Primavera, le pagelle di Juventus-Torino: Tobaldo lotta ma non basta, Friedenlieb si salva

Primavera, le pagelle di Juventus-Torino: Tobaldo lotta ma non basta, Friedenlieb si salva

I voti di TN / Zaccagno fa il suo, Candellone senza idee, la mediana delude

1 Commento

Serata amara, quella che accompagna negli spogliatoi la Primavera del Torino, poco dopo l’eliminazione per mano della Juventus dalla Final Eight. I granata si inchinano alle semifinali, lasciando ai bianconeri la sfida contro la Roma che assegnerà il titolo di categoria. La squadra è contratta soprattutto nella prima frazione, e fatica a creare pericoli anche nella ripresa, nonostante un piglio migliore.

ZACCAGNO 6: incolpevole sul gol, quando può solo toccare il cross di Lirola, controlla con la consueta attenzione l’area, distinguendosi spesso come primo regista dell’azione granata.

CARISSONI 5.5: l’imprecisione del terzino – dovuta forse alla tensione, forse alla vocazione per la giocata difficile – compromette lo sviluppo sulla destra dell’azione granata: tenta più volte un lancio lungo che non arriva a destinazione, e anche i calci piazzati (specialità della casa), stavolta non risultano pericolosi.

MANTOVANI 5.5: si dimentica un paio di volte gli avversari in mezzo all’area sui lanci dell’alter ego Romagna (centrale, capitano e playmaker aggiunto), riscattandosi in parte con alcuni interventi fondamentali – su tutti, la scivolata in apertura di seconda frazione.

FREDENLIEB 6: gioca meglio di tutti i compagni d’astuzia contro gli avanti avversari, sfruttando centimentri e fosforo. Anche per via aerea è una certezza, nel complesso si difende con mestiere.

PROCOPIO 5.5: il secondo tempo è di un’altra pasta, ma la prima frazione è eccessivamente compassata: non riesce mai a distendersi per ripartire l’azione del Torino.

PICCOLI 5.5: tra i centrocampisti granata è quello che sostiene maggiormente la sterile produzione offensiva, portando sostegno alle tre punte granata. Non riesce tuttavia a cambiare le cose, andandosi spegnendo con il passare dei minuti.

OSEI 5: la fatica patita nel contenere le avanzate bianconere dalle sue parti è immensa. Talvolta ci riesce, ma nel complesso non dà mai la sensazione di essere in controllo. In fase di impostazione rallenta troppo l’azione quando il pallone passa dai suoi piedi – spesso – facendo infuriare anche Longo nei momenti caldi dell’incontro.

SEGRE 5: poche volte prova a sviluppare l’azione palla al piede, e tanto meno a servire i compagni. Non approfitta dell’occasione di titolarità, fallendo nel bissare le buone prove messe in campo durante i playoff (dal 34′ st Berardi sv).

EDERA 5.5: tornato in campo dal 1′ dopo l’esclusione nel quarto contro l’Atalanta, è il più pericoloso di tutto il pacchetto avanzato granata, cercando il contropiede solitario nel primo tempo. Costringe Cassata al giallo e, in generale, è la prima preoccupazione della retroguardia di Audero. Il guizzo decisivo, però, manca, e oggi è un’assenza che pesa (dal 34′ st Traore 6: come al solito, entra e dà una grandissima mano sulla destra. Forse il suo momento arriva troppo tardi, la sensazione è che con più tempo avrebbe potuto fare più male. Spreca un pallone lisciato da Blanco, ma coordinarsi di mancino era davvero difficile).

TOBALDO 5.5: costretto al lavoro sporco, nonostante al grinta infinita con cui rincorre ogni avversario e salta contro chiunque, non riesce a fare la differenza. Nel primo tempo non gli arriva un singolo pallone giocabile, e allora tenta di prenderselo da solo, ma la tecnica difesa bianconera è un osso duro anche per lui. Nel complesso, le occasioni create sono nulle (dal 27′ st Debeljuh 5.5: mandato in campo da Longo per alzare la squadra, viene servito poco e male dai compagni, senza riuscire a rendersi mai pericoloso).

CANDELLONE 5: pochissimi spunti da parte del match winner della sfida contro l’Atalanta. Patisce oltremodo la velocità di gente come Macek e Lirola, alzando bandiera bianca contro l’organizzato settore difensivo della squadra di Grosso.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. FVCG'59 - 1 anno fa

    Forse non è stata la loro miglior partita ma tutte queste insufficienze mi sembrano un po’ troppo severe e non tengono conto della grande stagione comunque fatta.
    Difronte c’era un avversario, onestamente, più forte tecnicamente e fisicamente in condizioni migliori (peccato per la maglia…), bisogna però rendere grandissimo merito a Longo, a questi ragazzi e a tutto lo staff del settore giovanile, per quello che ha fatto e che andrà a fare nel nuovo centro sportivo e al FILA: è da qui infatti che potrà e deve rinascere il TORO del futuro. GRAZIE COMUNQUE!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy