Toro, sciogli il nodo Edera: merita di giocare, ma ha davanti Falque

Toro, sciogli il nodo Edera: merita di giocare, ma ha davanti Falque

Il fatto / Ci sono tanti motivi per dare spazio al giovane mancino, oggi in Under 21, ma la concorrenza è forte. Lui: “Mazzarri ha in mente un percorso a tappe”

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Ci sono tanti motivi per dare spazio a Simone Edera. I traguardi svaniti, che dovrebbero teoricamente far propendere verso la valorizzazione dei giovani. Le qualità indubbie del ragazzo, che ha convinto la società, Mihajlovic prima e Mazzarri poi. La sua spensieratezza, che in questo momento sarebbe assolutamente un toccasana. In azzurro, nelle nazionali giovanili ha sempre o quasi svolto ruoli da protagonista. E oggi è con la Nazionale Under 21, per la prima volta. Ieri, parlando dal ritiro degli azzurrini, ha avuto belle parole per tutti, giustamente: se è arrivato lì, il Torino – la sua società, che dai sei anni in poi lo ha accudito, fatto crescere, puntato sempre e comunque su di lui, anche nei normali momenti di discontinuità propri di un giovane – ha molti meriti. Ma resta il fatto che è uno di quelli che ora meritano di giocare, specie in questo momento della stagione.

Il problema è che, lui attaccante mancino puro, gioca preferibilmente esterno a destra, per rientrare e tirare con il suo piede. Nel Torino a giocare in quel ruolo c’è Iago Falque, uno dei giocatori più positivi della stagione, certamente uno dei pochi a salvarsi dal grigiore generale. In rosa c’è anche Ljajic, uno che ha dimostrato di poter essere utile, eccome, a questa squadra: ha colpi che gli altri non hanno. In rosa ci sono altri due esterni: Berenguer e Niang, giocatori che – pur senza grandi ed evidenti meriti in più rispetto ad Edera – hanno avuto più spazio, sia con Mihajlovic che con Mazzarri.

SS Lazio v Torino FC - Serie A

Dunque, Edera è oggi uno dei tanti nodi da sciogliere, per Mazzarri. Indubbio è che il tecnico lo stimi, altrettanto indubbio è che la sua coesistenza con gente come Falque o Ljajic non è scontata. Lui si dovrebbe adattare ad altri ruoli (ed è chiaro che pur di giocare lo farebbe), il tecnico dovrebbe pensare ad un cambio modulo (e se è vero come è vero che il 3-5-2 è il modulo preferito dal tecnico, le possibilità per Edera andrebbero a restringersi ulteriormente) o a ribaltamenti delle gerarchie. Dal ritiro dell’Under 21, il ragazzo ha commentato così il suo rapporto con l’attuale tecnico granata: “Mazzarri ha un progetto strategicoper la mia crescita che seguirò per maturare”. L’auspicio è che questo percorso funzioni: la personalità e la voglia di stupire di Edera, a un Toro in crisi così, possono solo far bene.

LEGGI QUI: Torino, Edera: “Ringrazio Miha, gli devo molto. Con Mazzarri ho iniziato un percorso”

LEGGI QUI: Il Toro di Cairo e uno scarica-barile che non funziona più

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. granata - 4 mesi fa

    Il problema è che Mazzarri, ancora un po’ confuso nell’ utilizzo della rosa a sua disposizione, continua a dare la precedenza a Niang e Berenguer. Se cambiasse precedenze, Edera potrebbe benissimo entrare a partita in corso (o sostituire qualche infortunato). Purtroppo dopo 9 giornate Mazzarri non ha ancora dato una personalità a questa squadra, che è apparsa sempre più imbambolata e impaurita. Lo dico senza volerlo bocciare, ma questa è la realtà dei fatti che sta sotto gli occhi di tutti. Il caso Ljahjic è esemplare, averlo trascurato ci ha già fatto perdere sicuramente punti preziosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Seagull'59 - 4 mesi fa

    Quello che non capisco è perché in PL i suoi coetanei sono titolari nel Chelsea, MCity, MUnited, Liverpool, Arsenal, mentre in Italia Non sono Mai pronti, se non per la panca.
    Paura di bruciarli o procuratori che non sanno ancora imporli a scapito dei titolari? L’Italia più semplicemente non crede nei giovani, anche nel calcio, ma li esalta sempre solo a parole: dategli la possibilità di dimostrare di che pasta è fatto e, se non sarà all’altezza, cambierà categoria e squadra, anche per il suo bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. renato - 4 mesi fa

    D’accordissimo con Torogranata, l’ha ordinato il medico che bisogna per forza giocare con il piede rovesciato (destra per i mancini ecc)? Anch’io metterei Iago a sinistra, magari fa anche qualche cross millimetrico per il Gallo.
    Quanto ad Edera, pur di vederlo giocare lo metterei anche in porta… Secondo me è un fenomeno (ed è anche attaccato alla maglia) e noi ce lo stiamo giocando… Mi sembra che stiamo scherzando col fuoco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dukow79 - 4 mesi fa

    A giugno plusvalenza Falque e abbiamo risolto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Torogranata - 4 mesi fa

    Ma far giocare Edere al posto di Falque, e spostare lo spagnolo a sinistra no?
    Cosi facendo forse riusciremo a vedere qualche cross dalla fascia sinistra col piede giusto e magari qualche pallone in più per il Gallo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. dennislaw - 4 mesi fa

    E’ chiaro che deve giocare. Magari in staffetta con Iago Falqe , sembrato stanco, ma non solo 15 minuti. Ljiajc indispensabie anche a corrente alternata. Dispiace dirlo , ma Berenguer e Niang sembrano meno utili, sprattutto se quest’ultimo viene impiegato sulla fascia. Ma Mazzarri ha le idee chiare? Non sarà mica un altro Zaccheroni…?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 4 mesi fa

      D’accordissimo! Eppure sappiamo bene quanto sia bravo il Gallo di testa
      Inspiegabile che non si riesca ad avere dei cross decenti

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy