Serie A, Spadafora: “La quarantena di squadra in caso di positività può essere rivista”

Serie A, Spadafora: “La quarantena di squadra in caso di positività può essere rivista”

Campionato / Le dichiarazioni del Ministro dello Sport al termine di un’altra lunga giornata per il mondo del pallone

di Andrea Calderoni

In serata altre dichiarazioni importanti in vista del 18 maggio quando dovrebbero riprendere gli allenamenti collettivi. Al centro dell’intervento del ministro dello sport Vincenzo Spadafora il protocollo di sicurezza sanitario che non poche apprensioni sta creando alla Federazione italiana gioco calcio e alla Lega Serie A. Entrambi gli enti avevano, infatti, espresso nelle scorse ore le proprie perplessità circa la completa attuazione del protocollo. Il ministro ha dichiarato a Rete 4 al programma “Stasera Italia”: “Lunedì dovevano riprendere gli allenamenti del calcio sulla base di un protocollo che un mese fa mi ha proposto la Figc insieme alla Lega. Oggi con mia sorpresa capiamo che la Lega ha difficoltà ad attuare un protocollo che ci ha proposto. Anche l’auto-isolamento non l’avevamo proposto noi, né ce lo ha imposto il comitato scientifico. Le squadre evidentemente non hanno strutture adeguate e non sono in grado di iniziare l’auto-isolamento: ne prendiamo atto. Se la Figc pensa che non ci siano le condizioni per auto-isolarsi allora bisogna rispettare le regole minime come il distanziamento”.

RIPRESAIl Ministro ha poi aggiunto: “Se gli allenamenti riprendono e tutto va nella giusta successione, non vedo perché il 13 giugno non possa ripartire il campionato. Massima disponibilità da parte nostra a rivedere in maniera meno stringente la regola inerente la quarantena di squadra nel caso di una sola positività. Ma che le regole già in vigore vengano rispettate. Da parte nostra nessun ostruzionismo o voglia di mettere in difficoltà. Il 18 ripartono gli allenamenti degli sport di squadra, le regole sono quelle di potersi allenare mantenendo le distanze. Si tratta di allenamenti un po’ diversi da quelli soliti, almeno per le due prime settimane. Proprio ieri abbiamo visto su un quotidiano le immagini del presidente un po’ furbetto che ha fatto allenare insieme la squadra in barba alle regole (il riferimento è a Claudio Lotito e alla Lazio ndr)“. 

LEGGI ANCHE: 

UEFA, Ceferin; “L’80% delle Leghe finirà la stagione”

Torino, continua il lavoro al Fila: arrivano anche Baselli e Verdi

Torino, il positivo rimane in isolamento domiciliare: le condizioni sono buone

Calcio, si riparte? Gli aggiornamenti del 15 maggio / Terminato il vertice tra Lega, FIGC e medici

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 4 mesi fa

    Il ministro si è accorto con molto ritardo che il campionato rischia di tornare al palo appena è ricominciato per mancanza di materia prima: le squadre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. GiaguaroGranata - 4 mesi fa

    LE REGOLE DEL GIOCO

    Il curling è un gioco a squadre che si pratica su un campo ghiacciato ed è concettualmente simile al gioco delle bocce. Consiste nel far scivolare blocchi di pietra dotati di manico (stone) del peso di 19,96 kg in modo che si arrestino il più vicino possibile al centro di un bersaglio disegnato sul ghiaccio (house).

    Sembra divertente! Sicuro meglio di questa farsa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. NEss - 4 mesi fa

    La Lazio non rispetta le regole? Benissimo, 20 punti di penalita’ e 20 milioni di multa. Poi passa la voglia.
    Possibile che in Italia i piu’ stronzi e malavitosi debbano sempre agire senza conseguenze se non addirittura essere premiati?

    Non e’ questione di rischio, oggettivamente basso in una squadra controllata, ma del voler essere piu’ furbi degli altri.
    Hanno barato. Che vengano puniti duramente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. maxx72 - 4 mesi fa

    Uno dei peggiori ministri del peggior governo mai visto. Siete dei grandi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 4 mesi fa

      Ecco i meno dei cugini di Spadafora.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Madama_granata - 4 mesi fa

    Il ministro ogni giorno fa un passo indietro e “molla” qualche cosa.
    Dove sono finiti i propositi di severità e rigore sui quali il governo non era disposto a transigere?
    E dei rischi e dell’allarme lanciati dal comitato medico-scientifico non se ne parla più? Tutto cancellato, volutamente ed opportunamente dimenticato??
    E come mai, se è vero che la Lazio si allena in gruppo e non rispetta le regole, non sono scattate sanzioni contro la squadra di Lotito?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. G.GRANATA - 4 mesi fa

    Per me il calcio non esiste più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Mimmo75 - 4 mesi fa

    La farsa è servita… buon appetito. Che schifo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy