Salvatore Sirigu: la voce del silenzio

Salvatore Sirigu: la voce del silenzio

Torosofia / Arriva la nuova rubirca di Elisa Fia: “L’irrompere di un urlo di incoraggiamento che risuona come un ruggito di carica, la qualità in ogni gesto tecnico: questo è Sirigu”

di Redazione Toro News

Se vi è un’autentica forma del linguaggio, quella è il silenzio. Spesso e volentieri si è tartassati, nella vita di tutti i giorni, da fiumi e fiumi di parole che rimangono sospese, senza mai portare a nulla di concreto. Un ronzio incessante di lamentele, di frustrazioni e capricci che lasciano spazio solo e soltanto alla volontà di aprire bocca, tuttavia senza rendere conto delle proprie azioni.

Per fortuna, però, c’è anche chi tra lo sciame ronzante del chiacchiericcio sa, in maniera saggia, che è necessario contemplare la quiete. Chi per aria non lascia parole, ma lancia se stesso in modo tale da dimostrare che, nonostante si viva in un mondo di spettacolo, a volte è la caparbietà del silenzio a rendere le gesta veramente stupefacenti.

Questo, Salvatore Sirigu, lo sa bene. Se si ha avuto la fortuna di assistere alla preparazione della squadra sin dagli allenamenti di Bormio, sicuramente non è passata inosservata la figura del portiere sardo, definita da una serietà, alle volte dalla parvenza scontrosa, che altro non è che indice di una ferrea concentrazione e dedizione nel lavoro che si sta svolgendo.

La veemenza nel voler dare sempre il massimo, nel non accettare un errore, perché bisogna rendere conto al proprio compito e, per di più, avere la consapevolezza di doverlo rispettare ed esserne grati. L’irrompere di un urlo di incoraggiamento che risuona come un ruggito di carica, la qualità in ogni gesto tecnico: questo è Sirigu.

Un uomo dalle non molte parole, è colui che può essere definito la “voce del silenzio” del Toro, quella voce che tiene la tela della porta immacolata, in modo tale da consentire al resto della squadra di dipingere il quadro della partita di granata.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. PrivilegioGranata - 2 mesi fa

    Che le tue manone guantate preservino il più a lungo possibile la polvere in ogni angolo della porta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabry - 2 mesi fa

    Si è vero,ero a Bormio e ho incrociato lui e Rosati in Bike che andavano al campo non un sorriso lo sguardo molto serio non tanto disponibile a autografi,ma va benissimo così,sembrava uno che voleva andare via dalla squadra ma tutto sbagliato è il suo modo di essere,pensare che quello che covava il desiderio di andarsene era un’altro.Grande Sirigu un professionista esemplare parla poco ma fa i fatti,spero rimanga a lungo al Toro valore aggiunto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. dattero - 2 mesi fa

    esprime al massimo le positivita del popolo sardo.
    non è scontroso,solo prudente e lo stimo perchè non è mai banale

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. eurotoro - 2 mesi fa

    simply the best!!! Anima silente di questa squadra…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ACT1906 - 2 mesi fa

    Semplicemente il NUMERO 1
    FORZA TORO!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Junior - 2 mesi fa

    Al Toro siamo stati sempre ben abituati coi portieri eccetto gli ultimi 10 anni in cui abbiamo sofferto e non poco la mancanza di un valido ultimo difensore. Finalmente abbiamo trovare un ottimo portiere, professionista e uomo. Teniamocelo stretto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. maxx72 - 2 mesi fa

    Salvatore Sirigu: senza dubbio il miglior portiere del mondo.
    E una persona che dietro la sua calma nasconde una garra pazzesca…finalmente nel TORO giocano di nuovo uomini così.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. toro52anni - 2 mesi fa

    Sirigu….un mito….GRANATA….ha un Toro nelle vene.
    GRRRRRRANDE SALVATORE.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy