Under 21, Italia-Albania 3-1: prodezza di Parigini, gli Azzurrini vincono

Under 21, Italia-Albania 3-1: prodezza di Parigini, gli Azzurrini vincono

Nazionali / La squadra di Di Biagio, dopo il vantaggio di Dimarco, chiude il match con un gol incredibile di Parigini, arrivato al 94′

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

L’Italia Under 21 di mister Di Biagio ottiene una vittoria molto importante contro l’Albania, arrivata nel finale con un gol al 93′ di Murgia e un gol incredibile di Vittorio Parigini, giocatore del Torino, al minuto 94, qualche secondo prima del fischio finale, da posizione defilata con un destro incrociato. Una vittoria che dà morale agli Azzurrini, anche se Di Biagio non è ancora completamente convinto: “La cosa che guardavo di più era il gioco: leggermente meglio rispetto alla Slovacchia ma dobbiamo fare meglio. Serve dare continuità e alzare il ritmo. Lo abbiamo fatto a sprazzi nel primo tempo e ancora meno nel secondo. C’è da riflettere.

Under 21, Parigini leader con il Toro nel cuore: “Ho fatto di tutto per restare”

Resta sicuramente una vittoria per i giovani Azzurri, e a Parigini resta un gol incredibile: un’iniezione di fiducia molto importante per l’attaccante granata, entrato dalla panchina – al 66′ –  con la voglia di fare subito bene, ed essendo riuscito a fare qualcosa di fantastico. Un segnale importante anche per Walter Mazzarri, che di certo non resterà impassibile di fronte ad un gesto tecnico del genere. Questo gol potrebbe aprire qualche porta in granata a Parigini, che proprio nel ritiro con gli Azzurri aveva affermato di volersi giocare le sue carte con il Toro (QUI le sue parole).

parigini 4

Soltanto trenta minuti sono bastati a Parigini per riuscire a prendersi l’Italia Under 21, con il suo quarto centro in otto gare con la maglia Azzurra: una buona prestazione, coronata con una rete bellissima. Il giocatore granata è andato a chiudere una partita che era diventata anche molto difficile, visto il pareggio dell’Albania al 91′: ma grazie al gol di Murgia e alla perla di Parigini, l’Italia è riuscita a portare a casa una vittoria, facendo un passo avanti rispetto al match disastroso contro la Slovacchia della scorsa settimana.

29 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. alètoro - 2 mesi fa

    Da almeno tre stagioni Parigini è un autentico pilastro della Nazionale Under 21.
    Nel passato il tecnico serbo ha sempre sottovalutato la sua qualità sotto l’aspetto tecnico e in questa ottica assolutamente miope ha dimostrato una evidente incompetenza.
    Al contrario del predecessore, Mazzarri ha dato fiducia al ragazzo e sono convinto che egli si dimostrerà durante l’arco della stagione ampiamente meritevole di tale conferma.
    Sebbene la concorrenza è forte, tuttavia, credo proprio che Parigini si ritaglierà un suo spazio all’interno del TORO, la sua squadra del cuore, durante l’intero arco della stagione.
    Forza Vittorio ! Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Madama_granata - 2 mesi fa

    Gol in Nazionale, buone giocate, complimenti anche in TV, dalla critica e dai tifosi, disponibilità ad ogni sacrificio pur di restare con la maglia granata sulle spalle: questo è oggi Parigini!
    In questi commenti alcuni parlano di metterlo titolare: mi sembra prematuro. Ma in panchina, sì, pronto a fare il Jolly e a subentrare a partita in corso, anche con ruoli diversi, a seconda delle necessità della squadra!
    PARIGINI ED EDERA, per me, DEVONO ESSERE “PRIME RISERVE”, PRONTE AD ENTRARE IN CAMPO X SOSTITUIRE I TITOLARI!
    DEVONO AVERE LA POSSIBILITÀ DI ESPRIMERSI IN PARTITA, SE POSSIBILE CON UN DISCRETO MINUTAGGIO, PER DIMOSTRARE TUTTE LE LORO REALI CAPACITÀ!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. granatadellabassa - 2 mesi fa

    Gol bellissimo. Ma il percorso perché diventi un terzino è lungo e non è detto che vada a buon fine. Ma poi perché dovrebbe diventare un terzino. Solo per emergenza? Mah.
    Poi la lista di chi ha cambiato ruolo ed è diventato un grande è lunga. Vediamo che succede.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. granatadellabassa - 2 mesi fa

    Gol bellissimo. Ma il percorso perché diventi un terzino è lungo e non è detto che vada a buon fine. Ma poi perché dovrebbe diventare un terzino. Solo per emergenza? Mah.
    Poi la lista di chi ha cambiato ruolo ed è diventato un grande è lunga. Vediamo che succede.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. granatadellabassa - 2 mesi fa

    Gol bellissimo. Ma il percorso perché diventi un terzino è lungo e non è detto che vada a buon fine. Ma poi perché dovrebbe diventare un terzino. Solo per emergenza? Mah.
    Poi la lista di chi ha cambiato ruolo ed è diventato un grande è lunga. Vediamo che succede.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. granatadellabassa - 2 mesi fa

    Gol bellissimo. Ma il percorso perché diventi un terzino è lungo e non è detto che vada a buon fine. Ma poi perché dovrebbe diventare un terzino. Solo per emergenza? Mah.
    Poi la lista di chi ha cambiato ruolo ed è diventato un grande è lunga. Vediamo che succede.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Granata - 2 mesi fa

    Sto leggendo commenti di molti che si scandalizzano per una cosa sempre avvenuta in passato ai migliori e che sempre avverrà in futuro. Facciamo qualche nome ? La carriera di Javier Zanetti, ad esempio, è stata l’immagine della duttilità: l’argentino all’Inter ha fatto praticamente tutto, dal terzino all’ala, dal centrocampista al difensore centrale, con Gasperini in panchina. Paolo Maldini iniziò sulla fascia destra, ma le sue fortune, l’ex capitano del Milan, le ha create giocando come terzino sinistro e difensore centrale. E che dire di Pirlo, trequartista finito in mediana, oppure di Totti, che a trentasei anni tornò a fare l’ala sinistra dopo il ritorno in giallorosso di Zeman? Quest’anno volete sapere chi si sposterà dal suo ruolo normale in altra posizione con altri compiti ? Mario Mandzukic, Marek Hamsik, Dries Mertens, Javier Pastore, Bryan Cristante, Radja Nainggolan, Ivan Perisic, Hakan Calhanoglu, Gregoire Defrel, Kevin-Prince Boateng, Domenico Criscito, Antonin Barak, Artur Ionita, quindi Parigini non può fare il terzino ? Se lui ha dato disponibilità……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ischiagranata - 2 mesi fa

      Basta rimanere in casa nostra per ricordare Antonio comi centravanti o ala della metà degli anni ottanta che nel tempo si trasformo in mezzala e poi gioco nella Roma nel ruolo di libero o come preferite difensore centrale

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. silviot64 - 2 mesi fa

      Parli di fuoriclasse assoluti che, non dico in porta, ma potevano giocare ovunque (o quasi). Non è detto che Parigini non lo diventi, staremo a vedere. Quello che non capisco è perché, deciso il modulo a gennaio, non si è stati capaci di prendere un esterno di ruolo in più mettendosi nella condizione di dover adattare qualcuno degli attaccanti che invece potremmo noleggiare in parte ogni domenica, tanti ne abbiamo. Anche Berenguer è un “adattato” essendo sì un esterno, ma non del centrocampo a cinque (che poi di fatto e una difesa a 5).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. eurotoro - 2 mesi fa

    Ma possibile che al toro si devono sempre adattare a ruoli diversi …parigini e’ un’attaccante di movimento gran dribbling tiro e assist…ma perche’ deve fare il terzino! Cosi come berenguer e’ un ala pura…ma ci voleva tanto comprare un vero terzino sx? (Criscito,regini,dambrosio ecc.ecc.)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Joker - 2 mesi fa

      D’Ambrosio? Quello che ha rifiutato di rinnovare con noi per andare gratis all’Inter? Stai scherzando

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 2 mesi fa

      Quadrado ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. silviot64 - 2 mesi fa

      Esatto eurotoro, specie perché il modulo si sapeva da gennaio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Dani toro - 2 mesi fa

    Credo in te Vittorio…. La tua occasione arriverà, forse prima del previsto!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Kieft - 2 mesi fa

    In ritiro scrivevo che bisognava dargli un occasione ….lui non ne ha avute …..barreca le ha avute con infortunio di molinaro…chi si deve ancora infortunare ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Akatoro - 2 mesi fa

      Parigini è un 96, con grandissime qualità, tant’è che ha già 4 anni di esperienza tra a e b, con noi non ha avuto ancora possibilità ma non do la colpa alla società, il problema è che nell’ultimo anno e mezzo non è riuscito a dare il meglio di sé, tant’è vero che ha fatto parecchia panchina al Chievo e al bari, e col Benevento neanche ha avuto molta continuità, in più con noi si giocava il posto con giocatori troppo più quotati di lui, e in campo si scende in 11 con Max 3 cambi. Continui a lavorare sodo cercando di trovare la tranquillità di fare ciò di cui è capace e sicuramente avrà anche lui i suoi spazi, è un gran talento che però deve ancora sbocciare nella serie a, ma sicuramente ci arriverà

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Ischiagranata - 2 mesi fa

        Penso che parigini,giocatore di cui si e parlato poco e niente si ritagliera un spazio importante in questo campionato giocatore che Ha fatto la gavetta,mi li prima pagina ,eppure sempre positivo,mi ricorda tanti vecchi cuori granata come Venturin,sordo,lo stesso Moretti ,che non

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-14003131 - 2 mesi fa

    Forza Vittorio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. FVCG'59 - 2 mesi fa

    Eh ma vuoi mettere Berenguer? Molto, ma molto più forte… Parigini deve avere la sua chance nel Toro e dimostre se ha le caratteristiche per poter continuare a credere in lui: forza Vittorio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Turin2.0 - 2 mesi fa

    Ma cosa deve fare questo ragazzo dal cuore granata x meritare una maglia da titolare e non nascondiamoci dietro il dito dell’imparare a difendere non è il suo ruolo si è adattato solo x poter restare al Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Joker - 2 mesi fa

      Al posto di chi? Jago. Le sue occasioni le avrà ma farlo giocare titolare mi sembra un po azzardato. In fondo abbiamo giocato solo tre partite e presto per dire che l’allenatore non lo considera se è stato tenuto anche il mister ha pensato che li sarebbe servito

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. andre_football - 2 mesi fa

    Vittorio vai a giocare dove c’è gente che crede in te!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Granata - 2 mesi fa

    Felice per Vittorio. Si impegni sempre più ad imparare a difendere ed il futuro sarà bellissimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Wallandbauf - 2 mesi fa

      Si però se uno nasce per saltare l’uomo e servire l’attaccante o andare a rete…non vedo perché debba imparare a fare il terzino..il posto ad Ansaldi o Aina non lo toglierà di sicuro, meglio in prestito titolare a fare il suo mestiere, anche all’estero dove credono di più nei giovani

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 2 mesi fa

      Bah, le tue parole non mi convincono. In tanti anni di calcio ho visto migliaia di giocatori “nati” per fare un ruolo e “morti” facendo tutt’altro con successo. Fare un determinato ruolo, spesso, è una questione mentale più che tecnica. Lui sa dribblare, saltare l’uomo, sa correre, perchè non può imparare a fare una diagonale? O correre verso la propria porta ? O fare un tackle ? Finisco, lui ha dato disponibilità, quindi ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Wallandbauf - 2 mesi fa

        Il fatto che abbia dato disponibilità gli rende merito, dimostra attaccamento alla maglia e serietà. E della lunga lista che hai fatto sopra non mi sembra di vedere molti attaccanti finiti in difesa, forse l’unico che non hai citato è zambrotta. Per il resto gli può sicuramente fare bene imparare la fase difensiva, lo completa, ma le sue caratteristiche lo portano inevitabilmente a rendere meglio dalla trequarti in poi. Quindi continuo ad essere convinto che l’inventarlo terzino sia solo una forzatura dovuta alle necessità del momento con Aina e Ansaldi fuori, e i troppi attaccanti per solo due posti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Wallandbauf - 2 mesi fa

          Oltre che una forzatura anche uno spreco. Se poi diventa il nuovo roberto carlos sarò il primo a goderne

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Granata - 2 mesi fa

        Potrei citarne tanti da restare qui sino a domani. Aggiungo Comi e Quadrado. Ogni allenatore ha le proprie idee. Se collocano con la disponibilità/possibilità si fa il cambio, altrimenti no. Senza tanti problemi. Tu non sei d’accordo io si. L’importante che la squadra ci guadagni. No ?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata - 2 mesi fa

          Collimano non collocano. Correttore malefico

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy