Giocatori del Toro, ma non siete stufi di farvi fregare?

Giocatori del Toro, ma non siete stufi di farvi fregare?

Il punto / Stavolta non è Mihajlovic il primo da mettere sul banco degli imputati

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Il Toro spreca puntualmente la grossa iniezione di fiducia derivata dalla vittoria di Roma in Coppa Italia. Come era già successo in questa stagione, i granata hanno fallito la prova del nove, la partita che avrebbe dovuto confermare il loro spessore di squadra. Si sono fatti fregare un’altra volta, i giocatori che vestono la maglia del Torino, come era successo già contro il Verona. E stavolta non ci sentiamo nemmeno di imputare tutto al solo Mihajlovic, che pure di errori ne ha commessi a volontà e ne commette tuttora. Già, perchè sebbene l’allenatore sia sempre il primo responsabile della squadra che manda in campo, dal punto di vista tattico, mentale e tecnico, stavolta non sembra giusto puntare prima il dito su di lui.

Di fronte c’era una squadra, la Spal, che ha dato una lezione di grinta e di amor proprio. Di come si lotta, si guadagnano metri, si arriva primi sulle seconde palle, di come si deve usare a volte anche la malizia, quando serve. Non era facile rialzarsi dopo aver subito due gol nei primi nove minuti. Ce l’hanno fatta i vari Schiattarella, Lazzari, Mattiello e Vicari. Vogliamo mettere a confronto le due squadre che si sono fronteggiate ieri in quanto a somma di presenze in Serie A? Il Toro in campo non aveva degli sbarbatelli qualsiasi ma gente come De Silvestri, Molinaro, Rincon, Burdisso, Valdifiori, tutti con anni di esperienza nella massima categoria. Ecco perchè non avere vinto questa partita deve far finire tutti i granata, con poche eccezioni, in ginocchio sui ceci e dietro la lavagna.

Questo Toro ha davvero la capacità di lottare per l’Europa sino alla fine? Se la squadra è quella vista ieri, ne dubitiamo, perchè non ne ha la forza mentale. I pareggi come quelli di ieri fanno male ad una squadra come una sconfitta. Però sospendiamo il giudizio, aspettando la fine di questo mini-ciclo da cinque partite, che dirà la verità sul reale spessore del Torino attuale.

41 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. steacs - 1 anno fa

    TEST

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. steacs - 1 anno fa

    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Lucius - 1 anno fa

    Se vogliamo parlare di gestione oculata, a me sembra che si siano sconsideratamente buttati dei bei quattrini. Niang è, purtroppo, una fastidiosa nullità, un inutili, quando non dannoso. Ma in aggiunta vi chiedo, il “fuoriclasse” Adem Liajic che cosa ci ha dato?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. saettadallimite - 1 anno fa

    Certamente i giocatori che vanno in campo sono responsabili delle loro prestazioni ma se l’allenatore vedendo che ci sono giocatori molli e svogliati o fuori condizione o chissà cosa deve fare i cambi opportuni, altrimenti diventa il primo a passare dalla parte degli imputati. Nell’ordine: 1- Njang: imbarazzante, da togliere dopo mezz’ora 2-Baselli: imbarazzante, da togliere dopo mezz’ora 3- Belotti: abulico, inconcludente, per quanto servito poco, da togliere l’ultima mezz’ora, piuttosto facendo entrare Edera e rinunciando alla prima punta. Forza Toro e auguri a tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. KanYasuda - 1 anno fa

      1- Njang: non deve proprio iniziare ogni partita come titolare.
      2- Baselli: da posizionare in più modi diversi in base all’avversario che si affronta sfruttando la sua imprevedibilità e la capacità di saper essere soprattutto più offensivo che interditore.
      3- Belotti: con la crisi che ha, deve ricevere per qualche partita consecutiva una maggiore quantità di palloni dentro l’area per avere più possibilità di insaccarne almeno qualcuno, per farlo sboccare. Non è un fuoriclasse, ma un ottimo finalizzatore, ed in una Squadra che non sa costruire gioco è fortemente penalizzato. Il fatto che è anche sempre utilizzato nel pressing asfissiante per cercarsi la palla, serve a nascondere questo limite ma lo rende sempre meno lucido.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. blubba - 1 anno fa

    E’inutile insisterevsui cambi a centrocampo,il piu equilibrato tra corsa e talento è obi,baselli rincon gli altri sono impiegabli part time ovvero in situazioni particolari di partita cosa che miha nn comprende evidentemente.Il vero problema resta comunque il Gallo fantasma e anche sfigato direi ancxhe le scelte che il mister fa in mezzo servono a agevolare lui nella ricerca della vecchia condizione ma sembra che ormai nulla funzioni.Reto dell’idea che Cairo se avesse voluto e potuto lo avrebbe ceduto al Milan ma onestamente se nn si fida raiola della società rossonera ti pare che possa farlo il nostro presidente.Fra quanti millenni avremmo visto i soldi, credo sia stata una scelta accorta finanziariamente ma dal lato sportivo la stiamo pagando perchè è inutile dire che è colpa di Miha ,noi nn abbiamo una punta attualmente il miglior attaccante è un esterno è impensabile solo lontanamente di arrivare in europa cosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Grande Torino - 1 anno fa

    Già !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ddavide69 - 1 anno fa

    Personalmente mi mancano come il pane i risultati sportivi. Non mi interessano tanto gli interpreti, anche se avessimo tutta gente da serie b ma con cuore gambe e polmoni grandissimi che ci consentirebbero di vincere o partecipare a qualcosa di importante me ne farei una ragione a non avere grandi nomi. Purtroppo però vedo che dopo dodici anni siamo sempre una incompiuta. Per una ragione o per una altra non emergiamo mai. Mai una volta per meriti, incostanti cronici. Io credo che cambiare sempre tutti gli anni mezza squadra non otterremo mai nulla. Prossimo anno già vedo nuovo allenatore con nuovo progetto biennale triennale… Campa cavallo e gli anni passano… Buon Natale a tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Golfo - 1 anno fa

      purtroppo non puoi comprare giocatori nuovi se non vendi altri se non hai uno sceicco al comando. accetala, questa è la nostra realtà come società, solo un po di culo e bravura nel scegliere i nuovi giocaori farà si che la crescita sia costante ma lenta. da quando eravamo nulla ad adesso ne è passato di tempo, ma abbiamo anche evoluzionato in meglio. questa è la realtà

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. KanYasuda - 1 anno fa

        Ma fino a meno di due anni fa, non si parlava di “zoccolo duro” ?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. KanYasuda - 1 anno fa

          … e poi non si cominciò all’improvviso a parlare di Sogno Europeo ?
          …se non ricordate tutte le cazzate con cui ci sbomballano il cervello anno dopo anno, cercate di evitare certe considerazioni o di trovare inutili soluzioni….manca un progetto vero, lo vogliamo capire ?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. vittoriogoli_781 - 1 anno fa

    Il problema del toro risiede nel momento no di Belotti e nella assenza di centrocampo purtroppo l’errore parte dalle scelte folli di mercato di Miha : sei esterni ed investimenti Nel centrocampo 0 ( il solo Rincón).
    Per questo contesto Miha ha distrutto il nostro anno per incompetenza e presunzione somma.
    Avessimo Donsah e se Niang fosse in Siberia avremmo 4/5 punti in +.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 1 anno fa

      Lo penso anche io. Forse più di cinque…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. pier - 1 anno fa

    perché il petrachi ha dato retta al buon papà mi ha ne si coccola il njang incapace di giocare dovrebbe imparare nella primavera come aveva fatto giagnoni con pupigol

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. spelli_446 - 1 anno fa

    Ma basta con questa storia che bisogna aspettare il prossimo mini ciclo di partite per capire di che pasta è fatta questa squadra ! Prima aspettavamo il ciclo di squadre più forti per capirlo…Inter, Lazio, Napoli, Roma , adesso dopo lo schifo di Ferrara aspettiamo questo miniciclo che,dice l’autore dell’articolo, farà capire il reale spessore di questa squadra…Siamo a metà campionato e ancora bisogna capirlo ? O forse da irriducibili tifosi con le fette sugli occhi ci crogioliamo ancora nella speranza che Babbo Natale ci regali un’altra squadra !?…..Auguri a tutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. ddavide69 - 1 anno fa

    Lo spessore di questa squadra? Quello di un foglio di carta velina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. morassut.maur_530 - 1 anno fa

    Smettiamola di illudere la gente, se siamo questi valiamo un bel 10 posto altro che europa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. prawn - 1 anno fa

    L’anno scorso almeno si facevano 4 goals e poi si sarebbe finiti 2-4.
    Incomprensibile il cambio di rotta, essendo il modulo lo stesso e la difesa migliorata.

    Forse manca il Gallo e non vedo l’ora di vedere se il mercato di Gennaio porta qualcosa di buono, perche’ troppo spesso sarebbe da sostituire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 1 anno fa

      Certo che manca il gallo. Sbaglia quattro gol su cinque! Non so ma è una involuzione terribile. Credevo fosse per l infortunio o per l enorme lavoro di recupero palloni, ma mi sembra un po’ troppo ormai….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawn - 1 anno fa

        Non e’ lui dalla clausola, dai, e dalla clausola l’intero toro e’ crollato.

        50% miha 50% societa’ ad insistere a tenere a tutti i costi il gallo, coi soldi (70? 60?) si prendeva zapata e a quest’ora facevamo un Natale completamente diverso!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ddavide69 - 1 anno fa

          Si. Ma a parte il discorso niang che non avrei mai preso, perché di scommesse ne abbiamo già troppe in squadra, io non avrei mai pensato ad una involuzione così brutta di Belotti.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Russcumelsang - 1 anno fa

    Difficile, molto difficile, smaltire la delusione di ieri; come ha scritto qualcuno, di tutte le occasioni buttate al vento nel corso di questo campionato, quella di ieri è la più difficile da mandare giù.
    Sforzandomi di vedere il bicchiere mezzo pieno, guardando la classifica, siamo ancora in piena corsa per il sesto posto. L’Atalanta e la Sampdoria dei tanto declamati Gasperini e Gianpaolo son lì a soli 3 punti. Udinese, Bologna, Fiorentina e Milan son lì insieme a noi. Insomma siamo ancora in piena corsa.
    Guardando il bicchiere mezzo vuoto: siamo in piena corsa o saremmo in piena corsa? Ahimè il condizionale è d’obbligo.
    E’ impensabile pensare di raggiungere il traguardo europeo se si zoppica paurosamente con le squadre di bassa classifica, si fanno figuracce con le uniche squadre di un livello superiore (Juve e Napoli) e si va a corrente alternata con tutte le altre (bene con Lazio e Inter, benino con Udinese, Samp, Milan, Bologna malissimo con Roma, Fiorentina).
    E’ impensabile se ci si intestardisce su Niang: se un giocatore del suo (presunto) livello fallisce una partita contro la terzultima del campionato direi che tutte le chance se le è giocate ed sarebbe ora pronto per la tribuna.
    E’impensabile se un allenatore in due anni non è riuscito a correggere l’atteggiamento mentale della squadra in occasione di tante partite alla nostra (presunta) portata.
    E’ impensabile se siamo tutti qui a scrivere che nessuno di noi riesce a vedere in campo una minima idea di gioco, almeno un accenno ad un qualche schema.
    E’ impensabile se contro la terzultima in classifica in quella che sarebbe dovuta essere la partita dell’esame di maturità, per un intero tempo (il secondo) non fai nemmeno un tiro in porta: significa che il progetto tecnico è fallito. Punto e basta.
    Sono francamente (forse eccessivamente?) pessimista, e tremendamente deluso.
    Buone feste a tutti, e sempre FVCG!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. rednic73 - 1 anno fa

    Penso che il mister abbia le sue colpe, continua ad insistere con Niang, ma Berengur é molto meglio, ha rapidità corsa e salta più facilmente l’uomo cosa che Niang non ha fatto, anche se ha avuto le sue occasioni, si deve recuperare Niang quando il Toro sta vincendo 3 o 4 a 0, Buon Natale a tutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. user-13658235 - 1 anno fa

    Si sono stufi di farsi fregare ed incolpare dal mister che prende tra lui e i suoi collaboratori quasi 2 ml e vale meno di novellino con l’alzheimer …..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. granata - 1 anno fa

    Robinhood_67 cita un passo della Nuova Ferrara che inquadra esattamente la partita con la Spal. Il giornalista, scevro da pregiudizi, simpatie o antipatie (come possono condizionare i tifosi granata), commenta quello che ha visto e, soprattutto, indica nelle “assurde scelte di Mihajlovic” le cause della penosa prestazione del Toro. E’ vero che Mihajlovic non va in campo, ma il direttore d’ orchestra dovrebbe saper scegliere i suoi orchestrali, indicare i loro compiti in modo che ne venga fuori una sinfonia ben amalgamata. Di amalgama il Toro continua a non averne: ieri ho visto Baselli correre dietro a un avversario con la palla dal lato sinistro a quello destro del campo (come si faceva in parrocchia quando tutti correvano dietro al possessore del pallone), Niang finire a fare confusione sulla fascia destra, lui che doveva coprire quella sinistra, Valdifiori, assolutamente statico, non muoversi da un piccolo spicchio del terreno, Ljanco buttarsi scompostamente su un avversario già marcato da N’koulou, il solito caos in area sui calci d’ angolo. Soprattutto quando si gioca a zona, ruoli, equilibri e geometrie sono fondamentali, non ci si può affidare solo alle invenzioni sporadiche di qualche giocatore di talento (Iago Falque).
    E questo è il primo problema. Il secondo sono le sciagurate scelte di formazione: insistere su Niang, perchè lo si è voluto a tutti i costi e lo si è strapagato, è demenziale ed infatti (come ha già scritto qualcuno) il giudizio di Zaccarelli è stato stroncante. Ma anche avere rispolverato Valdifiori è incomprensibile, una imbecillità: d’ altronde Sarri, che lo aveva utilizzato molto nell’ Empoli, a Napoli non gli ha fatto praticamente giocare nemmeno una partita. Valdifiori ricorda il peggior Vives, lento, poco mobile (non fa mai un’ incurisione in avanti, non ricordo un suo tiro in porta), come Vives è stato sopravvalutato (Ventura lo preferì a Brighi e a Gazzi due signori centrocampisti). Anche l’ utilizzo di Ljanco andava valutato meglio dopo la prestazione con la Roma, quando era stato incautamente lodato da molti, che non ricordavano i paurosi sbandamenti in difesa del Toro. Non capisco invece perchè Mihajlovic non abbia pensato di mandare in campo Edera, magari cambiando modulo e facendogli fare la seconda punta al fianco di Belotti, che continua a essere isolato là davanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 1 anno fa

      Mihalovic scarso costoso inutile incomprensibile illogico inutile dannoso scellerato.

      Ottimo riassunto della partita, ora mi cerco l’articolo che hai menzionato!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 1 anno fa

      Isolato o no, una punta di razza non spreca tre occasioni a partita. Se segnasse anche solo la metà della anno scorso parleremo di altri risultati e altre prestazioni. Poi mihaijlovic ha molte colpe ma se un giocatore non segna un’altro non è capace a stoppare un pallone e arriva sempre secondo sul pallone, beh di cosa discutiamo?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. granata - 1 anno fa

        Non ho detto che Belotti ha giocato bene, ho sottolnieato che, come si era già visto l’ anno scorso, la formula di Mihajlovic, che gioca con una sola punta (il 4-3-3 è una bufala, lo si vede sul terreno di gioco), lo penalizza e penalizza la forza offensiva del Toro, Belotti o non Belotti. Anche perchè la presunta spalla di Belotti dovrebbe essere Niang o Sadiq o Boyè (quanti gol sono in grado di fare questi tre?). Ma non basta, Mihajlovic sbaglia anche nelle scelte a centrocampo: perchè lasciare fuori Obi per schierare lo statico e lento Valdifiori, che, vista la presenza di Baselli, non fa che rendere ancora più leggero il nostro centrocampo?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ddavide69 - 1 anno fa

          Assolutamente vero. Però una punta di razza davanti a certe occasioni non può sempre fallire così miseramente. E i rigori sbagliati e i tap in sotto porta più facile farli che sbagliarli …va bene la sfiga però… Due gol di Belotti in più erano quattro punti in più, e fanno la differenza!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Wendok - 1 anno fa

    ultimo paragrafo dell articolo. ecco…. il procastinare scadenze, dare ultimi appelli, la contro contro prova del nove che arriverà di frontw magari a due vittorie una sconfitta e due pareggi. insomma la solita brodaglia di gwnte senza palle e senza professionalità. io rimango convinto che la serietà, lo spessore mentale, i principi severi di ciò che significhi giocare nel toro in primos e poi di guadagnare cifre assurde ( si…. considero cifre assurde già i 300 mila all anno ),… debbano partire dall alto. ma santo cielo, far volare delle sedie a volte, è salutare. così come dare uno schiaffo a tuo figlio. magari uno nella vita, ma il cui ricordo te lo porti per sempre e ti insegna tanto. invece dalla società, allenatore, giocatri,mondo assimilabile al toro quale giornalisti e media, si assiste al più totale ” mollismo “. tutti si facciano un esame di coscienza. giornalisti inclusi. e il presidente una volta, si faccia vedere più che incazzato,… infuriato ! sia il primo a dare una scossa elettrica ai troppo mammalucchi che gravitano a spese di toro e tifosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. tric - 1 anno fa

    Provate a fare una classifica, ruolo per ruolo, sulla qualità dei giocatori nella nostra serie A e scoprirete che quelli titolari nel Toro (ma chi sono?) stanno tutti fra i primi cinque. Quindi il problema non è dei giocatori ma dell’asino che li guida.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-13658235 - 1 anno fa

      Sacrosanta analisi ……ma c’è qualcuno che ha il coraggio di difendere l’asino …..o qualcuno che spera diventi un puledro…..un’asino anche se vince casualmente qualche partita rimane un asino ……

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. prawn - 1 anno fa

      Lungi da ma difendere Miha ma la formazione di quest’anno ha un tot di sopravvalutati che non finisce piu’.

      Bellotti: a meno che veramente non rimpianga aver firmato la clausola non e’ quello dell’anno scorso
      Niang: no comment
      Ljacic: lo sanno tutti che e’ poco costante
      Baselli: io lo metto tra i sopravvalutati, molto meglio Obi
      Rincon: ci si aspettava di +
      Valdifiori: ci si aspettava molto di +

      Sopravviviamo a meta’ classifica grazie a qualche piacevole ‘sorpresa’, Nonno Burdisso che tiene botta, Sirigu ritrovato, N’Kolou colpo di mercato.

      Siamo attaglianati dagli infortuni, guarda caso, tutti in difesa, la lista e’ lunga: Lyanco, Barreca, Ansaldi, Bonifazi.

      Dura andare in Europa cosi’, forse con un allenatore che fa giocare i migliori non con un pagliaccio che fa giocare chi ha fatto comprare e ora ha le lacrime di coccodrillo e non vede che sta dilapidando la nostra stagione ma anche la sua carriera.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Golfo - 1 anno fa

      tutti tra i primi 5? a me non risulta, ma se la classifica la fai tu magari si

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Scott - 1 anno fa

    Credo che il problema vada offrontato in maniera non superficiale, partendo dal punto nodale: cosa ci stanno a fare alcuni calciatori nella maglia del Toro? Se l’obiettivo principale della società fosse veramente quello sportivo, allora alcuni dovrebbero andare in panca o in tribuna. Questo accade in molte società: non è uno scandalo che un calciatori pagato decine di milioni di sieda invece di sgambettare ignobilmente sul prato. Se l’obiettivo principale della società è la valorizzazione dei costi (gli investimenti sono un’altra cosa!) allora devi, tuo malgrado, mettere in campo gente fuori forma o senza stimoli, pur di non deprezzarla. Mi pare che adesso, per non azzerare completamente il capitale utilizzato, alcuni abusivi della maglia granata debbano sedersi in tribuna o in panca. Questo mi aspetto da Sinisa nelle prossime giornate. Mi pare illuminante il commento di Zaccarelli su un calciatore con la maglia granata: sembra che faccia le cose solo perchè le deve fare. Se costui acquista coscienza del valore che indossa, mi spellerò le mani per lui. Altrimenti, senza remore nè preguidizi, fuori dai coglioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. robinhood_67 - 1 anno fa

    Aspettando l’acquisto della forza mentale a gennaio, sulla partita di Ferrara resta una domanda: qual è stato l’apporto alla catena di sinistra di Niang finché è stato in campo e come mai si è scelto di lasciare solo Molinaro fino all’ingresso di Berenguer e fino ai crampi. Il rigore invece è comprensibile: da quella posizione Grassi notoriamente fa mirabile. Sintesi della Nuova Ferrara: ‘Torin Torello nessuno ti fa bello. La fragilità mentale dei granata, i loro limiti tecnici e le assurde scelte di Mihajlovic regalano alla Spal una partita che i biancazzurri avevano già perso ed hanno finito col pareggiare’.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. s.simone_183 - 1 anno fa

    Non hanno le palle e, quindi, è perfettamente inutile illudersi o recriminare. La squadra andrebbe rifondata scegliendo giocatori che hanno in primis, come DNA, il famoso tremendismo granata. come Giorgio Ferrini, che io ho avuto l’onore e la gioia di vederlo giocare. Poi, ci vogliono dei dirigenti e tecnici all’altezza del compito a cui sono preposti, che d’altronde, è molto difficile perchè soggetto a diverse variabili. Ed infine, ci vogliono i soldi, programmazione e molta fortuna. Certo è che se ogni anno si vendono i migliori giocatori è impossibile ottenere dei risultati soddisfacenti, in quanto si ricomincia sempre a ricostruire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 1 anno fa

      Esatto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. user-13658235 - 1 anno fa

    I giocatori c’è là metto tutta …….ma non sono minimamente preparati per le varie fasi della partita …….se parlaste in confidenza con uno a caso di loro vi dice che il metodo di allenamento non sta né in cielo né in terra……..loro si allenano solo sul pressing e sul recupero delle seconde palle In funzione dei movimenti delle squadre che incontrano……lui non fa cambi tattici, non fa cambi di ritmo non fa possesso non fa intensità……..i ragazzi per primi non ci credono dopo 2 anni di NIENTE …….e lui da solo la colpa a a loro …….si vergognasse

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. sylber68 - 1 anno fa

    Ma si sparassero sti cessione,

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Granatissimo1973 - 1 anno fa

    Mi fa incazzare sentire dichiarazioni tipo dopo il due a zero ci siamo rilassati….ma si già che c’erano potevo ordinare un aperitivo i signorini…con quel che guadagnano hanno pure il coraggio di dire che si son rilassati. Ma andate a lavorare fiche lesse!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy