classifica che lascia il tempo che trova, dal momento che ad esempio in testa c’è Colantuono che ci ha allenato solo in serie B, e grazie al cavolo che è primo.
    Spicca Ventura, anche lui un anno in B ma gli altri in A con squadre meno competitive di quelle avute da Sinisa e Mazzarri.
    Mazzarri che pur con un gioco orribile la pagnotta la portava a casa.
    Gianpaolo lo vedo male e non mi piace. Tifo per lui ma ho la sensazione che in questo ambiente farà fatica e non durerà a lungo.
    Spero di sbagliarmi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 2 mesi fa

      ovvio che non durera’ a lungo. Chissa’ che giocatori arriveranno e soprattutto quando arriveranno…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Cuore granata 69 - 2 mesi fa

    Morale della favola di sti articoli.Il mister conta se la societa’lo asseconda sul mercato e lo supporta con un Dg e un Ds veri, non come lo scorso anno.Se no puoi prendere Klopp ma i miracoli non li fa nessuno.Cairo fai il presidente e e non fare tutto tu e male come al solito.Se no il prossimo anno saremo qui ancora con articoli analoghi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Rimbaud - 2 mesi fa

    A guardare queste statistiche Giampaolo non mangerà il panettone purtroppo per colpe probabilmente non sue, avrei richiamato Ventura, antipatico quanto volete, ma l’unico ad aver raggiunto risultati col presiniente e l’unico con le palle di imporre le sue scelte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dr Bobetti - 2 mesi fa

      Presiniente è notevole e fotografa benissimo lo scenario (purtroppo).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. TOROPERDUTO - 2 mesi fa

    L intenditore…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. suoladicane - 2 mesi fa

    bah, Giampaolo non me ne voglia, ma la realtà dice che è stato esonerato dalle ultime 7 squadre che ha allenato (riporto info di @granata)
    non si inizia certamente con il piede il giusto, si prende un allenatore lo si strapaga per arrivare al massimo al 10^ posto; bel gioco? mai fregato al presiniente del bel gioco, al presiniente interessa avere un mister parafulmine quando si perde (spessissimo) che parli di banalità e cerchi scuse, e che stia zitto quando si vince perchè in quei casi parla lui
    SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Dr Bobetti - 2 mesi fa

    La foto parla chiaro. L’unico allenatore ad oggi ‘consono’ al non-progetto di Cairo è stato GPV.
    Ventura ha lavorato producendo giocatori ottimi per le plusvalenze, investite poi poco e male.
    La realtà, da un punto di vista meramente calcistico, è che Ventura (con Petrachi) era spocchioso e talvolta pure antipatico ma ha lavorato bene, generando giocatori e rigenerandone altri. Ed è rimasto per 5 anni in sella.
    Tutti gli altri no.
    Ergo con l’attuale proprietà (sigh) serve un modello simile. Giampaolo può assolvere questo ‘ruolo’ ma deve essere assecondato sulle richieste dei giocatori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 2 mesi fa

      Interessante. Prendiamo gli allenatori perchè generino plusvalenze per il mandrogno, ovviamnte giocare per vincere non se ne parla, l’importante è fare plusvalenze

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Dr Bobetti - 2 mesi fa

        Il principio infatti non mi piace per nulla, ovvero serve fare mercato per guadagnare ma serve anche e soprattutto crescere per puntare a stare stabilmente nelle prime 6-7 del campionato.
        Di fatto ‘il meglio di Cairo’ se così si può dire è stato il periodo con Ventura e Petrachi dove poteva di anno in anno vendere al prezzo da lui desiderato (forse gli è andata male solo con D’Ambrosio) per comperare last minute. Ironicamente: proprio un bel progetto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. TOROPERDUTO - 2 mesi fa

      Ergo Cairo non ha capito un cazzo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. gelofsgranat - 2 mesi fa

    Eh si: questo “avvicendarsi” di allenatori aziendalisti è la prova concreta del grande progetto messo in piedi dal mandrogno, da 15 anni a questa parte, per alzare l’asticella delle ambizioni, raggiungere grando traguardi e riportare la società ai fasti che le competono….!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy