Lazio-Torino 1-1, Ansaldi: “Basta pareggiare, nel 2019 bisogna vincere di più”

Lazio-Torino 1-1, Ansaldi: “Basta pareggiare, nel 2019 bisogna vincere di più”

Le voci / Il laterale ha parlato a Torino Channel: “E’ stata una buona partita da parte nostra”

di Redazione Toro News

Al termine di Lazio-Torino 1-1 ha parlato ai microfoni di Torino Channel Cristian Ansaldi. Ecco le sue parole: “Ogni partita nel calcio italiano è una finale, oggi si è visto per quante ammonizioni ed espulsioni ci sono state. Oggi si poteva andare sul 2-0, peccato. Abbiamo lasciato per strada tanti punti in questo girone di andata, ma le prestazioni ci sono state. La squadra è sulla strada giusta, ma troppe volte meritavamo di vincere e non ci siamo riusciti. Per questo serve appunto mirare con più decisione ai tre punti nel nuovo anno. Il rosso a Meité? Ero lontano, avrà litigato con qualcuno”. 

LEGGI: Le parole di Mazzarri: “L’arbitro ha graziato la Lazio. Che errore De Silvestri”

Sui propositi per il 2019: “Abbiamo obiettivi chiari, bisogna vincere. Basta con i pareggi e con le sconfitte. Ora ci fermiamo una settimana con la famiglia, poi ripartiremo nel 2019 con l’intenzione di lasciare tutto in campo per il club e per la nostra maglia”.

E’ stata la partita in trasferta più difficile? “Loro sono veramente forti, hanno dimostrato perchè sono quarti in classifica. Noi però abbiamo fatto una bella partita. Noi dobbiamo evitare di perdere, ma ora soprattutto vincere le partite”. 

 

 

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Lemmy - 4 mesi fa

    Leggendo la classifica di oggi, alla fine del girone di andare, con 64 punti si andrebbe in champion e con 60 in Europa League…in realtà le prime 6 inevitabilmente prenderanno il largo e forse con 62 punti si riuscirà ad arrivare settimi. A questo punto o si fanno 33/35 punti cominciando a vincere le partite con le concorrenti, sopratutto in casa, altrimenti si ripeterà il girone di andata e qualcuno affermera’che per un pelo non si è riuscito ad entrare tra le grandi. Questo potrebbe essere l’anno buono ma dipende solo da noi, i punti sono quelli che ci meritiamo dobbiamo solo osare di piu’altrimenti sarà il solito nono posto da 55/56 punti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Max63 - 4 mesi fa

    Ho in mente la partita con la Doria pressing alto senza far respirare gli avversari. Troppo spesso siamo partiti troppo bassi con atteggiamento remissivo e la mia impressione e che derivi da un approccio del mister troppo pragmatico con scelte sempre attendiste e cautelative. I giocatori in fondo sono lo specchio del proprio mister

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. miele - 4 mesi fa

    Con la vittoria da 3 punti, questa affermazione mi pare la battuta di uno dei personaggi di un vecchio programma di Arbore di cui, in questo momento, mi sfugge il nome. Forse era Catalano. A parte questi lontani ricordi, mi pare che il Toro sia la squadra che ha accumulato più pareggi. A volte per demeriti propri, come a Bologna, Cagliari, Sassuolo, altre, per furti arbitrali o sfortune varie. É pure vero che le squadre di Mazzarri tendenzialmente hanno caratteristiche che portano a questi risultati. L’organico del Toro attuale é di livello discreto e c’è da sperare che acqisendo maggior convinzione nei propri mezzi, si riesca finalmente a giocare sempre con maggior autorevolezza. Forse, così facendo, molti pareggi potrebbero diventare vittorie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Madama_granata - 4 mesi fa

    Ed è proprio ciò che ci aspettiamo da tutti voi!
    La squadra è rodata, e c’è intesa con i nuovi e con voi che arrivate da seri infortuni.
    Avete recentemente dimostrato di poter giocare alla pari con le “grandi” (Juve, Lazio, ecc).
    Non dovete temere nessuno e, possibilmente, dovete imporre il vostro gioco, “guidare le danze”.
    Attenzione, a mio parere, soprattutto a vincere con le “piccole”: se no, saranno tutti punti che mancheranno a fine campionato!
    Insomma: il rodaggio è finito. Ora dovete mettervi a giocare a calcio come sapete, ppotete e, spero, volete!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. apuano - 4 mesi fa

      Vedi il milan in questo momento(che non ci e’ superiore)se devi fare punti per forza fatichi .Appena detto ha segnato….merda.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. apuano - 4 mesi fa

    Io penso ci sia mancata un po’ di fortuna nel girone d’andata.Certo la fortuna si cerca e questo e’ quello che fa la differenza tra una grande squadra e una buona squadra.Si soffre ancora un po’ troppo con tutti.piccole e grandi in egual modo.Ma la strada penso sia quella giusta.forse con una classifica un pochino migliore anche la mentalita’ ne poteva giovare.Se riusciamo a ottenere risultati positivi nelle prossime due sono sicuro che ci si toglie soddisfazioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Gig66 - 4 mesi fa

    Direi che se manteniamo imbattibilità in trasferta e vinciamo in casa l’Europa è possibile…. Sulle fasce ci siamo, anche con le riserve ( Aina e Berenguer), la difesa è strepitosa, da aggiustare il centrocampo.
    Buon 2019 agli amici granata !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 4 mesi fa

      Ne abbiamo vinte un pacco in casa, per quello siamo noni e non quarti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. toroscatenato - 4 mesi fa

        Ah ma ci sei?
        Mancavano le tue battute

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ddavide69 - 4 mesi fa

          Si. E se le vinciamo tutte arriviamo terzi o forse anche secondi

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. sergio75 - 4 mesi fa

    A volte riescono ancora a sorprendermi basta pareggiare bisogna vincere … e ci abbiamo messo tutto il girone d’ andata per capirlo ? :) affettuosamente cqe grande protagonista Ansaldi

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy