Torino, Belotti e la cura-Mazzarri: “Gli ho parlato, vuole fare il bene del Toro”

Torino, Belotti e la cura-Mazzarri: “Gli ho parlato, vuole fare il bene del Toro”

Il punto / Il capitano granata a secco di gol, Mazzarri lo coccola: “Si è allenato con continuità, l’ho visto bene: carico e tranquillo”

di Nicolò Muggianu

La cura-Mazzarri per provare a rigenerare Belotti. La mancata convocazione in Nazionale è ancora una ferita fresca per l’attaccante granata, che dovrà dimostrare sul campo di meritare la maglia azzurra. Come farlo? Innanzitutto servirà ritrovare il gol con il Torino. Lo sa bene Mazzarri, che in queste sue settimane di stop ha avuto modo di lavorare a fondo con il suo capitano, sia sull’aspetto tecnico-tattico che su quello psicologico: “Si è allenato con continuità, l’ho visto bene, carico e tranquillo come sempre e voglioso di fare il bene del Torino”. Il contraccolpo però c’è stato, ma a ridare morale a Belotti ci ha pensato proprio il tecnico di San Vincenzo: “Parlo con tutti i giocatori singolarmente ma, con lui ho parlato di più. Gli ho dato dei consigli su come ci si comporta in questi casi: si dimostra sul campo di fare bene con la propria squadra, di conseguenza avrà le attenzioni del ct“. Insomma, ora tocca a lui.

LA “SPALLA” – Chi sarà il suo compagno di reparto? Mazzarri non si sbilancia, rimanendo vago soprattutto riguardo l’utilizzo di Zaza; tornato ad allenarsi in gruppo soltanto due giorni fa dopo il problema al polpaccio rimediato nel ritiro della Nazionale: “E’ rientrato in gruppo da due giorni ma l’ho visto carico e motivato. Se volete sapere se gioca, come sempre lo vedrete domani“. L’unica cosa che al momento pare pressoché certa è che, in attacco o sulla tre quarti, ci sarà Iago Falque: “Sta benissimo, da tutti i punti di vista – ha proseguito Mazzarri. – Si è allenato con continuità e sta bene”. Il ritorno del galiziano al fianco di Belotti garantirà al capitano granata una “spalla” in più su cui contare, soprattutto in termini di assist e cross.

I NUMERI – C’è poi da considerare anche la verve particolarmente spiccata del numero 9 del Torino contro i rossoblu. Quando vede il Bologna, di solito, Belotti fa centro. Sono infatti 5 i gol che il Gallo ha rifilato in 4 partite ai felsinei, tra cui il primo centro assoluto con la maglia del Toro (il 21 novembre 2015) e la sua prima tripletta in Serie A (il 28 agosto 2016). Ma non è tutto: sua anche la rete su rigore valsa l’ultima vittoria del Torino al Dall’Ara il 16 aprile del 2016. Insomma, una sorta di “talismano” porta fortuna. E se Belotti ha bisogno di sbloccarsi e tornare a sorridere non poteva sperare in rivale migliore. Lo dicono i numeri.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Filadelfia - 4 settimane fa

    Non prendere Lazzari con i problemi fisici di Ansaldi e De Silvestri abbastanza frequenti è stato errore grave. Poca lungimiranza in società. Sarà dura acquistarlo la prossima stagione con queste prestazioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Madama_granata - 4 settimane fa

    Vorrei vedere: si è mai letto che un giocatore voglia “fare il male” della sua squadra?!
    Ovvio che, quando un atleta gioca bene e si mette in mostra nel proprio Club, il C.T. di turno lo prenda poi in considerazione!
    Quanto a Belotti, secondo me, il titolo pare quasi un insulto!
    È vero che ultimamente segna poco e che ha avuto un periodo fuori-forma, ma in quanto a volontà ed impegno, il nostro Capitano si è sempre distinto nel migliore dei modi!
    Corre a tutto campo, spesso agisce in difesa, prende botte da tutti senza mai lamentarsi, è molto corretto con gli avversari: uno sprone per i compagni più esperti ed un esempio x i giovani.
    È proprio quando non tutto gira per il meglio, che si vede la “caratura” dell’Uomo!
    Essere “eroi” quando va tutto bene è molto più facile!
    Chiedo scusa a chi si infastidisce: ho fatto un’altra “filippica” a favore di un nostro ragazzo, ma io non riesco proprio a non difenderli, uno ad uno, quando vedo che ce la mettono tutta!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. torracofabi_713 - 4 settimane fa

      Hai fatto una “filippica” giusta! Se la leggano quelli che hanno avuto da ridire su Belotti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Toro71 - 4 settimane fa

    Belotti vuole il bene del Toro…Mazzarri col suo gioco pressoché INESISTENTE certamente no.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. tric - 4 settimane fa

    I gol degli attaccanti partono dal centrocampo e dalle ali. Servono Lukic e Parigini!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy