Torino, il punto sul futuro di Belotti: tante parole, pochi fatti

Torino, il punto sul futuro di Belotti: tante parole, pochi fatti

La situazione / Tanti sondaggi, diretti o indiretti, nessuna offerta ritenuta seria dal Torino. E il Gallo lo sa bene: per andare via, ne deve valere la pena

L’argomento che terrà banco da qui ai prossimi due mesi – ma già da settimane, ovviamente, se ne parla – è il futuro di Andrea Belotti, il nome nuovo del calcio italiano, centravanti del Torino e della Nazionale. Ad oggi – ed è giusto sottolinearlo: nel calciomercato le cose possono cambiare repentinamente – non ci sono novità di rilievo se non sondaggi più o meno diretti, provenienti soprattutto da Oltremanica.

Tante chiacchiere, insomma, pochi fatti. Almeno sino ad oggi. Come ha fatto capire il DS del Toro Petrachi ieri sera in televisione, per una partenza di Belotti verso un’altra squadra italiana al momento non se ne parla. Se il Gallo è l’oggetto del desiderio di tanti, tifosi del Milan in primis, per ora sembra destinato a restare tale. L’unica squadra che economicamente avrebbe la forza di intavolare un discorso col Torino è la Juventus, ma ha già un certo Higuain. Dall’estero, c’è chi sta studiando la famigerata clausola da 100 milioni: in primis il Manchester United di Mourinho che potrebbe perdere Ibrahimovic e Rooney, poi il Chelsea di Antonio Conte, che si dice gradisca molto il giocatore. Si può dire che c’è chi sta prendendo in considerazione l’opzione – il Gallo è del resto un giocatore che starebbe bene in qualsiasi squadra – ma ancora non ci sono state offerte serie e ritenute degne di essere prese in considerazione.

Intanto il tempo passa: il ragionevole sospetto è che se qualcosa deve succedere, i primi tasselli devono essere mossi entro il mese di maggio. Per prelevare Belotti è infatti necessaria un’operazione che non si improvvisa dall’oggi al domani e che deve essere mirata ad acquisirlo per farne un cardine di un progetto sportivo. Nel frattempo, il Torino si coccola il giocatore, dandogli anche l’alto compito di leggere i nomi del Grande Torino a Superga, e gli ripete pubblicamente e non che la cosa migliore è rimanere ancora un anno. Consapevole che il ragazzo è uno di quelli che per arrivare dove è ora, è passato anche da momenti difficili, e dunque ha la testa e la lucidità per non fare scelte avventate.

 

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. die granata - 6 mesi fa

    Che palle…se sa che deve andare via prox anno cosa lo teniamo???nn capisco cosa serva boo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Rock y Toro - 6 mesi fa

    @Akatoro: gli articoli servono eccome. Proprio per la loro funzione di innesco di discussione. Rimango dell’opinione in merito a questa diatriba che al Gallo convenga restare anche in funzione mondiale. E poi deve ancora dimostrare gratitudine verso chi lo ha aspettato l’anno scorso quando non riusciva a sbloccarsi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Akatoro - 6 mesi fa

      Vero che servono gli articoli, ma ne sta uscendo uno al giorno, e si legge sempre stessa solfa.Io credo che Belotti non abbia bisogno di tutte queste attenzioni mediatiche

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. prawn - 6 mesi fa

    Dai che resta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Akatoro - 6 mesi fa

    Direi che si può anche finirla di fare sti articoli sul Gallo tutti i giorni. Articoli che non aggiungono niente di nuovo, e creano solo tensioni e distrazioni dal campo. Se resta l piazza sarà contentissima, se partirà amen, e tanti auguri ad Andrea ovunque la sua carriera lo porti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Simone - 6 mesi fa

    Se arrivassero i famosi 100mln o anche 90 saremmo dei folli a non lasciarlo andare (a malincuore).
    Se vogliamo tenerlo un altro anno dobbiamo xo sistemare la squadra x puntare all’EL

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy