Dall’Inghilterra: “Conte vira su Aubameyang”, Belotti più lontano

Dall’Inghilterra: “Conte vira su Aubameyang”, Belotti più lontano

Continua il valzer degli attaccanti, e ci sono squadre che stanno cercando di mettere a segno un colpo in fase offensiva: e il Gallo…

Come abbiamo riportato questa mattina sulle nostre colonne (QUI i dettagli), sono principalmente tre le minacce per l’attaccante del Torino Andrea Belotti. Tra i primi c’è uno scatenato Milan, che ha concluso 9 operazioni di mercato e desidera ancora un centravanti. Dall’estero poi arrivano anche altri interessi, ovvero quelli di Chelsea e Paris Saint Germain. Tuttavia Belotti non è l’unico nome delle liste di queste squadre, e potrebbe non essere scelto a causa del costo realmente pesante da sostenere per assicurarsi il Gallo (100 milioni).

Screenshot (295)

La squadra londinese allenata da Antonio Conte però ha bisogno di trovare velocemente un sostituto di Diego Costa, che al tecnico leccese non è riuscito a plasmare a suo piacimento. La virata del Chelsea, secondo il Mirror, sarebbe verso il giocatore che al momento è meno dispendioso, ma non per questo non è qualitativamente paragonabile ai suoi colleghi attaccanti. Si parla del giocatore del Borussia Dortmund Pierre-Emerick Aubameyang, che con la maglia giallonera ha collezionato un numero incredibile di reti nella scorsa stagione: 40 in 46 presenze (tra tutte le competizioni). Per il giocatore, il Chelsea avrebbe pronti circa 74 milioni di euro (65 milioni di sterline) per concludere l’operazione il più in fretta possibile. L’attaccante è molto gradito al tecnico, e la trattativa potrebbe infittirsi nei prossimi giorni.

BERLIN, GERMANY - MAY 27: Pierre-Emerick Aubameyang of Dortmund controls the ball during the DFB Cup final match between Eintracht Frankfurt and Borussia Dortmund at Olympiastadion on May 27, 2017 in Berlin, Germany. (Photo by Maja Hitij/Bongarts/Getty Images)
BERLIN, GERMANY – MAY 27: Pierre-Emerick Aubameyang of Dortmund controls the ball during the DFB Cup final match between Eintracht Frankfurt and Borussia Dortmund at Olympiastadion on May 27, 2017 in Berlin, Germany. (Photo by Maja Hitij/Bongarts/Getty Images)

Con questa possibile soluzione, dunque, il Gallo Andrea Belotti sarebbe meno “in pericolo”, perché il Chelsea riuscirebbe a sistemare il reparto offensivo e non avrebbe più bisogno di una punta. Tuttavia non si può ancora dare per certa la permanenza di Belotti, perché ci sono altre squadre che possono essere insidiose e far vacillare la società di Via Arcivescovado.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. warriors - 4 mesi fa

    Se va via il Gallo …servono almeno 4 punte ….. a mio avviso e fuori dal Toro le mezze calzette … 4 nomi da scegliere tra questi …… Pavoletti,Lapadula,Flacinelli,Zapata,Simeone,Destro,nestorovski,Chiesa …. ma 4 pezzi non uno servono titolari e riserve con cazzimma ….. perche’ il Gallo e’ l’ unico con lo spirito Toro nel sangue ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Daniele abbiamo perso l'anima - 4 mesi fa

    Per me Belotti va al Milan per una sessantina di mln e due scartini loro..
    Quindii prenderemo Zapata, Imbula..e il resto mancia..
    Cairo dirà che il Gallo non era contento e bla bla bla..
    Peró fate in fretta, che le inculate lunghe son piu dolorose

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Akatoro - 4 mesi fa

      Per quelle cifre sarebbe possibile, non che mi faccia piacere, ma credo che Belotti voglia il Milan davvero visto che ne è tifoso. 60 milioni spesi su Zapata, Simeone e imbula, più niang è paletta. Sarebbe un affare allettante per tutti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Daniele abbiamo perso l'anima - 4 mesi fa

        Con Simeone forse si, ma pensi che Cairo spenderà 40 mln per Zapata e Simeone ?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. magnetic00 - 4 mesi fa

    Il parrucchino è come i bambini viziati, se non gli viene acquistato il giocattolo si arrabbia e se ne va, e cmq in europa non vincerà mai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy