Calciomercato Torino: il Napoli e quei rallentamenti per Valdifiori…

Calciomercato Torino: il Napoli e quei rallentamenti per Valdifiori…

In entrata / L’affaire Higuain sposta l’attenzione dei partenopei: Petrachi non molla la presa e si muove sulle alternative

Valdifiori

Il Toro, il capitolo metodista e il centrocampista del Napoli Mirko Valdifiori. Il regista classe ’86 lo scorso anno sembrava davvero vicino a vestire la maglia granata, salvo poi scegliere di seguire il suo mentore Sarri in terra partenopea.

Poche presenze e un campionato vissuto all’ombra del titolare Jorginho: più giovane e – possiamo dirlo – per certi versi reputato più competitivo dallo stesso allenatore.

E ora? Aria di separazione, si potrebbe dire. Aria di rinnovo, al contrario, sostiene l’entourage del giocatore (leggi qui) che nella scorsa settimana ha avuto un colloquio con il patron De Laurentiis, nel quale ha fatto il punto anche sugli altri suoi assistiti Sepe e Hysaj.

La dirigenza del Napoli non pare intenzionata a lasciar partire Valdifiori, la cui valutazione – pari a 4 milioni – rimane alta per la filosofia granata. Questa, improntata ad investire grosse somme su giocatori più giovani e quindi su profili maggiormente futuribili.

Di mezzo, l’intenzione a priori di trovare un sostituto del regista, prima di valutare l’ipotesi di una cessione, ma soprattutto l’affaire Higuain. Il capocannoniere dello scorso campionato ha letteralmente distolto l’attenzione dei partenopei, i quali hanno ragionevolmente interrotto i contatti con tutti gli altri operatori di mercato: siano questi direttori sportivi o procuratori.

Il Napoli si è visto portar via il giocatore più decisivo in rosa, senza colpo ferire e ora – prima ancora dell’eventuale sostituto di Valdifiori – sta concentrando gli sforzi per portare a casa una punta che possa in qualche modo colmare il vuoto lasciato dal Pipita.

Non si escludono accelerate in entrata, visto che ora il patron De Laurentiis avrà a disposizione un discreto budget da dedicare agli acquisti, nel frattempo il Toro resta alla finestra, portando avanti i contatti per quelle che sarebbero le alternative allo stesso Valdifiori. Tra profili giovani e meno giovani.

14 commenti

14 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. gehenna8_723 - 6 mesi fa

    Napolinews.net? Pur di scrivere qualcosa ogni tre ore (quando non c’è nulla da scrivere) ci dobbiamo leggere anche come il Napoli intende sistemare il proprio organico…ok. Qualcuno risponda alla seguente domanda , che mi preme…perchè Peres si allena a parte e parte dalla panchina? E con risposta non intendo le supposizioni tipo: perchè è praticamente venduto eccetera, vorrei avere una risposta da fonte autorevole visto che da li partono mille ragionamenti di teste e di soldi. AdL lasciamolo dov’è…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Nicola - 6 mesi fa

    Il fatto che da 2 anni si dia la caccia a Valdifiori, un giocatore di 30 anni che ha costruito un’onesta carriera in serie B più un campionato in serie A (lo scorso non avendo giocato, non conta) mi lascia quantomeno perplesso…..non ci sono alternative? mah, non credo che non ce ne siano ad un costo accessibile in italia o all’estero.
    Oppure credo ci siano anche altri modi per giocare a calcio, anche senza il classico regista, playmaker, organizzatore di gioco o come lo si voglia chiamare….
    Saponara, Soriano e Kucka sono tutti ottimi profili, ma altra tipologia di giocatore, oggi soprattutto Saponara nel 4-3-3 su cui sta costruendo la squadra Miha non mi sembra proponibile, al massimo potrebbe giocare solo in un 4-3-1-2

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Scott - 6 mesi fa

      Dopo che i miei occhi hanno visto Gazzi & Bovo fare i metodisti, Saponara non lo farei giocare solo in porta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Scott - 6 mesi fa

    L’agente di Valdifiori “Toro squadra ideale per il rilancio di Mirko”. Facciamo quest’altro favore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Akatoro - 6 mesi fa

    Valdifiori secondo me non è male, cm neanche il meglio per noi. Io li ci vedrei bene kucka, o diousse. Per me ci vuole qualcuno che faccia anche fase difensiva. Come centrale ci sarebbe jansson, ma uno di livello darebbe più sicurezza. Portiere gomis i numeri li ha. Spero che sia pronto per la a. Punto Peres perfettamente d’accordo. Da risolvere. Mi piacerebbe restasse, perché se si c’entra Europa quest’anno sarà determinante in coppa. Ma se non si aggiungono soldi ci può stare venderlo per 20 e più, e comprare un centrocampista e difensore di livello 10-12 milioni l’uno. In attacco è vero sono in tanti e si rischia di far perdere un anno a qualcuno, è il rovescio medaglia della riforma tavecchio. Che alcune squadre i propri giovani saranno in prima squadra solo per rispettare la riforma ma salvo infortuni dei big troveranno poco spazio.
    Comunque sia c’è ancora tempo e la società mi sembra stia lavorando bene, e quest’anno saremo molto più competitivi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Placebo75 - 6 mesi fa

    Alcune considerazioni sparse e con il massimo realismo possibile suoi nostri attuali potenziali punti deboli:

    1- Nonostante l’abbondanza di uomini, temo che ci manchi un centrale difensivo di livello e forte di testa. Lo scorso anno ci hanno impallinato a raffica (e il gol preso ieri, per quel che conta, me lo ha ricordato). Il più forte che abbiamo, Maksi, al momento è un punto di domanda per tenuta e condizione. Tutti gli altri non sono ‘un centrale difensivo di livello’.

    2- Capitolo portiere. Io confido che Gomis sia forte come qualcuno di voi sostiene, ma è tutto da verificare e sarebbe un bel casino se si rivelasse non esserlo per poi dover riproporre Padelli.

    3- Serve un regista forte. E già lo sappiamo tutti. Presumo si chiuderà per Valdifiori e la scelta non mi convince particolarmente.
    Inizio a pensare che, a volte (vedi esempio del Gallo) sia meglio investire tanto (tipo 8-10) per un giocatore e sapere (al 90%) che un ruolo così sarà ben coperto per tot anni piuttosto che affidarsi a ripieghi, speranze, attempati etc… che non ti danno maggiori garanzie e che, alla fine dei conti, risultano operazioni pure più costose se sommate.

    4- Questione Bruno Peres da risolvere

    5- In avanti siamo in troppi e serviranno scelte dolorose, ma questo è il minore dei mali

    Sono tutte valutazioni che mister Sinisa dovrà fare in tempi rapidi. Ovvio che le scelte del mercato cambieranno in base al punto 4 (= più capitali a disposizione) per cui, se sacrificio sarà, meglio che sia subito. Che le prossime 2 settimane portino consiglio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. CONTE VERDE - 6 mesi fa

    Spero vivamente che non gettiamo alle ortiche 4 milioni per costui peraltro mediocre giocatore–lo provano le sole 2-3 èresenze nel Napoli dello scorso anno ..per salire di livello occorrono ben altri giocatori e quast’anno come ho dcritto piu’ volte sarebbe l’annata giusta viste le vicissitudine societarie delle due Milanesi-Lazio-Viola-Napoli
    x tentare il colpaccio ed arrivare ai preliminari di Champions- bisogrebbe che ci credesse anche il President Dux dopo il grande colpo RCS degno del miglior Michael Douglas alias GORDON GEKO di WALL STREET 1988 !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Scott - 6 mesi fa

    Arriverà sto pacco, alla fine.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Akatoro - 6 mesi fa

      Un pacco non è, ma neanche l’affare del secolo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Scott - 6 mesi fa

        con un saldo attivo di 10mln è un pacco. Non dico alla amauri ma quasi..Poi gli vorremo bene come se avesse bramato sempre di venire al Toro, ci dimenticheremo che ci ha snobbati per stare in panca. L’importante è non farsi illusioni, pensare di aggiornare lo score dei derby. Giocatori che cambiano la squadra non sono Valdifiori et similia. Il livello minimo dovrebbe essere un Saponara o un Soriano. Adesso ne vedo uno solo che spacca le partite….ma sta partendo. Però, rispetto agli anni scorsi sono contento perchè ci godiamo qualche ragazzo del Fila. Forse..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. skrunk - 6 mesi fa

          Non concordo, in giro di centrocampisti italiani che sappiano giocare la palla con tutti e due i piedi, abbiano una discreta visione di gioco e sappiano fare lanci ne son rimasti pochi, se escludi l’ormai pensionato d’oro Pirlo e Verratti chi c’è? Valdifiori…
          Poi, se hai dei talent scout che girano nelle serie inferiori magari qualcosa trovi, altrimenti devi cercare all’estero, vedi preferibilmente tra i comunitari, Spagnoli, Portoghesi, oppure Croati, ecc., altrimenti sudamenricani, ma sempre giovani che sappiano giocare la palla, ok?
          Al limite Saponara sarebbe una discreta alternativa, anche se è uno dei tanti che dimentica spesso di giocare in una squadra e salta l’uomo e tira in porta, cosa che va bene come alternativa se non arrivi in porta in altro modo, non come consuetudine…
          Soriano è un giocatore tipo Kucka, giocatore rispettabilissimo, sa fare soprattutto l’incontrista, la creazione del gioco forse non è il suo forte…
          Detto questo, che è poi solo la mia modesta opinione… niente di più, Valdifiori potrebbe essere utile poi come chioccia ai ragazzi della Primavera, vedi Osei e spero altri a seguire.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. AmmaMi71 - 6 mesi fa

          Diciamo che quando è in giornata anche Ljaic dovrebbe essere un giocatore che può fare la differenza e risolvere la partita…il problema è che non sempre è “in giornata”… Se prenderanno Vladifiori come “chioccia” per poter far maturare bene e in fretta un giovane (pare se ne stiano monitorando alcuni talentuosi tipo Lukic) allora mi sembra una scelta giusta e ponderata, altrimenti molto meglio virare su profili tipo Viviani che è di prospettiva e ancora giovane (24) ma con già esperienza in serie A…
          Vedremo!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        3. gehenna8_872 - 6 mesi fa

          A me piacerebbe capire dove vedi i 10 milioni di attivo, considerando che Glik (11 mln) ha ripagato Ljajic (8.5 + bonus) e il prestito oneroso di Falque (1.6 – 2.2 a seconda della fonte), senza contare il nodo ingaggi anche dell’esercito che ci è tornato da fine prestito e del pasticcio rinnovi inutili (e non parlo del rinnovo di Bruno Peres, piuttosto di quello dei vari Vives, Gazzi etc etc). Capito questo poi si possono fare tutte le considerazioni del mondo.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Scott - 6 mesi fa

            Non mi moderano il link diretto. Fai una ricerca per bilancio Torino 2015.

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy