Stipendi Torino, il riepilogo: tetto ingaggi netto in crescita misurata

Stipendi Torino, il riepilogo: tetto ingaggi netto in crescita misurata

I numeri / Differenza in negativo di 5,5 milioni rispetto a dodici mesi fa: il monte ingaggi cresce ma la salute dei conti è sempre al primo posto

IL RIEPILOGO

FC Torino v Bologna FC - Serie A

Sale il monte ingaggi del Torino, ma è una crescita misurata e proporzionata, che non perde di vista la salute dei conti del club ed è compatibile con l’innalzamento complessivo della qualità media della rosa a disposizione di Mihajlovic.

Partendo dalla ricostruzione dei colleghi della Gazzetta dello Sport in edicola stamattina, il totale della cifra stanziata per gli emolumenti netti a tecnico e giocatori della Prima Squadra sarebbe di 16.650.000 Euro (di ingaggi netti, quindi escludendo tasse e bonus) contro gli 11.000.000 Euro di settembre 2015 (qui la tabella con le cifre di dodici mesi fa e il confronto con quella della stagione 2014-2015). Una cifra che tiene conto delle partenze eccellenti di Glik, Maksimovic e Peres e degli arrivi altrettanto eccellenti di giocatori come Ljajic, Hart e Iago Falque. C’è poi Sinisa Mihajlovic, che – bonus esclusi – percepirebbe dal club granata una cifra vicina al doppio di quella elargita a Ventura (1,5 milioni contro 0.8).

Sale l’asticella del tetto ingaggi del Torino, quindi: una crescita che era già iniziata con la campagna dei rinnovi contrattuali dello scorso autunno a giocatori come Maksimovic, Glik e Bruno Peres (come attestato dal bilancio ufficiale 2015 licenziato nei mesi scorsi). Evitando però cifre da capogiro e anteponendo la salute finanziaria delle casse di via Arcivescovado. Il Torino rimane qundi un esempio virtuoso della Serie A, piazzandosi al decimo posto complessivo, in attesa di capire se sul campo la classifica finale collocherà i granata qualche gradino più in alto.

DI SEGUITO IL RIEPILOGO STIPENDI DELLA STAGIONE 2016-2017

9 commenti

9 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. prawda - 7 mesi fa

    Nel calcolo del monte salari dell’anno scorso non e’ stato sommato l’ingaggio di Ventura mentre in quello di quest’anno e’ stato calcolato l’ingaggio di Mihajlovic; questo porta a 11,8M il totale dello scorso anno. Se a questo si aggiungono le cifre dei rinnovi fatti lo scorso anno e non calcolati, Glik, Peres, Maksimovic, Molinaro, Ventura e l’ingaggio di Immobile rispetto a quello di Quagliarella il totale arriva a 14,6M. Significa che la differenza rispetto allo scorso anno e’ un aumento del 12%, non mi pare una cifra stratosferica, tra l’altro conseguente di tre prestiti che pesano per complessivi 3M come ingaggi. Se si rapportassero solamente gli ingaggi dei giocatori di proprieta’ paradossalmente era leggermente piu’ alto lo scorso anno. Certo le plusvalenze potrebbero essere usate anche per aumentare il monte ingaggi che pero’ non mi sembra abbia subito grosse variazioni nonostante le notevoli entrate di questo ultimo mercato; da un punto di vista di analisi di bilancio pero’ non sarebbe una operazione corretta perche’ si metterebbe sullo stesso piano un costo fisso, lo stipendio del calciatore, con una entrata non ripetibile vale a dire la cessione del calciatore con relativa plusvalenza, non sarebbe quindi una copertura sostenibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ale67 - 7 mesi fa

    se Belotti si conferma sui livelli degli ultimi 6 mesi (e speriamo di si) occorre minimo raddoppiargli lo stipendio, altrimenti lo saluitamo. Non esiste che prenda meno di Bovo e Zappacosta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 7 mesi fa

      ecco il punto è proprio questo. Se il monte ingaggi quest’anno è cresciuto di un terzo, presumibilmente il prossimo anno crescerà ancora, a maggior ragione se si raggiungeranno obiettivi importanti come una qualificazione in EL. Un giocatore come Belotti farà sicuramente un salto di categoria, rispetto allo scorso anno e un adeguamento del contratto a un milione sarebbe un modo per farlo rimanere più volentieri. Ma questo vale per qualsiasi giocatore di livello che potrebbe arrivare in futuro… le plusvalenze dovrebbero servire a questo, più che a spendere grosse cifre in campagna acquisti. Io mi auguro sia cosi, anche in risposta a chi pretende che se incassi 100 devi necessariamente spendere 100, per essere ritenuto credibile…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. claudio sala 68 - 7 mesi fa

    Le cifre sono alte per un imprenditore come Cairo, alcune scelte di mercato sono quindi comprensibili. Probabilmente per fare il vero salto di qualità occorrerebbe affiancare a Cairo qualche altro finanziatore. Saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. mansell80 - 7 mesi fa

    Interessante che Barreca e Aramu prendano più degli altri under stranieri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prawda - 7 mesi fa

    Se agli stipendi dello scorso anno si mettono le cifre dei rinnovi di Glik, Maksimovic e Peres e si aggiunge lo stipendio di Immobile sottraendo quello di Quagliarella, la differenza praticamente si annulla, resta forse quella del cambio di allenatore, peraltro anche Ventura aveva rinnovato ad oltre 1M.
    Forse questo aiuta anche a comprendere che Glik, Maksimovic e Peres erano gia’ ceduti quando hanno rinnovato ed il rinnovo e’ servito unicamente per consentire al Torino di trattare da una posizione di forza non certo per trattenere i giocatori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Giulio56 - 7 mesi fa

    Ma, quel che conta è il costo del personale lordo che un anno fa ammontava a 41 milioni e quest’anno probabilmente sarà di 50 mln.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Giulio56 - 7 mesi fa

    No, Glik percepiva già nel 2015, con adeguamento fino a 2020, 850.000 + bonus, Peres 800.000 + bonus sc. 2020, Maksimovic 700.000 + bonus sc. 2020.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. alextattoli@libero.it - 7 mesi fa

    Certo viene da chiedersi come avrebbero potuto rimanere giocatori come Glick, Maksimovic e Peres se percepivano, d’ingaggio, appena 300 /350 mila contro i 600 mila di Bovo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy