Torino Primavera, Longo adesso può salutare davvero

Torino Primavera, Longo adesso può salutare davvero

Moreno Longo apre le porte ad un addio: “Ne parleremo col Presidente”. Cittadella pista calda, Sesia il sostituto?

2 commenti

Dopo quattro stagioni intense e ricche di emozioni, tutte culminate con la Final Eight (l’ultima, il Torino Primavera se l’è conquistata proprio oggi ai calci di rigore contro la Fiorentina), le strade di Moreno Longo e del club granata stavolta potrebbero dividersi.

I tifosi hanno già “salutato” il tecnico con uno striscione caloroso: “Grazie Moreno, questo non è un addio ma un arrivederci”, e il mister ha confermato la situazione in conferenza stampa: “Potrebbe essere giunto davvero il momento di mettermi alla prova col calcio dei grandi, ne parleremo col Presidente”.

Sono numerosi, del resto, i club interessati a Moreno Longo: la pista più calda porta a Cittadella, nonostante l’ottimo campionato di Roberto Venturato, che si è conquistato una meritatissima promozione in Serie B, il club veneto potrebbe decidere di puntare sull’attuale mister della Primavera granata per affrontare la prossima cadetteria.

Longo, peraltro, è stato contattato anche dal Bassano Virtus, e piace da tempo all’Alessandria, dove Gregucci – nonostante l’exploit in Coppa Italia – ha fallito l’accesso ai play-off, con una rosa teoricamente costruita per la promozione. Qui, ovviamente, si tratterebbe di Lega Pro, ma attenzione a un’altra pista in Serie B: parliamo della Pro Vercelli, club che si è sì salvato, giusto ieri nonostante la sconfitta contro il Cagliari, ma che punta a qualcosa di più e che da tempo è sulle tracce di Moreno Longo.

Moreno Longo, espulso contro la Fiorentina, assiste alla parte finale del match da fuori
Moreno Longo, espulso contro la Fiorentina, assiste alla parte finale del match da fuori

Insomma, i tempi per l’addio (ma noi – come tifosi – continuiamo a sperare sia piuttosto un arrivederci) sembrano piuttosto maturi: prima, però, c’è una Final Eight da affrontare, poi si deciderà a mente fredda. E l’eventuale sostituto? Un nome da tempo sul taccuino di Massimo Bava è quello di Marco Sesia, reduce da una stagione travagliata all’Albinoleffe. E’ tempo di “mister-mercato” anche per la Primavera, ma attenzione: non è ancora detta l’ultima parola, e alla fine il tecnico granata potrebbe anche scegliere di restare, soprattutto considerato che cosa succederà ad ottobre… Quando inaugurerà un certo impianto chiamato Filadelfia.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. razza in via di estinzione - 8 mesi fa

    Se fosse Sesia, io sarei contento.
    E’ stato al Barletta, in lega pro, nel 2014-2015 ed è riuscito ad infondere nella squadra il dna che si porta dentro, facendo un ottimo campionato, riuscendo, nonostante la socità fosse inesistente, a compattare l’ambiente, a far rendere i giocatori al massimo nonostante il mancato pagamento dello stipendio per diversi mesi (è stato centrato anche il record locale di imbattibilità), venendo poi ingiustamente esonerato, a salvezza ormai raggiunta, per non aver tenuto, diciamo così, una condotta aziendalista (ed infatti chi l’ha sostituito è finito sotto inchiesta nell’ambito dell’ultima indagine sul calcio scommesse insieme ai vertici della società).
    Qui a Barletta tutti conserviamo un ottimo ricordo di lui, sia sul piano tecnico che sul piano umano.
    Davvero un grande !
    Uno che il TORO ce l’ha ancora nelle vene !
    Qui tutti consevano un ottimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. aterreno - 8 mesi fa

    Ma la prima squadra no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy