Alfred Gomis portiere da Oscar. Prcic, croce e delizia del Perugia

Alfred Gomis portiere da Oscar. Prcic, croce e delizia del Perugia

Italia Granata / Il portiere para un rigore, il bosniaco segna e poi regala il rigore decisivo. Altro goal per Abou Diop

Italia Granata

In questa puntata di Italia Granata, l’Oscar come miglior attore protagonista va ad Alfred Gomis; è anche grazie alle sue parate se il Cesena batte il Cagliari capolista della Serie B, in cui Barreca fa panchina. Gioca Murru, che però si fa espellere, quindi nella prossima giornata l’ex Frecciarossa della Primavera granata tornerà ad avere spazio.

Sanjin Prcic è la croce e delizia del Perugia; prima segna un bel goal, poi regala il rigore decisivo. Una nota lieta è Abou Diop, che si sta rilanciando in maniera importante nella Juve Stabia: segna il quarto goal in cinque partite. Bene anche Luca Parodi e Claudio Morra, che gioca titolare nel Savona.

Mancano all’appello Mattia Aramu (Livorno), ancora fuori dei convocati di mister Panucci per infortunio; Vittorio Parigini (Perugia), che è sulla via del recupero dopo lo strappo alla coscia che lo ha frenato; Matteo Fissore (Fidelis Andria), che deve ancora rientrare dall’infortunio che lo sta tenendo fuori da mesi; Juan Sanchez Mino, che inizierà il campionato brasiliano col suo Cruzeiro tra qualche settimana; Emmanuel Gyasi, che con la sua Carrarese giocherà stasera, nel posticipo di Lega Pro contro il Pisa.

SERIE A

PRYYMA (Frosinone) – Ennesima panchina per Vasyl Pryyma nella gara che il Frosinone perde a Marassi contro la Sampdoria (0-2). Il difensore ucraino non ha ancora disputato un solo minuto da quando arrivato in Ciociaria, l’ultimo giorno del mercato di gennaio.

Vasyl Pryyma con la maglia del Frosinone (Instagram)
Vasyl Pryyma con la maglia del Frosinone (Instagram)

SERIE B

CHIOSA (Avellino) – Il difensore classe 1993 stavolta parte dalla panchina nella gara che i Lupi dell’Irpinia vincono 2-1 contro il Livorno in rimonta. Tesser lo inserisce al 24’ della ripresa, per chiudere la difesa a doppia mandata; lui adempie al compito assegnatogli e i verdi portano a casa la vittoria (VOTO: 6).

ROSSO (Brescia) – Il talento classe 1995, dopo i novanta minuti giocati la scorsa settimana, resta in panchina per tutta la gara giocata sabato dal Brescia (vinto 2-1 in casa contro il Como).

PRCIC (Perugia) – Il Perugia perde 2-1 a Chiavari contro la Virtus Entella. Il franco-bosniaco classe 1993 è protagonista nel bene e nel male. Prima, sul finire del primo tempo, segna il goal del pareggio per gli umbri, con una bellissima conclusione da fuori che fulmina il portiere Iacobucci, mettendo a segno il primo goal italiano. Poi, in zona Cesarini, con un fallo davvero ingenuo regala ai liguri il calcio di rigore che decide la sconfitta per gli uomini di Bisoli. Impressioni: Prcic ha ottime qualità tecniche, tanto che per il tecnico umbro è stato fin da subito un titolare. Ma deve ancora calarsi nella mentalità del calcio italiano: quella di sabato è la seconda grave ingenuità commessa, visto che tre partite fa è stato espulso per somma di ammonizioni in appena mezz’ora. (VOTO: 6)

BARRECA (Cagliari), ALFRED GOMIS (Cesena) – L’anticipo di Serie B del venerdì vedeva il confronto tra coloro che sono probabilmente i due prospetti in prestito più importanti del Torino: Antonio Barreca e Alfred Gomis. Al “Manuzzi”, la gara tra Cesena e Cagliari si è conclusa con la vittoria dei romagnoli (2-0), che hanno così frenato la corsa della capolista. Se il laterale classe 1995 è stato tenuto in panchina da Rastelli, dopo diverse gare da protagonista (il concorrente è pur sempre il promettente prodotto di casa, Murru, che peraltro si è fatto espellere), il portiere è indubbio primattore nei romagnoli. Al 35’ del primo tempo, un rigore inesistente viene assegnato al Cagliari: Gomis diventa un gigante e para il rigore a Giannetti con una parata da campione. Successivamente, salva un’altra grande occasione con una coraggiosa uscita sui piedi di Melchiorri lanciato a rete. Insomma, Alfred Gomis si conferma tra i migliori portieri della Serie B. (VOTO: 7.5)

Alfred Gomis festeggia con i suoi compagni del Cesena la vittoria sul Cagliari (Instagram)
Alfred Gomis festeggia con i suoi compagni del Cesena la vittoria sul Cagliari (Instagram)

LEGA PRO

GRAZIANO (Renate) – Panchina per il centrocampista classe 1995 nella gara che il Renate perde di misura all’Euganeo di Padova (1-0).

SUCIU (Cremonese) – Il centrocampista romeno resta fuori dalla gara che la Cremonese vince in casa dell’Albinoleffe (0-1).

PARODI (Ancona) – Luca Parodi sempre sui suoi standard: novanta minuti di qualità nella gara che l’Ancona vince senza storia sulla Lucchese (3-0). Cornacchini lo propone titolare, stavolta come difensore destro del 3-5-2, alla “Maksimovic”; per un ragazzo che, dal suo arrivo ad Ancona nell’estate 2014, ha provato almeno cinque ruoli diversi, un’altra grande dimostrazione di rara duttilità.

Parodi
Luca Parodi con la maglia dell’Ancona

PROIA (Pistoiese) – Il centrocampista classe 1996, vincolato al Torino con un contratto da professionista, resta in panchina nella gara che i toscani vincono 1-0 contro il Rimini.

BONIFAZI (Casertana) – Il difensore classe 1996 gioca titolare nella Casertana, in un campo importante come il “Massimino” di Catania; non male, visto che i campani si giocano la promozione in Serie B. Ma si fa espellere al 14’ della ripresa per doppia ammonizione, lasciando i compagni in dieci. La Casertana riesce comunque a vincere contro i siciliani (0-1). (VOTO: 5.5)

DIOP (Juve Stabia) – L’attaccante senegalese classe 1993 segna a raffica: sul campo del Cosenza, mette a segno il quarto goal in cinque uscite con la maglia della Juve Stabia. E’ inutile per la squadra di mister Zavettieri, che finisce per perdere 2-1, ma Diop a Castellammare sta vivendo un rilancio importante per la sua carriera. La rete arriva a inizio secondo tempo, quando l’attaccante riesce a correggere bene in rete un traversone dalla sinistra. (VOTO: 6.5)

LESCANO (Monopoli) – Il Monopoli stravince a Melfi (1-4); sul campo della squadra in cui giocava fino a gennaio, purtroppo, Facundo Lescano viene tenuto in panchina da mister Tangorra.

MORRA (Savona) – Claudio Morra torna a giocare da titolare; la fa nel Savona, nella gara che i liguri pareggiano 1-1 a Santarcangelo. La prova del bomber della Primavera Campione d’Italia è buona; cerca la porta più di una volta e mette a segno l’assist vincente per il vantaggio siglato da Palumbo, con una sponda intelligente. Buoni segnali, ora si spera in un finale di stagione da protagonista (VOTO: 6.5)

SERIE D

Nell’ultimo turno di Serie D, tra i giovani vincolati al Torino giocano titolari il portiere Bambino (1996, Chieri: perso 2-1 contro il Gozzano, voto 6.5); il portiere Cizza (1997, OltrepoVoghera: perso 1-2 con la Lavagnese, voto 5.5); il difensore Dalmasso (1996, Pinerolo; 5-1 alla Novese, voto 6); l’esterno Orofino (1997, Pro Settimo; perso 0-2 contro il Bra, voto 6.5); il portiere Grillo (1997, Campobasso; 0-0 con l’Agnonese, voto 6).

PRIMAVERA

D’ORAZIO (Carpi) – Il Carpi ferma la Fiorentina di Guidi in casa sua, facendo un favore al Torino: ora i viola sono quarti, dietro ai granata di Longo. Alle “Due Strade” però non gioca Andrea D’Orazio, il centrocampista classe 1997 il cui cartellino è di proprietà del Torino.

BORTOLUZ (Vicenza) – Il centravanti classe 1997 che ha regalato la Supercoppa Primavera al Torino non prende parte alla gara che il Vicenza Primavera perde (7-3!) in casa del Brescia.

ESTERO

LYS GOMIS (Poli Timisoara) – Il portiere senegalese classe 1989 figura in panchina nella gara che la sua nuova squadra, il Timisoara, vince contro il Petrolul (1-0). Il tecnico Marin, per ora, preferisce l’israeliano classe 1992 Ram Strauss.

BOYE (Newell’s Old Boys) – Vi abbiamo già segnalato l’ottima prestazione dell’attaccante granata in pectore, Lucas Boyè, nell’ultima gara di campionato col Newell’s Old Boys; il classe 1996, che ha appena compiuto vent’anni, si unirà al Torino dal primo luglio.

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 11 mesi fa

    Prcic ha solo bisogno di giocare con una certa continuità per abituarsi ai ritmi e allo stress del calcio italiano. Anche Pryyma avrebbe bisogno della stessa cosa ma la vedo più dura per lui: non sembra avere la fiducia di Stellone, come di Ventura, e proviene da una realtà calcistica meno attrezzata di quella di Prcic. Comunque auguri a entrambi per il bene del Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ospunda - 11 mesi fa

    Prijma è davvero un oggetto misterioso, ha giocato 5 minuti in coppa Italia!
    Per la prossima stagione abbiamo pronti Gomis Jr., Barreca e Parigini. Vediamo che combina Prcic.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. TORERO - 11 mesi fa

    …e magari in panchina Moreno Longo che li conosce bene…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Cecio - 11 mesi fa

    Se l’anno prossimo Gomis non sarà il titolare, vuol dire che la società non ci capisce veramente una ceppa!
    Ovviamente anche Barreca e Parigini devono far pare della rosa.
    Su Prcic, vediamo in questi mesi come si comporta…al momento i segnali sono contrastanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. RDS- toromaremmano - 11 mesi fa

    Sono comunque sicuro che Prcic avrebbe detto la sua in questo mediocre centrocampo almeno un po di geometrie le avremmo viste.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. WGranata76 - 11 mesi fa

      Concordo gli errori di ingenuità a 22 anni nella prima in serie A/B ci stanno. E cmq il rigore concesso contro di lui è ridicolo, l’avversario nettamente in ritardo e indietro, Prcic allunga la gamba nel gesto di calciare il pallone fuori e, a gesto già innescato, l’avversario infila il piede e viene colpito. 7 volte su 10 un rigore così non si da perchè è fortuito il contatto e provocato da chi subisce.
      Se il giocatore è in vantaggio sul pallone è un conto, ma se io sono in vantaggio e sto calciando il pallone e l’altro mi mette il piede in mezzo non è fallo, a meno che l’altro prenda il pallone, non in questo caso…
      La tecnica, la voglia, la visione di gioco ci sono tutte per Prcic, ma Ventura non lo vede perchè ha i suoi pupilli Gazzi e Vives, con quest’ultimo che ancora domenica ci ha fatti giocare in 10 per tutta la partita… e il vate gli fa gli applausi a scena aperta..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. RDS- toromaremmano - 11 mesi fa

    A Milano mandano via un ex Real Madrid per far esordire un 16enne, e noi giochiamo con un portinaio ora pure con l’impermeabile e mandiamo un 22enne a farsi le ossa a Cesena.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS- toromaremmano - 11 mesi fa

      Va beh, allora puppiamoci un’altro anno l’impermeabilizzato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy