Nazionale, Ventura: “Torino, uno spicchio della mia vita”

Nazionale, Ventura: “Torino, uno spicchio della mia vita”

Alla vigilia della sfida contro la Spagna / L’ex allenatore del Toro: “E’ un piacere giocare allo Stadium, sono contento di essere ritornato nel capoluogo piemontese”

5 commenti
Ventura, le pagelle di Torino-Juventus, Le pagelle di Torino-Atalanta

Giampiero Ventura è stato al Torino per cinque stagioni ottenendo ottimi risultati dalla promozione in Serie A fino all’Europa League ed ha dato al club di Urbano Cairo un po’ di stabilità. Adesso l’allenatore è diventato commissario tecnico della Nazionale italiana e domani giocherà contro la Spagna allo Juventus Stadium valido per la qualificazione a Russia 2018 contro la Spagna. L’ex granata ha un rapporto speciale con il capoluogo piemontese: “Sono entusiasta di essere ritornato a Torino che rappresenta uno spicchio della mia vita. Problemi perché è lo stadio della Juve? Per me è un piacere giocare allo Juventus Stadium”.

Il Ct azzurro poi passa a temi più prettamente legati all’Italia: “Domani giocheranno i soliti. Far scendere in campo Romagnoli sarebbe un piccolo passo verso il futuro viste le sue grandi qualità. Per me non è un problema lanciare i giovani e non rappresenta un rischio farli giocare come è successo con Bonucci e Ranocchia a Bari. Gli avversari? Rispetto alla Spagna che ha perso con l’Italia,  tatticamente è migliorata parecchio e noi non dobbiamo abbassare la guardia. Conte mi ha lasciato una squadra con tante qualità e mi riferisco sia a quelle tecniche che a quelle morali. Questo mi ha indubbiamente facilitato il lavoro”.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 2 mesi fa

    L’era Ventura sarà sempre ricordata con affetto e riconoscenza. Certo, se avesse vinto qualche derby in più, il posto nei cuori granata sarebbe stato ancora più grande …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Akatoro - 2 mesi fa

    Ricordiamoci sempre che è stato il poco più che mediocre a vincere il nostro ultimo derby. Gente come glik, darmian, immobile, Perez, Belotti, Benassi, baselli ecc li ha voluti sempre il mediocre. Se oggi abbiamo una squadra da 100-120 milioni, e altri 40 in cassa per la prossima sessione di mercato è grazie a lui. Con questo non voglio santificare ventura, e confermo che era ora di cambiare. Ma il suo ciclo è stato importante per il passato recente, ed è stato importantissimo per il futuro del toro perché è stato il ciclo che ci ha reso importanti e solidi economicamente. E visto che i cartellini e ingaggi calciatori si pagano con cash e non bagigge credo che meriterebbe più rispetto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. biziog - 2 mesi fa

    è un piacere perché si ricorda il derby perso 4 a 0?
    o forse è un piacere perché si ricorda il derby perso all’ultimo minuto di recupero?
    certo ricordando i sorrisi e gli abbracci dopo il derby di coppa è tutto + chiaro… d’altra parte uno che va d’amore e d’accordo con buffon non merita rispetto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. flavio-san - 2 mesi fa

      Complimenti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. LoviR - 2 mesi fa

    Nessun rimpianto. Un tecnico pavido e poco più di mediocre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy