Torino, anche De Luca con Mihajlovic: per l’attaccante tutto è possibile

Torino, anche De Luca con Mihajlovic: per l’attaccante tutto è possibile

Il classe ’98 farà parte del gruppo granata in ritiro in Valtellina

2 commenti

Manuel De Luca – salvo sorprese – sarà presente lunedì 10, al raduno del Torino al Filadelfia, e partirà per il ritiro di Bormio, aggregato al Torino di Sinisa Mihajlovic. La punta in uscita dalla Primavera granata, che ha firmato quest’anno un nuovo contratto sino al 2021 e rappresenta l’investimento più oneroso dell’era Cairo (150mila Euro per prelevarlo dall’Alto Adige tra 2014 e 2015), è stato protagonista soprattutto nella prima metà della scorsa stagione, con ben 9 gol nelle prime 10 partite di campionato.

Il classe ’98, dunque, avrà la possibilità di allenarsi e confrontarsi con un gruppo di giocatori di Serie A, rispondendo direttamente al tecnico Mihajlovic, che già in passato ha dimostrato di stimare molto la giovane punta granata. Era inizio settembre, infatti, quando per la gara con l’Atalanta, complice l’infortunio di Belotti, De Luca fu convocato per la trasferta dell’Atleti Azzurri d’Italia, saltando il primo impegno della sua Primavera, in campionato, contro l’Avellino. A quella panchina ne sono seguite altre cinque: il possente centravanti, insomma, è uno che non è nuovo all’atmosfera della Prima Squadra.

Scatto di Chiara Brunero
Scatto di Chiara Brunero

Dopo un’annata tutto sommato positiva, nonostante l’evidente calo nella seconda metà di stagione, De Luca ha adesso l’occasione per crescere sotto tutti i punti di vista, partecipando al ritiro di Bormio. Più avanti, poi, si deciderà il suo futuro: ad oggi l’ipotesi più concreta sembra il prestito, magari in Lega Pro, con Padova e Renate che appaiono come le possibili destinazioni più concrete ad oggi. Ma non è esclusa anche la permanenza a Torino, facendo la spola tra la Prima Squadra e la Primavera come fuoriquota. Molto dipenderà dalle impressioni che De Luca desterà in Mihajlovic nel prossimo periodo.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. tric - 3 settimane fa

    E allora dov’è il problema? se va via Belotti gioca De Luca, no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. abatta68 - 3 settimane fa

    Il calcio di oggi è prevalentemente fisico, oltre che tattico. Avrà anche un “fisico possente” ma a 19 anni De Luca sembra il figlio di Zapata… io credo che questo sia uno dei motivi per i quali tanti giovani fatichino ad emergere subito…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy