Torino e Nazionale: Izzo seguito da Mancini, anche De Silvestri ci spera

Torino e Nazionale: Izzo seguito da Mancini, anche De Silvestri ci spera

I due giocatori stanno effettuando un ottimo pre-campionato e, se partono bene, Mancini potrebbe concedergli un’opportunità in azzurro

di Marco De Rito, @marcoderito

Dopo la nefasta esperienza di Giampiero Ventura, l’obiettivo di Roberto Mancini è ricostruire una Nazionale che possa essere competitiva in vista dei prossimi europei. Il commissario tecnico sta prendendo conoscenza con il mondo azzurro ma sopratutto sta cercando d’individuare i giocatori giusti per il suo progetto. Nel suo giro circolano sicuramente i nomi di tre giocatori del Torino, su cui poggiano anche le basi della squadra di Walter Mazzarri, si sta parlando di Danile Baselli, Salvatore Sirigu e, ovviamente, Andrea Belotti.

LA POSSIBILITÀ’ – Quest’ultimi tre sono stati convocati anche nell’ultima occasione da mister Mancini e, a parte Baselli, hanno anche avuto le loro chance per potersi esprimere. Ma potrebbero non essere gli unici granata che l’ex allenatore di Manchester City e Inter sta tenendo d’occhio. Tra i papabili giocatori del Toro che potrebbero rientrare nel giro azzurro ci sono anche Lorenzo De Silvestri e Armando Izzo. Due calciatori che nel passato campionato hanno dimostrato di poter dare un importante contributo al reparto arretrato delle rispettive squadre, in particolare l’ex Genoa ha dimostrato continuità e solidità difensiva che poi hanno spinto anche la società di Via dell’Arcivescovado a puntare su di lui per questo campionato. Non sarebbe per entrambi la prima volta con l’Italia. De Silvestri ha giocato in azzurro sia sotto la gestione Prandelli che con quella Conte, dove, a giugno 2015, ha anche rimediato una lesione al crociato e al menisco che l’ha costretto stare ai box per sei mesi. Izzo è stato chiamato il 7 novembre 2016 da Ventura per l’amichevole contro la Germania e la partita di qualificazione ai Mondiali contro il Liechtenstein.

CONCORRENZA SPIETATA – Non sarà facile, la concorrenza è folta. Davanti ci sono sia giocatori esperti che di prospettiva che, in questo momento, sono sopra alle gerarchie di Mancini. Per Izzo il compito è davvero arduo, davanti a lui ci sono calciatori come Bonucci, Romagnoli, Caldara e Rugani, mentre De Silvestri deve competere con altri due ex granata come Matteo Darmian e Davide Zappacosta. Nulla è scontato però, il CT potrebbe anche decidere di provarli in vista delle prossime amichevoli di settembre, dove l’Italia sarà impegnata in due partite interessanti contro Polonia (7 settembre) e in Nations League contro il Portogallo (10 settembre). I due in ritiro a Bormio stanno facendo vedere ottime cose, se poi si confermeranno  anche in campionato per loro ci potrebbe essere la possibilità di essere messi alla prova con la casacca della Nazionale. Un ulteriore stimolo per iniziare il campionato con il turbo.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13652724 - 5 mesi fa

    VI DICO SOLO UNA COSA… ABBONAMENTI SUNDERLAND CHE VIENE DA DUE RETROCESSIONI CONSECUTIVE E GIOCHERÀ LA C INGLESE:22000.
    ABBONAMENTI TORINO:9000 NELLA MIGLIORE DELLE IPOTESI.
    VERGOGNIAMOCI!! LA MAGLIA VA OLTRE IL RISULTATO E PROBABILMENTE ABBIAMO TANTO DA IMPARARE DAGLI ALTRI!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 5 mesi fa

      Anche noi quando siamo tornati in a dopo la b con borsano c’erano 23000 abbonati. Magari c erano però altre prospettive. Anche con il mantova eravamo 60000 e l anno successivo 18000 abbonati. Però eravamo al delle Alpi. Stadio da 70000 posti. Altre condizioni e altre prospettive. Sono altri che dovrebbero vergognarsi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. user-13652724 - 5 mesi fa

      No non hai capito forse.. Il Sunderland arriva da 2 RETROCESSIONI consecutive.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. steacs - 5 mesi fa

        Il Sunderland non ha Cairo come presidente che prende per il culo, ti basta questa risposta?

        O aggiungo: Petrachi, Niang, Valdifiori…

        Devo continuare?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. steacs - 5 mesi fa

    Ottimo pre campionato?
    Si sono messi in luce contro la Bormiese???
    Patetico articolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13746076 - 5 mesi fa

    Già …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. carlo - 5 mesi fa

    Certo che sono mazzate tremende. Ho letto i comment sull’articolo in cui parlava Cairo ieri, e i cairisti sono stati zitti. Non riuscivano (se pur in maggioranza) nemmeno a spolliciare (che è la vostra occupazione, da sempre, principale: e infatti vi arrabbiate solo voi, contro chi protesta di toglierli, siete gli unici che li difendete, da sempre e in ogni sito: sarà sfiga?). Sono mazzate tremende, e non parlo certo di commenti o pollici. Devi mandare giù ogni volta uno che ti prende in giro, che pensa che sei idiota. Che fa il trucco con le tre carte – parlando soldi – che non ci cascherebbe nemmeno un bambino. E’ una mazzata anche per voi. Dovete subire queste umiliazioni per amore di un presidente come questo, con la scusa, sempre più stonata, che è per tifare Toro. Io so solo che vi ho visto di ghiaccio e imbarazzati (e tutto tranne che contenti) e rabbuiati e dispiaciuti nell’articolo in cui SOLO si ipotizzava un arrivo di Abramovich. Abramovich, competente calcistico, magnate. Per quello che uso la parola “stonata”. Molti di voi si sgamano da soli. Non è il toro. E’ prima Cairo, poi, eventualmente, il Toro, di cui ormai vi frega poco niente (per molti pare così).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vicTORINOx - 5 mesi fa

      Ma fati furb

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. carlo - 5 mesi fa

        infatti vedo quanto siete furbi voi, montagne di furbizia.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. A.C. TORINO - 5 mesi fa

        @victorinox fate furp ti ca le mei, dasviite et lase che al mandrogno at pia an gir e ta ste citu. Propi furp

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. vicTORINOx - 5 mesi fa

      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy