Ingolstadt-Torino 0-1: buona sgambata in Austria, decide Belotti

Ingolstadt-Torino 0-1: buona sgambata in Austria, decide Belotti

Ingolstadt-Torino 0-1 / Dopo un primo tempo avvincente, la ripresa si fa confusionaria e poco bella: i bavaresi crescono, ma il Toro tiene bene. Si vede anche Parigini negli ultimi 10′

Comincia bene l’avventura austriaca del Torino di Mihajlovic, che batte per 1-0 l’Ingolstadt a Schwaz, mostrando buona gamba e dando discrete risposte al tecnico Mihajlovic. Dopo un primo tempo molto acceso, la sfida si fa più frammentata e disordinata nella ripresa, con le occasioni da gol che latitano. Miha – questa volta – aspetta sino alla metà della ripresa prima di cambiare i “titolari”. A decidere la sfida, ad ogni modo, il gol nel primo tempo del Gallo Belotti, su splendida sponda di Baselli, dimostratosi coraggioso e con personalità da vendere. Nota stonata: il forfait prepartita di Maksimovic (qui i dettagli), e il cambio forzato di Molinaro, infortunatosi al ginocchio (leggi qui).

Nel primo tempo il Toro parte subito forte, e dopo 3′ va vicinissimo al bersaglio grosso: cross di Zappacosta – attivissimo – e tiro di Belotti, fermato solo dalla traversa. Cinque minuti più tardi, però, il Gallo non sbaglia: punizione di Ljajic, sponda di Baselli e gol da rapace del numero 9 granata, che sigla il suo ennesimo gol in questo precampionato. La partita si fa sempre più maschia: le due squadre non si risparmiano, e Molinaro al 36′ viene toccato duro ed è costretto ad uscire in barella. Al suo posto Barreca. I granata, poi, vanno vicini al raddoppio di nuovo con la punta, che però non aggancia il buon cross del solito Zappacosta, sicuramente più attivo rispetto a Iago Falque. Buone risposte anche dal centrocampo – soprattutto da Baselli e Vives – e da Ljajic, che si sacrifica anche in fase difensiva. Nel finale di frazione, traversa dell’Ingolstadt con Leipertz da fuori, tra le urla di rimprovero di Mihajlovic.

P1350291

Nella ripresa la gara si fa abbastanza confusa, con i bavaresi in palla e pronti a fare male. All’8′ la squadra teutonica si fa vedere in area granata, con un colpo di testa che Gomis controlla alto sopra la traversa. Nei granata il più vivace è sicuramente Ljajic, che tenta di colpire in contropiede innescando Belotti e Iago Falque, il quale – però – pare ancora indietro nella preparazione rispetto ai compagni. Le occasioni, comunque, latitano nella ripresa, il gioco si fa spezzato e falloso, con il Toro che prova a controllare il match senza rischiare molto, ma l’Ingolstadt pressa a tutto campo e schiaccia i granata. Solo al 20′ st Miha cambia qualcosa, inserendo Bovo al posto di Vives, e poi Boyé (al posto di Belotti, con l’artentino che si piazza al centro del tridente), Martinez (per Iago) ed Acquah (per Baselli): la fascia da capitano passa a Moretti. Intorno al 25′ aumenta in maniera considerevole la pressione bavarese, che si fa vedere sopattutto su calcio piazzato: il Toro, comunque, tiene bene, ma fatica molto ad uscire.

P1350339

A 10′ dalla fine, poi, entrano anche Aramu, Parigini, Silva e Peres, rilevando Moretti, Ljajic, Zappacosta e Obi. Tra i subentrati, prova subito a farsi vedere Parigini, alto a destra, ma le sue sortite non hanno particolare fortuna: buona personalità, comunque, per il classe ’96, chiamato a convincere Miha. Prestazione sufficiente anche per Boyè, che rincorre subito ogni palla. Finisce con parecchi falli e senza ulteriori sussulti questa prima (e buona) sgambata in Austria: la preparazione dei granata continua in maniera positiva, pur senza spettacolo.

16 commenti

16 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Mauro_Toro - 1 anno fa

    Peres con Miha non trova spazio ormai mi sembra abbastanza chiaro e non siamo certo una squadra ad oggi che possa permettersi di tenere in panca un giocatore da 22/25 M€.
    La scelta fatta dall’allenatore è questa e sarà il campo a parlare (oggi spendere parole non ha nessun senso).
    Detto ciò vediamo di darci una sveglia e se è da vendere si venda!
    Non si può ogni anno stare in bilico con forse si, forse no!
    Personalmente spero che parta e che porti un po di soldi in cassa da reinvestire (e questo è un altro problema).
    Speriamo che tutti gli attori facciano la loro parte.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Catlina - 1 anno fa

    Ma chi scrive commenti del cazzo al 2 di agosto su una squadra da rivoluzionare perché non va in bagno a farsi una bella sega.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. esseti - 1 anno fa

    Partita che nn ha detto nulla con un risultato che nn dice nulla… giudizio personale: primo tempo orribile dal portiere al centravanti. Ajieti molto preoccupante, Baselli assente e poi il portiere…davvero scarso. È presto x giudicare lo so, ma i segnali nn sono rassicuranti in certi reparti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. giandid - 1 anno fa

      Scusa dimmi dove cammini che cambio strada con la jella che poti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. toiomeroni - 1 anno fa

    Si, antjuve, vincere è bello anche se siamo solo a Settembre, ma il solo leggere il nome di Padelli che mi angoscia….! E il fatto che non riescano a venderlo mi fa capire tutto il suo “valore”. Non ce l’ho con il ragazzo, ma preferirei leggere il suo nome in un’altra formazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Jerry - 1 anno fa

    Della partita di oggi, si possono commentare solo i primi 45 minuti, dove si è visto una squadra che attua un buon pressing a centrocampo, gioca con la linea difensiva alta è sopratutto cerca costantemente l’anticipo sull’avversario. In avanti le note più liete dov’è un Belotti già in buona forma, cerca di far giocare la squadra. Dei tre quello ancora un po’ imballato è Iago. A questa squadra servono ancora 3 innesti di cui 2 di qualità superiore al centrocampo, è un difensore. Il portiere è un paragrafo a se’. Anche oggi in un paio di occasioni a denotato tutta la sua immaturità, nel gestire un pallone e in una uscita che se ci fosse stata un punta più scaltra ci sarebbe costato il goal. Eppure le doti ci sono…. O ci crediamo, o se no è meglio cercare una valida alternativa, dando a Gomis, l’opportunità di maturare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. faber.fibr_961 - 1 anno fa

      vero. capitolo portiere: per me devono vendere padelli e comprare un secondo portiere piu che decente (a meno che l’allenatore non ritenga ichazo all’altezza), e insistere su gomis ancora parecchio. se lo giri in prestito adesso lo uccidi psicologicamente. però il secondo forte ti serve a ottobre, se gomis non si ripiglia non puoi rischiare di giocare con uno messo cosi e padelli dietro tutta la stagione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Athletic - 1 anno fa

      Io penso che Mihalovic lo sta facendo giocare il più possibile, proprio per valutarlo. La sensazione è che avrebbe una gran voglia di lanciarlo, come ha fatto l’anno scorso con Donnarumma … purtroppo il nostro Gomis non sta riuscendo a giocarsi bene le sue carte.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ToroFuturo - 1 anno fa

        A essere crudi si potrebbe dire che da Padelli a Gomis è un po’ come passare dalla padella alla brace. Il fatto che Gomis abbia fatto 3 buoni anni in serie B significa poco perché ci sono decine di giocatori che hanno fatto altrettanto e non possono giocare in serie A. Secondo me si dovrebbe provare con Ichazo titolare e Padelli secondo. Oppure si compri un altro portiere. Alla fine dei conti a noi serve uno che pari, indipendentemente dalla provenienza.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. faber.fibr_793 - 1 anno fa

    2 commenti su 3 per me sono giudizi troppo affrettati. abbiamo incontrato una squadra che picchiava come fossero carpentieri e messi 11 dietro la linea della palla. abbiamo cmq avuto parecchie occasioni, una volta non l’avremmo vinta, nè d’estate nè tantomeno in campionato una partita cosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Per sempre granata - 1 anno fa

      Credo che sia un po’ presto per giudicare …..e per fortuna che vorremmo più giovani vedi parigiNi e il resto dei ragazzi …se non abbiamo pazienza al 2 agosto!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. faber.fibr_868 - 1 anno fa

        si infatti, è quello che volevo dire. tra l’altro, contro il benfica, vero che abbiamo fatto una super partita visto l’avversario, ma qua sembrava già che potessimo competere per la champions. oggi per qualcuno a momenti non ci salviamo quest’anno. ci vorrebbe proprio un po di equilibrio in piu.
        io la penso cosi cmq, il gioco di miha probabilmente è un gioco che si adatta meglio ad avversari che giocano, non che si chiudono, e per fortuna direi, vuol dire che è un gioco propositivo, ma nulla toglie il fatto che stiamo cambiando a 360 gradi, mentalità, modo di giocare, interpreti, schemi…. quindi se a settembre non siamo ancora del tutto in quadro non mi stupirei e non ne farei un dramma nemmeno allora.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Placebo75 - 1 anno fa

    Siamo attualmente in stato fortemente embrionale, come è normale che sia. Al momento siamo un attaccante strepitoso con dietro un 10 dai piedi notevoli che deve inserirsi + una marea di ‘se’, ‘forse’ e ‘speriamo’. Attualmente dobbiamo ancora iniziare a capire il nuovo gioco/modulo per cui, probabilmente, al momento siamo pure qualcosa di ‘meno’ rispetto lo scorso anno.
    Prematura ogni forma di giudizio allo stato attuale (vale per i pessimisti come vale per chi sta parlando di Europa). Ci vorrà tanta pazienza. Team under construction

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Athletic - 1 anno fa

    Partita abbastanza noiosa, s’è visto molto poco e Mihailovic deve lavorare parecchio per dare un’impronta alla squadra, per adesso le sue idee non si vedono. Ripeteva in continuazione di stare più alti e fare pressing, ma in questo momento della preparazione probabile che siano ancora imballati. Per quanto riguarda i singoli, mi piace sempre di più Boyè, se cresce come è auspicabile faccia, rischia di portare via il posto a Iago. Bene anche Baselli, i numeri li ha, deve trovare continuità. L’unico fuoriclasse che abbiamo al momento è Bruno, subito dopo di lui, c’è Ljajic. E (non tanto) dulcis in fundo .. non riesco a capire cosa sia successo a Gomis. Quello di adesso non poteva essere giudicato tra i migliori portieri della serie B. E con questo Gomis, con tutto l’affetto che posso avere per lui, è assolutamente impensabile iniziare il campionato affidandogli la porta. Quindi non è escluso che ci tocchi un altro anno di Padelli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Clozza - 1 anno fa

      No un’altro anno di Padelliiiiiiii noooooooooo!!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. antijuve - 1 anno fa

    Il calcio estivo non fa testo… Però vincere è semore bello….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy