Primavera, Palermo-Torino: Coppitelli e Scurto, sfida tra amici e rivali

Primavera, Palermo-Torino: Coppitelli e Scurto, sfida tra amici e rivali

Primavera / Il tecnico granata prepara la trasferta di Palermo: l’allenatore rosanero è una vecchia conoscenza

di Nicolò Muggianu

È tutto pronto: sabato pomeriggio alle ore 15.00 prenderà ufficialmente il via la nuova stagione della Primavera granata, impegnata nel match d’esordio allo Stadio Comunale di Santa Flavia contro il Palermo. Ma Torino-Palermo sarà anche Federico Coppitelli contro Giuseppe Scurto, un duello tra due dei tecnici più giovani e talentuosi del prossimo campionato Primavera 1. C’è grande stima reciproca tra i due: amici e coetanei (entrambi classe 1984), con un pregresso differente ma con in comune un passato alla Roma e una carriera da allenatori intrapresa in giovane età.

DESTINI INCROCIATI – Per motivi diversi. L’attuale tecnico rosanero ha un passato da calciatore professionista: 33 presenze complessive in Serie A con le maglie di Roma e Chievo Verona dal 2004 al 2007. Poi la Serie B con Treviso e Triestina, fino ad arrivare ai tanti, troppi problemi fisici che lo hanno costretto ad appendere le scarpette al chiodo alla giovane età di 29 anni. La “vocazione” di Coppitelli ha invece origini diverse: anni di studio sin da giovanissimo e pratica in molte categorie giovanili, prima di vincere tutto con i Giovanissimi Nazionali e gli Allievi Nazionali della Roma.

I PRECEDENTI – Proprio ai tempi degli Allievi ’98 risale il primo testa a testa in panchina tra i due allenatori. Un doppio incontro in campionato che – nel computo complessivo – vide uscire vincitore l’attuale tecnico della selezione Giovanile del Torino: 0-0 a Palermo e vittoria per 1-0 a Trigoria. Il campionato poi si concluse con il botto: Roma Campione d’Italia per la categoria Allievi e Coppitelli pronto a fare il grande salto verso la Primavera del Frosinone e del Torino. Scurto invece continuò a coltivare il progetto intrapreso: rimase alla guida delle giovanili rosanero, prima di essere promosso a mister della Primavera con cui lo scorso anno quando conquistò la promozione dal campionato Primavera 2 alla massima divisione Under 19. Un allenatore pragmatico che Coppitelli conosce molto bene: ottima organizzazione difensiva, figlia anche dell’influenza del suo ex mentore Del Neri (allenatore di Scurto prima alla Roma e poi al “Chievo dei miracoli”), e buona mentalità. Non sarà facile, ma c’è grande curiosità di vedere all’opera il Torino nella prima uscita ufficiale della stagione. Tanti volti nuovi ma una sola certezza: ripartire con la voglia di ripetere quanto di buono messo in mostra lo scorso anno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy