Cagliari-Torino, Barreca: il rilancio può cominciare… dal passato

Cagliari-Torino, Barreca: il rilancio può cominciare… dal passato

Focus On / Il terzino sinistro punta al ritorno da titolare in Sardegna, dove passò una buona stagione nel 2015/2016

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Sette presenze: il bottino racimolato da Antonio Barreca in questa stagione è davvero misero e al di sotto di qualsiasi aspettativa. Ma ora la pubalgia se ne è andata e fisicamente il terzino sta per tornare su buoni livelli. E il rilancio può partire da Cagliari, contro la squadra in cui visse una proficua stagione nel 2015/2016, culminata col ritorno in Serie A dei sardi.

L'esultanza del Cagliari (foto tratta da Facebook)
L’esultanza del Cagliari (foto tratta da Facebook)

STAGIONE FORMATIVA – Quindici presenze in Serie B e 2 in Coppa Italia, condite da tre assist. In quell’annata, Barreca – che era al Cagliari in prestito con diritto di riscatto e contro-riscatto, poi esercitato dal Toro – aveva davanti a sè Nicola Murru, terzino prodotto del Settore Giovanile di casa. E nella prima parte di stagione ebbe pochissime occasioni. Poi però la crescita fu evidente e il tecnico Rastelli non potè esimersi dal puntare anche su di lui. Sacrificio, lavoro e capacità di cogliere le chances: furono le qualità che Barreca allenò nell’annata in rossoblù. Si è ripetuto l’anno scorso, quando al Torino Sinisa Mihajlovic puntò su di lui dopo il grave infortunio occorso a Molinaro. Mettendo in mostra qualità, corsa, tecnica e stupendo in positivo tifosi ed addetti ai lavori. In estate, l’offerta della Roma, a cui Cairo con le stesse parole dello striscione affisso dai tifosi a Bormio: “Barreca non si tocca”.

Barreca

SCELTE TECNICHE – Sul finire della scorsa stagione, nonchè all’inizio di questa, il ritorno di Molinaro gli ha tolto un po’ di spazio. Dopodichè l’insorgenza della pubalgia, che ha complicato tutto. Oggi Barreca sta meglio e nelle ultime due partite, contro Roma e Fiorentina, è tornato in campo, giocando alcuni spezzoni significativi. Contro i viola avrebbe anche potuto partire titolare, visto l’acciacco di De Silvestri, ma Mazzarri ha preferito non rischiarlo ancora. Il terzino romano, dieci giorni dopo, non ha ancora smaltito il problema al ginocchio. E allora, i tempi possono essere maturi per il ritorno da titolare (l’ultima volta fu un girone fa: 25 ottobre 2017, Fiorentina-Torino 3-0). Il rilancio può cominciare dal passato: se lo augura il Toro, se lo augurano i tifosi, se lo augura soprattutto Barreca.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy