Mattioli (Lo Spallino.com): “A Ferrara rivorrebbero Bonifazi. Toro, occhio a Grassi!”

Mattioli (Lo Spallino.com): “A Ferrara rivorrebbero Bonifazi. Toro, occhio a Grassi!”

Il giornalista della testata ferrarese: “Contro i granata una Spal determinata, ma che giocherà con più tranquillità dopo la vittoria di Benevento”

di Lorenzo Bonansea, @BonanseaLorenzo

Ancora qualche ora  il Torino scenderà in campo in quel di Ferrara: in palio tre punti importantissimi per i ragazzi di Mihajlovic contro la Spal, formazione che arriva alla sfida col morale alto dopo la vittoria di una settimana nello scontro diretto contro il Benevento. Per capire meglio qual è la situazione in casa spallina, abbiamo intervistato Francesco Mattioli, giornalista de LoSpallino.com.

Bentrovato Francesco. Che Spal deve aspettarsi il Torino?

Il Toro si troverà di fronte una Spal rinfrancata e rilassata dopo il risultato di Benevento.Era sicuramente una partita molto importante, e lo è stato ancora di più dopo i risultati arrivati dagli altri campi. Non vincere contro il Benvento sarebbe stato un passo falso magari decisivo. Essersi tolti quel peso è un vantaggio, ma la partita contro i granata è comunque importante. In questo momento, alla Spal manca ancora qualcosa, soprattutto dietro – dove i difensori non si sono dimostrati all’altezza finora. E anche davanti si fa fatica.

Fatta questa premessa, non c’è secondo te il “rischio” che gli spallini si sentano troppo appagati dopo la vittoria nello scontro diretto?

Potrebbe essere, ma non credo che questo influirà , perché la Spal gioca meglio quando non ha nulla di dimostrare. I giocatori si muovono con più leggerezza quando non hanno nulla da perdere. Nessuno a Ferrara gli chiede di vincere per forza contro il Torino. Però può essere comunque una bella partita – dove la Spal parte chiaramente sfavorita, visto tra l’altro gli ultimi risultati del Toro.

In questo momento, quali sono le maggiori insidie della squadra di Semplici? Chi dovrà tenere particolarmente d’occhio la difesa granata?

Il primo nome è senza dubbio quello di Grassi: è una delle poche novità liete delle ultime giornate. Ha trovato la sua poszione, corre tanto e s’inserisce bene. E’ in un buon momento, ha almeno due palle gol a partita. Sarà uno degli elementi da tenere sottocontrollo per la difesa di Miha. E occhio anche Schiattarella – e ad Antenucci.

Bonifazi

Nel Toro non è stato convocato Bonifazi a causa di un infortunio. Lo scorso anno il giovane centrale granata fu tra i protagonisti della promozione spallina. Che ricordo ha lasciato? Secondo te un altro anno in prestito gli avrebbe fatto bene? E’ di fatto il quinto difensore del Torino in questo momento.

Bonifazi è esploso nella difesa a tre, e io credo che sia nato per fare quello. In una difesa a 4 forse fatica ancora e ha bisogno di esperienza. Per quanto riguarda un suo ulteriore prestito, qui a Ferrara è un nome che si fa da inizio campionato, ma non tanto per concrete trattative – quanto perché la gente ci spera davvero. Tutti quanti, davvero tutti, hanno un ricordo ottimo di Bonifazi. Ed è dire poco: qui ha fatto una grande impressione, la sua uscita palla al piede dalla difesa è un qualcosa che non si vedeva da parecchio tempo da queste parti. Grande fisico e intelligenza tattica, a cui unisce anche tecnica: tutti elementi che ora mancano alla difesa della Spal. Il suo sarebbe senza dubbio un ritorno gradito, e qua giocherebbee anche titolare…

Tra gli altri “ex” della partita, c’è anche Alfred Gomis. Un ex con la E maiuscola. L’infortunio di Meret ha senza dubbio agevolato la sua ascesa, ma direi che il classe ’93 non ha fatto rimpiangere il compagno di reparto. 

Si merita questo ruolo. Quando è arrivato pensava di fare il secondo, Meret ha avuto sfortuna – è vero – ma lui ha dimostrato di poterci stare alla grande in Serie A. Sta facendo un campionato positivo, è stato un acquisto molto importante.

Che formazione dobbiamo aspettarci oggi?

Posto che Felipe è recuperato, Semplici probabilmente preferirà affidarsi comunque a Salomon, accompagnato nella linea a 3 di difesa da Vicari e Cremonesi. In mediana Schiattarella e Grassi gli interni al fianco del regista Viviani, mentre sulle fasce ecco Lazzari e Mora, nel caso Mattiello non riuscisse a recuperare. Davanti, infine, spazio a Floccari – reduce dalla doppietta di Benevento – e a Paloschi, con Antenucci che probabilmente partirà dalla panchina.

Infine, venendo ai granata: che giudizio ti sei fatto del campionato del Toro fino ad oggi? Secondo te può ancora ambire all’Europa?

Dall’esterno, secondo me non è stato un brutto campionato quello granata fino a questo momento. Forse è mancato qualche risultato in casa, con qualche pareggio di troppo. I tifosi si aspettavano sicuramente qualcosa in più, ma nei fatti tutto è ancora fattibile e la rosa è una signora rosa. Forse il Toro poteva fare più punti, ma la lotta per l’Europa è ancora aperta.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. torotranquillo - 1 anno fa

    Obbligatorio vincere, necessario non perdere perché si scatenerebbe la litania su “campionato finito” “De Silvestri improponibile” “Edera, Boyè, Barreca, Bonifazi, De Luca, Kone .. subito in campo!”. Magari anche Sirigu e ‘N Koulou da eliminare dopo 15 partite ottime. Ma si sa il web tifoso è calliente e un po’ pazzerello, a volte cattivello. Per l’Europa League il risultato della Fiorentina di ieri la conferma come una delle nostre antagoniste più pericolose e di certo il match all’Olimpico di ritorno sarà determinante. Come determinante sarà la partita di oggi. Bisogna non perdere il carretto Europa League: Milan, Fiorentina, Atalanta, Torino e Sampdoria. Come previsto la Sampdoria è stata riacciuffata. Da queste uscirà la 7ma ci siamo anche noi. Oggi Niang deve fare la differenza sia fisicamente che tecnicamente. E’ un’occasione unica che non deve sprecare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawn - 1 anno fa

    Bonifazi sicuramente sfortunato al toro quest’anno pare sempre inforunarsi quando può avere un’occasione.
    Concordo su quanto detto su come esce dalla difesa palla al piede. A me ricorda il miglior Maksimovic.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy