Mazzarri pre Torino-Lazio: “Voglio arrivare il più in alto possibile”

Mazzarri pre Torino-Lazio: “Voglio arrivare il più in alto possibile”

Diretta TN / Il tecnico granata, dalla sala conferenze dello Stadio Olimpico Grande Torino, presenta la sfida

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

IN CONFERENZA

mazzarri

Dalla sala conferenze dello stadio Olimpico Grande Torino, il tecnico granata Walter Mazzarri presenta la sfida di domani tra Toro e Lazio. Il calcio d’inizio è fissato alle ore 20:45: sarà una gara molto importante per i granata, che dopo aver subito una sconfitta contro l’Atalanta, ha la necessità di rialzarsi per terminare la stagione in maniera dignitosa, già in ottica per la prossima annata. Il tecnico del Toro sta per entrare nella sala conferenze.

Tutte le volte che si presenta la partita successiva, si dicono praticamente sempre le stesse cose. Non voglio essere banale: domani l’impegno sarà importante. Noi dovremo essere all’altezza, e dimostrare come abbiamo fatto con squadre blasonate di essere all’altezza, o quanto meno alla pari, o di prevalere. Questo è il mio principio: cerchiamo di lavorare su noi stessi“.

DI SEGUITO LA CONFERENZA DI MAZZARRI

26 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. claudio sala 68 - 4 settimane fa

    Mah… La formazione di stasera mette tristezza, capisco il decimo posto se neanche a campionato finito non proviamo qualcosa di nuovo. Spero veramente di sbagliarmi ma per stasera ho brutte senzazioni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rossodisera - 4 settimane fa

    Quando i risultati non arrivano ci riempiamo di parole dette e scritte. O del passato che è anche peggio. Dobbiamo lasciar lavorare i professionisti e se non ci piacciono ce la dobbiamo prendere con chi li ha messi. Mazzarri mi piace anche se non condivido tutto quello che fa e soprattutto quello che dice… non è mai colpa sua…. credo che sia un ottimo professionista che ha bisogno l’aiuto di tutti per rendere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. torinodasognare - 4 settimane fa

    Beh, se vuole arrivare più in alto possibile un posto al 3° anello lo trova sempre….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Toro71 - 4 settimane fa

    Per il prossimo anno Mazzarri ha già chiesto Maggio (36 anni) a parametro zero. Ma di cosa stiamo parlando. Lui crede ancora di allenare il Napoli di Cavani e Lavezzi. L’unica cosa certa è che si prende fino al 2020 ben 2 milioni di euro a stagione. Ma io dico al presidente Cairo per arrivare ogni anno tra l’ottavo è il dodicesimo posto in classifica era necessario prendere un allenatore da un ingaggio spropositato rispetto ai risultati sportivi che riuscirà ad ottenere? Mazzarri non lancerà mai i nostri primavera. Con quali giocatori farà plusvalenze adesso il nostro presidente?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. lgiusia_953 - 4 settimane fa

    Io vorrei capire una cosa: qual è la differenza fra arrivare decimi con Mihajlovic e arrivare decimi con Mazzarri? Oppure davvero Cairo pensava (e noi tifosi pensavamo) che con Mazzarri saremmo andati in Europa? Ok, Sinisa ha sbagliato a volere a tutti i costi Niang (non ne avevamo bisogno: giocavi con Ljajic-Belotti-Iago ed Edera prima alternativa) ma Sinisa ha anche fortemente voluto Ljajic, che oggi molti tifosi considerano – giustamente – l’unico giocatore in grado di “accendere la luce” in questa squadra.
    Il punto secondo me è uno solo: con i soldi dello stipendio di Mazzarri da gennaio a giugno, il nostro illuminato Presidente avrebbe potuto prendere al mercato invernale un centrocampista serio e un vice Belotti. Ovvero ciò che serviva a questa squadra per competere con chi stava davanti. Poi, se anche con questi 2 innesti Sinisa non fosse andato in Europa, lo si mandava via (a fine stagione però) e si prendeva Mazzarri. O magari Nicola, che costa molto meno e non credo sia molto più scarso. Ci vuole tanto? Il problema è che probabilmente ci saran o dinamiche che noi comuni tifosi mortali non conosciamo e che portano a scelte così illogiche…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 4 settimane fa

      che si andasse in Europa con wm e con i giocatori di miha l’hai pensato solo te.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Aiax76 - 4 settimane fa

    Credo abbia detto cose corrette. Poi in campo ci vanno i giocatori. I nostri stanno pensando alle ville prenotate a Formentera…gli altri si stanno giocando la Champions… è brutto da dire ma la realtà è questa…lo so che sono strapagati ma credo sia umano….le motivazioni fanno la differenza…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 4 settimane fa

      domani è già tanto se non verranno con le infradito

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Simone - 4 settimane fa

    purtroppo domani temo l’imbarcata.
    Troppo diverse le motivazioni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Granat....iere di Sardegna - 4 settimane fa

    Lasciamo lavorare Mazzarri. Da un punto di vista comunicativo è magari più pacato ma in fondo chissenefrega…Non credo che se Mihajlovic avesse fatto bene ci sarebbe importato molto di come parlava. Piuttosto c è da ritenere che se anche Mazzarri non riesce a fare girare la squadra forse il problema è, semplicemente, la squadra…speriamo sia costruita meglio a giugno…magari pensando un po meno alle plusvalenze e un po di più a giocatori decenti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-13658280 - 4 settimane fa

    io nn capisco ke cosa si pretende da mazzarri, non si può paragonare a sinisa xche lui ha avuto un anno e mezzo x far vedere qualcosa, adesso tocca a lui e tra un anno tireremo le conclusioni se era meglio il serbo o lui…avete visto la difficoltà di acqua e di belotti solo x controllare la palla domenica oltre le assenze, calciospettacolo nn ne puoi fare…forza mazza io confido in te

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. robertozanabon_821 - 4 settimane fa

    Tutto meraviglioso, come avrebbe detto il grande giornalista Cazzaniga, stiamo facendo la mozione dei sentimenti.
    Gli auspici da formulare sono tutti nobili ma il Toro,per il futuro, ha un disperato bisogno di qualità e quella non si ottiene con le speranze.
    Chi vive sperando…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Max63 - 4 settimane fa

    Mazzarri è persona preparata sia dal punto di vista tecnico che di gestione della comunicazione. Abbiamo perso mesi con l’arrogante. Ritengo che Mazzarri possa essere il Ventura che ha portato assieme a Cairo il Toro in acque meno torbide e lui portarci stabilmente in Europa. Dagli errori fatti e dalle cose ben fatte, da parte del management, negli ultimi due anni si può creare la base per fare cose importanti. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. biziog - 4 settimane fa

      fino ad ora non ha dimostrato nulla e non mi sembra abbia fatto sostanzialmente meglio di chi l’ha preceduto… a me non piace il suo modo di comunicare né tantomeno il suo difensivismo estremo (giocare a Bergamo con Bonifazi esterno quando hai Berenguer è privo di senso). Vedremo il prossimo anno, tanto ce lo beccheremo di sicuro anche la prossima stagione.
      Moreno Longo sarebbe stato il nostro allenatore perfetto o Nicola.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. biziog - 4 settimane fa

    credo che prima di parlare di Superga un allenatore (ma anche un giocatore) che gioca nel torino fc debba averne qualche motivo, deve aver dimostrato qualcosa, nn credo sia il caso del signor Mazzarri.
    Quindi d’ora innanzi di Superga e del TORO lasci parlare NOI, lei può tranquillamente continuare a parlare del torino fc

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. WGranata76 - 4 settimane fa

      Che astio inutile.. che non ti piaccia come allenatore, come si nota da vari tuoi interventi, non vuol dire che Mazzarri non possa parlare di Superga. Ha mostrato da subito interesse andando alla lapide e ha parlato correttamente anche in sala stampa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. abatta68 - 4 settimane fa

      Cosa bisogna dimostrare? È a chi? Bisogna conoscere e interiorizzare… Non c’è nulla da dimostrare, sia che uno sia vicino ai colori granata che no, esattamente come sostiene Sarri, che a noi non deve dimostrare proprio nulla

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. biziog - 4 settimane fa

        per voi sono tutti uguali… ma forse ci potete arrivare che un conto è se di Superga parla un certo Pulici, un altro conto è se lo fa il signor Mazzarri, obbligato dal protocollo, ma è evidente che non può interessargli (ed è anche normale per carità) quindi sarebbe meglio che non dicesse nulla
        quindi per voi anche Buffon può parlare di Superga? Che tristezza

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. abatta68 - 4 settimane fa

          il senso del ricordo è quello di conservare e di tramandare a tutti ciò che è stato il Grande Torino per l’Italia e ricordare che la tragedia di Superga ha costituito un lutto nazionale, non solo nell’ambito sportivo, ma nella nostra società. Non è su queste cose che ci si deve attaccare al campanilismo. Quando Sarri dice “chiunque lavori nello sport e non solo, dovrebbe conoscere queste cose”, esprime proprio questo concetto. A me che le persone ne parlino può fare solo piacere, soprattutto quando non sono del Toro…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. biziog - 4 settimane fa

            E’ esattamente questo il punto, Superga non è campanilismo, è qualcosa di molto più profondo. Il lutto nazionale fu per chi visse quel momento tragico, ed è evidente che ci sia stata, dal mondo sportivo e non, compassione (in senso stretto, patire insieme) da parte di tutta la nazione. Ma per chi visse il momento appunto, non per chi nacque dopo. Troppo spesso Superga è stata sfruttata per esibire retorica a buon mercato e quindi per trarne profitto. Ecco sfruttare un dramma, un senso di appartenenza, un mito tragico e sublime per altre finalità è un’abiezione. Poi chiunque (compreso Sarri, che forse, lui, non avendo interesse, era in buona fede) può parlarne e dire quello che vuole, ma io credo che i nostri preziosi ricordi andrebbero trattati con maggior cautela e rispetto.

            Mi piace Non mi piace
  13. ExMrPresident - 4 settimane fa

    Mazzarri è sicuramente un allenatore che capisce di calcio, ma qualche volte le sue scelte sono un po’ timorose e sicuramente conservative !!!! la settimana scorsa era in emergenza ma aveva altre soluzioni e la squadra probabilmente non avrebbe sofferto così tanto l’Atalanta …. schierare Bonifazi come laterale quando Berenguer la scorsa stagione giocava proprio in quel ruolo forse sarebbe stato più logico; un centrocampo con 2 taglialegna era male assortito, forse Valdifiori seppur lento avrebbe offerto maggiore qualità…. poi nel gioco del calcio non c’è controprova ed è sempre tutto possibile !!!! Domani ci aspetta una partita complicata, vedremo cosa hanno studiato in settimana …. Forza Toro Sempre !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. silviot64 - 4 settimane fa

    Avete letto che Iniesta lascerà il Barcellona, ma non resterà in Europa per non correre il rischio di dover affrontare la sua ex squadra da avversario? Cairo, prendilo al Toro ! La probabilità che si giochi una partita ufficiale conto il Barcellona è più o meno la stessa che io io di giocare la finale di Wimbledon contro Federer. Faccia questo investimento presidente, un campione, anche se un po’ attempato, dopo tanti anni ce lo meritiamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 4 settimane fa

      non sarebbe male :)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. SSFT - 4 settimane fa

      Iniesta andrà in cina a prendere qualcosa intorno ai 30 milioni di euro, ce lo vedo poco a farsi lo sconticino per giocare da noi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. biziog - 4 settimane fa

        esatto, e poi di ex giocatori nel torino fc ne abbiamo visti fin troppi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Calogero - 4 settimane fa

      L’unico requisito che ha Iniesta per giocare da noi è l’età,il cartellino è sicuramente fuori portata, l’ingaggio è molto alto, magari lo convincono a spalmarlo per i prossimi 50 anni, chi sa non si può mai dire. Ho letto che secondo la dirigenza della Lazio: vedono bene Baselli da loro, che strano, io da loro vedrei bene Valdifiori, Rincon o Acquah (detto piedi di ghisa), invece loro vedono bene Baselli, il meno esperto di tutti, uno tra i più giovani che abbiamo non capiscono proprio niente alla Lazio…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy