La celebrazione del Grande Torino a Superga

La celebrazione del Grande Torino a Superga

Diretta TN / I tifosi del Torino e la squadra granata si riuniscono in cima al colle, per ricordare e celebrare una squadra storica che non è mai stata dimenticata

di Redazione Toro News

18.20 Andrea Belotti ha letto i nomi degli Invincibili del Grande Torino (QUI i dettagli).

17.57 I giocatori granata stanno per uscire dalla chiesa e dirigersi verso la lapide del Grande Torino.

17.53 Kamil Glik, ex capitano del Torino, ha voluto ricordare – sui social – gli Invincibili, di cui lui ha letto anche i nomi sulla lapide.

Screenshot (303)

17.40 Ora anche un filo di sole splende sulla Basilica

17.23 Ha inizio l’omelia di Don Robella: “Spendo un elogio ad Atalanta, Chapecoense, River Plate, Fiorentina, un ricordo anche per Mondonico, la vedova Maroso e Tomà, e tutti i tifosi che sono recentemente morti. Questo è un giorno di commemorazione, non di festa.

LEGGI – Le parole del Don: “Gli Invincibili stelle che ci guidano”

17.16 La squadra prende posto all’interno della Basilica

WhatsApp Image 2018-05-04 at 17.14.18

17.05 Andrea Belotti, il capitano, saluta tutti al suo arrivo, andando verso la Chiesa.

Belotti

16.58 Nel frattempo la squadra granata è arrivata a Superga: Mazzarri e Cairo davanti a tutti, a scambiare saluti con i tifosi. Da parte dei supporters granata si alzano numerosi applausi.

Mazzarri

16.57 Anche Daniele Baselli ha voluto ricordare il Grande Torino, con una frase simbolica: “Forse era troppo meravigliosa questa squadra perché invecchiasse. Forse il destino voleva arrestarla nel culmine della sua bellezza.

16.56 Iago Falque si prepara per la commemorazione, insieme al suo compagno Ansaldi.

16.49 La squadra granata è in procinto di arrivare a Superga: tra poco comincerà la Messa.

tifosi 3

16.36 I tifosi del Genoa (Figgi Do Zena) hanno posto uno striscione in memoria del Grande Torino che recita: “Grande Toro, in eterno vincerai. Chi è leggenda non muore mai.

Striscione

16.25 Molti tifosi granata – circa 1000 – sono già arrivati a Superga, manca solo mezz’ora all’inizio della Messa.

Tifosi 2

16.10 A Superga è arrivato Claudio Sala, il poeta del gol granata.

Sala

16.00 Javier Zanetti, bandiera dell’Inter, non rimane indifferente il 4 maggio: “Sempre onore agli eroi

15.49 Giuseppe Vives non dimentica il suo passato granata e il Grande Torino: “Soltanto il fato li vinse.

15.39 Giunge ora alla Basilica il Museo della Fiorentina.

Museo fiorentina

15.30 I primi tifosi del Torino cominciano a comparire sul piazzale della Basilica di Superga.

Tifosi

15.24Tutte le volte che vengo qui, tutte le volte che sono a Superga ho i brividi“. Stefano Sorrentino, ex granata, ricorda il Grande Torino.

15.15 Arriva a Superga Roberto Mussi, ex giocatore del Torino (129 presenze in granata).

Mussi

Anche la Chapecoense, squadra brasiliana vittima di una tragedia aerea nel 2016, si è unita al cordoglio e alla commemorazione del Grande Torino (QUI il post).

Il sacerdote Don Robella ha detto qualche parola prima della celebrazione della Messa: “Con la Morte di Toma siamo arrivati al triste completamento del Grande Torino in cielo. Un 4 maggio molto particolare. Mi rivolgerò alle persone e ai giocatori, nell’essere sempre più coesi e guardare ai nostri campioni per costruire il futuro.

Il sindaco di Torino Chiara Appendino, prima dell’avvento di tutti i tifosi del Toro, è salita a Superga per commemorare gli Invincibili, portando una corona di fiori sulla lapide: ha poi detto qualche parola su quella squadra leggendaria (QUI le sue parole).

Appendino Superga 2

Amiche ed amici di Toro News, oggi è un giorno di commemorazione. Come ogni 4 maggio, i tifosi del Torino saliranno sul colle di Superga, con una lunga camminata, per commemorare il Grande Torino, la squadra di Invincibili che perse la vita per un incidente aereo proprio contro la Basilica. Nella giornata odierna, ci sarà la consueta Messa, seguita dalla lettura dei nomi di coloro che persero la vita ormai 69 anni fa. Ovviamente anche la squadra di Walter Mazzarri salirà a Superga, per creare quel momento intimo per il mondo granata, di commemorazione. Anche oggi il cielo piange: c’è tanta pioggia a Torino, proprio come quel maledetto 4 maggio del 1949.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 settimane fa

    Bello vedere ex come Muzzi. Uomini a cui è entrato il Toro nel cuore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. apuano - 2 settimane fa

      Roberto Mussi terzino velocissimo vicecampione del mondo USA 94.E finalista ad Amsterdam.Grandissimo e Generoso calciatore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. carlogranata5_373 - 2 settimane fa

    Invincibili ed immortali. Esempio non accolto da chi oggi ne veste la maglia. Forza Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. silviot64 - 2 settimane fa

      Giusto. Ma rimanderei le polemiche a domani.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy