Torino, Mazzarri riscopre l’abbondanza: panchina di lusso contro il Bologna

Torino, Mazzarri riscopre l’abbondanza: panchina di lusso contro il Bologna

Focus on / De Silvestri e Iago Falque pronti a tornare titolari. Ma quanta qualità in panchina…

di Nicolò Muggianu

Addio infortuni, bentornata abbondanza. Mazzarri riscopre la libera scelta degli interpreti, o meglio, la scelta non condizionata dalla moltitudine di infortuni che in questa prima fase di stagione hanno fortemente condizionato il cammino del Torino. Tutti recuperati, o quasi. Tornano a piena disposizione De Silvestri e Iago Falque, entrambi dovrebbero scendere in campo dal primo minuto, mentre per Lyanco ed Ansaldi bisognerà ancora attendere. L’argentino si riunirà al gruppo a partire dalla prossima settimana, per il brasiliano invece – impegnato ieri con la Primavera – bisognerà aspettare ancora: almeno fino a dicembre.

Toro, il campo parla chiaro: a Lyanco serve ancora tempo

IN PANCHINA – Intanto Mazzarri si gode i calciatori pienamente recuperati. Contro il Bologna, il ventaglio di scelte a disposizione del tecnico torna finalmente ad essere ampio. Basti pensare che, per motivi differenti, quest’oggi potrebbero accomodarsi in panchina giocatori del calibro di Aina, Parigini, Rincon, e Zaza. Pedine importanti ma che, condizionati dagli impegni con le rispettive Nazionali, non hanno avuto modo di allenarsi con continuità con la squadra. È il caso di Aina e Rincon, rientrati tardi dai match con Nigeria e Venezuela: soprattutto per questo potrebbero inizialmente partire dalla panchina. Al loro posto scalpitano Berenguer e Baselli, pronti a prendersi una maglia da titolare.

LE SCELTE – Discorso diverso invece per quanto riguarda Zaza. Dopo l’infortunio al polpaccio rimediato con la Nazionale di Mancini, l’attaccante azzurro ha subito fatto ritorno a Torino; dove ha ricominciato ad allenarsi con il gruppo soltanto tre giorni fa. Fisicamente sta bene, ma Mazzarri potrebbe decidere di farlo partire inizialmente dalla panchina: “E’ rientrato in gruppo da due giorni – ha dichiarato ieri il tecnico di San Vincenzo in conferenza stampa – ma l’ho visto carico e motivato. Se gioca? Lo vedrete domani“. Al momento i favoriti a scendere in campo dal primo minuto sono Iago Falque e Soriano. Chiunque giocherà titolare però una cosa è certa: Mazzarri non ha più la coperta corta e finalmente è tornata l’abbondanza.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. robert - 4 settimane fa

    Panchinari di lusso contro il Bologna ?Speriamo che non si faccia male Nkoulou altrimenti addio a ogni speranza di vittorie.Vedo che Mazzarri insiste a far giocare Baselli .Bene,ne pagherà le conseguenze !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. marcocalzolari - 4 settimane fa

    Lyanco è stato fermo tanto, normale che al momento venga mandato con la Primavera, anche perché c’e Bremer, Djidji e ultimamente i 3 cambi Mazzarri li ha sempre fatti per svoltare le partite.
    E sul discorso qualità sono d’accordo con Bischero. Rosa lunga, ma qualità non eccelsa, tanti giovani o giocatori da rilanciare, compresi Zaza e Soriano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. prawn - 4 settimane fa

    Mancano molto Ansaldi e Lyanco.
    Non capisco cmq come mai quest’ultimo sia pronto a giocare 90 minuti con la primavera ma non sia manco convocato per la squadra principale.
    Per carità me lo aspettavo recuperato a Gennaio per cui pare che stia andando meglio del previsto ma fargli giocare qualche finale di partita ogni tanto no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 4 settimane fa

      Perché fra la primavera e la serie A c’è la stessa differenza che trovi fra i go kart e la F1

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawn - 4 settimane fa

        Vero… Ma qualche minutino… Ok che WM vuole tutti al 100%…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Filadelfia - 4 settimane fa

      Imperdonabile non aver preso Lazzari sapendo che Ansaldi è spesso infortunato. Zero lungimiranza societaria. Il prossimo anno Lazzari sarà dura prenderlo e si opterà di nuovo su un outsider.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawn - 4 settimane fa

        Si non è da società vincente o che punta alla EL con convinzione restare così scoperti (sia in difesa tra anziani e scommesse) che sulle fascie

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Bischero - 4 settimane fa

    Secondo me abbiamo tanti interpreti ma qualità non ne abbiamo tantissima. O meglio. Ci manca ancora qualcosina per centrare sicuramente il settimo posto. Ce lo dovremo sudare.e parliamo del settimo posto…. Non del terzo o del quarto. Sugli esterni non sappiamo crossare. Andiamo spesso sul fondo ma pecchiamo nel fondamentale se mancano ansaldi o Iago. E se giochi 3-5-2 é una pecca. A centrocampo i piedi sono quelli che sono. L unico completo é meité con soriano che per ora sta deludendo. Davanti potenzialmente siamo forti sulla carta ma mal assortiti. Perché Zaza e Belotti sono 2 doppioni che non possono coesistere. Infatti per farli giocare assieme Mazzarri mette Belotti defilato lasciando lo spazio a babba natura do il capitano. Cmq non abbiamo praticamente nessuno in rosa che salta l uomo. Non abbiamo praticamente nessuno che batte le punizioni. Non abbiamo praticamente nessuno che batte i corner. C’è Iago e un po’ di organizzazione di gioco con parecchia densità al centro e una squadra che con il baricentro basso gioca di rimessa. Per ora basta. Ma non parliamo di qualità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy