Che cos’è il Day of Days granata?

Che cos’è il Day of Days granata?

Nel Segno del Toro / Che cos’è il celebre Day of Days? A che cosa si riferisce una simile definizione? E perché nella storia del Torino è bene parlare non di uno, ma di tanti day of days disseminati in più di cent’anni di onorata e leggendaria carriera?

di Stefano Budicin

Nel gergo sportivo, con Day of Days si è soliti intendere quel momento in cui un giocatore o un atleta compie un’impresa degna di essere tramandata ai posteri tanto è memorabile e leggendaria. Sono casi molto rari, sempre irripetibili, che cementano il legame tra squadra e spettatori e proiettano nell’immaginario comune tali gesti come fossero le gloriose peripezie di creature celesti, mitiche, divine. Nel caso del calcio, quante volte siamo saltati dalle nostre poltrone dopo aver visto un portiere bloccare un calcio di rigore giudicato impossibile da parare? Quante volte abbiamo pianto dopo aver mirato con il cuore impazzito un attaccante realizzare più reti in una stessa partita? Parlando di storia granata, poi, i momenti memorabili si sprecano. Ma qual è il Day of Days del Toro? Sarebbe meglio parlare di date molteplici, visto che la nostra squadra del cuore non si è mai risparmiata in quanto a momenti da consacrare nella leggenda.

Cosa il lega il Toro al 24 febbraio?

Il 18 settembre 1938, al Filadelfia, il portiere Aldo Olivieri, reduce dai Mondiali di Parigi, sta per affrontare “Memo” Trevisan, attaccante della Triestina. Calcio di rigore. C’è chi teme il peggio, chi rifiuta di guardare, chi dal canto suo tiene gli occhi incollati sui pali della porta e attende, dimentico di respirare. L’arbitro fischia, Memo Trevisan avanza e tira una vera e propria bomba, un dardo talmente potente che neanche il miglior portiere al mondo sarebbe capace di parare. Aldo Olivieri però non si scompone, scorge la traiettoria di arrivo della palla e, tenendo le braccia unite, devia il proiettile dalla porta mandandolo in corner. Neanche venti minuti dopo e la Triestina guadagna un altro rigore. A batterlo è di nuovo Trevisan, deciso a riscattarsi della sconfitta subita, piazza un altro missile dei suoi. Altro momento di pathos, altri respiri interrotti, il pubblico granata impallidisce.  E Olivieri? Capta l’arrivo del pallone e lo acchiappa con entrambe le braccia, stringendolo al petto come fosse un peluche. Il boato che si ode dagli spalti è assordante. Trevisan è senza parole, “Le mani fra i capelli, si sbraccia il malaccorto, con gesti di disperazione ed emette alti lai“. E che dire del giorno in cui Luciano Castellini dimostrò al mondo di che pasta sono fatti i granata? Era il 27 giugno 1971, sul campo di Genova, in occasione dello spareggio per aggiudicarsi la Coppa Italia. Ad affrontarsi erano il Torino e il Milan, incagliati in uno 0-0 che Gianni Rivera sperò di volgere a suo favore con i rigori. Il fuoriclasse, nelle sue previsioni, non aveva fatto i conti con il fatto che in porta ci fosse Castellini. Su cinque rigori battuti, il portiere ne neutralizzò due e permise ai granata di aggiudicarsi la vittoria.

Il Toro e la scaramanzia di Piazza San Carlo

I day of days sono tantissimi, e per ovvie ragioni è impossibile citarli tutti. L’ultimo che ho cura di ricordare è legato al poker centrato da Pietro Buscaglia in Coppa Italia. Il 19 gennaio 1936 si sta giocando la partita  Torino- Catania. Sotto la neve, Buscaglia, forte e vigoroso, totalizza sei gol portando il risultato finale a 8-2. Un risultato brillante, spietato, ineccepibile. E del resto, che altro ci si poteva aspettare da una squadra come il Torino, per cui non basterebbero seicento volumi per catalogare tutti i suoi Day of Days?


Laureato in Lingue Straniere, scrivo dall’età di undici anni. Adoro viaggiare e ricercare l’eccellenza nelle cose di tutti i giorni. Capricorno ascendente Toro, calmo e paziente e orientato all’ottimismo, scrivo nel segno di una curiosità che non conosce confini.

Disclaimer: gli opinionisti ospitati da Toro News esprimono il loro pensiero indipendentemente dalla linea editoriale seguita dalla Redazione del giornale online, il quale da sempre fa del pluralismo e della libera condivisione delle opinioni un proprio tratto distintivo.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Synesthesy - 3 settimane fa

    Io sono giovane e ricordo un momento del passato recente. Torino Genoa, 0-0 per tutta una lunga noiosa partita, segna il Genoa, bestemmie, nei minuti di recupero un incredibile e improbabile uno due che porta la vittoria a casa.
    Ci metterei pure il 2-3 al Bilbao di Darmian, e poi in puro spirito Toro, anche un gol su una sconfitta: l’1-0 contro lo Zenit in casa, gol di Glik di testa visto dal vivo, che non bastò a passare il turno, ma cavolo che soddisfazione lo stesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Thor - 3 settimane fa

    Il day of days che ho visto di persona e ricordo meglio fu la tripletta in meno di 3 minuti appioppata ai gobbi il 27 marzo 1983 da Dossena, Bonesso e Torrisi. Da 0-2 a 3-2 in 124 secondi. Mio padre, granata come me, telefonó subito a mio zio (suo cognato – gobbo per sua sfortuna) per chiedergli maliziosamente com’era finito il derby, perché da noi era saltata l’antenna…che goduria. Certo non è un day of days individuale, ma la squadra e tutto il popolo granata godono ancora oggi a rinfacciarlo ai gobbi che si ingobbirono più che mai quella domenica.
    Peccato che l’ Avvocato Agnelli se ne fosse andato alla fine del primo tempo come suo solito: cosa si era perso! Eh eh!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. spiritolibero - 2 settimane fa

      IO c’ ero caro Thor Confermo è stato the day of the days

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Thor - 2 settimane fa

        Ti ricordi lo strepitoso Terraneo quando uscì fino a metà campo per rilanciare le azioni? E la parata sul rigore di Platini (che però insaccò subito dopo…ma non è bastato!) dopo lo scambio di scuse fra Zaccarelli, Platini e Lo Bello? I granata galantuomini ma decisi. E gli ultimi due gol fulmiinei partiti da una rimessa di Zaccarelli? Che galoppata. Toro padrone dell’arena, zebre annullate. Lo stadio a fuoco. Non ho dormito quella notte, continuavamo a parlarne fra tifosi anche dopocena, e i gobbi muuuuuuti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. spiritolibero - 2 settimane fa

          Sono stati i 4 minuti più belli della mia vita

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. AndreaSilenzi - 3 settimane fa

    27 marzo 1983

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Marcogol - 3 settimane fa

    In italiano plis

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marcogol - 2 settimane fa

      Forza italia sempre

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy