Torino, è battaglia legale con il Leeds United: manca il pagamento per Jansson

Torino, è battaglia legale con il Leeds United: manca il pagamento per Jansson

Il caso / Disaccordo sul momento del pagamento dei 4 milioni. Avviata la vertenza davanti alla FIFA: i granata oppongono le regole scritte al momento dell’accordo

Jansson

A sorpresa sarà battaglia legale davanti alla FIFA tra Torino e Leeds per il riscatto del cartellino di Pontus Jansson. E’ quanto riportano alcuni giornalisti oltremanica su Twitter: indiscrezioni che trovano conferma anche in Italia, con il Torino che ha già avviato la vertenza davanti al FIFA Players Status Committee, lamentando palesi violazioni di accordi stretti al momento della cessione del giocatore, lo scorso agosto.

Riavvolgiamo il nastro: era il 18 agosto quando il Torino annunciava il passaggio del difensore svedese classe 1991 al Leeds United, militante nella seconda serie inglese. La formula dell’accordo prevedeva un prestito con obbligo di riscatto fissato a circa 3.5 milioni di sterline (poco più di 4 milioni di Euro) dopo la ventesima presenza ufficiale del giocatore. Ventesima presenza che è diventata realtà a fine gennaio: e lo stesso Leeds aveva comunicato ufficialmente che il giocatore “si unirà al club a titolo definitivo quando il prestito terminerà quest’estate”.

Tutto nella norma? No, perchè è sorta la disputa sul momento del pagamento dei 4 milioni. Il Leeds si ostina nell’affermare che i soldi sono dovuti al momento del termine del prestito, ossia il 30 giugno, mentre il club granata – opponendo accordi scritti e controfirmati da entrambe le parti – sostiene che il pagamento sarebbe dovuto scattare al momento della ventesima presenza. Questo però non è ancora avvenuto: siamo ormai a maggio e allora il club granata ha deciso di appellarsi all’autorità competente della FIFA, che ha già avviato le investigazioni. Il riscatto è obbligatorio e il pagamento deve avvenire secondo i termini pattuiti, la linea del club di Via Arcivescovado.

Cairo, Superga
Cairo, Superga

La situazione del giocatore diventa dunque un caso: se la FIFA darà ragione al Torino, il Leeds sarà condannato ad effettuare il pagamento più una corposa penale. Se invece i granata dovessero vedersi negate le loro ragioni, dall’Inghilterra c’è chi dice che il giocatore possa rischiare di tornare a tutti gli effetti un giocatore del Torino. Alcuni club, secondo indiscrezioni oltremanica, hanno già manifestato interesse, tra cui il Southampton. Ma i granata auspicano una veloce risoluzione della contesa, che possa vedere il Leeds pagare il dovuto e il giocatore rimanere a Elland Road, dove tra l’altro è velocemente diventato un idolo della tifoseria.

11 commenti

11 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Torogranata - 1 mese fa

    Io sono sempre convinto che non sia peggio di Rossettini e con parecchi anni ancora per migliorare, magari riprenderlo come valida alternativa di panchina al posto dei vari Carlao Ajeti e appunto Rossettini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabry - 1 mese fa

    Strana questa cosa, ma Cairo non è quello che guarda anche le virgole nei contratti (DS Petrachi Sportitalia),speriamo che il contratto sia chiaro e tradotto bene in inglese comunque l’ importante è incassare anche a giugno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. contegranata - 1 mese fa

    Se non sono stati rispettati gli accordi presi in sede di cessione è giusto che il Torino si tuteli.
    Il Leeds era a conoscenza della clausola.
    Beh, averli ora o il 30 giugno, l’importante è che il cash arrivi.
    Vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. bertu62 - 1 mese fa

    Beh, non è proprio “TUTTO LI'”…Se sti Inglesi avessero ragione, cioè il riscatto deve essere pagato a fine prestito, e se il fine prestito dovesse coincidere col 30 Giugno, beh…..basterebbe che CE LO RITORNASSERO “prima” del 30 Giugno, no? NO PRESTITO, NO PARTY :-) !!!! Di sicuro non gli lasceremo il giocatore A GRATIS, no? Quindi NON E’ tanto semplice! Però mi sa che non sono proprio bolliti al Toro nello scrivere i contratti, soprattutto Cairo!!!! Penso quindi sia solo una questione di Materia Grigia Britannica, che con la BREXIT hanno dimostrato di NON AVERE nel modo più completo! Un po come gli americani che hanno votato TRUMP, e adesso di ritrovano senza più assistenza medica!!! Ahhahahahahahah…!!!! PEZZI DI GOBBI !!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. CHC Bull - 1 mese fa

      Bertu62 sei troppo granata e troppo simpatico per credere che puoi scendere al livello di un gobbo generalista. La proprietà transattiva: Inglese = brexit = no brain è come quella rubentina del momento Mihajlovic = serbo = zingaro. Dimmi che noi siamo meglio. Cmq con affetto. Ciao

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. jade verum - 1 mese fa

    Eh ma cellino è fatto così. Intanto il Leeds è fuori dai playoff

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bertu62 - 1 mese fa

      Cazzo c’entra sto commento su cellino? Hai le pigne in testa?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. jade verum - 1 mese fa

        Si. Per questo sono LOGORROICO:-) !!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. user-9727807 - 1 mese fa

      C’entra perché Cellino è proprietario del 50% del Leeds

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. granatadellabassa - 1 mese fa

    Non capisco perché si scriva che potrebbe tornare al Torino.
    L’oggetto del contendere è semplicemente la data in cui i soldi dovevano essere versati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 1 mese fa

      ma infatti!

      tra gennaio e giugno, moh pagano e finisce li!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy