Indagine Figc: cosa rischia Cairo? Gli scenari possibili

Indagine Figc: cosa rischia Cairo? Gli scenari possibili

Il punto / L’avvocato Cesare Di Cintio, esperto in giustizia sportiva, ai nostri microfoni: “Rischio deferimento? Difficile”

di Nicolò Muggianu

La Figc potrebbe aprire un fascicolo nei confronti di Urbano Cairo. Il presidente del Torino potrebbe finire sotto indagine per le parole pronunciate nei confronti degli arbitri nel post-derby. Tra le frasi incriminate, quella in cui il patron granata “accusava” l’arbitro Guida e il Var Mazzoleni di “sudditanza psicologica” nei confronti della Juventus.

Ma cosa rischia dal punto di vista legale il presidente del Torino? Per saperne di più abbiamo interpellato l’avvocato Cesare Di Cintio, specializzato in giustizia sportiva. “Secondo l’art 5 del cgs Figc – ha dichiarato l’avvocato Di Cintio ai nostri microfoni – ‘Ai soggetti dell’ordinamento federale è fatto divieto di esprimere pubblicamente giudizi lesivi della reputazione di persone, di società o di organismi operanti nell’ambito del CONI, della FIGC, dell’UEFA o della FIFA’. Nonostante ciò è chiaro che devono essere accuratamente accertate le circostanze e il contesto nel quale vengono rese le dichiarazioni stesse”.

Non a caso dunque è stato aperto un fascicolo nei confronti di Preziosi e De Laurentiis, ma non ancora in via definitiva nei confronti di Cairo. Realisticamente parlando, la pena più concreta per il patron granata potrebbe essere un’ammenda: “La norma prevede che se le ‘dichiarazioni siano idonee a ledere direttamente o indirettamente il prestigio, la reputazione o la credibilità dell’istituzione federale nel suo complesso o in una specifica struttura, all’autore delle dichiarazioni di cui al comma 1 si applica l’ammenda da € 2.500,00 ad € 50.000,00 se appartenente alla sfera professionistica’. Venendo al caso di specie, credo che le dichiarazioni rese dal massimo dirigente granata, sempre che venga aperta una indagine, essendo avvenute nell’immediatezza della partita, e quindi a caldo, non abbiano il connotato di gravità tale da portare a pene diverse da una una sanzione pecuniaria vicina al minimo edittale previsto dalla norma”.

Cairo può dunque dormire sonni tranquilli. Nessun deferimento in vista, come accadde invece meno di un anno fa a Pallotta; dopo le polemiche scaturite in seguito al match di Champions League contro il Liverpool: “Le parole di Cairo non sono state tendenti a mettere direttamente in dubbio la buona fede del direttore di gara che, eventualmente (tutto da dimostrare) si sarebbe condizionato involontariamente. Il ‘condizionamento psicologico’ presuppone una debolezza del soggetto che subisce involontariamente un fattore esterno, mentre la ‘mala fede’ corrisponde al dolo ed alla premeditazione il che, ovviamente, ha un peso specifico diverso allorquando viene riferito ad un arbitro”. Piccole ma fondamentali differenze. Al momento tutto tace, ma la sensazione è che Cairo non passerà grossi guai per le dichiarazioni incriminate.

24 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Schachner - 3 settimane fa

    Secondo me rischia un anno di carcere da scontare nel penitenziario arbitrale di Venaria

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13793800 - 3 settimane fa

    inchiesta ridicola,la sudditanza c’era anni fa e figuriamoci se non c’è oggi che sono pure lo sponsor di nazionale e classe arbitrale.Il problema più grande è che oltre alla sudditanza sui campi da gioco l’hanno anche tutti gli organi istituzionali e politici nei loro confronti (vedi stadio regalato e sentenze scandalose).Hanno condizionato e continuano a farlo,chi lo nega è perché ha interessi con loro o perché ha paura delle conseguenze.
    Buon anno a tutti i tifosi del Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13722867 - 3 settimane fa

    c è poco da discutere non sono opinioni di fantasia quelle dette da Cairo ma fatti concreti che nessuno può negare sarebbe come assistere a una rapina in banca e poi sostenere che era un prelievo al bancomat …palazzo di mafiosi!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. co_riv_637 - 3 settimane fa

    Abito a Roma,mio figlio ( ahime’della Lazio)mi ha fatto leggere un commento di un ,per me, lucidissimo e corretto tifoso della Lazio che esternava il suo rammarico per l’arbitraggio di Irrati non tanto per i rigori e le mancate espulsioni durante la gara,ma si soffermava sullo scandaloso allontanamento di Meite a gara finita perchè,con lungimiranza,aveva focalizzato con chi giocheremo la prossima partita e cioè con la Roma dove ci mancheranno due grandi colonne.Guarda caso ecco la squadra che verrà favorita (indirettamente???????)dal grande arbitro Irrati.E Cairo non fa bene a lamentarsi?????? ERA ORA.E CONTINUASSE SEMPRE COSI’.Buon anno a noi tutti e sempre FORZA TORO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Pulster - 3 settimane fa

    Era un po’ che voleva dirlo ed ha cercato di farlo in maniera più delicata possibile, risultando molto ironico, ma colpendo abbondantemente il bersaglio! Poi si sa, la miglior difesa è l’attacco e quindi la federazione ha condannato queste dichiarazioni, confermando indirettamente quanto detto da Cairo ed anche da tanti altri Presidenti! Con questo commento, oltre a presentarmi come new entry, vi auguro buon anno!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 3 settimane fa

      Benvenuto tra noi. Pronti a scambiarci le reciproche opinioni, ricambiamo gli auguri!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. claudio sala 68 - 3 settimane fa

    Personalmente ritengo più gravi le parole di Pioli che chiedeva più rispetto per la Fiorentina, evidenziando così la malafede degli arbitri. In linea di massima comunque ci vorrebbe più severità nel punire le esternazioni che ledono la reputazione degli attori del calcio, compresi i giornalisti o presunti tali

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. stto1962 - 3 settimane fa

    Bellissimo. Cairo accenna ad uno strano modo di dirigere le gare peraltro sotto gli occhi di tutti e la procura federale invece di preoccuparsi ed indagare sulla veridicità delle accuse ,indaga Cairo. Corrotti e servi del potere.Spero che L ora dell esplosione definitiva del pianeta calcio sia vicina…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dariog - 3 settimane fa

      idem

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. granatadellabassa - 3 settimane fa

    Magari aprissero un fascicolo! A quel punto dovrebbero chiedersi anche loro il perché di questa lunga serie di favori arbitrali…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 3 settimane fa

      Il fascicolo contro Cairo potrebbero anche aprirlo, ma mai ammetteranno i favori arbitrali, quindi mai si porranno il problema del perché!
      Se una cosa non esiste, non puoi chiederti perché accade: ecco la loro filosofia!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Madama_granata - 3 settimane fa

    Buon anno a tutti!
    Certo, che lo sanno, quanto il pubblico sia convinto dell’ingiustizia che regna sovrana nel mondo del pallone!
    E dico “pubblico”, e non “tifosi”, perché conosco un sacco di gente che non ama, o non segue, o non segue più il calcio, proprio perché lo considera uno degli sports meno “puliti”.
    Il “business” è l’unico “dictat” al quale doversi assoggettare.
    Troppo danaro, cifre astronomiche nelle compravendite, come negli stipendi. Troppe scommesse, legali e clandestine, troppa immoralità e troppa illegalità!
    Troppi “sponsors” che pretendono “risultati certi”, proporzionati a quanto investono.
    Alla fine quello che meno conta è il gioco vero e proprio, pilotato, condotto e regolato secondo schemi predeterminati.
    Se in questo quadretto uno degli “affiliati”, un Presidente, un Uomo anche piuttosto in vista nel mondo della finanza italiana, Uno che non ha “scheletri nascosti nell’armadio” si permette, con garbo ed educazione e parole “misurate” di insinuare l’idea che “qualcosa non va”…
    Beh, allora bisogna fermarlo, dirgli quanto sia inopportuno, farlo tacere.
    Ecco perché non capisco certi tifosi che avrebbero voluto reazioni più dirette e violente! Per cosa? Per far penalizzare la squadra, o farla retrocedere di categoria, o farla escludere dal campionato?
    Bisogna parlare, insinuare, ma non danneggiare ulteriormente la squadra.
    Trovo la “sudditanza psicologica”, quindi la non dichiarata volontarietà del vizio , un’IDEA GENIALE per cercare di “dire ciò che non si può dire”!
    Ecco perché stimo e rispetto il Presidente Cairo: per me una persona che “pensa, prima di agire”, e quando agisce lo fa con cognizione di causa!
    Se poi qualcuno mi dirà che sono una “serva di Cairo”, o la sua “pedicure”, beh, pazienza!
    Io rispetto le idee di tutti, ma penso che a quella persona poco interessa il bene del Torino Calcio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 3 settimane fa

      Ciao @Madama, certo che arriverà. Parlare bene del presidente, per alcuni è peccato mortale. Siamo servi del padrone , Madama :)
      Ovviamente, fregatene. Ciao e auguri di buon anno!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 3 settimane fa

        Come vedi, tiro dritta per la mia strada, e continuo ad esprimere ciò che penso!
        Proprio in questo consiste “il non essere servi”: usare il libero arbitrio e parlare senza farsi condizionare dalla “piazza” o da certi estremismi che mai condividerò.
        Grazie per la solidarietà, a te e a tutti gli altri co-tifosi!
        Ancora “buon anno”!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. GlennGould - 3 settimane fa

    Cairo ha detto cio che pensano tutti gli italiani tranne i gobbi (e neanche tutti), ben consapevole che avrebbe rischiato qualcosa. È un BEL presidente!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. torotorotoro - 3 settimane fa

      Buongiorno e buon anno Glenn, Madama e altri amici torinisti, a voi tutti! Forse si comincia a vedere qualcosa di buono… speruma bin!
      Il gioco comincia ad esserci. Buon girone di ritorno!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-13974210 - 3 settimane fa

    È ovvio…come nel peggiore dei regimi corrotti,chi dice la verità deve essere punito…. che schifo!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. RobyMorgan - 3 settimane fa

    È ci mancherebbe che venisse indagato e sanzionato!
    Ma si rendono conto cosa pensa più della maggioranza del pubblico che segue il calcio sulla regolarità del nostro campionato?
    Basta chiedere in giro se non si vogliono ordinare sondaggi , ma lo sanno…si che lo sanno.
    Comunque semore e solo Forza Toro , che Tu sia più forte di torti e ingiustizie e che ci faccia sognare in questo 2019 con un ottimo girone di ritorno!
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. CarlosMarinelliCampobasso - 3 settimane fa

      Si rendono conto che nonostante lo seguono tutti … E molto bene se ne ….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. ToroMeite - 3 settimane fa

    Tanto per dirne una, andassero una volta ad indagare, perché Acquah venne totalmente discriminato in ben due derby. Vergogna.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. user-14036712 - 3 settimane fa

    Me ne strafrego della Procura Fgci e dovrebbe farlo anche il Presidente che ha dichiarato il minimo indispensabile e quali fossero i pensieri su ‘sti “pagliacci col fischietto”! Buon anno soprattutto a quelli del TORO!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Garnet Bull - 3 settimane fa

    Gli unici da indagare sono i gobbi ladri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dariog - 3 settimane fa

      :)yes

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Vanni - 3 settimane fa

      Che piciu.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy