Torino, Cairo: “Futuro in politica? Mai dire mai. Ma per ora…”

Torino, Cairo: “Futuro in politica? Mai dire mai. Ma per ora…”

Il patron granata si racconta a ‘La verità’ tra calcio e politica: “Non sarò io la figura terza tra Salvini e Di Maio”

di Redazione Toro News

Un futuro in politica? Nella vita non bisogna mai escludere nulla. Ma non è minimamente di attualità“. Urbano Cairo risponde così a chi gli domanda di un suo ipotetico futuro in politica. Il presidente del Torino, nonché editore di Rcs e La7, si racconta in un una lunga intervista rilasciata a La Verità: “Alleanza con MediaPro per le partite della Serie A? Non c’è nulla di vero. La7 non è interessata a fare offerte per il bando. MediaPro ha vinto la gara per i diritti di trasmissione del campionato italiano. Una scelta che, considerata l’entità dell’offerta, da presidente del Torino, ritengo felicemente obbligata“.

Smentisce inoltre una linea “filogrillina” per La7, così come anche per il Corriere della Sera, sottolineando: “Se lo si legge tutti i giorni ci si accorge che il Corriere ha posizioni imparziali e non schierate“. Ma quale futuro aspetta Urbano Cairo, che sia proprio lui la figura terza indicata per rappresentare una sintesi tra le posizioni di Matteo Salvini e quelle di Luigi Di Maio e superare lo stallo politico? “Sono indiscrezioni giornalistiche di cui nessuno mi ha parlato. Non c’è stato alcun contatto”, assicura Cairo. Che aggiunge: “Presiedo un gruppo imprenditoriale con 4.500 dipendenti, un impegno che mi assorbe 24 ore al giorno”, anche se ammette “nella vita non bisogna mai escludere nulla. Ma non è minimamente di attualità“.

 

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13726000 - 3 mesi fa

    Mamma mia cosa bisogna leggere,brutta bestia la politica…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FanfaronDeMandrogne - 3 mesi fa

    Credo proprio che il giorno in cui si scopriranno i vari “altarini di bilancio e non” di bracciamozze & C., i processi civili e penali a carico di Silvio saranno acqua fresca a confronto.

    D’altronde siamo nel chiaro caso in cui “l’allievo supera il maestro”.

    Come è evidente che bracciamozze medesimo stia seguendo, con i suoi tempi e metodi, la bava lasciata dal suo mentore Silvio.

    Dunque aspettiamoci un “On. bracciamozze” con la solita dichiarazione di circostanza: “Dovevo entrare in politica per il bene degli italiani: l’ho fatto per loro”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. dattero - 3 mesi fa

    Salvini gia’ lo voleva proporre come sindaco a Milano.
    Ci pensa,ci pensa eccome.
    Li pero’,plusvalenze son diverse

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13726000 - 3 mesi fa

    Giusto,rivoglio Cimminelli…!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. VG - 3 mesi fa

    Ecco come nacque il reddito delle plusvalenze

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 mesi fa

    Già lo sopporto al Toro, pure alla guida del Paese spero proprio di no.
    Che la smetta di imitare Silvio, o almeno si limiti a farlo nel calcio…li Berlusconi qualcosa di grande ha fatto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy