Cairo: “Arbitri? Ci siamo fatti sentire. Ora meglio abbassare i toni”

Cairo: “Arbitri? Ci siamo fatti sentire. Ora meglio abbassare i toni”

Il Presidente Cairo a 360° sul mondo del calcio, la situazione del Toro e la classe arbitrale

di Redazione Toro News

L’INIZIO IN GRANATA

Sport Calcio Amichevole Torino-Chapecoense Nella foto:

Sport Calcio Amichevole Torino-Chapecoense
Nella foto:

Dopo la sfida di ieri contro la Fiorentina terminata 1-1, il Presidente del Torino Urbano Cairo è tornato a parlare ai microfoni di Radio Rai, ripercorrendo la sua storia alla guida del Torino, la situazione del calcio italiano ma anche il momento che sta vivendo la squadra granata: “Io nel mondo del calcio mi sono trovato bene, dopo un inizio difficile perché è chiaramente un mondo diverso da quello che conoscevo. Anche se sta diventando un mondo vicino a quello imprenditoriale ultimamente. Bisogna imparare velocemente dagli errori, se no ti fai male. Io avevo già una grande passione per il calcio e per il Toro: dopo un inizio bellissimo, è arrivata di nuovo la B, poi il ritorno in A, l’Europa e buoni risulati, abbiamo un po’ cambiato la storia del Toro in quel momento, che era una squadra un po’ in difficoltà, che faceva avanti e indietro, oggi abbiamo ua squadra che compete per cose più importanti e direi che è stato un fatto positivo per noi”

CONTINUA A LEGGERE

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13814870 - 2 settimane fa

    grazie Presidente. .ha detto cose giustissime. ci siam fatti sentire ora basta . inutile dare in escandescenze. Il regolamento del calcio è diverso in base alle squadre e giocatori. È lampante e vergognoso. Bisogna che sia la squadra che di fronte a certe ingiustizie ci metta tutta la cattiveria la convinzione e fare non uno ma due gol..alla faccia di chi ci vuol male. Faccia l’esempio Presidente di tanti anni fa in coppa Italia con la Roma .Ci han dato tre rigori contro ma noi avevamo Andrea Silenzi e abbiam vinto lo stesso alla loro faccia..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bergen - 2 settimane fa

    Dato che è diciamo un esperto della comunicazione, le manca una cosa da fare assolutamente. Recuperare la fiducia del popolo granata. Non è possibile non riempire lo stadio neanche in partite come ieri sera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Toro71 - 2 settimane fa

    Cairo si fa sentire, ma gli arbitraggi non sono mai giusti nei nostri confronti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-14003131 - 2 settimane fa

    Ipse dixit.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13967438 - 2 settimane fa

    Ci è arrivato anche il paracappato supremo che sta diventando un alibi per nascondere altri problemi più che evidenti…
    La squadra e il suo “mister” devono cambiare approccio e atteggiamento, dal lavoro settimanale alla partita.
    Altrimenti si può già voltare pagina e andare al 2019/2020, perché altrimenti questa diventerà l’ennesima stagione della volpe che sa di essere troppo furba per dire che l’uva non è buona e si inventa che c’era il recinto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. IlDadoDelToro - 2 settimane fa

      Non mi sembra che contro la Viola si possa negare il buon approccio e la buona volontà di tutta la squadra!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 2 settimane fa

        Una volta è l approccio, una volta é l’arbitro, un altra é la sfiga… La realtà è che non si segna mai abbastanza e per contro si prendono dei gol idioti. Questo è l anno numero quattordici e siamo sempre a recriminare…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ilpalodiBeruatto - 2 settimane fa

    Una persona civile darebbe ragione a Cairo. Però avete visto il labiale di Rugani con Calvarese? I sospetti purtroppo tornano sempre….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13963277 - 2 settimane fa

    Quwsto capisce di calcio come la farina…….doppio 00

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Hagakure - 2 settimane fa

    Abbassare i toni sugli arbitri…???

    E quando mai li hai alzati, visto che ti sei subito premurato di definire gli stessi arbitri che hanno danneggiato la squadra come “arbitri molto bravi”….???

    Le penalizzazioni sono evidenti…??? Forse a te saranno evidenti, ma non certo agli “arbitri molto bravi”, i quali continuano imperterriti, partita dopo partita, evidentemente perchè i tuoi “toni alti” nei confronti loro e dei loro errori hanno sortito l’effetto di una goccia nel mare: nulla…!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tashunka - 2 settimane fa

      Hagakure, come tifoso hai ragione a non abbassare i toni, ed infatti come tifoseria dovremmo inventarci qualche cosa di clamoroso per proseguire la protesta . Invece la società secondo fa bene ad essere più equilibrata, protestare davanti le tv e abbassare i toni ogni tanto per addolcire la pillola. Se mandi a quel paese il vigile che ti ha appena fermato non finisce bene. Ti pare?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Hagakure - 2 settimane fa

        Come ho già detto, non ha bisogno nè di urlare, nè di mandare nessuno a quel paese: dovrebbe solo prendere una posizione seria e netta, una sola volta ma con decisione e freddezza, magari utilizzando le testate (e i giornalissti a libro paga) di cui è legittmo proprietario.

        Per una volta interpreti seriamente il ruolo di Presidente.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. GlennGould - 2 settimane fa

      Guarda che Cairo è il presidente di rcs, toro etc, non lavora ad un banco del mercato. Non è nel suo stile sbraitare, e ci mancherebbe ancora.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Hagakure - 2 settimane fa

        Non ha alcun bisogno di sbraitare: dovrebbe solo prendere una posizione seria e netta, una sola volta ma con decisione e freddezza, magari utilizzando le testate (e i giornalissti a libro paga) di cui sei legittimo proprietario.

        In quanto al “banco del mercato”, quando dichiara pubblicamente, come un qualsiasi venditore di pentole, che ” questo è il miglior Toro degli ultimi quatant’anni, sarà il campo a dirlo”, allora ci si avvicina molto.

        D’altronde a lui interessa la carriera imprenditoriale nel campo dell’editoria; del resto non gliene frega un’emerita cippa, plusvalenze a parte.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy