Le Loro storie, Roberto Muzzi: “Io cresciuto per strada, ora penso solo al bene di mio figlio”

Le Loro storie, Roberto Muzzi: “Io cresciuto per strada, ora penso solo al bene di mio figlio”

Esclusiva / Il bomber di Torino e, tra le altre, Cagliari: “Io e Totti abbiamo imparato tutto nei vicoli sotto casa. Gigi Radice cambiò la mia vita”

di Marco Parella
  • Un nuovo modo di raccontare il calcio: quello dei protagonisti. Calciatori, allenatori, dirigenti. Sempre sotto la luce dei riflettori, ma mai veramente compresi o comprensibili. Noi li vogliamo avvicinare ai tifosi e ribaltare il meccanismo delle interviste. Non saremo noi a chiedere, saranno loro a raccontarci un aspetto del mondo in cui vivono. Un tema libero, potremmo dire. Sono i protagonisti stessi della nostra passione a condividere con noi “Le Loro storie”. Senza filtri, senza meta.

Gli anni passano, si diventa più pensierosi. E allora capita che l’uomo sopra il Toro della notte di Torino-Mantova, l’icona della romanità giallorossa ante-Totti, il rude guerriero dal capello sudato e dal pettorale prepotente si trovi a riflettere sul futuro di suo figlio (del maggiore Ramon. C’è anche Nicholas, anche lui calciatore, più vecchio di due anni). Roberto Muzzi è un padre preoccupato come tutti, positivo come pochi, disposto a mettere da parte il proprio orgoglio come pochissimi. Il mondo è cambiato e, almeno a livello calcistico, non pare in meglio. Grazie Robbè.

 
Mio figlio ha vent’anni. Fino ai 14 mi ascoltava, ora per i problemi calcistici parla con il suo procuratore.
Io faccio solo il papà.

21 Oct 2001: Roberto Muzzi of Udinese celebrates scoring during the Serie A match between Atalanta and Udinese, played at the Bergamo Stadium. DIGITAL IMAGE Mandatory Credit: Grazia Neri/ALLSPORT
21 Oct 2001: Roberto Muzzi of Udinese celebrates scoring during the Serie A match between Atalanta and Udinese, played at the Bergamo Stadium. DIGITAL IMAGE Mandatory Credit: Grazia Neri/ALLSPORT

Non mi impiccio tanto, anche se certe volte mi devo trattenere perché Ramon poi inizia a dirmi “io so’ io e te sei te; io ho certe caratteristiche, tu ne avevi altre”. Ha il suo carattere, la sua personalità e non vuole fare paragoni. È giusto così, io preferisco fare il genitore e dargli consigli su come comportarsi, sulla vita in generale. È cresciuto nelle giovanili della Roma, poi Torino, Lazio, Brescia e quest’estate è passato al Savona, in Serie D. Ci sono giovani che esplodono presto e si ritrovano subito in Serie A o in Nazionale e altri che ci arrivano più tardi. Lui deve ancora maturare, ma ha buone chances di diventare un professionista. È un ragazzo molto umile, sa quali sono i suoi limiti e dove migliorare e si comporta da professionista.

L’importante per me è che dia il massimo. Gliel’ho detto un sacco di volte: “Fai la tua strada, se ti piace continui, altrimenti vai a lavorare”. Non c’è nulla di male e non è detto che lui diventi un calciatore per cui qualunque scelta farà per me l’importante è che sia felice. Il destino non lo puoi comandare e se la sua strada non sarà quella del calcio, rimarrà sempre mio figlio e io cercherò di metterlo sulla giusta via per un lavoro. A 14 anni io facevo il carrozziere e so quanto valgono 1.200 euro al mese. Quello del calciatore o dell’allenatore è un mestiere che richiede grandissimi sacrifici, ma ripaga con tantissimi soldi. Ma chi fa il muratore, l’operaio, il meccanico si fa un culo enorme per uno stipendio molto, ma molto più basso. Bisogna rispettare tutti i lavori, soprattutto quelli più duri del nostro. A me interessa solo che mio figlio sia felice e vorrei fargli vedere che anche la gente normale che ha un lavoro normale e non può permettersi la Ferrari, ma soltanto una macchina normale, può e sa essere felice e costruirsi una famiglia stupenda.

30 Mar 2002: Roberto Muzzi of Udinese takes a free kick during the Serie A match between Udinese and Brescia, played at the Friuli Stadium, Udine. DIGITAL IMAGE Mandatory Credit: Grazia Neri/Getty Images
30 Mar 2002: Roberto Muzzi of Udinese takes a free kick during the Serie A match between Udinese and Brescia, played at the Friuli Stadium, Udine. DIGITAL IMAGE Mandatory Credit: Grazia Neri/Getty Images

Nel mondo del calcio non basta essere bravi e responsabili, certe volte serve un po’ di culo per essere al momento giusto davanti alla persona giusta. Per me fu fondamentale Gigi Radice.
Quando ero alla Berretti della Roma non giocavo mai, anzi andavo sempre in tribuna. Certe volte non venivo nemmeno convocato, stavo proprio a casa. Ero un anno più giovane per cui l’allenatore degli Allievi Nazionali, Barbanti, mi chiese di scendere di categoria. Io accettai e negli Allievi feci trenta gol in stagione. La stagione successiva feci il salto direttamente in Primavera, ma mister Spinosi fu subito chiaro: “Tu sei il quinto attaccante”. Decisi di aggregarmi lo stesso per la preparazione estiva e giocarmela, poi ci fu un’amichevole contro il Cagliari (vedi il destino) che allora era in Serie C. In tribuna quel giorno venne anche Gigi Radice, allenatore della prima squadra della Roma. Io sapevo che non sarei mai entrato e mi portarono in panchina solo perché era un’amichevole. Dopo nemmeno un quarto d’ora, però, entrambi gli attaccanti in campo si infortunarono. Io ero il quinto, quindi entrarono le due riserve, ma a mezz’ora dalla fine uno di questi prese dovette uscire per una distorsione. Entrai e feci due gol.

A fine partita Radice mandò il suo vice in spogliatoio perché doveva aggregare quattro ragazzi alla prima squadra, aveva già scritto i nomi. Io ero in doccia e mi ricordo che all’ultimo cancellarono quello di un mio compagno e scrissero il mio. Qualcuno poi gli chiese se era sicuro: “Voglio quel ragazzo, punto”, rispose deciso. Da quel momento per me cambiò tutto. Da quinto attaccante della Primavera alla Serie A. Giusto il tempo di fare due allenamenti, poi un’altra amichevole, stavolta contro la Cremonese. Radice mi buttò dentro negli ultimi venti minuti al posto di Rudy Völler e io segnai ancora. Erano passate poche settimane e i giornali mi soprannominavano già il “Baby Völler”. Fu pazzesco, inaspettato, quasi imbarazzante.

muzzi fontana filadelfia

Ho sempre avuto un carattere forte, determinato perché arrivavo dalle levatacce alle 5 di mattina e da giornate passate sotto alle auto. Questo mi ha aiutato tanto. Oggi a un giovane che va in prima squadra fanno subito un contratto da due o trecento mila euro e questo modifica la loro prospettiva. Io dopo sette mesi di Serie A prendevo un milione e duecento mila lire. Era il minimo sindacale e persino Giannini e altri più grandi di me andarono in società a chiedere che almeno mi venissero riconosciuti i bonus come a loro. All’epoca c’erano i premi a punto: ogni punto prendevi magari 40.000 lire in più, io vivevo su quelli. Ero avvelenato perché vincere voleva dire che a fine mese prendevi più soldi, perdendo invece avevo solo lo stipendio base. Se io avessi una società questa regola la applicherei immediatamente, ma dovrebbe essere la Fifa a implementarla a livello globale, altrimenti i calciatori più importanti emigrerebbero subito nei campionati dove non c’è. Nessuno la accetterebbe al giorno d’oggi.

Le ultime generazioni sono cambiate tanto dalla mia. Nessuno gioca più per strada. Di campetti ne sono rimasti pochi e c’è anche più delinquenza per cui i genitori non si fidano più a lasciar andare i figli. Da piccolo io scendevo di casa al pomeriggio e tornavo alle 9 di sera. Quella è una scuola che mi è servita tantissimo e come a me anche ai vari Baggio, Del Piero, Vialli, Mancini. Tutta gente che giocava per strada con gli amici. Con Francesco Totti io ci sono cresciuto e dopo scuola buttavamo giù le serrande dei negozi chiusi a furia di pallonate.

Il figlio di Muzzi ai tempi della Berretti del Toro
Il figlio di Muzzi ai tempi della Berretti del Toro

La strada manca tanto alle nuove generazioni. Il primo giorno in cui sono entrato a Trigoria per allenare gli Esordienti della Roma ho fatto fare una partitella. Non ho dato le casacche ai ragazzini e i responsabili mi hanno rimproverato: “Roberto, non puoi non far indossare le casacche, i ragazzi poi non si riconoscono in campo”. “Ma tu da piccolo ci hai mai giocato per strada? – ho ribattuto – Avevi le casacche?”. Io sapevo che ero in squadra con il bambino col maglione blu, con quello vestito di rosso e con quello con la maglietta gialla. In questo modo ho imparato ad alzare la testa e guardare dove passare la palla. Oggigiorno i bambini hanno le casacche numerate, le borracce, i conetti. Per strada non c’era niente e mi sono dovuto dare una svegliata in fretta.

In tutta Europa la situazione è praticamente la stessa anche se, per esempio, allo Sparta Praga dove ho allenato fino ad aprile i bambini si allenano tutti i giorni, non due o tre volte a settimana come qui da noi. Hanno a disposizione 9 campi in erba, un centro sportivo spettacolare che non è riservato solo alle varie categorie dello Sparta, ma è a disposizione anche delle squadre dilettantistiche. Invece l’unico posto che continua a sfornare campioni sapete qual è? Il Sud America. Lì si continua a giocare per strada, tra le case e quando poi i ragazzini si confrontano con i nostri, a pari età, sono tecnicamente molto più forti. Ma davvero tanto. Se i giocatori più forti della storia sono Maradona, Pelè, Ronaldo, Messi e arrivano tutti da là, un motivo ci deve essere.

ROME, ITALY - MAY 13: Roberto Muzzi of Torino celebrates his strike during the Serie A match between Roma and Torino at the Stadio Olimpico, on May 13, 2007 in Rome Italy. (Photo by Newpress/Getty Images)
ROME, ITALY – MAY 13: Roberto Muzzi of Torino celebrates his strike during the Serie A match between Roma and Torino at the Stadio Olimpico, on May 13, 2007 in Rome Italy. (Photo by Newpress/Getty Images)

Mio figlio purtroppo è già di quella generazione che non ha vissuto queste cose. Io ho cercato di spingerlo ad andare ai giardini o a giocare in qualche campetto, però ero l’unico. I suoi amichetti preferivano stare a casa a giocare con la Playstation per cui quando non mi allenavo lo portavo io a giocare. Raramente abbiamo incontrato degli altri bambini. Adesso in strada non c’è più nessuno, devi per forza iscriverti a una scuola calcio, ma tanta gente non ha 250-300-400 euro da spendere. E se per strada non puoi giocare e la scuola calcio non puoi permettertela, cosa resta ai nostri figli?

PRECEDENTI PUNTATE

LEGGI: Le Loro storie, Valerio Di Cesare: “Io e Kamil mai nemici. Ventura, uno dei migliori”

LEGGI: Le Loro storie, Attilio Lombardo: “Basta essere vice, adesso voglio una carriera tutta mia”

LEGGI: Le Loro storie, Riccardo Maspero: “Tratto i dipendenti della mia fabbrica come giocatori”

LEGGI: Le Loro storie, Cesare Natali: “Gli allenatori vanno controllati, altrimenti rovinano i calciatori”

LEGGI: Le Loro storie, Daniele Arrigoni: “Ho conosciuto davvero i miei figli soltanto quando ho lasciato il calcio”

LEGGI: Le Loro storie, Elvis Abbruscato: “Ero un terrone con un talento immenso, ma cercavo Dio”

LEGGI: Le Loro storie, Antonino Asta: “Sto facendo il giro largo per allenare in Serie A. Io non mi arrendo”

LEGGI: Le Loro storie, Alex Manninger: “Finalmente sono libero dal calcio”

LEGGI: Le Loro storie, Mirko Valdifiori: “Quella volta che io e Iago ci prendemmo a pugni (per finta)”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Conticchio: “Dopo una sconfitta mi incazzavo troppo per fare festa”

LEGGI: Le Loro storie, Ivan Franceschini: “È la sconfitta dei buoni”

LEGGI: Le Loro storie, Rachid Arma: “Noi figli non potremo mai fare abbastanza per i nostri genitori”

LEGGI: Le Loro storie, Luca Bucci: “Dissi a mio figlio ‘meglio poveri e onesti che alla Juve’”

LEGGI: Le Loro storie, Claudio De Sousa: “Mi ritirarono l’idoneità, ho pensato di aprire un MC Donald’s”

LEGGI: Le Loro storie, Migjen Basha: “Il Toro mi lasciò da solo a curarmi, ma quante risate con Glik e gli altri”

LEGGI: Le Loro storie, Antonio Nocerino: “Preso in giro da Ventura, volevo finire la carriera al Toro”

LEGGI: Le Loro storie, David Di Michele: “Cairo non mi lasciò andare alla Roma perchè…”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Mandorlini: “Io a piedi, Mihajlovic ancora nel giro senza aver vinto nulla”

LEGGI: Le Loro storie, Mauro Bonomi: “Spigoloso, martellante, un Messia. Chapeau, Mondo”

LEGGI: Le Loro storie, Stefano Fiore: “Astori come Moretti, esempi. Valorizziamoli prima che sia troppo tardi”

LEGGI: Le Loro storie, Sergiu Suciu: “Forse non l’avevate capito, ma io tifo Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Luca Mezzano: “Tanto, al massimo perdi”

LEGGI: Le Loro storie, Giovanni Margaro: “Perchè noi del Toro siamo diversi da quelli là? Troppo facile”

LEGGI: Le Loro storie, Salvatore Masiello: “Ma quale cocco di Ventura?!

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Gasbarroni: “Se non dribbli, cosa giochi a fare?”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Pellicori: “Ignorante sì, disonesto no. Io sono innocente”

LEGGI: Le Loro storie, Gianluca Sansone: “Lui”

LEGGI: Le Loro storie, Roberto Stellone: “Il lunedì non riuscivo ad alzarmi dal letto, ma il sorriso non l’ho perso

LEGGI: Le Loro storie, Lys Gomis: “Ho fatto pace col cervello, ora sono libero di tifare Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Omar El Kaddouri: “Mi prenderei volentieri un giallo per zittire i razzisti”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Gazzi: “Da giovane non parlavo. Il calcio per ritrovare la gioia di un bambino”

LEGGI: Le Loro storie, Simone Tiribocchi: “Per il bene di mio figlio, non dovrei farlo giocare a calcio”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Mantovani: “Non sono riuscito a essere la bandiera del mio Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Benoit Cauet: “Le corse per strappare un applauso io non le facevo”

LEGGI: Le Loro storie, Robert Acquafresca: “Dalle umiliazioni al sorriso, la mia disillusione”

LEGGI: Le Loro storie, Enrico Fantini: “Belotti non ha bisogno di Facebook per essere capitano”

LEGGI: Le Loro storie, Cesare Bovo: “Mi dicevano sempre rotto, io mi sentivo in colpa”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Fabbrini: “Per trovare talenti non basta YouTube”

LEGGI: Le Loro Storie, Alessandro Sgrigna: “Dietro al calciatore c’è l’uomo, rispettatelo”

LEGGI: Le Loro storie, Amauri: “Quegli sporchi minuti di recupero”

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giankjc - 2 mesi fa

    Un pezzo di neorealismo calcistico.
    Prima uomo e poi calciatore, bravo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. steacs - 2 mesi fa

    Grande intervista, purtroppo concordo su tutto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. One plastic - 2 mesi fa

    Intervista stupenda, dal sapore antico delle nostre gioventù.
    Martedi spero di potergli fare i complimenti di persona.
    Uno degli ultimi giocatori da Toro che abbiamo visto… infatti è stato allontanato
    .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Granata - 2 mesi fa

    Testuale…..Qualcuno poi gli chiese se era sicuro: “Voglio quel ragazzo, punto”….. ecco, in questa frase , detta da Radice, è spiegato tutto il calcio pre professionismo. Tutto. C’è l’opportunità da saper sfruttare al momento giusto. C’è chi vorrebbe altri al posto tuo perché non piaci o per altri interessi. C’è chi ha l’occhio lungo. C’è la determinazione nel perseguire un idea. Grazie Gigi e grazie a Roberto per la testimonianza ed il tuo impegno nel Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Gig66 - 2 mesi fa

    GRANDE Articolo! ! !
    Dovrebbero leggerlo e rileggerlo i giocatori che ogni settimana vengono elogiati per aver giocato bene e ” sudato” per la propria maglia…. Forse dico forse, capirebbero la fortuna che hanno.
    Complimenti a Muzzi, è proprio vero che chi parte dal basso e ha la fortuna di arrivare di solito mostra più sensibilità verso le problematiche che circondano tutti noi … MEGLIO LEGGERE QUESTE PAROLE VERE che i soliti discorsi triti e ritriti , che ci hanno stancato!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. adrianogabriel_924 - 2 mesi fa

    Mi unisco al coro di elogi per questo giocatore che mi ha sempre affascinato e che dimostra anche adesso di restare sempre un Grande. Tutto quello che dice è infinitamente vero. Bellissima e intelligente la storia delle casacche. Dovremmo portare uomini come lui a guidare le sorti del calcio in Italia. Grande Muzzi, mi hai emozionato con il tuo racconto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. prawn - 2 mesi fa

    Quanta ragione hai Muzzi, sei un grandissimo, in una semplice intervista hai spiegato beninssimo i problemi del calcio attuale, senza fare i nostalgici, la pura e cruda verita’ e’ che non esiste piu’, il calcio e’ morto, non so nel resto del mondo ma in europa l’hanno ammazzato di sicuro, forse in sudamerica esiste ancora, e forse proprio per la fame e perche’ la gente gioca ancora per strada

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

    Questa rubrica a volte è due spanne sopra tutte le altre.
    Ad esempio quando si intervistano ex giocatori di spessore umano e di intelligenza sopra la media rispetto alla maggior parte dei calciatori.
    In questo caso, con Roberto Muzzi è andata tre spanne sopra.

    Dove sono finiti questi uomini ?
    Senza polemica, ma io nel Toro (come altrove ) non ne vedo manco l’ombra.
    Sarà perché si formano alla play anziché nei cortili.. sarà perché non si sa, ma tant’è.
    Nostalgia infinita.
    Ciao Robbe!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. ALESSANDRO 69 - 2 mesi fa

    Ho ricordi bellissimi di Muzzi, arrivò da noi al crepuscolo della sua carriera eppure in campo dette tutto se stesso, Perché evidentemente la fame non solo bisogna averla per sfondare ma va coltivata lungo tuttto il percorso. È un articolo fantastico che scatta una fotografia perfetta dello stato attuale cui versa il nostro calcio. Io più volte dibatto con i miei amici ripetendo che non si vede più un ragazzino giocare nei cortili, per strada, ai giardinetti. Lui come altri suoi pari età prendeva 1.200.000 lire al mese più bonus di 40.000 lire a punto..ah ah ah ah..Non c’erano i procuratori allora, almeno fin quando non arrivavi al professionismo….Loro il cancro del calcio giovanile, non puoi prendere un ragazzino di 18 anni e riempirlo di soldi come avviene oggi. Che fame può mai avere???? Si sente già arrivato.
    Il calcio nasce nella strada, se gli si toglie quel luogo è come togliere la rondine dal nido per crescerla in salotto……..Questo è un tema che andrebbe copiato e incollato e spedito ai vertici della nostra federazione…Non servirebbe a nulla ma magari fra tante teste marce e colluse che vi alloggiano qualcuno si prenderebbe il disturbo di leggere e farsi insinuare il dubbio che forse si sta sbagliando qualcosa….Grande Roberto Muzzi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Kieft - 2 mesi fa

    Hai ragione ci vuole molto culo….i tuoi figli ne hanno già avuto molto a fare le giovanili nella Roma e non nel paese da 3000 abitanti….adesso devono incontrare qualcuno che gli dia fiducia….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy