Toro, per Obi è un Mondiale amaro: zero minuti giocati e subito eliminato

Toro, per Obi è un Mondiale amaro: zero minuti giocati e subito eliminato

Mondiali / Dopo aver giocato da titolare molte delle amichevoli pre-Mondiale, il centrocampista è stato relegato in panchina per l’appuntamento più importante

di Nicolò Muggianu

Si conclude nel peggiore dei modi l’avventura Mondiale di Joel Obi con la sua Nigeria: un’eliminazione amara nei gironi e zero minuti messi a referto in tre match complessivi. Certo, il girone di ferro con Croazia, Islanda e Argentina – almeno sulla carta – era tra i più proibitivi dell’intero torneo ma, visto il cammino delle avversarie ci si poteva aspettare qualcosa in più. La delusione più grande però è senza dubbio quella legata all’aspetto individuale: nessuna presenza in 270′ disputati dalla selezione del suo paese e tanti rimpianti per una competizione che avrebbe potuto vivere da protagonista dopo tanti anni passati lontano dalla sua Nazionale.

PANCHINA – E pensare che nelle amichevoli antecedenti alla Coppa del Mondo Russa, Obi era quasi sempre stato schierato titolare dal ct delle Super Eagles Gernot Rohr. A questo punto il dubbio sorge spontaneo: perché, viste le premesse, Obi ha vissuto il Mondiale interamente dalla panchina? La risposta a questo quesito va ricercata proprio nelle partite di preparazione alla Coppa del Mondo. Molto probabilmente le uscite contro Inghilterra, Repubblica Ceca e Repubblica Democratica del Congo – in cui la Nigeria ha ottenuto un soltanto pareggio e due sconfitte – sono servite al ct Rohr per studiare quali fossero gli uomini più adatti per il Mondiale; bocciando di fatto il giocatore di proprietà del Torino.

BOCCIATURA – Bocciatura amplificata dai media nigeriani che, dopo i deludenti risultati delle amichevoli di preparazione al Mondiale, sono insorti chiedendo una rivoluzione su più fronti per provare a invertire il trend. Sul banco degli imputati ci sarebbero stati, tra gli altri, proprio Obi e Onazi colpevoli – secondo la stampa locale – di non essere adatti allo stile di gioco della squadra. Anche a causa di queste pressioni dunque Rohr potrebbe aver deciso di cambiare, sebbene con scarsi risultati. Resta il rammarico del ragazzo che, a pochi giorni dal via, si è visto scavalcare nelle gerarchie da Oghenekaro Etebo, modesto centrocampista classe 1995 di proprietà del Clube Desportivo Feirense e in prestito al Las Palmas.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. steacs - 3 mesi fa

    Mi pare sia in scadenza… mi raccomando rinnoviamogli il contratto cosí lo curiamo ancora un annetto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rugge - 3 mesi fa

    peccato per questo eccelso fuoriclasse,forse avrebbe retto perqualche minuto prima di infortunarsi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. granatadellabassa - 3 mesi fa

    beh, fino a un anno fa non era nemmeno convocato. per ovvi motivi dato che non era mai sano.
    Questo anno è andata meglio e ha ritrovato la convocazione e qualche presenza nei mesi scorsi.
    Non è tutto da buttare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy