Baselli, la crescita è costante: i dati confermano la maturazione

Baselli, la crescita è costante: i dati confermano la maturazione

I numeri / Il centrocampista granata è una fonte di occasioni molto importante: dopo le difficoltà, l’ex Atalanta vuole ritornare ai livelli di inizio anno

Baselli

Il Torino è ancora una volta un po’ in difficoltà, dovuta probabilmente anche all’approssimarsi della fine del campionato: la squadra granata ha perso due partite consecutivamente, dimostrando però dei segni importanti di ripresa. Sicuramente una nota positiva di questa parte finale del campionato si chiama Daniele Baselli: a Torino si è presentato facendo dei gol magnifici, impressionando subito la piazza con dei movimenti fuori dalla norma. Tuttavia, nel corso della stagione è incappato in molte difficoltà che spesso i giovani possono avere: adesso è tornato in forma dopo l’infortunio e, al posto di gesti tecnici clamorosi, ha messo in campo prestazioni di sostanza.

4 OCCASIONI – Nel corso dell’ultimo match tra Torino e Sassuolo la sostanza di Baselli si è notata o, meglio, è ben evidente anche nei dati: il giocatore granata ha creato ben 4 occasioni da gol nel corso della partita, e non c’è nessuno che abbia fatto meglio, nonostante il Toro abbia pure perso il confronto con gli emiliani. Questi numeri sono davvero incoraggianti: un giovane, con una classe indubbia e dalle caratteristiche anche molto offensive, sta cercando di migliorare sempre di più e rendersi non solo pericoloso ma anche e soprattutto concreto.

Baselli
Daniele Baselli, autore di re assist in questo campionato: l’ultimo contro il Sassuolo

ASSIST – Dopo i gol e il periodo buio, Daniele Baselli ha scelto di intraprendere un’altra strada, forse ancor più complicata di quella precedente: ha cominciato a sostenere la squadra e a sfornare assist. Nel corso di questa stagione è stato tra i più attivi in quanto a passaggi vincenti nel Torino, arrivando a totalizzarne tre, di cui l’ultimo proprio a Bruno Peres la scorsa domenica. Soltanto due giocatori hanno fatto meglio di lui, ovvero lo stesso brasiliano Peres e Andrea Belotti, che sta mettendo in mostra quest’anno tutte le sue doti da attaccante vero. In ogni caso, i numeri di Baselli cominciano ad essere importanti e, lavorando ancora più duramente, può arrivare ad essere un giocatore chiave nel Torino, prendendo in mano il centrocampo.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. biziog - 1 anno fa

    Ma chi scrive questi articoli pensano noi le partite non le guardiamo? Baselli domenica, assist a Peres a parte, ha fatto una brutta partita, come tutte, a parte le prime 4-5 di campionato (dove per altro, le prestazioni erano buone soprattutto x i gol…) tecnicamente è dotato ma per il resto comincio a pensare che non sia quel campioncino che si sperava (spero di sbagliarmi naturalmente…)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

    Certo che con un centrocampo zeppo di fini palleggiatori come il nostro (Gazzi, Acquah, Vives, Obi, Benassi) non è un impresa essere fra i primi nella classifica dell’ultimo passaggio, uno con il piede preciso e il passaggio millimetrico ce l’avevamo ma lo abbiamo internato a Perugia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy