Torino-Atalanta 1-1: i granata non guariscono dalla pareggite

Torino-Atalanta 1-1: i granata non guariscono dalla pareggite

Altro pari inutile ai fini della classifica, contro una diretta concorrente per l’Europa: appena gli orobici hanno alzato il ritmo, i granata si sono sciolti come la poca neve rimasta a bordo-campo…

Non accenna a fermarsi la pareggite in casa Toro, e i granata escono dal Grande Torino sotto altri fischi: altra X per i ragazzi di Mihajlovic contro l’Atalanta, e un’altra buona occasione persa per fare punti, in casa, contro una diretta concorrente per l’Europa League. Nessuna squadra nei primi 5 campionati europei ha pareggiato quanto i granata. Nel primo tempo il Toro ha fatto la partita pur senza esaltare, terminando la frazione in vantaggio grazie alla rete su calcio d’angolo di N’Koulou. Nella ripresa si è vista decisamente un’altra Atalanta, con il neonetrato Ilicic subito a segno e costantemente pericoloso dalle parti di Sirigu. Il Toro si è spento appena la Dea ha alzato il ritmo gara, e alla fine i granata escono dal Grande Torino con un punto che – per quanto creato dall’Atalanta nel secondo tempo – sa quasi di guadagnato. Troppo poco Toro per sperare di puntare con concretezza all’Europa.

 Mihajlovic cambia solo una pedina rispetto all’undici di San Siro: fuori un acciaccato Niang (in tribuna), e dentro Iago Falque nel tridente con Ljajic e Belotti. Dall’altra parte, Gasperini si affida al consueto 3-4-2-1 – con Kurtic e Gomez a sostegno dell’unica punta Petagna.

TURIN, ITALY - DECEMBER 02: Nicolas N koulou (C) of Torino FC scores the opening goal during the Serie A match between Torino FC and Atalanta BC at Stadio Olimpico di Torino on December 2, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
TURIN, ITALY – DECEMBER 02: Nicolas N koulou (C) of Torino FC scores the opening goal during the Serie A match between Torino FC and Atalanta BC at Stadio Olimpico di Torino on December 2, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Il primo tempo (qui il commento) vede il Torino tenere in mano il pallino del gioco, pur senza creare grandissime apprensione all’ordinata difesa orobica. L’Atalanta è messa molto bene in campo, con Spinazzola e Caldara a uomo rispettivamente su Iago Falque e Belotti, che ha pochissimi palloni giocabili nei primi 45′. La prima occasione è però della Dea, ma Kurtic spizza debolmente il cross insidioso di Spinazzola. Il Toro cresce in consapevolezza, anche se al 14′ Miha deve già effettuare il primo cambio: fuori Ansaldi per un problema muscolare, dentro Barreca – che fa il suo ingresso in campo a freddo. L’Atalanta si fa vedere solo su qualche ripartenza, la partita la fanno i granata – ma senza dare troppa velocità alla manovra, che spesso risulta orizzontale e sterile. Al 33′ doppia grande occasione per il Toro, protagonista Ljajic: prima il serbo imbuca alla grande per Obi, murato da Berisha, e poi sul prosieguo dell’azione lo stesso numero 10 arriva al tiro dopo una bella serpentina in area, ma il portiere orobico si supera ancora. Il vantaggio sarebbe meritato dopo 45′ non esaltanti, ma che di fatto ha visto praticamente sol il Toro ad provarci – e infatti arriva al 45′: angolo di Ljajic e incornata perfetta di N’Koulou, che firma il primo gol in maglia granata.

TURIN, ITALY - DECEMBER 02: Lorenzo De Silvestri (L) of Torino FC is challenged by Alejandro Gomezof Atalanta BC during the Serie A match between Torino FC and Atalanta BC at Stadio Olimpico di Torino on December 2, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
TURIN, ITALY – DECEMBER 02: Lorenzo De Silvestri (L) of Torino FC is challenged by Alejandro Gomezof Atalanta BC during the Serie A match between Torino FC and Atalanta BC at Stadio Olimpico di Torino on December 2, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Gasperini si gioca il primo cambio ad inizio ripresa: fuori uno spento Kurtic per Ilicic, e lo sloveno è subito pericoloso con un cross insidioso in area granata, smanacciato da Sirigu. Il Toro risponde al 4′: grandissima sponda di Belotti di testa per Iago, che cede a Ljajic – il cui tiro è però murato in calcio d’angolo. L’Atalanta è entrata con un piglio decisamente più aggressivo rispetto al primo tempo, e al 6′ è ancora pericolosa: gran giocata di Cristante che arriva al cross, Petagna prova il tacco ma non impatta col pallone. E’ il preludio del pareggio, che arriva al 9′: gran palla di Petagna a smarcare Ilicic, che solo davanti a Sirigu non sbaglia. Il buon momento della Dea non accenna a fermarsi: a ribaltare il canovaccio della prima frazione, adesso è l’Atalanta a provarci di più e il Toro fatica incredibilmente a contenere Ilicic sulla sinistra – che sfiora al 22′ il raddoppio su ottima assistenza del solito Petagna. Il Toro si fa vedere su qualche calcio piazzato e ripartenza, ma di fatto non dà l’impressione di poter fare male alla solida difesa di Gasperini. Al 26′ Miha si gioca il tutto per tutto: fuori un positivo Obi per Boyé, e conseguente passaggio al 4-2-3-1. Al 30′ grande occasione per Belotti (decisamente più impalla nel secondo tempo), ma il suo diagonale trova la risposta attenta di Berisha. C’è spazio anche per Simone Edera negli ultimi 10′ (fuori Iago), ma è ancora l’Atalanta a farsi pericolosa – e ci vuole un super Sirigu a deviare in corner la conclusione sporca di Cristante. Nel finale brividi ancora sulla schiena dei granata, con Gomez lanciato a rete e travolto da Sirigu: l’arbitro però assegna giustamente il fuorigioco. Finisce così, con un pari che alla fine – vista la supremazia orobica nel secondo tempo – va più stretto all’Atalanta. Altro brutto e inutile pareggio per il Toro.

48 commenti

48 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. dennislaw - 1 settimana fa

    continuo a pensare che le responsabilità principali sono della dirigenza, allenatore compreso e quindi solo in quota anche del presidente ( ma oggi penso sia il miglior presidente posibile ,non vedo lafila per comprare il Toro…ci dimentichiamo Gerbi-De Finis, Calleri ,i genovesi e l’era Cimminelli?). Lo staff non è all’altezza e Cairo dovrebbe chiedere conto a chi gli ha consigliato di acquistare a caro prezzo Niang, ingaggiare , sempre a caro prezzo Miha e prima non ha cercato di inpedirgli di non smontare la squadra di volta in volta in attacco e in difesa.Ma ci rendiamo conto che spendendo meno avevamo Quagliarella e Immobile? I presidenti possono non essere competenti, non mi scandalizzano per le plusvalenze, sono peggio i cortigiani o i venditori di fumo. Cairo ,infine, mi sembra influenzato dalla “milanesite”: non tutto quello che è di milano è grande e bello: basti pensare a Zaccheroni, Recoba, Coco, e oggi Miha e Niang,lasci perdere .Meglio gli scarti della Juve: Quagliarella e Rincon.Metta su uno staff più competente che scopra talenti in provincia e all’estero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rossogranata - 1 settimana fa

    E’ finito il momento di discutere di moduli,o di sostituire, di aspettare recuperi, e tante inutili cose perchè con questo allenatore abbiamo perdonato e pazientato tantissime volte ADESSO BASTA! Con lui non si va da nessuna parte!
    Con tutti questi pareggi dovuti alla fortuna e alla difesa (anziana) che chissà quante altre giornate durerà, è ora di non arrivare al RIDICOLO con questo allenatore CON I SUOI COLPI TESTA CERVELLOTICI con una squadra di giocatoriORMAI SNERVATA che si regge sulle PROVOCAZIONI SPESSE VOLTE OFFENSIVE, PER REAGIRE IN CAMPO. TUTTO QUESTO E’ INAMMISSIBILE. Altro che EUROPA!!!
    CAIRO, MANDIAMOLO VIA PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ddavide69 - 1 settimana fa

    La vera sciocchezza è pensare che il pesce marcio non puzzi prima dalla testa. Costituita nel nostro caso da un trio ben definito, nell ordine : Cairo, Petrachi e mihaijlovic. Ora addossare tutta la responsabilità di questa situazione all ultimo cha ha sicuramente molte colpe mi sembra alquanto riduttivo e miope. Cairo c è da dodici anni, mihaijlovic da due…. Già solo questo dovrebbe fare pensare. Magari se i due più in alto avessero preso un paio di giocatori tipo jankto e kucka a centrocampo più una punta vera a sostituire Belotti staremmo a parlare d altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dennislaw - 1 settimana fa

    Sono d’accordo con chi parla di confusione tattica e sul fatto che in rosa ci sono dei buoni giocatori. Con l’Atalanta si poteva tanto perdere quanto vincere e alla fine si è pareggiato. La differenza si è vista sulle panchine.Non è tanto un problema di ” braccini”, sciocchezze! Ricordiamoci del povero Cimminelli: quanti soldi buttati.Il problema è la competenza in società come in panchina. Miha costa alla società ben più di Gasperini e Niang più di Ilicic…Nella confusione anche i migliori si perdono, vedi Belotti, che pure ha dato chiari segni di risveglio. Preoccupa invece l’involuzine di Iago e di Baselli.Epoensare a un 4-4-2? ma occorre un vero attaccante a gennaio e portare Ljiac in regia. Chissà…questo gioco che si accende solo a tratti non può portare ad altro che a una onesta salvezza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio sala 68 - 1 settimana fa

      Se dobbiamo fare legna con quello che abbiamo forse un 4-3-1-2 potrebbe andare. Lijac che sta tra centrocampo ed attacco, e Niang o perché no Edera o Iago a dare una mano a Belotti in attacco. Visto che Ansaldi sarà rotto , provare un esterno della Primavera.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. VG - 1 settimana fa

    Il 90% dei commenti sono su tattica, allenatore e giocatori di basso livello, ovviamente è tutto vero, ma vorrei che fosse menzionato l’unico vero responsabile: BRACCINO. Chi costruisce un’azienda?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 1 settimana fa

      Esatto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Granatissimo1973 - 1 settimana fa

    Col senno di poi siam tutti bravi ma il caso Belotti ci insegni a tutti qualcosa…quando il Milan ha offerto 60/70 milioni bisognava portarglielo col carrettino e un fiocco argentato.
    Bel pippone, col Chievo ha tirato un rigore che i’ mi nonno lo batteva meglio.
    100 milioni? si 100 milioni di pernacchie, e chi scrive e dice che bisogna avere pazienza che tornera’ il gallo è un illuso, pari pari a chi ancora aspetta Liajc
    altro giocatore stravoluto dal nostro mister

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Granatissimo1973 - 1 settimana fa

    Mihailovic secondo me andava mandato via l’anno scorso: girone di ritorno solo 4 vittorie con Palermo e Pescara in casa (retrocesse entrambe) e Chievo e Cagliari fuori quando entrambe erano gia’ sicure di salvarsi. L’ultima in casa col Sassuolo non la conto.
    Quest’anno siam sempre li’, 4 vittorie in 15 partite 3 delle quali a pelo (se non a culo) + la vergogna del derby.
    ma quale altra tifoseria darebbe un credito cosi’ ampio ad un allenatore cosi’ mediocre?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. granata - 1 settimana fa

    Possibile che nessuno abbia sottolineato la incredibile confusione tattica in cui è precipitato Il Torino? Oggi, soprattutto nel primo tempo, è stata macroscopica: Belotti arretrato al limite della propria area, Obi praticamente da punta, Baselli, poco più indietro di lui, Ljiaic, che evidentemente non gradisce il ruolo di estero di sinistra, a scorrazzare per il campo senza criterio, nessuna sovrapposizione sulle fasce, nessuna triangolazione a centrocampo. Il commentatore di Sky a un certo punto se n’ è accorto e ha sottolineato la posizione insensata di Obi e Baselli. I cambi hanno almeno riportato Belotti in una posizione più consosna alle sua caratteristiche e si è subito visto. Insomma, non sono d’ accordo che questa squadra sia fatta di giocatori scarsi, le loro qualità sono mortificate da assetti tattici demenziali. Certo la campagna acquisti è stata come al solito un’ incompiuta, soprattutto manca una seconda punta di peso che darebbe una mano al povero Belotti. Si sono acquistati tre giocatori inutili (almeno finora): Niang, Berenguer e Sadiq e si è ceduto frettolosamente Zappacosta, che De Silvetri non è in grado di sostituire. Certo, inizio a preoccuparmi, al ritmo di 1 vittoria in 10 partite si rischia veramente di finire invischiati nella lotta per non retrocedere. Bisognerebbe intervenire ed ha ragione chi dice che anche un tecnico modesto, ma di buon senso, come Mandorlini probabilmente sfrutterebbe meglio le caratteristiche dei giocatori del Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-13693815 - 1 settimana fa

      Senza dimenticare che l’anno scorso ha venduto glik per rossettini…aveva ragione mio padre: finchè non muore Cairo non andremo mai da nessuna parte!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. claudio sala 68 - 1 settimana fa

    Solo se Belotti torna ai livelli dell’anno scorso potremo fare di più. Nessuna squadra può rinunciare ad almeno 10 gol, tutto il resto sono chiacchere da bar.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Granatissimo1973 - 1 settimana fa

    L’altra sera col Carpi ho visto un centrocampo che non azzeccava tre passaggi di seguito…quindi di che ci stupiamo?
    Possibile poi che in un centrocampo così Valdifiori non trovi posto?
    Ok, non sarà Beckenbauer ma almeno sa dare un po’ di geometria e tempi alla squadra, mi ricorda un po’ il Fortunato dei tempi di Mondonico.
    E poi l’anno scorso Mihailovic lo aveva voluto fortemente…mah…
    Che delusione anche questo mister, tante parole e poi? 4 vittorie con Benevento (a culo), Udinese (santo Ansaldi al 93), Cagliari di misura.
    Col Sassuolo e solo col Sassuolo vittoria larga. Per fare questo campionato si poteva prendere Mandorlini si risparmiava soldi e chiacchere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. prawda - 1 settimana fa

    Purtroppo questo e’ il livello di questa squadra: mediocre. E’ mediocre la rosa perche’ ha evidente carenze, diversi giocatori sono piu’ da lotta per non retrocedere se non da serie b, il mercato e’ stato come sempre approssimativo e mirato piu’ a far cassa che a rinforzare la squadra e risolvere i problemi o almeno tentare di farlo; e’ mediocre il tecnico perche’ non e’ stato in grada di dare in quasi un anno e mezzo un minimo di gioco, non riesce mai a cambiare la partita, le sostituzioni sono sempre le stesse, ma soprattutto questa squadra quest’anno non corre, e’ bastato che l’Atalanta alzasse leggermente il ritmo per andare in apnea; e’ mediocre la societa’ perche’ interessata unicamente ai risultati sportivi e del tutto indifferente a quelli sportivi, ha chiuso gli ultimi due mercati con il maggior attivo di tutta la serie a, a confermare quelli che sono i reali obiettivi. E’ altamente probabile che la stagione dopo la trasferta con la Lazio ed in casa con il Napoli si possa chiudere gia’ a dicembre, con un mese in anticipo rispetto al gia’ deludente scorso campionato. Pero’ tutti contenti lo stesso in societa’, per lo scudetto del bilancio siamo decisamente favoriti, anche il 2017 portera’ l’ennesimo utile di bilancio, il quinto consecutivo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 1 settimana fa

      Come al solito sono d accordo. Purtroppo però non avremo soddisfazione e neppure avendo più denaro disponibile credo si voglia cambiare registro. E anche quest anno in Europa ci andiamo l anno prossimo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Granatissimo1973 - 1 settimana fa

    E anche noi tifosi facciamoci + furbi invece di farci incantare dalle cazzate del calcio mercato.
    Ad Agosto pareva a leggere giornali e gazzette varie su web o su carta che il Toro fosse uno squadrone, ma bastava guardare il centrocampo.
    Chiedete ad un tifoso della Lazio, o della Fiorentina o della stessa Atalanta
    chi vorrebbe nella sua squadra del centrocampo del Toro e poi chiedetevi chi vorreste voi del centrocampo di queste squadre nel Toro.
    Io sono dell’Atalanta stasera ne ho contati almeno 3 di centrocampisti che vorrei a okki chiusi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 1 settimana fa

      Ilicic, Cristante, Gomes.

      Gomes tanta roba, tanta + grinta di Ljacic.

      Ilicic gran fisico e qualita’, altro che Boye, Niang

      Cristante e’ superiore a Baselli.

      Amen

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Granatissimo1973 - 1 settimana fa

    Ragazzi inutile farsi il sangue cattivo, Cairo è presidente da 10 anni passati piu’ in B che in A. Ringraziamo il cielo che da qualche anno siamo in A e facendo i debiti scongiuri dovremmo starci anche quest’anno.
    Il resto tutte chiacchere…Europa League…ma dove?
    Con un centrocampo pieno di pipponi e un attacco di presunti fenomeni che tra 4/5 quanti sono non cacano un golletto nemmeno a pigiarli.
    Mihailovic per me era da mandare via alla fine dello scorso campionato, ma i giocatori sono delle mammollette che alla prima difficolta’ vanno in crisi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 1 settimana fa

      Esatto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 1 settimana fa

      Esatto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Argo - 1 settimana fa

    Secondo tempo indecoroso. L’Atalanta ci ha dato una lezione di calcio e questo la dice lunga. Belotti fa quasi tenerezza x l’impegno che ci mette. Un punto guadagnato. Sono curioso di sentire cosa dice quel soggetto che si siede in panchina e che non chiamo allenatore x non essere querelato dalla categoria

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vittoriogoli_849 - 1 settimana fa

      Il soggetto dice: punto guadagnato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Golfo - 1 settimana fa

        infatti avremmo potuto perdere ma tu hai la mihailoviggite e non vedi oltre

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. vittoriogoli_799 - 1 settimana fa

          In realtà vedo oltre e cioé che la squadra é debole a centrocampo e ,ragionando ossia non come te, penso chi ha costruito la squadra e oppsss dico : GUIDA TECNICA quindi.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. roberto.64 - 1 settimana fa

    Grande pareggio andiamo alla grande .
    Per natale scaliamo la vetta .
    Del pin un’umbrela.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. user-13657769 - 1 settimana fa

    Non ci sono nemmeno gli uomini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. user-13693815 - 1 settimana fa

    Cairo braccino, che cazzo ci voleva a mettere 15 milioni per zapata come vice belotti (così ad ottobre avremo fatto qualche punto in più) al posto del grissino sadiq? E ilicic? Perchè niang? Cacciare a calci in culo vecchiacci come molinaro, Moretti, valdifiori? Perchè Hai venduto zappacosta? Ti prego facci un grande favore: dimettiti tu e miha.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 1 settimana fa

      attento a criticare braccino. I supi seguaci sono come una setta….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. user-13657769 - 1 settimana fa

    La pareggite finisce le prossime due partite, poi pareggio a Ferrara e, spero, 3 punti con Genoa.
    Andata a 24 punti e dalla undicesima di ritorno, spero, tutti quanti a pensarecalle vacanze!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. fila70 - 1 settimana fa

    Gli uomini ci sarebbero il mister è decisamente incapace, spavaldo al limite dell’ignoranza, per arrivare dopo i primi 10, tanto vale provare a cambiare….Meno chiacchiere e un po di tattica. Che tristezza,manco gli attributi.
    Proverei Mazzarri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Golfo - 1 settimana fa

      gli uomini ci sarebbero? ti riferisci a quelli che non azzeccano un passaggio e perdono palla?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. vittoriogoli_11 - 1 settimana fa

        Golfo la squadra é quella voluta da Miha se non funziona la. Colpa é sia

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Golfo - 1 settimana fa

          non stavo parlando di colpe, e cmq non ha scelto lui tutta la squadra ma alcuni giocatori

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. mauro69 - 1 settimana fa

    A questo punto, visti i prossimi 2 avversari, credo che finirà anche la pareggite.
    Niente di buono all’orizzonte quando la luce non si accende mai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. user-13693815 - 1 settimana fa

    Veramente partita orribile. Primo tempo non stupendo ma almeno eravamo in vantaggio. Ora caro miha, perchè non fare un cambio per muovere qualcosa?. Poi vorrei dire qualche parola al braccino: ti vuoi rendere conto che vogliamo andare in Europa con pippe come obi, Molinaro de silvestri? Non abbiamo un minimo di gioco passaggi sbagliati dai sopracitati. Può essere colpa anche dell’allenatore, ma le alternative quali sono? Vi prego, andatevene presidente allenatore e giocatori!
    Squadra triste altra stagione buttata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. fresa66 - 1 settimana fa

    Che dire.Un disastro.Siamo passati da Ventura (la padella) a Miha(la brace).Gioco inesistente preparazione atletica approssimativa grinta poca.Purtroppo urge cura drastica.Esonero

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. user-13657769 - 1 settimana fa

    Infatti non si segue…abbonamento nel cassetto, un film ed ho visto l’ultimo quarto d’ora….penoso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Leo - 1 settimana fa

    Pareggite ?? E ancora! Non abbiamo visto niente ! 1 partita vinta nelle ultime 10 ….mediocrità ….noia….prevedibilità ….ma tanto Cairo e’ contento…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Golfo - 1 settimana fa

      non dire cazzate, penso che nessuno sia contento

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. user-13693815 - 1 settimana fa

      Cairo stronzo! Su 50 milioni incassati 25 spesi…per niang poi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Golfo - 1 settimana fa

        25? non erano 35?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. user-13693815 - 1 settimana fa

      Era un esempio , comunque Cairo spende spesso poco e per giocatori inutili, questo è certo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Golfo - 1 settimana fa

        un esempio del cazzo, scusa eh?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. rogerfederer - 1 settimana fa

    Gallo nettamente in crescita ma vi faccio un domanda:quanto costava ilicic e quanto è costato Niang?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Pieffe64 - 1 settimana fa

    ma che senso ha seguire questa squadra che di soddisfazioni non ne dà manco a morire…. appena si pensa di fare il salto di qualità troviamo il modo per fare tre passi indietro! Mihajlovic una sciagura!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. user-13657769 - 1 settimana fa

    Nelle prossime due partite guariremo dalla pareggite e faranno fuori l’allenatore al pareggio che faremo a Ferrara.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. vittoriogoli_677 - 1 settimana fa

    Poco da dire: questo é il
    Toro di oggi targato Miha, una squadra da 10 posto più o meno.
    Forza Toro sempre e comunque sperando in una prossima stagione diversa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. prawn - 1 settimana fa

    Il goal del primo tempo (ricordiamo non su azione, manco mi ricordo da quanti mesi non segnamo in campionato su azione) e’ stato un inganno: non abbiamo giocato tutto il primo tempo.
    Gasperini ha messo Ilicic per pareggiare e magari anche vincere, se Miha fosse stato un minimo onesto avrebbe cambiato pure lui qualcosa per radoppiare o cmq muovere qualcosa. Invece no.

    Voi la chiamate pareggite.
    Si puo’ pareggiare e giocare alla grande, ma tutti fanno in compitino, errori madornali sia in impostazione che in difesa.

    Abbiamo piu’ rischiato di perdere che di vincere.

    L’incapace in panchina non si capisce come mai sia ancora li’, perche’ ha vinto col cagliari? per un pareggio con l’inter?

    Ma per favore.

    Fate pulizia, via lui e dentro qualcuno che cambi completamente le gerarchie in campo, che certa gente non la si puo’ piu’ sopportare.

    Come scritto mille volte meglio qualche giovane a farsi cappelle che gli indisponenti protetti del mezz’uomo in panchina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy