Derby della Mole: il lato oscuro di Buffon

Derby della Mole: il lato oscuro di Buffon

Nella buca di Maspero / Le parole del capitano bianconero che incita a concentrarsi sul campo e non sull’arbitro sono state applaudite: solo fumo negli occhi

2 commenti
buffon

“Dovremmo incominciare a protestare un po’ meno con gli arbitri ed essere più umili” Gianluigi Buffon, il portiere e capitano di “quelli là” prova con un mea culpa, dopo la sconfitta al Mapei Stadium, a riabilitare la sua squadra.

L’operazione di comunicazione sembra voler lavare la coscienza della società  che più di tutte ha rappresentato in Italia il peggio, o il meglio a seconda dei punti di vista, dell’antisportività. In realtà Buffon in nessun modo afferma che le scelte del direttore di gara siano state giuste, ma si limita a invitare compagni e dirigenti a non lamentarsi. Punto. E quindi, di fatto, il portiere fingendo di essere un vero e proprio moralizzatore del calcio finisce per lamentarsi in diretta tv della condotta arbitrale.

Il barbuto portiere poi ha pronunciato quella frase nel momento che gli sarà parso più appropriato – dopo la sconfitta col Sassuolo e prima del derby – ma non avrebbe potuto scegliere serata peggiore. Per lo meno agli occhi di noi tifosi granata. Ricordiamo bene le molte, se non tutte, vicende arbitrali, e non, che hanno contribuito alla squadra bianconera di diventare quello che è: la nostra antitesi non solo da un punto di vista meramente geografico – cittadino ma anche nel modo di vedere lo sport e la vita più in generale.

Perché la prossima partita non è solamente un derby ma il momento in cui si affrontano la luce e l’oscurità, il bene e il male, il Toro e la Juve.

Ed è giusto che sia così perché un equilibrio ci deve pur essere. D’altra parte mai come quest’anno la classifica di serie A, con soli tre punti di distacco tra gli uni e gli altri, sembra sancirlo. Anche se la speranza è che il Toro trionfi, come nell’ultima stracittadina, portandosi a sei lunghezze sui rivali. Un’eventualità non solo auspicabile ma giusta perché la luce ha un credito enorme nei confronti dell’oscurità.

Un’oscurità che prova con ogni mezzo a sopraffare tutto e tutti e che per farlo sa travestirsi da luce, come nel caso delle parole del suo capitano, applaudito per una frase che appare come un bagno di umiltà ma che in realtà non è altro che un pallido simulacro. Ennesima dimostrazione che essere granata sia tutta un’altra cosa.

Gabriele Madala

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. pupi - 1 anno fa

    E per non dimenticare….mai:

    Il portiere con le mani bucate
    di Eugenio Santovito
    Se sul campo sembra avere una calamità per i palloni, fuori dagli stadi sembra attirare fortemente i guai. Gigi Buffon è stato, ed è ancora uno straordinario portiere, ma il suo rapporto col denaro, ad esempio, è sempre stato molto difficile. Ha le mani bucate. Scommesse, investimenti sbagliati, da ogni avventura esce sempre col conto in rosso.
    Se con la Juve l’anno scorso è riuscito a centrare l’obiettivo prefissato dello scudetto, con la sua azienda tessile (è il maggiore azionista), la Zucchi, proprio non sembra riuscirci. Al punto che la società di revisione Kpmg si è rifiutata di firmare i conti del primo semestre. Troppi debiti, futuro incerto.
    Il gruppo attivo ha collezionato negli ultimi due semestri un fiume di perdite, chiudendo rispettivamente con un doppio segno meno (15,1 milioni nel 2013 e 11,8 milioni dal gennaio al giugno del 2014). Due mazzate che hanno sfiduciato la Kpmg che ha perciò rifiutato di metter la propria firma in calce ai conti. La ricapitalizzazione del 2013 (Buffon ha sborsato 18 milioni di euro passando dal 19.6 al 56 per cento abbondante, passando davanti alla famiglia fondatrice, la stessa Zucchi, detentrice del 9 per cento. Nell’operazione non l’ha seguito nessuno, nemmeno l’amico avvocato Riccardo Grande Stevens, figlio di Franz lo storico avvocato degli Agnelli che è rimasto al 2) si è rivelata un clamoroso insuccesso. E in Borsa va ancora peggio. In una sola seduta perso quasi l’otto per cento. Tra una cosa e l’altra con l’investimento Zucchi Buffon è sotto di 48 milioni di euro che anche per uno come lui, non sono certo bruscolini.Con il calcio ha vinto tutto. Fuori dal calcio la sua vita è stato un continuo saliscendi. Del resto lui è un istintivo, una cosa prima la fa e la pensa.
    Una quindicina d’anni fa, a Parma, mostrò sotto la curva una maglietta con la scritta ” Boia chi molla”: gesto che, oltre ad uno tsunami di critiche, gli costò il deferimento alla commissione disciplinare. Si giustificò candidamente.   “L’idea era nata da una scritta incisa sul cassetto di un tavolo ai tempi del collegio. Non voleva esserci alcun aggancio con il motto che durante la prima guerra mondiale era del corpo degli Arditi, dal quale nacquero nel 1919 i Fasci di combattimento .” A dire il vero era stato anche il motto dell’esercito della Repubblica Sociale Italiana , della famigerata “X Mas”, ma per il buon Gigi era solo un vecchio, anonimo, slogan dei tempi del collegio.
    Un’altra volta, sempre a Parma, scelse come numero di maglia l’88 e, apriti cielo,  si scatenò un altra bufera.  “L’88, cioè quattro palle, era proprio il numero adatto a me: un uomo con 4 palle…”, fu la sua motivazione. Ma un calciatore è un’immensa cassa di risonanza, e far polemica con un calciatore garantisce, comunque, un’enorme visibilità. Ed allora  cominciarono le proteste di diverse associazioni, vibrante fu la rimostranza di Vittorio Pavoncello responsabile dello sport della comunità ebraica di Roma, che parlò addirittura di apologia al nazismo. Il numero 88, infatti, sarebbe associato a Hitler (l’ottava lettera dell’alfabeto è la H, quindi due 8 rischiavano di essere interpretati come simbolo dell’Heil Hitler).
    Gigi si arrese  e ripiegò sul 77: niente superdote di palle anche se ogni tanto un po’ di determinazione maggiore fuori dal campo di calcio lo avrebbe aiutato non poco.
    Come in quella vicenda del diploma. Iscritto a ragioneria, era già un calciatore professionista, fece la quinta da privatista ma non si presentò agli esami di maturità. Però puntuale presentò l’anno dopo la domanda di iscrizione alla segreteria dell’università di Parma alla facoltà di Giurisprudenza. Presentò un diploma rilasciato da una scuola romana il “Centro studi Antonio Manieri”. Dopo un controllo il diploma risultò essere fasullo. “Mai avuto il signor Buffon come studente” sentenziò la scuola. La faccenda finì alla procura della Repubblica di Parma, che all’epoca non aveva il caso Parmalat, non aveva bimbi rapiti e uccisi, insomma non aveva molto da fare. Buffon patteggiò la pena e pagò una multa di sei milioni di lire.
    Alto e grosso come un armadio. Ma un carattere difficile, tormentato. Molto sensibile. Gigi ha passato momento brutti, e non l’ha mai nascosto. E’ stato un periodo fortemente depresso. “Non ero più soddisfatto della vita e del calcio – ha scritto nella sua autobiografia e poi ribadito in una intervista televisiva –  di quello che facevo e di quello che ero. Ricordo che mi chiedevo: ma che cosa me ne frega di essere Gigi Buffon? Per la gente sei un idolo, ma nessuno che ti chieda mai, semplicemente: come stai? E’ stato un periodo cupo, nero. Io sono una persona solare, altruista, ottimista. Ma quando vivi una cosa simile è chiaro che queste qualità vanno a farsi benedire. E allora per uscire dal tunnel mi sono fatto aiutare da una psicologa.”
    Disse che sentiva delle voci, che gli sembrava d’impazzire. Che faticava ad allenarsi e a giocare. Che un giorno a Torino era andato tre volte a vedere la stessa mostra di Chagall, perché si era accorto che quelle immagini lo facevano stare meglio. Ha affrontato il suo “male oscuro”, senza sfuggire alla verità, accettando che la vita è tutto un divenire e non si può “guarire per sempre” .
    In quel periodo si mise anche a scommettere. Puntava on line sulle partite di calcio. Per vincere la noia, per qualche scarica di adrenalina. E anche qui niente mezze misure. Puntate da centinaia di migliaia di euro (certificati perso qualcosa come due milioni di euro). Venne coinvolto in una inchiesta giudiziaria, insieme ad altri calciatori (Maresca, Mark Juliano, Chimenti) ma fu prosciolto. Riuscì a dimostrare  di aver rispettato le normative, sia quelle penali che disciplinari. In pratica puntava solo sul calcio straniero, specialmente su quello danese, mai sulla Juve o su altre squadre del campionato italiano. Prediligeva i pareggi e, forse per buon augurio, per rispetto dei colleghi, spesso anche sulle partite senza reti.
    Perché zero a zero è l’unico risultato che fa vincere entrambi i portieri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. pupi - 1 anno fa

    Spero di vedere sul lastrico colui che da molti media viene preso ad esempio per qualità sportive e morali…..prego rivolgersi ad altri lidi e chiedere a Seredova & Co od all’amico di Parma!

    AZIONISTA DI BASSETTI

    Buffon “ammonito” dalla Kmpg: la sua società in caduta libera in Borsa

    Fortunato in amore, pure abbastanza al gioco (del pallone), il numero uno della Nazionale rischia di scivolare sul terreno bagnato degli affari e della Borsa. Il presupposto della continuità aziendale è indispensabile perchè i revisori approvino i conti, ma la Zucchi, la società in cui il portiere è primo azionista dal 2011, “è soggetta a molteplici e significative incertezze”. Questo intima la società di revisione Kpmg che si è rifiutata di metter la firma ai conti del primo semestre della società di abbigliamento. Ma tale continuità è in pericolo da tempo, e Kpmg mette in dubbio (visti i debiti con le banche Unicredit, Intesa e Bpm) che la Zucchi possa farcela, in soldoni riesca a raggiungere gli obiettivi finanziari fissati per il 2014.

    In perdita – Il gruppo attivo nel tessile ha collezionato negli ultimi due semestri perdite, chiudendo rispettivamente con un doppio segno meno (15,1 milioni nel 2013 e 11,8 milioni dal gennaio al giugno del 2014). Due mazzate che han sfiduciato la Kpmg che ha perciò rifiutato di metter la propria firma in calce sui conti. La ricapitalizzazione del 2013 fortemente voluta proprio in prima persona dal portierone juventino è stata un insuccesso e il numero uno della nazionale ha sborsato 18 milioni di euro passando dal 19.6% al 56 abbondante, passando davanti alla famiglia fondatrice, la stessa Zucchi, detentrice del 9%. Nell’operazione non l’ha seguito nessuno, nemmeno l’amico avvocato Riccardo Grande Stevens, figlio di Franzo che è rimasto al 2%.

    Caduta libera – La barca affonda e dalla Borsa le notizie sono pessimi: il titolo perde, per “colpa” di Kpmg il 7,7% in una sola seduta. Così, il 56 per cento di Buffon ora vale “solo” 18,6 milioni di Euro dai 42,3 di gennaio. La perdita potenziale di 24 milioni sommata agli altri 24 (18 e i 6) serviti alla ricapitalizzazioni del 2011 e 13 e la somma è presto fatta: operazione in rosso per 48 milioni di euro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy