Dal fallimento all’Europa: la rinascita del Torino di Urbano Cairo in quattro atti

Dal fallimento all’Europa: la rinascita del Torino di Urbano Cairo in quattro atti

10 anni di Cairo / 10 anni fa Urbano Cairo diventava il presidente del nuovo Torino dopo il fallimento: un decennio iniziato in Serie B e terminato in Europa League. E il futuro è ancora tutto da scrivere…

Ci sono tanti eventi che, nel corso della storia, hanno determinato il passaggio da un’era all’altra: penso alla caduta dell’Impero Romano, all’invenzione della stampa, alla scoperta dell’America o al più recente attentato di New York nel 2001. Sono stati tutti cambiamenti di portata epocale che hanno sconvolto il paradigma preesistente instaurandone uno nuovo. A prescindere dal carattere positivo o negativo della trasformazione, hanno tutti determinato conseguenze di importanza mondiale.
Anche questo cambiamento – se così vogliamo definirlo – ha avuto le sue conseguenze. Uno spartiacque, una sorta di A.C/D.C. Solo che questa volta la lettera C maiuscola non indica Cristo (che scomodiamo per il paragone) ma Cairo. Quel Cairo che, esattamente 10 anni fa, metteva la sua firma in calce al contratto di acquisto del Torino. Sono passati (di già) 3652 giorni da quella convulsa estate 2005, e il nostro D.C comincia proprio qua. Strani e loschi personaggi alitavano su quel Torino morente. E poi assedi, come quello dell’Hotel Campanile a Moncalieri: fuori ci sono decine di tifosi granata, imbufaliti, inveiscono. Dentro c’è Luca Giovannone, imprenditore romano, che prima acconsentente a passare la mano a Cairo nell’acquisto del club, poi ci ripensa e fugge verso la campagna torinese. Inseguito e, successivamente, scortato lontano dalla polizia. Da lì, il nulla. Che fine ha fatto Luca Giovannone? E il suo braccio destro Michele Padovano?
Ma facciamo un passo indietro e torniamo al Lodo Petrucci: quando il Toro vede nel suo destino la Serie C2 arrivano Pierluigi Marengo e Sergio Rodda che, attraverso una modesta somma di denaro, richiedono l’iscrizione del Torino al cosiddetto Lodo Petrucci (lode a loro, scusate il gioco di parole). Una mossa geniale e improvvisa, che permette al Torino di scendere solo di una categoria e finire in Serie B.
TORINO FC stagione calcistica Serie A 2012/2013 nella foto TORINO FC stagione calcistica Serie B 2010/2011 nella foto il presidente Urbano Cairo
Cairo a bordocampo. Sullo sfondo Sasà Sullo, vice-allenatore di Ventura
Il purgatorio, come tutti i luoghi di espiazione dei peccati, offre momenti positivi e momenti negativi. Quel campionato di Serie B, organizzato in fretta e furia – perchè all’inizio mancava pure la carta per stampare biglietti e abbonamenti – fu un’autentica altalena. Il Torino ne scese, finalmente, in uno stadio Delle Alpi troppo bello per essere vero. Quel giorno – era l’11 giugno se la memoria non gioca brutti scherzi – 60.000 tifosi granata da tutta l’Italia si ritrovarono al vecchio stadio di Venaria. Ma sicuramente i tifosi del Toro erano molti di più. Quelli incollati ai seggiolini, quelli alle tv, quelli alla radio, quelli che decisero nè di vedere nè di ascoltare ma a loro modo vedevano e ascoltavano: tutti i tifosi del Torino, quella domenica, vissero qualcosa che non avrebbero mai dimenticato. E Urbano Cairo, contro tutto e contro tutti, aveva riportato il Torino in Serie A. Dal fallimento alla promozione in meno di 12 mesi nell’anno del Centenario.
Non è stato tutto rosa e fiori in questi dieci anni. La storia dell’ultimo decennio del Torino è piena di sacchi di letame, vernice rossa e teste di maiale. Se ci aggiungiamo anche un paio di cassonetti dati alla fiamme abbiamo composto un bel quadretto davvero degno di nota. Il presidente Cairo in Serie B ha sofferto, nei primi anni di Serie A si è fatto le ossa e ha commesso i numerosi errori. Con la nuova retrocessione, quella del 2009, si è fermato a riflettere: “Adesso ripartiamo  da zero“. E così ha fatto. Se escludiamo la parentesi del 2010/2011, da quel momento la curva sull’asse delle ascisse e delle ordinate ha continuato a crescere.
TORINO-SAMPDORIA
Urbano Cairo con Gianluca Petrachi, Alberto Barile e Antonio Comi
Urbano Cairo ha imparato a circondarsi di persone serie e competenti, divenendo lui stesso un dirigente calcistico serio e preparato. Giampiero Ventura e Gianluca Petrachi – unitamente ad uno staff rafforzato da vecchi cuori granata – hanno aiutato il presidente in questo processo di crescita collettivo. Dieci anni fa la società era allo sbaraglio: i giocatori si allenavano con le magliette portate da casa e non c’erano nemmeno i pali per fare le porte. Adesso la società è forte e sana economicamente: i bilanci commerciali hanno il segno +, merce rara in questo periodo di inflazione calcistica incredibile. Al tifoso medio, si sa, questo importa poco, ma il tifo è bello perchè di pancia e irrazionale.
Quasi il 100% della rosa è di proprietà: ci sono giovane affamati e “vecchi” con esperienza. Un mix sulla carta letale per provare a raggiungere qualcosa, fino a poco tempo fa, inavvicinabile. Come la qualificazione in Europa League dopo 20 anni e l’ottima campagna europea nella quale spicca la storica impresa a Bilbao e la vittoria contro lo Zenit di San Pietroburgo. Cairo si è rivelato anche un ottimo venditore e un osso duro in fase di contrattazione: le cessioni di Darmian, Immobile e Cerci sono state le più cospicue per le casse granata, delle plusvalenze d’oro il cui valore sarà sfruttato per i successivi investimenti.
Urbano Cairo, Glik e Martinez accolti dai tifosi a Caselli dopo la trasferta in Russia
Urbano Cairo, Glik e Martinez accolti dai tifosi a Caselli dopo la trasferta in Russia
Il Torino è volato lontano in Europa; se l’anno scorso è toccato ai grandi, tra un mese a prendere un aereo destinazione Slovacchia sarà la Primavera che si giocherà il primo round di qualificazione della UEFA Youth League. Moreno Longo ha portato in bacheca lo Scudetto Primavera; il titolo iridato mancava da 23 lunghissimi anni.
9/11/2013 - Campionato Primavera 2013/2014 - Empoli - Torino - M
Moreno Longo, allenatore della Primavera del Torino, ha vinto lo Scudetto Primavera a giugno battendo la Lazio in finale
Il saldo tra cocenti delusioni e gioie è in pareggio. Manca solo una cosa, fondamentale e irrinciabile, per ascrivere Urbano Cairo tra i migliori presidenti della storia del Torino, alla pari di Novo e Pianelli: lo stadio Filadelfia. Dovere morale e civile è recuperare la memoria di quel luogo mitico, impregnato di storia e magia, e farne la nuova casa del Torino. Un luogo nel quale i giovani, ancora prima che ottimi calciatori, potranno diventare veri uomini e apprendere cos’è la lealtà, il rispetto e il sacrificio. Da un terribile A.C ad un roseo D.C: il futuro è dalla parte del Torino e dei suoi giovani. E il Torino, adesso sì, è retto da mani salde e sicure. Auguri, Presidente!
53 commenti

53 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Papa Urbano I - 2 anni fa

    GRANDE URBANO !!!! …URBANO PICCHIA PER NOI !!! …che i genianticairo i cori non li possono fare…mi sa che gli brucia un po’ il culo…vanno capiti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …adesso i cori non si fanno per la dirigenza…i genianticairo sono fantastici…quando c’è da piangere-smerdare i cori li fanno eccome…quando invece c’è da sostenere-elogiare niente cori…i genianticairo sono fantastici…d altra parte sono dei geni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Cecio - 2 anni fa

    Dai fai ancora un bel copia e incolla…ti prego dai…
    Senza parole.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …e allo stadio iniziamo a fare qualche coro per quest uomo che è 10 anni che mangia solo della merda…si può di mangia ? …ma si può fare un coro allo stadio per URBANO CAIRO o c’è qualcuno che si offende ? …non vorrei far piangere qualcuno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ezio - 2 anni fa

      mi dispiace ma i cori si fanno solo per i giocatori
      e per il mister
      petrachi e cairo per quanto abbiano fatto un gran mercato
      non sono loro ad andare in campo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Cecio - 2 anni fa

        Esatto, non credo ci sia mai stato un coro pro-presidente in nessuna squadra di serieA.
        Il suo successo lo si misura con l’assenza di striscioni con scritto “Cairo vattene”.
        Ad ognuno il proprio ruolo, i cori si fanno per i giocatori e per il mister, non per la dirigenza.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …e magari la prossima volta prima di fischiare il miglior TORO degli ultimi 20-30anni aspettate almeno il 90°…che eviteremo di fare una figura di merda in mondo visione…e passare per una tifoseria di piangina…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …e magari ringraziate chi questo Carro lo ha sempre spinto anche per voi…troppo occupati a piangere…questa stessa squadra e stessa società dopo la lazio in coppa veniva fischiata al 40-esimo del primo tempo…mentre il verona sotto di 5 goal al merda-stadium coprivano coi loro cori i gobbi…lezione di tifo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cecio - 2 anni fa

      Oddio, ora dovremmo prendere lezioni di tifo dai veronesi?????
      E tu come lo sai che coprivano coi cori le merdacce, eri per caso lì??

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …qua c’è gente che ha sempre dato una mano al TORO…soprattutto nei momenti difficili…mentre gli altri lo minacciavano a insultavano…e il provocatore sarei io…tanta roba…
    …magari invece di salire sul carro mentre è in corsa…vedete di spingere quando si fermerà…che è meglio…troppo facile zompare su a comando…ce la fanno anche i bambini…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …ma ce la facciamo a fare un CORO alla stadio per il presidente del TORO migliore degli ultimi 20-30 anni ? …si può dire presidente migliore degli ultimi 20-30anni ? …c’è qualcuno che si offende ? …no ditemelo e non lo scrivo +…nn vorrei far piangere qualcuno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …e piangono…adesso chiamano la mamma…tutto regolare…loro insultano e io provocherei…tanta roba…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. ziocane66 - 2 anni fa

    Il braccino le contestazioni se le meritava tutte! Quando FINALMENTE dopo aver superato il limite di decenza ha reinvestito i soldi con un mercato da squadra di calcio , che oltretutto già da subito si vedono gioco e risultati, nessuno può togliergli i complimenti o una stretta di mano o il saluto. Io continuerò a chiamarlo braccino per “scaramanssìa” (come diceva il povero Pianelli) però mi pare evidente che la campagna acquisti 2015 sia il vero punto di partenza, se sul forum ci sono dei provocatori , bè andate a piangere a venaria con la vostra squadra in zona retrocessione!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Jerry - 2 anni fa

    Essendo, il forum, uno spazio libero, ognuno di noi ha diritto di scrivere ciò che pensa, basta che si scriva in modo educato. Se certi commenti non vengono accettati, basta ignorarli, e prenderli per quello che sono. L’importante è non superare certi limiti di decenza. Io posso anche condividere certe affermazioni di alcuni voi, ma è la forma che lo rende non condivisibile è accettabile. È bello il confronto, basta che non superi la decenza. Abbiamo la fortuna di avere in mano la tecnologia che ci permette tutto questo, utilizziamolo con intelligenza…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Jerry - 2 anni fa

      Volevo dire utilizziamola….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Alberto Fava - 2 anni fa

    @Redazione, per cortesia volete verificare i continui post insultanti e provocatori dell’utente Papà Urbano I ? Potreste per favore avvisarlo che sta di nuovo superando il limite di tolleranza?
    Grazie e un cordiale saluto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Papa Urbano I - 2 anni fa

    GRANDE URBANO !!! …te la meriti tutta…goditela tutta…che noi godiamo con te…altri mi sa un po’ meno…mi sa che gli bruci un po’ il culo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …e magari alla prima sconfitta invece di mettervi a piangere…date una mano a questa società…che è 4 anni che sta facendo dei miracoli…mentre noi troppo impegnati a piangere facciamo una media spettatori da retrocessione…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …niente…neanche un ringraziamento per chi questo CARRO lo ha sempre spinto…una zompata e via…tutti sul CARRO…
    …troppo facile tifare=dare una mano quando le cose vanno bene…un po’ + difficile quando le cose vanno male…le critiche ci stanno sempre…ma qua c’è gente che fino a qualche mese fa offendeva e chiedeva la testa di CAIRO-VENTURA-PETRACHI…vecchio rimbambito tornatene a genoa…petracca…servo del padrone…ciro…nano…ma tutti questi genianticairo adesso tutti sul CARRO ? …ma avete chiesto il permesso ? …almeno pulitevi le scarpe che puzzano ancora di merda…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ezio - 2 anni fa

      Buongiorno PapaUrbano I
      secondo me ognuno è libero di tifare a propria maniera
      anzi le critiche sono sempre le benvenute se costruttive
      non penso che un tifoso del toro critichi per far del male al toro
      evidentemente se tu pensi questa cosa hai sbagliato squadra
      perche dopo tutto quello che ha passato la nostra squadra
      retrocessioni fallimenti gioie e dolori i tifosi ci sono sempre stati
      se mai certi ragionamenti dovrebbe farli la societa non un utente di una testata giornalistica
      ti consiglio in fine di frequentare lo stadio
      perche sentendoti parlare in questo modo dei tuoi fratelli di fede
      non sembra che tu ci vada molto
      ma leggendo i commenti che hai rilasciato in questa pagina
      ne deduco che tu ne stia facendo una cosa personale
      oppure che tu stia cercando in tutti i modi di aizzare gli animi
      ma lasciando perdere questo ragionamento
      la città si chiama genova e non genoa
      lo hai scritto due volte sbagliato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 anni fa

        Condivido pienamente.
        Alcuni utenti come Papa Urbano scrivono solo per provocare e lo trovo alquanto sciocco e irritante.
        Personalmente non sono stato un fan di Cairo negli ultimi anni, come me tanti, ma come me molti altri quest’estate si sono complimentati per l’ottima campagna acquisti. Proprio perché, come scrivi anche tu, siamo tutti tifosi granata e vogliamo il meglio per il nostro Toro, a prescindere dai punti di vista sulla dirigenza, che ripeto, stavolta è stata davvero encomiabile.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Alberto Fava - 2 anni fa

          Bene Daniele, allora cominciamo a chiedere alla Redazione che venga moderato con le sue continue provocazioni e gli insulti.
          Mi pare che finora nessuno abbia reagito scompostamente finora, nonostante la sua pedanteria.
          L’abbiamo già fatto allontanare una volta da Toro News, si vede che non ha ancora capito come ci si deve comportare in un luogo pubblico, come questo sito.
          Bontà sua.
          Ciao

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Alberto Fava - 2 anni fa

            Il doppio finora, e’ voluto.
            La pazienza si sta esaurendo, se non fanno qualcosa loro ( la Redazione), prevedo un’escalation di insulti .
            Déjà vu ……

            Mi piace Non mi piace
          2. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 anni fa

            Credo che la cosa migliore sia far finta di nulla e non rispondergli neanche. Se sei indifferente con questi mentecatti funziona benissimo.
            Solo che capita a tutti prima o poi di svegliarci un po’ meno bene, e quando leggi i post di sto’ cretino una botta di vaffanculo ogni tanto la posti..è piu’ forte di te…:)

            Oggi comunque è piu’ facile tollerarlo perché Cairo in effetti sta lavorando bene.. ho avuto un po’ di difficolta’ in passato, quando retrocedemmo l’ultima volta, quando cedette Cerci l’ultima giornata e prese Amauri e anche a Gennaio quando serviva poco poco per andare avanti in EL e prese Maxi e…Gonzales.
            Li’ faticavo a sentire le sue battute sarcastiche ed esaltate. Spero che quei giorni siano solo un ricordo lontano.

            Mi piace Non mi piace
          3. Alberto Fava - 2 anni fa

            Mah sta di fatto che secondo me non dovrebbero lasciargli intasare il forum con i suoi deliri.
            Inoltre credo, anzi sono sicuro che lui parla, anzi scrive e scrive, ma mi piacerebbe vederlo una volta allo stadio, per me non sa neanche dov’è .
            Ah no mi dimenticavo lui non può , e’ a Kabul ……
            Proprio vero che la chiusura dei manicomi è stata una vera calamita’.

            Mi piace Non mi piace
    2. RDS- toromaremmano - 2 anni fa

      E dai! falla finita rompicoglioni!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. RDS- toromaremmano - 2 anni fa

        ma ti rendi conto che continuando così, Cairo starà sul cazzo anche a chi lo ha sempre sostenuto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 anni fa

          Ahahahhah , hai ragione, prova a spiegarglielo..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Brawler Demon - 2 anni fa

    Una piccola premessa: a me i leccaculo non piacciono.
    Con l’arrivo di Petrachi prima e di Ventura poi, Cairo si è circondato di persone serie e non di approfittatori alla Foschi (tanto per citare un sacco di letame di anni fa). Speriamo che il cammino intrapreso continui ad essere luminoso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. MartinVasquez - 2 anni fa

    OK CAIRO.
    NON VOGLIAMO SCEICCHI O ASIATICI come Presidenti, il Toro è e deve restare diverso dagli altri …. al massimo un giovane mecenate abbagliato dall’anima granata che sgancia a fondo perso (tipo Zuckerberg -FB o Drew Houston -Dropbox ).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ezio - 2 anni fa

      Per fortuna Martin Vasquez non sei un capo popolo,molti non la pensano come te !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ezio - 2 anni fa

      aveva ragione quel giornalista di cui non ricordo il nome che disse
      la rovina del toro sono i suoi tifosi
      nel voler dimostrare di essere diversi dagli altri
      negherebbero un futuro glorioso alla propria squadra
      se al tempo ci fossero stati tifosi cosi’ il grande toro non sarebbe mai esistito
      e purtroppo ha ragione
      non ci vogliamo convincere che essere miliardari o avere dei magnati in società
      non vuol dire essere come la juve
      ma essere alla pari del man united del man city o del river plate

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. maxmurd - 2 anni fa

    Che @@@@@@ peròòòò…

    Anche io son contento che Cairo ci sia così come adesso, ma non lo scrivo maiuscolo, non lo voglio nè papa nè santo, e soprattutto non mi identifico come prezzolato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. gian.ca_557 - 2 anni fa

    Auguri presidente e forza Toro.

    Giantoro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. gian.ca_586 - 2 anni fa

    ….grandi soddisfazioni. Sicuramente questo cambio di strategia è gran merito di Ventura e Petrachi, che hanno indotto Cairo a cambiare strategia; ad Urbano Cairo ho sempre riconosciuto grandi meriti imprenditoriali, la società è sana e florida: mancano il Filadelfia e la conferma che il trend sia veramente cambiato rispetto agli anni scorsi. A Matteo le ALU non le ha tarpate ma se il Toro continuasse a raccogliere sul campo risultati sono sicuro che a pochi o nessuno verrebbe voglia di andarsene se non alle grandi big europee cui nemmeno i gobbi sanno dire no…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. gian.ca_471 - 2 anni fa

    Innanzitutto è doveroso fare gli auguri a Cairo per il decennale…io sono uno di quelli che non si è mai nascosto nel criticarlo quando le cose non andavano per il giusto verso e non rinnego di averlo fatto, semplicemente perché amo questi colori e vorrei che tornassero ai livelli della storia leggendaria di questo club.
    Il nostro presidente ha commesso svariati errori in passato, gli ultimi a gennaio quando quel paio di mancati rinforzi ci sono costati qualificazione europea e fine campionato e, forse, la possibilità di andare più avanti in EL.
    Quest’inizio di stagione, invece, Cairo mi ha sorpreso in positivo, temevo che le sue parole di giugno venissero sconfessate da un trittico di cessioni illustri..invece, con i soldi della cessione di Matteo, abbiamo preso 3 giovani italiani di grande avvenire che, per ora il solo fantastico Baselli, potranno regaarci

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Papa Urbano I - 2 anni fa

    CAIRO ha fatto un GRANDE TORO…già da 2 o 3 anni…e noi allo stadio facciamo i numeri da retrocessa…l anno scorso come il cesena…e l anno prima dietro al bologna…la vera domanda è…ma noi siamo all altezza di CAIRO ? …l anno scorso CAIRO ci ha dato 3 a 0…avendo fatto una media da 12-esimo posto…l anno prima 5 a 0…vediamo quest anno se siamo in grado almeno di ridurre le distanze…+ stadio – divano – lacrime + sostegno…se siamo in grado…altrimenti alla prossima sconfitta giù ancora di lacrimoni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Zlobotan - 2 anni fa

      La storia delle presenze allo stadio è effettivamente preoccupante.. Tuttavia penso che in queste considerazioni si debbano considerare anche i prezzi dei biglietti. Insomma nei distinti (la zona “famiglie”) costa 30euro. ridotto credo 15/20…Mettici anche panino e bibita. Queste somme, coi tempi che tirano, non ce le si può permettere ogni domenica. Forse a Cesena i biglietti costano un pò meno

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. LoviR - 2 anni fa

        Credo anche che i tifosi vogliano anche lo spettacolo (prova ne sono gli afflussi di spettatori alle prime gare di campionato degli scorsi anni) e quest’anno lo spettacolo mi pare ci sia e gli abbonamenti cresceranno!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Papa Urbano I - 2 anni fa

        …meno di 15 euro per una curva li trovi solo in B…con 15 euro fai fatica a vedere una partita in serieD…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Papa Urbano I - 2 anni fa

    ONORE VERAMENTE a chi ha sempre sostenuto questa società…che ha costruito il miglior TORO degli ultimi 30anni…ONORE a chi ha sempre dato una mano a questo TORO…un po’ meno ai pingina-spalamerda che fino a qualche mese fa insultavano regolari Ventura-Petrachi-Cairo…vecchio rimbambito tornatene a genoa…gabibbo…petracco…nano…ciro…poi dopo qualche mese tutti sul carro…una zompata e via…come i bambini…senza neanche ringraziare chi questo carro lo ha sempre spinto…ma tranquilli che alla prima sconfitta torneranno i lacrimoni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Papa Urbano I - 2 anni fa

    GRANDE URBANO !!! …e continua così…come sto dicendo già da 4 anni a questa parte…c’è gente invece che si è svegliata un po’ tardino…dopo il mercato di Gennaio ad esempio il TORO ha fatto una media da champions…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. MartinVasquez - 2 anni fa

      eh si , e poi siamo crollati le ultime giornate perche’ non avevamo una panchina degna…. ora si , quindi CHIAMPIONS è alla nostra portata , dipende da noi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …2014 scudetto Beretti + Primavera vice-campione d Italia
    …2015 Scudetto Primavera dopo 23 anni…
    …qualificazione EL dopo 20anni…chiusura bilancio + 1…
    …vittoria a milano con l’ inter dopo 27anni…
    …4 vittorie consecutive in serieA dopo 37 anni…
    …TORO premiato come migliore società della SerieA 2014 dall’ USSI…penso per la prima volta nella storia…
    …primo goal in un Derby dopo 13anni…
    …Derby vinto dopo 20anni…
    …prima vittoria nella storia a Bilbao di una squadra Italiana…
    …6 giocatori del TORO convocati in Nazionale in 1 anno…non succedeva 30anni…
    …4 torelli in una convocazione Under21…non succedeva da 20-30anni…
    …rifiutato 15-18mln per un giocatore del TORO…mai successo nella storia…
    …6 punti dopo 2 giornate…non succedeva da 22 anni…
    …6 punti dai gobbi…nn succedeva da 31 anni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Alberto Fava - 2 anni fa

    Leggendo bene l’articolo, viene spontaneo un “grazie di cuore Cairo”.
    E adesso avanti tutta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. uggi69 - 2 anni fa

    Si penso che finalmente il TORO (cioe’ societa’ e noi tifosi) possiamo cominciare a pensare positivo ricominciando a raccogliere di nuovo delle belle soddisfazioni che tra l’ altro ci meritiamo !! (in tutto questo sicuramente la regia di Cairo merita un plauso considerando la sua intera storia granata). Un solo appunto: dopo la vittoria sulla Fiorentina ho visto sia Ventura che Cairo parlare troppo dei cugini bianconeri……saro’ il primo (insieme a tutti voi) a godere al massimo se alla fine del campionato saremo arrivati prima di loro in classifica…..ma occhio che i conti si fanno alla fine e non vorrei che questo guardare ” in casa d’ altri” faccia poi perdere di vista la giusta concentrazione , soprattutto rispetto ai nostri buonissimi calciatori giovani che si, sono bravissimi ma che potrebbero risentirne a livello psicologico pensando di essere gia arrivati solamente perche’ siamo a +6 dai cugini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. prawda - 2 anni fa

    L’editoriale di oggi di Gramellini e’ davvero bellissimo. Credo racconti in modo molto preciso la storia di questi ultimi dieci anni e alla fine in tanti avranno bisogno di un fazzoletto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Jerry - 2 anni fa

      Condivido.. È molto bello, e fa’ capire, a chi del mondo Toro non conosce nulla, cosa siano stati per noi questi 10 anni, e cosa (magari) potranno essere gli altri 10 successivi….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. PaoloSWE - 2 anni fa

    invito tutti a leggere il bellissimo editoriale di Gramellini su La Stampa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Sergio Rossi - 2 anni fa

    La realta’ e’ questa: squadra solida, conti in ordine e prospettive rosee. Il futuro ci sorride. Sorrido anch’io e faccio sinceri auguri al presidente per il suo decennale alla guida del Toro. Togliamoci di dosso definitivamente tutte le scorie delle critiche “a prescindere”, e proseguiamo il cammino insieme con animo sereno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 anni fa

    Cairo ha commesso tantissimi errori, gli ultimi ancora a gennaio di quest’anno. Ma come si è visto, ora le cose vanno molto meglio. Se continua così e se davvero vedremo il nostro Toro allenarsi di nuovo al Filadelfia allora si, potremo dire che è stato un grande presidente.
    Per ora la bilancia del suo operato è quasi in pareggio. Intanto quest’estate gli ha dato un bello scossone dalla parte giusta.
    E gran merito è di Ventura, un allenatore i cui difetti sono di gran lunga inferiori rispetto ai suoi pregi. Se rinnoverà ancora un paio di anni dormiremo sogni tranquilli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LoviR - 2 anni fa

      Condivido al 100%.
      Finalmente una campagna acquisti eccellente in relazione alle risorse disponibili!
      Complimenti a tutti….da Cairo a Ventura e Petrachi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 anni fa

        E come si vede..non è vero che i critici di Cairo lo attaccano a prescindere..Qui molti di noi, me compreso, hanno fatto i complimenti per la campagna acquisti. E personalmente non mi rimangero’ la parola, per il semplice motivo che sono stati comprati ragazzi giovani e ci vorra’ un po’ di pazienza nei momenti meno felici.
        Unico neo, i pochi abbonati anche quest’anno. Ho sempre criticato Cairo d’aver voluto trasformare il Toro in una piccola azienda, solida ma con poche ambizioni. Ecco, se noi tifosi pero’ siamo i primi ad accorrere in pochi allo Stadio non aiutiamo di certo a far cambiare idea al presidente.
        Sogno un campionato in casa senza mai scendere sotto i 20000!

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy