Torino-Fiorentina Primavera: ovvero, vincere per non smettere di sognare

Torino-Fiorentina Primavera: ovvero, vincere per non smettere di sognare

La presentazione del match / Ai granata servono tre punti per tornare in lotta per la qualificazione diretta alle Final Eight. Longo può puntare subito su Compagno

Primavera, Torino, esultanza

Riparte il campionato Primavera, e la prima partita del 2016 è forse quella che può dare una piega decisiva al girone di ritorno dei granata di Longo. Al “Don Mosso” di Venaria arriva la Fiorentina di Guidi, attuale seconda in classifica con i suoi 30 punti, contro i 23 dei granata quinti.

QUALIFICAZIONE DIRETTA – Non è quindi difficile capire come l’unico obiettivo per i granata sia quello di conquistare i tre punti. Rimanere a sette punti di distanza, o peggio finire staccati di dieci, vorrebbe dire vedere allontanarsi in maniera drastica e forse definitiva il sogno della qualificazione diretta alle Final Eight, che spetta alle prime due classificate. Non sarebbe certo un fallimento: a disposizione ci sono anche i play-off di qualificazione, ma i granata non vogliono e non devono lasciare nulla di intentato per il massimo obiettivo.

COMPAGNO D’AVVENTURA – Certo, non sarà facile arginare la Fiorentina. Da quella semifinale Scudetto dello scorso giugno che vide i granata superare i più accreditati viola con una fantastica tripletta di Claudio Morra entrambe le squadre hanno cambiato parecchio, ma i viola hanno confermato alcune pezzi da novanta come i centrocampisti Bangu e Diakhatè e l’esterno Minelli, a cui si è aggiunto il potente centravanti slovacco Jan Mlakar, classe 1998 pescato lo scorso gennaio dal Domzale e autore di 11 reti in campionato. I granata, dal canto loro, hanno aggiunto in questo gennaio un’alternativa davanti, Andrea Compagno, attaccante ex Catania e Pinerolo che ha subito convinto Longo ma che ha ancora tutto da dimostrare: oggi potremmo vederlo sul campo, se non dall’inizio a gara in corso.

Andrea Compagno, impegnato nell'amichevole contro il Lascaris
Andrea Compagno impegnato nell’amichevole contro il Lascaris

Il tecnico granata dovrebbe comunque confermare il 4-2-4 e difficilmente rinuncerà a Zenuni ed Edera. Le amichevoli di questo inizio gennaio contro Lascaris, Pro Vercelli e Alpignano hanno destato buoni segnali; ora ai giovani granata tocca tentare un’impresa in campionato. Appuntamento al “Don Mosso” di Venaria alle 14.30.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy