Torino, Reset e concessione per il Robaldo: quelle buste risigillate…

Torino, Reset e concessione per il Robaldo: quelle buste risigillate…

Tocco di Mano / Tutto rimandato: dai granata una domanda in piena regola, dall’altra parte sono necessarie diverse integrazioni. Il tempi si allungano, e quell’intervento provvidenziale di Comi…

Toro

Presenti all’apertura delle buste (QUI LA NOSTRA DIRETTA) per l’assegnazione della concessione dell’impianto Robaldo (una struttura di circa 45mila metri quadrati che permetterebbe al club granata di creare un vero e proprio quartier generale delle giovanili) ci siamo clamorosamente dovuti accontentare di un nulla di fatto: slitta tutto all’otto marzo – Festa della Donna – e intanto il tempo scorre.

Indiscutibile, da un lato, la documentazione presentata dal Torino: plichi pesanti, chiusi a doppia mandata con tanto di sigillo in ceralacca. Una domanda esaminata in circa 5 minuti poiché perfettamente conforme. Intestazione corretta, marca da bollo applicata, garanzia fidejuissoria presentata. Tutto in piena regola.

Lascia a tratti sgomenti, invece, la domanda di concessione inserita dalla Reset Academy Torino. Tra le altre cose, mancano: marca da bollo, ricevuta ANAC e garanzia fidejussoria. Materiale totalmente integrabile, ma che se fosse stato presentato nei modi e nei tempi prestabiliti, avrebbe se non altro evitato un’ulteriore perdita di tempo.

Robaldo, derby
La descrizione dettagliata dell’impianto Robaldo

Già, perché le buste si sarebbero dovute aprire la scorsa settimana, ma ai tempi tutto fu rimandato a causa degli impegni sovrapposti della commissione stessa.

Ma non è finita. A ridosso della conclusione della seduta, il direttore generale del Torino Antonio Comi ha chiesto gentilmente di poter vedere le altre buste presentate dal Reset Academy Torino, quelle contenenti l’offerta tecnica e soprattutto quella economica. Tutti infatti avevamo notato, all’apertura del plico presentato dalla Reset – chiuso a colpi di pinzatrice e senza sigilli in ceralacca -, come queste non fossero completamente chiuse. Questo, perché non sigillate in ceralacca ma con la semplice colla da carta da lettere, probabilmente staccatasi in parte a causa del calore.

A quel punto, quando le buste sono state rimesse sul tavolo della commissione, tutti abbiamo notato come queste si fossero poi completamente aperte.

Una situazione particolare, risolta grazie all’intervento provvidenziale del direttore generale granata: le due buste a quel punto sono state quindi risigillate davanti a tutti, con timbri e firme dei membri della commissione presente. E il tutto chiaramente dovrà essere messo a verbale.

Nulla di fatto per ora: slitta tutto all’otto marzo. E intanto il tempo scorre…

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Achille - 2 anni fa

    Ci sono i gobbi di mezzo, di cosa ci meravigliamo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Jerry - 2 anni fa

    Puzza di bruciato… E di sterco bianconero!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Gio - 2 anni fa

    Intanto l’integrabilità della documentazione è discrezionale, quindi discrezionalmente la Commissione ha deciso così: avrebbe potuto legalmente e tranquillamente escludere Reset. Inoltre, l’integrazione è vietata per elementi essenziali come di certo le garanzie fidejussorie, quindi avrebbe dovuto escludere Reset, a meno che non si considerino le garanzie un elemento accessorio. Sennò, scusate, perché mettere una data per la presentazione delle domande?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy