Ichazo nel derby, per il bene del Toro e di Padelli

Ichazo nel derby, per il bene del Toro e di Padelli

Il Granata della Porta Accanto/ Una provocazione: provare l’uruguagio in una partita “vera” è il modo migliore per avere un metro di valutazione più sereno sul ruolo di Daniele nel futuro del club granata

7 commenti
Ichazo

Se il mondo del calcio fosse sereno ed equilibrato forse il football in sé, come sport, non avrebbe tutto questo seguito e questa risonanza a livello mondiale. E il lunedì ci sarebbero molti meno argomenti di dibattito nei bar di mezzo mondo! Battute a parte, il pareggio del Toro contro la Roma sarà ricordato dai tifosi granata più che per il rigore dell’1-1 al 94′ (di per sé già un evento dalle nostre parti!) e per la freddezza con cui il platinato Maxi Lopez lo ha trasformato, quanto per l’errore clamoroso di Padelli che ha permesso a Pjanic una decina di minuti prima di portare in vantaggio i giallorossi.

Dopo l’incredibile autorete dell’anno scorso che condannò la squadra ad una sconfitta contro l’Empoli, il numero uno granata si è reso protagonista di un altro episodio eclatante che ha contribuito a dare forza all’utilizzo di un neologismo allora appositamente coniato per definire tali gesta: le “Padellate”. Una buona parte del tifo granata, che non vede di buon occhio il portiere ex Udinese più per la poca sicurezza che infonde alla difesa che per gli errori grossolani (pochi per fortuna) che commette, si è scatenato già allo stadio con parecchi fischi, ma soprattutto nei forum, chiedendo a gran voce che Ventura lo metta da parte dando spazio ad altri interpreti del ruolo. Premesso che sulla vicenda parte del mio pensiero coincide con quello del nostro Manolo Chirico che nel suo Tocco di Mano sosteneva che tutti commettono degli errori, anche i più grandi, ed è compito dei tifosi incitare e non scagliarsi contro i giocatori che indossano la maglia granata, è chiaro che su Padelli qualche riflessione va fatta, a cominciare dal brevissimo termine, cioè a partire dalle prossime due partite.

A mio parere Daniele va fatto giocare titolare contro il Sassuolo per dargli modo di dimostrare che quella contro la Roma è stata solo una giornata storta, di quelle che una o due volte all’anno capitano a tutti. Tra l’altro proprio nei minuti finali contro i giallorossi una sua parata su Dzeko ha permesso al Toro di restare in partita sullo 0-1, potendo quindi avere ancora la chance di acciuffare il pareggio, come poi in effetti avvenuto nel recupero. Se quindi già un parziale riscatto, non sufficiente, ma significativo di un professionista che nonostante un errore grosso come una casa ha saputo mantenere lo stesso la giusta concentrazione per farsi trovare pronto quando chiamato in causa dal centravanti bosniaco della Roma, in effetti c’è già stato, sarà secondo me contro gli emiliani di Di Francesco che Padelli dovrà dimostrare di essere più forte delle critiche e delle papere.

L’atmosfera intorno a Padelli è comunque stata negli ultimi due anni abbastanza strana. Errori, un po’ come tutti i portieri (Perin contro l’Inter ha preso un gol praticamente identico), ne ha fatti con la maglia granata, grandi parate pure (io ne ricordo una esagerata contro la Juve nel derby vinto ad aprile), però è sempre stato velatamente in discussione principalmente per due motivi: il primo è che ha sempre dato un senso di insicurezza alla retroguardia perchè poco propenso a far suo in uscita ogni pallone che transita nell’area piccola, il secondo per la sua gestione della palla coi piedi. Ad un portiere spesso più che i miracoli si chiede solidità mentale e capacità di gestire la difesa: i detrattori di Padelli sostengono che a Daniele manchino questi due elementi e ne portano a riprova il fatto che prima del Torino il numero uno granata non avesse praticamente mai occupato il posto di portiere titolare. Di sicuro il gioco impostato da Ventura, molto insistito sul coinvolgimento del portiere nel giro palla difensivo, non ha aiutato la piazza a “rilassarsi” nei confronti di Padelli che spesso ha fatto prendere dei mezzi infarti ai tifosi per leggerezze nel disimpegno coi piedi.

Ora, però, al di là delle critiche a priori, in un momento così delicato della stagione sarebbe una follia fare il tiro al bersaglio sul portiere che nelle gerarchie di Ventura è indiscusso titolare. Investire, soprattutto a gennaio, su un nuovo numero uno non avrebbe senso considerando che il Torino ha anche in prestito i due fratelli Gomis (specialmente Alfred nel Cesena) su cui magari puntare per il futuro. L’unica mossa realmente fattibile è capire quanto valga davvero Ichazo. Fino ad oggi l’uruguaiano ha giocato tre partite ufficiali e qualche amichevole, partite nelle quali però non è mai stato seriamente impegnato e dove non si è capito molto circa la sua affidabilità. Avvicendarlo oggi con Padelli in campionato sarebbe deleterio e molto rischioso, ma la Coppa Italia giunge a fagiolo per mettere davvero Ichazo su di un serio banco di prova. Passare il turno ci vede sfavoriti e non avendo nulla da perdere io fossi in Ventura lancerei titolare il giovane uruguagio. Se ne trarrebbero due tipi di indicazione: se facesse bene (al di là di risultato e di gol eventualmente subiti) si avrebbe la conferma che alle spalle di Padelli c’è un portiere pronto a sostituirlo in caso di altri suoi cali di rendimento, se facesse male, invece, si confermerebbe che il ragazzo non è ancora pronto per il nostro campionato e che più del dodicesimo in questo momento non può fare. In ogni caso sarebbe una prova “vera” per Ichazo senza però andare ad intaccare l’equilibrio mentale di Padelli che non avrebbe problemi a “digerire” la panchina in Coppa Italia.

Mi auguro quindi che Ventura abbia il coraggio di fare questa scelta, per il bene del ragazzo, del Toro e di Padelli stesso: Ichazo titolare nel derby. E chissà che non nasca una stella…

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 1 anno fa

    Tutta la difesa del Toro quest’anno non è all’altezza delle scorse stagioni, Glik per primo. Imputare al solo Padelli le sconfitte o, le mancate vittorie, pare molto azzardato. D’altro canto se viene convocato con una certa costanza da Conte in nazionale, sapendo che probabilmente non ci giocherà mai, visto chi ha di fronte, vuol dire che o Conte sbaglia di grosso o non ci sono tanti campioni nel suo ruolo in giro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FLAGHI - 1 anno fa

    Qualcuno mi deve spiegare perchè negli articoli in cui si parla di Padelli, i giornalisti tendono a minimizzare gli errori dicendo che anche i grandi sbagliano o che succede poche volte etc.. ed esaltano invece le grandi parate che ha fatto in questi 2 anni e mezzo (1-2 forse).
    Non è vero che ha sbagliato solo contro Roma ed Empoli, ha commesso errori nel derby, contro Genoa, Lazio, Frosinone etc.., le partite le ho viste e mi ricordo le prestazioni, ed anche gli anni passati non aveva giocato molto meglio, solo che la squadra andava bene, la difesa funzionava (non per merito suo) e quindi ha vissuto un pò di rendita.
    Vorrei ricordare al giornalista che i “grandi portieri” sbagliano, è vero, ma compiono anche parate decisive, cosa che al nostro ho visto fare molto raramente. Il problema del gioco coi piedi secondo me è l’ ultimo, anche perchè oggettivamente gli arrivano troppi palloni, sono ben più gravi i molti errori tra i pali e nelle uscite.
    Mi aspetterei più obiettività da coloro che scrivono per mestiere, invece mi sono sembrati più realisti molti tifosi sul sito, anche perchè ci sono chiare statistiche sul rendimento, oltre a quello che vediamo sul campo.
    Adesso paghiamo una scelta societaria sbagliata, ovvero puntare tutto su un portiere sopravvalutato da anni, se avessimo avuto un ricambio all’ altezza sarebbe stato molto meglio, ma anche Petrachi e Ventura hanno il diritto di sbagliare.
    Personalmente al riscatto di Padelli ci credo poco, sono quasi tre anni che lo aspetto, il ruolo del portiere è forse il più complesso, gli errori valgono doppio o forse più, ma proprio per questo secondo me ci vuole un sostituto più all’ altezza.
    In conclusione, io proverei Ichazo almeno in una delle due partite, non credo che possa fare molto peggio di Padelli, se invece il mister rimarrà convinto delle sue scelte sarò il primo a sperare nel suo riscatto, anche se personalmente non ci credo più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

      Frai molteplici errori di spadelli ti dei dimenticato quello con il Cagliari ( rinvio sui piedi di Sau che segnò, poi vincemmo 2 a 1) io non ricordo un portiere più sopravvalutato di lui non dico nel Toro ma in serie A, e poi dico è in nazionale si, ma nai nessuno ci ha mai offerto 100 mila euro per comprarlo, come mai?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. rumposhack@gmail.com - 1 anno fa

    Non lo so.
    In parte sono d’accordo con quando scritto, in parte invece credo che quest’anno il Toro abbia buone chance di arrivare in finale di coppa italia visto il disinteresse delle big e l’assenza dall’Europa nostra. Non so se sprecherei la possibilità di battere la peggior concorrente alla coppa agli ottavi, quando giocherà con le riserve.
    Anche se è la Juve, non dobbiamo vederlo come un derby ma come un ottavo di finale in cui la gobba giocherà con le riserve per via del campionato in cui deve recuperare punti a roma napoli inter fiorentina. Credo che quest’anno se la siano messa via la coppa italia, investiranno in champions league (che gli dà più soldi) e campionato, e se perdono in coppa poco importa. Credo ci sia bisogno di una partita solida e giocata da interpreti sicuri.
    Magari nel quarto di finale, paradossalmente più facile forse, si potrebbe provare Ichazo! (sempre se si vince)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Nick - 1 anno fa

    Buon articolo redazione, analisi giusta di vecchi problemi e sicuramente Empoli brucia ANCORA. Se avessimo vinto col Palermo e Empoli saremmo noi in EL con ampio merito. Cmq mi pare è chiaro i fattori sono due
    1. Ormai abbiamo tutti gli occhi puntati sulle padellate. purtroppo non si notano più le belle parate di Daniele ma solo se commette errori. Questo è sintomatico, mi dispiace; soprattutto perché siamo stati abituati ad avere portieri sempre di un certo livello
    2. Eviterei di personalizzare situazioni perché a parer mio ciò che conta è il bene della squadra e i risultati. Io guardo anche tutti gli altri 10 giocatori in campo quando sanno che la palla va verso il nostro portiere….penso le coronarie saltino anche a loro….
    Insomma diamoci una mossa! FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ToroFuturo - 1 anno fa

    La partita col Sassuolo è molto importante e devono andare in campo giocatori sereni e affidabili. Padelli ha già speso i suoi “bonus” e con un altro errore perderebbe ulteriore reputazione sportiva ed arrecherebbe danno al Toro. D’altra parte Ichazo non può affrontare direttamente la Juventus dopo essere stato titolare contro squadre di serie B. Due motivi che consigliano di fare giocare titolare Ichazo col Sassuolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ziocane66 - 1 anno fa

    Siccome a PADELLONE voglio bene come ne voglio altrettanto a IKAZZONE, sono altresì convinto che se si vuol far nascere una stella E’ ORA di piantarla con quei passaggi orizzontali in difesa ! La porta dove fare il gol che serve al derby è da un’altra parte!ok?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy