Filadelfia, parla Asvisio: “Secondo e terzo lotto, ecco la situazione”

Filadelfia, parla Asvisio: “Secondo e terzo lotto, ecco la situazione”

Esclusiva / Il Presidente della Fondazione Filadelfia fa il punto della situazione

di Alberto Giulini, @albigiulini
asvisio

Con la giornata di ieri sono trascorsi esattamente tre anni da quel 17 ottobre del 2015 in cui è avvenuta la posa della prima pietra del nuovo Stadio Filadelfia. E 92 anni dall’inaugurazione dello storico stadio, il 17 ottobre 1926. Oggi il Fila è un impianto sportivo in cui i granata si allenano quotidianamente ed all’interno del quale la Primavera disputa le proprie gare casalinghe, che non è però ancora ultimato. Rimangono infatti da completare il secondo ed il terzo lotto perché il Filadelfia si possa dire definitivamente compiuto per quelli che erano i progetti originali: si parla di sede del club, foresteria, restauro vecchi monconi, e della collocazione del Museo del Grande Torino sul lato di via Giordano Bruno. In tal senso, abbiamo contattato Luca Asvisio, da luglio presidente della Fondazione Stadio Filadelfia, per saperne di più.

Luca Asvisio, con la giornata di ieri sono passati tre anni dalla posa della prima pietra del nuovo Filadelfia e l’impianto non è ancora ultimato. Qual è la situazione riguardante i lavori per il secondo lotto?

I lavori per il secondo lotto dipendono dalle coperture finanziarie, ci stiamo muovendo per ottenere quanto necessario per portare a termine secondo e terzo lotto. La loro presenza è importante non soltanto per la squadra ma anche per la città di Torino, perché si andrebbe a riqualificare infatti questo pezzo di città. Devo dire che l’interesse, anche da parte dei terzi, per supportare la situazione c’è. Ora bisogna trovare i fondi e posare questa ulteriore pietra per fare in modo che questa zona di Torino possa diventare una cittadella dei tifosi granata. Penso che nei prossimi mesi una soluzione, sia esterna sia interna, la si potrà sicuramente trovare.

Un bilancio dopo questi primi mesi da Presidente?

Ricostruire la mancanza di un anno e mezzo di presidente non è stato semplice, nonostante Salvadori e Rampanti abbiano fatto cose importanti. Ora bisogna arrivare alla fase finale perché non è la gestione del giorno per giorno che ci serve, per la quale comunque è importante la presenza e la vicinanza dei volontari, ma bisogna completare secondo e terzo lotto perché senza di quelli siamo morti. L’impianto è molto bello e anche quelli che lo hanno visto non hanno potuto che esprimere pareri positive. Poi ci sono delle micro problematiche, come quella del manto erboso, che sono però tutte cose superabili. La vera necessità è completare l’impianto anche per le sue attività esterne, ludiche e di memoria della fede granata.

In passato si è tanto discusso riguardo alla creazione di un bar all’interno dell’impianto. Qual è la situazione?

Quando e come si completerà l’impianto, la presenza di un luogo attrattivo anche per le persone che vengano a vedere gli allenamenti sarebbe un elemento importante. Penso che verrà preso in considerazione, sempre nel rispetto dei numeri e delle regole. Direi però che sia un elemento importante nella gestione del complesso.

Loviso, Moretti e il Bologna: “Vi racconto Emiliano, veterano già da giovane”

A fine giugno si era detto che il Torino avrebbe studiato la creazione di una zona di incontro tra tifosi e giocatori al termine degli allenamenti. Ci sono novità in merito?

Su questo stiamo cercando soluzioni con il Torino, come anche per il manto erboso (è stato rifatto sia quello del campo principale che quello del campo secondario, ndr). Al momento non ho riscontri, nel prossimo Consiglio di Amministrazione, anche alla presenza del consigliere di espressione del Torino, il dottor Ferrauto, cercheremo di capire. Anche questo sarebbe un elemento importante, perché è importante l’integrazione tra giocatori e tifoseria ed il campo non è sufficiente da solo. Al momento non ci sono però risposte.

Quali possono essere le tempistiche per vedere il secondo lotto terminato? E per il terzo?

Direi che se ci fossero le coperture finanziarie le cose nel giro di un anno e mezzo si potrebbero sistemare. Penso e spero che i tempi non si dilatino ulteriormente. Dobbiamo capire entro la fine dell’anno di avere le coperture finanziarie e poi dare gli appalti, sempre nel rispetto della norma, attraverso la Società di Committenza Regionale per dare i lavori.

 

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14003131 - 4 settimane fa

    Asvisio e’ persona seria e preparata, lasciamolo lavorare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. michelebrillada@gmail.com - 4 settimane fa

    ma cosa vuol dire aggregazione squadra tifosi ,ma mi faccia il piacere (direbbe tòtò) parole al vento ,ma se abbiamo un allenatore che continua imperterrito e (la società non dice nulla di costruttivo)a chiudere la porte durante tutta la settimana ,ma che aggregazione si vuole fare ? facciamo solo ridere come società e come tifosi dovremo non andare piu nessuno (neanche gli abbonati )per una volta allo stadio ma evidentemente parliamo ,parliamo ,parliamo e ci va bene cosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. GrilloParlante - 4 settimane fa

    si andra’ avanti ancora per una decina d’anni blablabla…intanto, come da tradizione, la scoieta’ rimane assente. Cairo, i seggiolini?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13967438 - 4 settimane fa

    In pratica sembra di capire che le cose vanno avanti per sfinita inerzia a tempo perso, quando qualcuno si sveglia nel cuore della notte esclamando “… il Filadelfia!”.
    Male, perché, con un investimento ormai piuttosto contenuto nella cifra, si andrebbero a creare attività che generano entrate che ammortizzerebbero in meno di quanto si creda l’investimento stesso.
    A meno che non ci siano di mezzo ancora problemi di compatibilità con il piano strutturale, perché allora occorre attendere con il rosario in mano i tempi di riforma della santa romana chiesa…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. FVCG'59 - 4 settimane fa

    il nulla condito dal vuoto cosmico: non facciamoci nessuna illusione a riguardo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. CUORE GRANATA 44 - 4 settimane fa

    In un mio precedente commento avevo auspicato che il Presidente della Fondazione delineasse le linee programmatiche del piano operativo finalizzato a completare l’opera.Ringrazio sentitamente la Redazione per averci,ancora una volta,fornito informazioni interpellando il Dott.Asvisio. Il suo è stato, com’era logico attendersi, un intervento da “ministro senza portafoglio” che peraltro lascia filtrare un certo ottimismo circa il reperimento delle risorse finanziarie.Certo se la Città di Torino nelle sue variegate componenti economico\finanziarie non reperisse i 3\4 mln. occorrenti per completare l’opera sia cash che attraverso un mutuo sarebbe vergognoso!Non và poi dimenticata la “promessa” di Cairo circa il versamento del restante mln.: è” passata in cavalleria?”Auguriamoci che questa annosa questione si possa risolvere all’incirca nei tempi indicati.Grazie ancora da parte di “un vecchio tifoso” e teneteci sempre informati.FVCG!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Andrea Valentino - 4 settimane fa

    Grazie Urbano… come al solito il tuo interesse verso il Toro è sempre molto grande… Oh perdonami, caro Presidente, dimenticavo che la tua dote migliore è fare chiacchiere…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Gud_74 - 4 settimane fa

    Mi sembra sempre tutto in alto mare…a questo punto speriamo di trovare ste benedette coperture finanziarie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy