Campane a festa per la sconfitta della Juve, Robella: “Bravata di un mio collaboratore. Chiedo scusa”

Campane a festa per la sconfitta della Juve, Robella: “Bravata di un mio collaboratore. Chiedo scusa”

TN OUT NEWS / Il cappellano del Toro: “Non sapevo nulla. Hanno agito a mia insaputa”

di Redazione Toro News
Belotti e Don Robella, Superga

Suoni festosi e rintocchi ripetuti di campane per la sconfitta della Juventus in finale di Champions League. E’ quello che è accaduto sabato sera a Nichelino, comune dell’hinterland torinese. La chiesa è quella della Santissima Trinità, il parroco è don Riccardo Robella: noto cappellano del Torino, successore di don Aldo Rabino. In pochi giorni si è subito gridato allo scandalo nel capoluogo piemontese con molti tifosi bianconeri che hanno additato il don granata di aver fatto una butta figura, risultando poco sportivo. Le scuse e la risposta di Robella però non si sono fatte attendere: “La bravata è frutto di un mio collaboratore – scrive su Facebook il sacerdote – il quale ha agito a mia insaputa. Mai e poi mai mi sarei permesso un gesto simile”, aggiunge il prete, scusandosi “per il suo atteggiamento irresponsabile” e prendendone “le distanze”.

Ma ripercorriamo ciò che è accaduto quella sera secondo la versione del cappellano. Un collaboratore della parrocchia sarebbe salito sul campanile e avrebbe deciso di suonare le campane a festa per la sconfitta della Juventus. Molti, a Nichelino, hanno udito i rintocchi ripetuti e il fatto non è passato inosservato. “Il mio collaboratore ha ammesso di aver combinato una stupidaggine grave della quale mi sento di chiedere scusa – continua il parroco in un’intervista riportata sull’edizione odierna de “La Stampa”. “Chi mi conosce sa che non ho mai mischiato fede calcistica con il resto. Il mio, nostro, pensiero va alle famiglie dei feriti e delle persone in ospedale. Mi auguro che il collaboratore chieda scusa in prima persona. Deve capire di aver commesso un errore enorme”.

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. crocian_786 - 1 anno fa

    Nessuna scusa! Don ti rammento che sono gli stessi che ci offendono i caduti si Superga! Che sfregiano lapidi ecc….
    HAi sbagliato a scusarti! Potevi lasciare le scuse (se le riteneva) al tuo parrocchiano, ma tu no.
    Anche tu sei a pecorina??? PArroci così vanno bene in una parrocchia di campagna, non in un campo di battaglia come il nostro.
    E te lo scrive un baciapile con famiglia tutta al seguito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. WGranata76 - 1 anno fa

    Nessuna scusa,loro sfottono sempre con boria,sbruffonagine e sempre con cattivo gusto,ma da sabato tutti a lamentarsi,a parlare di sportività italica ecc.
    Tutte cazzate,come oggi che sento al lavoro gente che diceva di non incominciare con sfottò su Real e simili… Non sapete perdere?? Problemi vostri gobbi maledetti.
    Soffrite per gli incidenti della piazza?? Imparino a rispettare le regole e a non pretendere sempre che si faccia come vogliono loro in barba a tutte le leggi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. WGranata76 - 1 anno fa

      P.S. fanno i moralisti gli stessi che esultavano per la coppa coi loro stessi compagni morti allo stadio…memoria corta eh??

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. cimirillo - 1 anno fa

    al giorno d’oggi si prendono sul serio anche le goliardate. Rendiamoci conto che stiamo parlando di uno sfottò ad un avvenimento calcistico, ma dov’è il senso dello humour? Si è trattato di un gesto che fa sorridere come faceva sorridere lo stesso gesto compiuto da don Camillo nei confronti di Peppone. Forse erano tempi in cui la gente aveva voglia di ridere e non si prendeva troppo sul serio. Pertanto non capisco neanche la reazione così drastica di don Robella. Sdrammatizziamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. torinodasognare - 1 anno fa

    Ma dái, Don Robella, ma di che ti devi scusare??? È uno sfottò alla Don Camillo, questo!!
    E tutti quegli striscioni su Superga allora??
    Ma per favore, sti ladroni mafiosi si meriterebbero ben altre prese per il culo!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Djordy64 - 1 anno fa

    Invece il collaboratore ha fatto bene , benissimo. Mi sono rotto i coglioni di porgere l’altra guancia , questo è un messaggio che don Robella è giusto che dia nel suo ruolo. Io dico non sono un parroco e dico che ha fatto benissimo, è ovvio che dell’incidente di Piazza San Carlo non sapesse nulla , non c’entra quanto avvenuto nella Piazza con la gioia legittima per un giusto risultato sportivo , che dimostra se ce ne fosse stato bisogno che senza il potere e l’influenza conferita ai gobbi in Italia, quando fuori confine si scontra con forze dello stesso livello e senza contare su condizionamenti arbitrali , la Juve diventa una società qualxsiasi e puo perder, prenderne quattro e via.
    Abbiamo subito di tutto, petardi con ferimenti, striscioni lesivi di Superga e del Fila, incendi a un Bar, cori di scherno contro le Leggende e inno dei gobbi al Fila prima dell’inaugurazione dicono per errore…..e BASTA
    Quindi le due cose non sono da mischiare , l’incidente in Piazza provocato tra l’altro da altri tifosi bianconeri, è stata una trageida che poteva assumente proporzioni molto più gravi e le conseguenze le ha pagate un bambino che forse non deoveva essere li. Piuttosto la cosa andava organizzata diversamente,la Juve doveva mettere a disposizione lo stadio e non doveva essere permesso da comune e prefettura di fare una cosa del genere in una piazza con tanto di birre e bottiglie di vetro a disposizione…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. vittoriogoli_62 - 1 anno fa

    Sportività innanzi tutto. Non si può essere contro a prescinderei.
    …. Però

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Pazko - 1 anno fa

    Non credo che sapesse di quanto era successo in piazza San Carlo, io guardavo la partita e la notizia è arrivata dopo, nei commenti successivi. Forse si è fatto prendere dall’entusiasmo istintivo…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. sergio_sandr_284 - 1 anno fa

    L’importante è essere ANTI….quelli. Poi tutto va bene!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy